Posts contrassegnato dai tag ‘Violenza Sessuale’

salman-khodadadi-en-380x300

Salman Khodadadi e’ un deputato iraniano, ormai membro del Parlamento di Teheran da oltre quattro legislature. Prima di finire in Parlamento, Kodadari ha lavorato per gli apparati di sicurezza del regime. In particolare, ha lavorato nella sopressione dei dissidenti nella regione dell’Azerbaijan Orientale. E’ stato quindi Direttore dell’Ufficio Intelligence di Ardabil e Comandante Pasdaran presso Malekan.

La storia di Khodadadi pero’, oltre ad essere una storia di reppressioni politiche, e’ anche una storia di violenze: da anni, infatti, Khodadadi e’ accusato da diverse donne di molestie sessuali. Accuse che gli hanno causato importanti problemi con la stessa giustizia iraniana.

Durante il mandato Parlamentare 2000-2004, Khodadadi e’ stato convocato dal Magistrato e accusato di “relazione illecita”: due donne, tra cui la sua ex segretaria, lo avevano accusato di averle violentate. Grazie alla sua ri-elezione in Parlamento, pero’, la Magistratura lo rilascio’ su cauzione e chiuse il caso. Negli anni, pero’, il numero di denunce a suo carico e’ aumentato. Il suo nuovo mandato parlamentare, pero’, non fu senza problemi: due donne elette in Parlamento protestarono contro di lui e il Majles fu costretto ad avviare una inchiesta interna. Inchiesta che, pur non arrivando ad espellere Khodadadi dal Parlamento, riusci’ ad bloccare la sua rielezione per l’ottavo Parlamento (2008-2012). 

Peccato che, a salvare il violentatore Khodadari arrivo’ proprio Hassan Rouhani. Rouhani, infatti, conosce Khodadari da quando entrambi erano membri della Commissione per la Sicurezza Nazionale. Grazie a questa relazione personale, Khodadari fu considerato per essere un possibile candidato a Governatore di Busher, per poi ottenere il posto di Consigliere del Ministro degli Esteri Zarif, dopo la vittoria alle Presidenziali di Rouhani nel 2013.

Per la sua situzione controversa, a Khodadari fu inizialmente negata anche la candidatura anche alle recenti elezioni Parlamentari. Grazie a Rouhani, pero’, il Consiglio dei Guardiani presso’ il Consiglio di Sorveglianza Parlamentare, permettendo a Khodadari di partecipare alle elezioni ed essere eletto. Oggi, e’ addirittura a capo della Commissione Parlamentare per gli Affari Sociali. 

In queste ore, quindi, l’agenzia iraniana HRANA – impegnata nella denuncia della violazione dei diritti umani in Iran – ha pubblicato gli audio delle telefonate fatte da Khodadari alle vittime dei suoi abusi sessuali: in queste telefonate, Khodadari invita le vittime a non provare a rovinarlo. Peggio, Khodadadi dice loro che nessuno le avrebbe credute, che sarebbero morte insieme ai loro parenti e che la magistratura avrebbe considerato le loro relazioni come “matrimoni temporanei” – legali in Iran – metodo vergognoso attraverso il quale il regime fondamentalmente permette lo sfruttamento della prostituzione.

 

 

 

foto copertina

Il 9 aprile scorso la Repubblica Islamica dell’Iran e’ stata scossa da una terrificante notizia: il ritrovamento del corpo di una piccola bimba , parzialmente bruciato con l’acido. Le indagini riveleranno quindi che la vittima si chiamava Setayesh Qoreishi, aveva sei anni ed era una rifugiata afghana. Secondo gli investigatori, ad ucciderla e’ stato un ragazzo iraniano che, dopo aver abusato sessualmente di lei, voleva eliminare le prove bruciando completamente il corpo (Rferl.mobi).

Alcuni media iraniani, neanche a dirlo, hanno usato questa terrificante occasione per attaccare le poche forme di libertà che il popolo riesce a trovare, nonostante la censura. Ecco allora che, il vero colpevole del delitto, non e’ più il ragazzino iraniano, ma Internet. Secondo quanto scrive Rajanews.ir, ad esempio, “quando ci sono siti pornografici e il libero accesso ad Internet, ogni minorenne può facilmente comprare una SIM Card e accedere a questo tipo di materiale. Il risultato di questo fenomeno e’ la tragedia a cui abbiamo assistito oggi“.

In particolare, Rajanews.ir – di proprietà di Fatemeh Rajabi, moglie dell’ultra-conservatore Gholam-Hossein Elham  e vicino al potente Consiglio dei Guardiani – ha puntato l’indice contro Telegram, il noto programma di messaggistica istantanea russo Telegram, recentemente, e’ stato anche al centro di una dura polemica in Iran, per non aver accettato le regole della censura, che il regime intende imporre (secondo una statistica, un quarto degli iraniani usa Telegram, ovvero quasi 20 milioni di utenti). Secondo Rajanews.ir, infatti, il giovane killer iraniano avrebbe usato Telegram per accedere a materiale pornografico.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come sempre, nonostante le follie del regime, la popolazione civile sta un passo avanti. Mentre i media iraniani faticavano a dare la notizia della morte della povera Setayesh, i giovani sui social network bypassavano la censura e denunciavano l’omicidio, lo stato drammatico dei minori e dei rifugiati in Iran. Tra le altre cose, sui muri di Teheran sono comparsi anche dei graffiti in onore della bimba orrendamente uccisa.

A dozzine, quindi, hanno aderito alla pacifica protesta dei rifugiati afghani, organizzata davanti all’Ambasciata dell’Afghanistan a Teheran, nonostante il divieto del regime. Neanche a dirlo, poco dopo l’inizio della protesta, la polizia e’ intervenuta disperdendo i manifestanti.

Secondo quanto riportano i media afghani, la famiglia di Setayesh avrebbe inviato un messaggio al Presidente afghano Ashraf Ghani, chiedendo di fare pressioni sulle autorità iraniane, affinché il responsabile dell’omicidio venga severamente punito.

La manifestazione dei rifugiati afghani bloccata dalla polizia

mahabad-620x264

I curdi iraniani sono sempre più in fermento. A dispetto del tentativo del regime – e dei suoi sgherri in Occidente – di censurare la rivolta curda, lo scontro si fa sempre più duro. Come le immagini sottostanti dimostrano, dopo la repressione dei Pasdaran, i commercianti di Mahabad hanno deciso di chiudere bottega in protesta contro il Governo centrale. La rivolta curda, vogliamo ricordarlo, e’ scoppiata in seguito alla morte di Farinaz Khosrawani. Farinaz era una giovane impiegata dell’Hotel Tara, morta dopo essere caduta da un balcone per sfuggire ad un tentativo di violenza sessuale. L’uomo responsabile della violenza, guarda caso, era un membro dell’intelligence iraniana.

11036304_10152704667072271_5402733159456413136_n 11207375_10152704667077271_2403170584033829073_n

Mahabad completamente deserta, dopo lo sciopero generale dei commercianti

In particolare, la rabbia e’ dei curdi iraniani e’ aumentata dopo la notizia del decesso del giovane Akam Talaj, 25 anni appena, ferito con colpi di arma da fuoco durante le manifestazioni di Mahabad. Manifestazioni represse senza alcuna pieta’ da parte delle forze di sicurezza del regime. L’agenzia stampa BasNews, quindi, ha rivelato che le forze di polizia locali stanno chiedendo soldi in cambio della liberazione dei manifestanti arrestati durante la protesta di Mahabad. La cifra richiesta per manifestante alle famiglie – ovviamente come corruzione – e’ di circa 15.000 dollari.

11011438_10152704539892271_2045009705607945520_nIl corpo del povero Akam Talaj, 25 anni

L’Onda curda potrebbe presto trasformarsi in una vera e propria guerra. Il Segretario del Partito Democratico del Kurdistan Iraniano (PDKI) Khalid Azizi, in una intervista rilasciata per VOA, ha dichiarato che il suo movimento sta pensando di riprendere la lotta armata contro il regime. Pur sottolineando che il primo obiettivo obiettivo resta la lotta pacifica e la protesta civile, Azizi ha rimarcato che l’indifferenza di Teheran verso i diritti del popolo curdo, potrebbe forzare il PDKI a riprendere le armi. Khalid Azizi, quindi, ha rivelato che sono in atto negoziati tra il Governo centrale iraniano e il PDKI, mediati dal Partito Democratico del Kurdistan Iracheno di Mas’ud Barzani.

Purtroppo pero’, anche parlando di Iraq, il regime iraniano sta portando avanti un gioco molto sporco. Teheran, infatti, attraverso il sostegno dell’Unione Patriottica del Kurdistan (PUK) – da anni ormai finito nell’orbita iraniana – sta tentando di imporre Barham Salih come nuovo Presidente dell’Iraq. Barham Salih e’ il Segretario Generale del PUK e un uomo molto vicino allo speaker del Parlamento Iraniano Ali Larijani. Nonostante anche l’attuale Presidente dell’Iraq, Fuad Masum, sia un membro del PUK, il regime iraniano sta pensando di sostituirlo con una personalità maggiormente compiacente con gli interessi di Teheran. A tal proposito, infine, vogliamo ricordare che, qualche mese fa, il quotidiano arabo Asharq al Awsat, denuncio’ il tentativo del Pasdaran Qassem Soleimani di avviare una campagna contro Mas’ud Barzani, proprio grazie all’aiuto di collaborazionisti all’interno del PUK.

Continua intanto la campagna #Justice4Farizan, per chiedere al regime iraniano di punire duramente il responsabile della morte della povera Farinaz Khosrawani.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=c3Rw0OIQFCI%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=qy0u6M3UXZs%5D

fej6pxz574tp

La distanza fra la realtà e l’immaginazione, spesso, e’ come noto davvero ampia. Questo vale soprattutto oggi, quando parliamo dell’Occidente e della Repubblica Islamica. Per un verso, infatti, abbiamo un Occidente quasi totalmente protesto a tessere le lodi del regime iraniano, sottolineando la necessita di promuovere accordi diplomatici e commerciali e di reinserire il regime iraniano all’interno della Comunita’ Internazionale. In questo contesto, purtroppo, l’Italia e’ la capofila in Europa, tanto che recentemente anche i rappresentanti di Confindustria si stanno prodigando per promuovere l’appeasement verso Teheran. In questo senso, tra le altre cose, va letto l’incontro tra il Ministro dello Sviluppo Federica Guidi e il Ministro iraniano Mohammad-Reza Nematzadeh durante l’Expo. Il Ministro Guidi, ex Vice Presidente di Confindustria, si e’ detta molto favorevole all’incremento degli scambi economici tra i due Paesi, tanto che l’agenzia di stampa IRNA ha sottolineato come l’Italia intende “ritornare il primo partner commerciale” dell’Iran.

Per un altro verso, pero’, quanto accade all’interno dell’Iran deve far pensare tutti coloro che intendono investire nella Repubblica Islamica. In questo contesto, basti menzionare quanto sta avvenendo in questi giorni nella citta’ di Mahabad,  capoluogo della Provincia Occidentale dell’Azerbaijan, e in altre città del Kurdistan iraniano. Questo l’antefatto: nell’Hotel Tara di Mahabad, il 4 maggio scorso, una povera donna e’ morta. Il suo nome era Farinaz Khosravani ed aveva appena 26 anni. Nonostante il tentativo inquinare i fatti, e’ molto chiaro che la donna – impiegata dell’hotel – e’ stata costretta a scappare dal balcone di una stanza del quarto piano dell’hotel, per sfuggire alla violenza di un membro del MOIS, il Ministero dell’intelligence iraniano (che occupava la stanza dove si trovava Farinaz per fare consuete pulizie). Secondo quanto riporta Iran Wire, la donna disperata avrebbe tentato di scendere dal balcone del quarto piano al terzo. Purtroppo, pero’, tentando di fuggire Farinaz e’ precipitata, morendo nello schianto a terra.

1

Nonostante, come suddetto, il regime abbia provato a nascondere i fatti sostenendo il suicidio della donna, gli abitanti di Mahabad si sono ribellati ed hanno iniziato una pacifica protesta davanti all’Hotel Tara. Ovviamente, il regime ha reagito con il solo modo che conosce, ovvero la repressione dei Pasdaran e dei Basij. Le violenze quindi sono cresciute e l’hotel e’ stato dato alle fiamme. Non basta: da Mahabad la protesta si e’ estesa, investendo anche altre città del Kurdistan iraniano come Mariwan, Bokan e Piranshar. Non solo: in queste ore arriva la notizia che anche i curdi siriani sono scesi in piazza per denunciare il regime iraniano, primo responsabile della repressione della Primavera siriana. Stessa protesta, quindi, e’ iniziata nelle province del Kurdistan iracheno, dove il regime iraniano sta tentando di imporre la presenza delle milizie sciite, con la scusa di combattere i terroristi di Isis.

La storia di Farinaz, purtroppo, ricorda tanto quanto successo a Reyhaneh Jabbari. Anche la povera Reyhaneh fu costretta a difendersi dalle violenze sessuali di un membro dell’intelligence iraniana e per aver esercitato il suo diritto sacrosanto di difesa, fu arrestata, imprigionata e poi, come noto, impiccata nell’ottobre del 2014. Tra le altre cose, quindi, vogliamo ricordare che da anni i curdi iraniani sono repressi dalle autorità del regime. Uno dei primi ordini di Khomeini dopo la rivoluzione, fu proprio la repressione della protesta curda e presso Mahabad – città simbolo per essere stata il capoluogo della sola repubblica curda indipendente – i Pasdaran ammazzarono centinaia di innocenti civili. Nell’Azerbaijan Occidentale, infine, si trova il famoso Lago Urumia, per molti cittadini iraniani dell’area la sola vera fonte di acqua. Nonostante tutto, il regime iraniano non sta facendo nulla per salvare il lago, da anni protagonista di una lenta essiccazione. Per molti, questa inazione di Teheran, e’ stata assolutamente volontaria al fine di colpire le minoranze che abitano quell’area.

In poche parole, quello che l’Occidente descrive come un attore di stabilita’, e’ un Paese che bolle, pronto ad esplodere in proteste sociali ed etniche, in ogni momento. Ergo, consigliamo a l’Occidente di riflettere attentamente prima di giocare tutte le sue carte sulla Repubblica Islamica, perché la realtà all’interno dell’Iran e’ assai lontana dall’immaginazione creata ad hoc da un certa parte dell’establishment politico, diplomatico ed economico…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=kWCdzFGOcYE%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=RS7_s8fK9Xo%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=JgYqj32FTrA&app=desktop%5D