Posts contrassegnato dai tag ‘Tel Aviv’

Imam Khamenei & Ziad al-Nakhala

In meno di due settimane, i principali leader iraniani, hanno ricevuto a Teheran una delegazione dei gruppi terroristi palestinesi di Hamas e una della Jihad Islamica. In entrambi i casi, i leader iraniani hanno ribadito il loro totale sostegno alla “causa palestinese”, attaccando i Paesi arabi che dialogano con Israele e invitandoli a rientrare “nella casa dell’Islam”

Il termine “casa dell’Islam, perpetua il dualismo del noi contro loro, ovvero del Dar al-Islam – la casa dell’Islam – contro il Dar al Harb – la Dimora della Guerra, ovvero dove sono situati tutti quelli che non sono mussulmani che, se si azzardano ad essere alleati di attori considerati nemici, possono essere considerati apostati anche loro e attaccati direttamente.

Nel suo incontro con i terroristi della Jihad Islamica, Khamenei ha ribadito il suo mantra della prossima distruzione di Israele, cosa che portera’ i palestinesi ad occupare non solo Gerusalemme (al-Qods), ma anche a formare “un governo a Tel Aviv”. Ovviamente, da buoni leccapiedi, i terroristi palestinesi hanno promesso a Khamenei che “attaccheranno Israele da nord e da sud”.

La nuova passeralla dei dirigenti delle organizzazioni terroristiche palestinesi a Teheran, e’ l’ennesima riprova della pochezza strategica “delle dirigenze” palestinesi. Alla Repubblica Islamica dell’Iran, della cosiddetta “causa palestinese”, interessa fondamentalmente poco o nulla. Come la storia ha dimostrato, gli iraniani si sono liberati dei palestinesi, tutte le volte che questi ultimi non hanno seguito alla lettera il loro volere (il caso siriano e’ stato emblematico).

Nuovamente, i palestinesi si lasceranno usare da Teheran e il solo risultato che avranno come ritorno, sara’ quello di nuove violenze, nuove sofferenze e nuovi morti, in primis tra i palestinesi stessi! L’ennesimo fallimento di ogni prospettiva di veder nascere nel prossimo futuro uno Stato palestinese indipendente e prosperoso.

وزیر الخارجیة الإیرانی یلتقی وفدا من اعضاء المجلس التشریعی الفلسطینی

وزیر الخارجیة الإیرانی یلتقی وفدا من اعضاء المجلس التشریعی الفلسطینی

fars

Lo scontro interno in Iran si approfondisce sempre di piu’. In un incontro con importanti clerici, il rappresentante presso i Pasdaran della Guida Suprema Khamenei, l’Hojjat al-Eslam Ali Saidi, ha affermato che:

  • Una delle odierne minacce piu’ pericolose contro la Repubblica Islamica è quella portata da coloro che cambiano le frasi, mutano i significati, stravolgono i concetti e sequestrano i principi della Repubblica Islamica
  • Noi abbiamo due opzioni: arrenderci in maniera vile all’America, oppure confrontare il mondo dei bulli (l’Occidente, NdA) e rombere loro le corna. Se seguiremo il volere della Guida Suprema raggiungeremo l’obiettivo subile dell’Imam Khomeini e della Rivoluzione“.

Il riferimento alla fazione di Hassan Rohani e dell’Ayatollah Rafsanjani è a dir poco palese. Quella di Ali Saidi rappresenta una delle piu’ dure prese di posizione contro il Presidente iraniano. Si badi bene: non si tratta di uno scontro tra forze liberali e democratiche e forze conservatrici. Si tratta di una battaglia di interessi politici ed economici, tra coloro che vogliono promuovere una normalizzazione dei rapporti economici con l’Occidente e gli Stati Uniti e coloro che invece sostengono una chiusura netta. Purtroppo, nulla che abbia veramente a che fare con la libertà e i diritti del popolo iraniano.

Nello stesso periodo del discordo di Ali Saidi, il Vice Capo dei Pasdaran Masoud Jazayeri ha dichiarato che l’Iran è pronto per spazzare via Tel Aviv (Israele) e continuare la guerra sin dentro gli Stati Uniti…