Posts contrassegnato dai tag ‘Tasnim News’

Untitled

Egregia Senatrice Petriaglia,

Abbiamo letto, non senza stupore, la Sua intervista per l’Agenzia di stampa iraniana Tasnim News. Lo stupore è stato provocato da due fattori: 1. l’assalto che l’agenzia iraniana vicina ai Pasdaran sta facendo verso i Parlamentari italiani (siamo già alla seconda intervista in pochi giorni); 2. le parole dal Lei espresse sul regime iraniano, su Rouhani, sul ruolo di Teheran in Siria e sulle relazioni bilaterali con l’Italia.

Per questo, abbiamo deciso di scriverLe una lettera aperta (come abbiamo fatto con la Sua collega, la Senatrice De Pin). Vogliamo spiegarLe per quale motivo dissentiamo dalle Sue parole e soprattutto per quale motivo, a nostro parere, una rappresentante politica di Sel non può, in modo assoluto, elogiare il regime iraniano. Partiamo, con il Suo permesso, con una chiara risposta alle Sue affermazioni.

  • Iran come soggetto di stabilità per il Medioriente: forse, Egregia Senatrice, Tasnim News ha tradotto male una parola della Sua risposta. Vogliamo sperare che Lei abbia detto “instabilità” e non stabilità come leggiamo. Si, perchè, chiunque conosca la storia della regione mediorientale dal 1979 in poi, sa bene che la Repubblica Islamica è sempre stata fonte di esportazione del terrorismo e della jihad. Se oggi il Libano è ostaggio di uno Stato nello Stato (Hezbollah), se a Gaza esisteno organizzazioni che non riconoscono ne Israele ne Abu Mazen (Hamas, Jihad Islamica), se Assad è ancora al potere o se lo Yemen è sull’orlo del collasso, lo si deve proprio a Teheran che, per mezzo dei suoi pretoriani Pasdaran, ha usato il Medioriente come fucina per espandere il Khomeinismo;
  • Iran contro Isis: ci rendiamo conto che, con Isis, l’Occidente non sa che pesci pigliare e prova ad appoggiarsi alla prima salamandra di passaggio. In questo caso il regime iraniano. Ci rendiamo conto, allo stesso tempo, che lo stesso Occidente ha memoria corta e scarsa visione strategica. Se dal 2011 in poi Isis è diventato quello che è diventato, la prima ragione va ricercata nei governi settari e repressivi sostenuti e finanziati dall’Iran in Siria e Iraq. In Siria, Teheran ha aiutato la repressione della Primavera Siriana, colpendo l’opposizione moderata e lasciando il campo ai pazzi salafiti sunniti di Isis. In Iraq, dopo il ritiro americano, Teheran ha sostenuto il Governo di al Maliki, un governo che ha tenuto fuori dal potere i sunniti e i curdi. Per sconfiggere Isis, quindi, non serve sostenere ed elogiare l’Iran, ma convincere le tribu’ sunnite passate con al Baghdadi ad abbandonare il califfo. Per farlo, si badi bene, il primo punto sarà quello di convincere queste tribu’ che i loro Paesi non cadranno nelle mani dei Pasdaran;
  • L’Iran di Rouhani: ci fa piacere vedere che Lei noti mutamenti positivi in Iran dopo l’elezione di Hassan Rouhani. Peccato che, questi stessi mutamenti, non li vedano anche gli iraniani. La disoccupazione galoppa e con essa la repressione di ogni tentativo di promuovere idee diverse da quelle sostenute dai Mullah. Certo, come scriviamo sempre, ci rendiamo conto che Rouhani ha un sorriso piu’ accattivante di quello del negazionista Ahmadinejad. Allo stesso tempo, però, i fatti parlano chiaro e certo non descrivono un alcun cambiamento all’interno della Repubblica Islamica.

La parte che piu’ ci sta a cuore, però, è quella relativa ai rapporti tra Italia e Iran. E’ passato oltre un anno dall’elezione di Hassan Rouhani, oltre un anno da quando l’intera Comunità Internazionale ha deciso di avviare una politica di appeasement verso la Repubblica Islamica. In questo anno, gli iraniani sono stati ricevuti praticamente in tutto il mondo e delegazioni di tutto il mondo – in primis dall’Italia – sono arrivate in Iran. Cosa è cambiato? Quali mutamente positivi sono stati apportati alla vita degli iraniani? La risposta è una sola: niente. Anzi: in un anno oltre 1000 detenuti sono stati impiccati, giornali riformisti sono stati chiusi e i giornalisti liberi messi in prigione. I leader dell’opposizione iraniana – Mousavi e Karroubi – sono ancora in isolamento, minacciati ogni giorno di essere impiccati. Non parliamo poi delle donne: dati della polizia iraniana, ben 380 povere ragazze sono state attaccate con l’acido per aver vestito male il velo. La legge iraniana, carta canta, continua a considerare la vita della donna metà di quella dell’uomo e nel settore dell’educazione e del lavoro, la discriminazione verso il genere femminile è altissima. Non entriamo nel merito degli altri abusi, perchè rischiamo di scrivere un libro intero: La invitiamo solamente a scaricare e leggere l’ultimo report di Ahmad Shaheed, inviato speciale Onu per i diritti umani in Iran.

Concludiamo con una espressione di profondo dispiacere. Dispiace, infatti, che queste parole sull’Iran arrivino da una rappresentante di Sel, ovvero dal partito che intendere promuovere valori di Sinistra, di Ecologia e di Libertà. Il regime iraniano è l’esempio di un regime fascista fondamentalista, fonte di inquinamento del sistema internazionale e soprattutto di ogni aspirazione alla Libertà. Le basti leggere quanto detto da Khamenei sull’omosuessualità solamente pochi giorni fa: “l’omosessualità è il simbolo della decadenza Occidentale“. Non ci sembra di aver sentito una condanna di Rouhani e soprattutto non ci sembra che parole del genere possano essere condivise da leader del Suo partito, il Presidente Nicky Vendola.

Cordialmente

Collettivo No Pasdaran

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=zL_zP2pHp3w%5D

???????????????????????????????

Egregia Senatrice De Pin,

In primis grazie. Grazie per averci risposto, per averci voluto spiegare le Sue posizioni. Potersi confrontare, con le parole, è un diritto che va considerato come un privilegio da tutelare e per questo riteniamo la Sua replica davvero preziosa. Allo stesso tempo, però, dobbiamo purtroppo dissentire ancora dalle sue parole. Ci permettiamo quindi di spiegare, ancora una volta, la nostra posizione. In primis partiamo da Suo primo punto: la libertà di espressione. Siamo estremamente contenti che Lei ne sia una strenua sostenitrice, ma ci spiace non poter dire la stessa cosa della controparte a cui Lei ha concesso l’intervista. Non solo in Iran i giornalisti liberi finiscono in prigione, ma l’Agenzia che Le ha chiesto l’intervista, in particolare, è praticamente la voce dei Pasdaran, una forza pretoriana, responsabile della repressione delle forze di opposizione interna e del terrorismo all’esterno.

Secondo punto: parlare di numeri, per quanto concerne l’elezione di un Presidente in Iran, ha davvero poco senso. Lo stesso Ahmadinejad vinse la prima volta le elezioni per mezzo di un voto popolare, ma ciò non toglie che egli non fosse affatto un rappresentante legittimo a livello internazionale. Non lo era lui, come non può esserlo Rouhani, perchè il regime iraniano non ammette tutti i potenziali candidati alla tornata elettorale ma – per mezzo del Consiglio dei Guardiani – scarta il 90% dei potenziali candidati perchè “non conformi alla legge islamica”. Detto questo, sappiamo vedere anche noi le differenze di stile e approccio di Rouhani, rispetto ad Ahmadinejad. Ciò non toglie che, dopo lo stile, servono i fatti.

Parliamo allora di fatti. Egregia Senatrice, non si faccia ingannare, Rouhani non ha mai riconosciuto l’Olocausto. Sicuramente non ha espresso posizione apertamente negazioniste come Ahmadinejad, ma non ha nemmeno riconosciuto la Shoa. Rouhani, non differentemente da Ahmadinejad, ha riconosciuto che i nazisti furono responsabili di crimini, ma che la ricerca nel merito, vada affidata unicamente agli storici. Tra le altre cose, per la cronaca, dopo quella intervista alla CNN, le TV della Repubblica Islamica si affrettarono a chiarire che ciò non rappresentava certo un riconoscimento dell’Olocausto e che questa lettura era puramente frutto di una “cospirazione sionista”. Ancora per la cronaca, il regime iraniano ha fatto causa alla CNN…

Capitolo nucleare e liberazione dei prigionieri. Le aperture di Rouhani sul nucleare iraniano non sono nuove. Come Lei saprà, Rouhani è stato già negoziatore iraniano sul nucleare, ed in quella veste ha ingannato l’Occidente, firmando gli Accordi di Teheran. Si badi bene: non siamo noi ad aver detto che quegli accordi furono un inganno e servirono al regime per prendere tempo e completare il ciclo dell’arricchimento dell’uranio. Questa ammissione l’ha fatta Rouhani stesso, durante la campagna elettorale. Quella strategia del prendere tempo, sembra molto simile alla strategia attuale che gli iraniani stanno attuando nei negoziati nucleare che vanno avanti, senza risultati concreti, dal 2013 (nel frattempo, informazione del Governo tedesco, gli iraniani hanno continuato ad importare illegalmente tecnologia nucleare). Per quanto concerne i prigionieri politici, si è trattato di una mera propaganda del regime, alla vigilia dell’apertura dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite e per Sua informazione la stessa Nasrin Sotoudeh per anni non potrà esercitare il suo diritto di lavorare come avvocato (Nasrin manifesta tutti i giorni davanti alla sede della magistratura iraniana…). Da quel momento, finito il viaggio a New York, decine e decine di oppositori politici o membri di minoranze etniche e religiose sono finiti in cella, nel completo silenzio Occidentale (non chieda a noi i numeri…ma direttamente ad Ahmad Shaheed, inviato ONU per i Diritti Umani in Iran).

Capitolo Siria: nel 2011 in Siria iniziava una rivoluzione laica e fondata unicamente sulla volontà di cambiare il regime oppressivo di Bashar al Assad. All’epoca Isis, ancora parte di al Qaeda, era solo una fazione minoritaria, non presente nella rivoluzione stessa. Purtroppo, però, Bashar al Assad è riuscito a sopravvivere, grazie al sostegno del regime iraniano e alle milizie Pasdaran. Volontariamente, quindi, Teheran ha reso la Primavera Siriana un conflitto settario tra sciiti e sunniti, al solo scopo di non perdere un alleato strategico come Assad e soprattutto la proiezione verso Hezbollah e il Mediterraneo. Purtroppo l’Occidente non ha saputo aiutare l’opposizione laica siriana nella maniera adeguata e la palla è passata ai fanatici estremisti salafiti. Guardare oggi a Teheran e Damasco come alleati per combattere un conflitto che essi stessi hanno creato, significherebbe unicamente ampliare e favorire il conflitto settario. Come abbiamo sempre scritto, il solo modo per sconfiggere i criminali di Isis e al Nusra è rafforzare l’opposizione siriana moderata, ma soprattutto riconquistare il favore di quelle tribù sunnite passate con al Baghdadi, non per ideologia, ma solo per rispondere allo strapotere sciita e Alawita in Iraq e Siria.

Capitolo diritti delle donne e pena di morte: onestamente, ci sembra davvero paradossale che coloro che promuovono Moratorie e Diritti di Eguaglianza, si mischino poi a chi si connatura per essere il primo promotore della pena di morte e che considera la vita della donna la metà di quella dell’uomo. Vogliamo, però, essere realisti e capire che per motivi di real politik l’Occidente voglia avere rapporto con il regime fascista iraniano. Non lo approviamo, ma non siamo ingenui. Allo stesso tempo, ci sembra vergognoso che un regime promotore di attacchi con acido contro le donne iraniane (gli autori sono i membri delle milizie Hezbollah iraniane, pagati dal regime), diventino degli alleati strategici da corteggiare ed elogiare…

Ultimo punto per concludere: non abbiamo mai sostenuto l’esportazione della democrazia o cose simili, sebbene nella vita sia meglio errare per esportare democrazia, piuttosto che per esportare morte e terrorismo come fa Teheran. Da non sostenitori di quella strategia, abbiamo chiesto e chiediamo all’Occidente di avere il coraggio di isolare diplomaticamente il regime iraniano, soprattutto dopo le repressioni delle proteste del 2009. Purtroppo, cara Senatrice, quella strategia di dialogo che Lei e diversi altri stanno promuovendo, non farà che rafforzare il regime clericale e ridurre i diritti umani, civili e politici della popolazione iraniana, ad un fattore secondario e quasi irrilevante. Quegli stessi diritti che, la Commissione di cui Lei è Segretario, dovrebbe promuovere come precondizione per un dialogo politico e diplomatico.

Sperando di aver posto alcuni punti di riflessione sul tavolo, le porgiamo Cordiali Saluti

Collettivo No Pasdaran

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=bDsqOqf5zPc%5D

1

Egregia Senatrice De Pin,

Pochi giorni fa Lei rilasciato una intervista all’agenzia di stampa iraniana Tasnim News, molto vicina ai Pasdaran. In questa intervista, parlando delle relazioni Italia – Iran, Lei ha elogiato il Presidente Rouhani e ha rimarcato la volontà di espandere le relazioni diplomatiche tra i due Paesi in diversi settori. Una premessa: interviste di rappresentanti italiani volte a favorire le relazioni con la Repubblica Islamica, onestamente, non ci stupiscono piu’. Ciò che invece ci lascia interdetti, è che queste parole arrivino da una Senatrice come Lei, una personalità politica che occupa la posizione di Segretario della Commissione Straordinaria per la Tutela e la Promozione dei Diritti Umani. La stessa Commissione presieduta dal bravissimo Senatore Luigi Manconi, tra i pochi esponenti ad aver chiesto conto al regime iraniano dell’abuso sistematico dei diritti umani.

Per questo, vogliamo darLe alcune informazioni fondamentali sui diritti umani in Iran e rivolgerle quindi alcune domande. Al di là dei sorrisi, come noto, nella Repubblica Islamica non è cambiato nulla. Al contrario, purtroppo, dall’elezione di Hassan Rouhani alla Presidenza, oltre 1000 detenuti sono stati impiccati, diversi dei quali in pubblico, davanti a dei bambini. Gli abusi sistematici dei diritti umani, inoltre, sono stati ben documentati dall’inviato speciale per i Diritti Umani in Iran, Ahmad Shaheed. Nell’ultimo report presentato alle Nazioni Unite, Shaheed ha denunciato gli attacchi contro gli oppositori politici, le minoranze etniche e religiose (in primis i cristiani) e gli omosessuali. Non solo: proprio in queste ore, Amnesty Internazional ha attivato una petizione per liberare Mahdieh Golrou, una giovane donna arrestata ad Isfahan per aver protestato per gli attacchi con l’acido contro le donne mal velate. Senza parlare del caso di Ghoncheh Ghavami, arrestata per aver tentato di assistere ad una partita di pallavolo o del terribile caso di Reyhaneh Jabbari, impiccata per essersi difesa da un uomo che voleva violentarla.

Nell’Iran di Rouhani, quindi, dei ragazzi e delle ragazze sono stati arrestati per aver ballato insieme il video Happy in Teheran (tra le altre cose sono stati condannati alla pena, medievale, di 91 frustate). Senza contare l’abuso contro i giornalisti iraniani, a cui recentemente è stato vietato di organizzare un evento di solidarietà per le vittime del Charlei Hebdo. Vogliamo poi ricordare alla Senatrice la drammatica situazione dei prigionieri politici. Oltre 40 di loro sono stati recentemente convocati dalle forze di sicurezza per aver scritto una lettera di aiuto al Segretario Onu Ban Ki Moon. Per non parlare della drammatica situazione in cui versa il “Mandela iraniano”, ovvero l’Ayatollah Boroujerdi, arrestato qualche mese fa e tenuto praticamente a pane e acqua. Le sue condizioni fisiche sono drammatiche e la sua unica colpa è quella di non aver condiviso la visione Khomeinista – falsa e politicizzata – dello sciismo. Di tutto quello che Le abbiamo scritto, Egregia Senatrice, le abbiamo accluso un link, per verificare Lei stessa le nostre parole. Ci creda, inoltre, quando le diciamo che potremmo ancora continuare ancora per molto. Preferiamo fermarci, credendo che quanto Le abbiamo sinora scritto sia abbastanza per avviare una riflessione approfondita sui diritti umani in Iran.

A questo punto, vorremmo rivolgerLe alcune domande:

  • può davvero l’Italia, paese in prima fila per l’approvazione della Moratoria contro i Diritti Umani, approfondire le relazioni diplomatiche con il Paese che ha il record mondiale delle pene di morte?
  • può davvero il Senato promuovere le relazioni diplomatiche con un Paese, l’Iran, il cui Parlamento ha invocato la pena di morte per Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi, leader del Movimento di opposizione Onda Verde?
  • può davvero l’Italia, Paese che promuove al parità di genere, approfondire le relazioni diplomatiche con un Paese, l’Iran, nel cui Codice è scritto che la vita della donna vale metà di quella dell’uomo?
  • può davvero l’Italia, Paese che ha condannato i massacri di Bashar al Assad, approfondire le relazioni diplomatiche con un Paese, l’Iran, che tiene in vita il dittatore siriano con armi, soldi e miliziani Pasdaran?
  • può davvero l’Italia, Paese di tradizione cristiana, approfondre le relazioni diplomatiche con un Paese che incarcera i musulmani che si convertono, accusandoli di apostasia?

Anche in questo caso, potremo continuare a far domande a iosa. Preferiamo, ancora una volta, fermarci, sperando di avere da Lei risposte esaustive e, soprattutto, di averLe fatto comprendere come sia realmente assurdo che, una Repubblica nata sulle ceneri del fascismo, voglia stringere rapporti preferenziali e amichevoli con un’altra Repubblica, quella Islamica, basata su una ideologia e delle leggi totalmente razziste, misogine e fondamentaliste.

Cordiali Saluti

Collettivo No Pasdaran

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=rcM3g275NN8%5D

 

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=DF22OqErhAs%5D

STUPRO 1

Ormai è noto: le donne iraniane hanno iniziato una coraggiosa protesta per la loro libertà e il diritto di non indossare il velo. La protesta è cominciata grazie alla pagina Facebook “My Stealthy Freedom“, ovvero la mia libertà rubata. Nella pagina, come è possibile vedere, donne iraniane da tutto il mondo – in primis dall’Iran – postano fotografie e video in cui si mostrano sorridenti senza il velo. Ovviamente, la reazione dei conservatori e radicali iraniani non si è fatta attendere: una manifestazione è stata organizzata a Teheran per ribadire l’importanza del velo ma, soprattutto, i sostenitori dell’hijab hanno iniziato una campagna durissima tramite poster e articoli sui giornali. In un poster, in particolare, la donna senza velo viene paragonata ad un cioccolatino senza l’involocro. Nell’immagine, diffusa dal blog Good Morning Iran, il cioccolatino senza scartato è circondato da insetti pronti a mangiarlo…

Purtroppo, c’è di peggio: in un articolo uscito su Tasnim News, agenzia di stampa controllata da Ali Khamenei, l’attacco contro la pagina Facebook My Stealthy Freedom supera ogni confine. Non soltanto la pagina e la sua ideatrice (la giornalista Masih Alinejad), viene definita come parte di una “rete di spionaggio occidentale”, ma le donne decise a non portare il velo vengono descritte come delle sgualdrine. Nell’articolo, quindi, il giornalista afferma chiaramente che, una donna che mostra la sua bellezza in pubblico senza il consenso dell’uomo, non ha il diritto di protestare se il maschio decide di approfittarne per soddisfare i propri bisogni sessuali..Come riprova di quanto scriviamo, riportiamo sotto una delle parti incriminate dell’articolo.

STUPRO

Non basta: anche i Pasdaran si sono scatenati in difesa del velo. In un tweet pubblicato sul loro account Twitter ufficiale, le Guardie della Rivoluzione hanno attaccato le giornaliste iraniane che lavorano per i canali televisivi in lingua farsi non controllati dai Mullah. In particolare, i tre canali presi di mira sono stati BBC Farsi, Voice of America (VOA) e Manoto. Si tratta degli unici media in farsi attraverso il quale il popolo iraniano apprende notizie diverse da quelle diffuse dal regime. Nel tweet pubblicato, i Pasdaran hanno postato una immagine di tre giornaliste iraniane senza l’hijab, affermano che tutte e tre sono state stuprate dal loro direttore di rete…Senza parole…

Come si vede, quando si parta della Repubblica Islamica dell’Iran, al peggio non c’è mai fine…

stupro2

 

RIPORTANDO UNICAMENTE LE AGENZIE DI STAMPA IRANIANE DI QUESTI ULTIMI GIORNIABBIAMO VOLUTO RIASSUMERE BREVEMENTE QUELLE CHE SONO LE POSIZIONI DEL REGIME SUI TEMI PIU’ SCOTTANTI. LO SCOPO DI QUESTO SUNTO PER IMMAGINI, E’ QUELLO DI FAR COMPRENDERE AL PUBBLICO LE POSIZIONI DELLA REPUBBLICA ISLAMICA, I SUOI REALI FINI E I PERICOLI CONNESSI. IN QUESTO MODO, VOGLIAMO CHE IL LETTORE STESSO SI PONGA LE SEGUENTI DOMANDE: E’ DAVVERO L’IRAN UN PARTNER CREDIBILE PER L’OCCIDENTE? POSSIAMO DAVVERO CREDERE CHE, UN REGIME CON QUESTE POSIZIONI, RAPPRESENTI UN ALLEATO POSSIBILE PER IL MONDO DEMOCRATICO? PUO’ LA STABILITA’ DEL MEDIORIENTE ESSERE NELLE MANI DI QUESTE PERSONE? A VOI LA RISPOSTA…

  • FARS NEWS: IL REGIME IRANIANO NON ACCETTA ALCUN NEGOZIATO SUL COSIDDETTO DIRITTO DI ARRICCHIRE L’URANIO. VA PRECISATO CHE IL TRATTATO DI NON PROLIFERAZIONE NUCLEARE, FIRMATO DALL’IRAN, NON SPECIFICA NULLA SU TALE DIRITTO E TEHERAN HA GIA’ OGGI UN QUANTITATIVO DI URANIO ARRICCHITO SUFFICIENTE PER PRODURRE NEL FUTURO UNA BOMBA NUCLEARE

fars 2

  • MEHR NEWS: NONOSTANTE QUANTO RIPORTATO DALL’ULTIMO REPORT DELL’AIEA, IL REGIME HA NEGATO CHE CI SIA MAI STATO UN RALLENTAMENTO NELLE ATTIVITA’ NUCLEARE IRANIANE AL CONTRARIO, IL PORTAVOCE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI A TEHERAN, HA CONFERMATO CHE IL PROGRAMMA NUCLEARE VA AVANTI SPEDITO, NONOSTANTE IL NEGOZIATO INTERNAZIONALE. IL REPORT AIEA, LO RICORDIAMO, HA EVIDENZIATO NUOVAMENTE LA NATURA MILITARE DEL PROGRAMMA NUCLEARE IRANIANO.

mehr 2

  • MEHR NEWS: IL REGIME RIFIUTA OGNI DIALOGO CON LA COMUNITA’ INTERNAZIONALE IN MERITO AL TEMA DEI DIRITTI UMANI. A DISPETTO DEL MODERATO ROHANI, L’IRAN, SOLAMENTE NEL 2013, HA GIA’ MESSO A MORTE OLTRE 400 PERSONE E CONTINUA A REPRIMERE LA LIBERTA’ DI PENSIERO DEL POPOLO. IL REGIME, TRA L’ALTRO, HA RIGETTATO COMPLETAMENTE LE CONCLUSIONI DELREPORT DELL’INVIATO SPECIALE DELL’ONU PER I DIRITTI UMANI IN IRAN, AHMAD SHAHEED. IN QUESTI GIORNI, NUOVAMENTE, QUINDI, L’ASSEMBLEA GENERALE DELLE NAZIONI UNITE HA CONDANNATO TEHERAN PER L’ABUSO DEI DIRITTI UMANI E INVITATO IL GOVERNO AD UN CAMBIAMENTO DI PASSO RADICALE IN TAL SENSO. LA RISPOSTA DI TEHERAN, ANCORA UNA VOLTA, E’ STATA NEGATIVA.

 

mehr 1

  • TASNIM NEWS: IL REGIME CONTINUA AD ESSERE IL MAGGIOR SOSTENITORE DEL TERRORISMO INTERNAZIONALE. NON SOLTANTO ARMA E FINANZIA HEZBOLLAH, MA GARANTISCE LA SOPRAVVIVENZA DEL SANGUINARIO BASHAR AL ASSAD E FOMENTA L’INSTABILITA’ ALL’INTERNO DELLE MONARCHIE DEL GOLFO (BAHREIN IN TESTA). DA SEMPRE IL REGIME DEGLI AYATOLLAH USA IL TERRORISMO E LA VIOLENZA COME UN ARMA PER COLPIRE I SUOI NEMICI.

tasnim 1

  • FARS NEWS: ECCO LA SOLA COSA CHE VUOLE TEHERAN DAL NEGOZIATO: RIUSCIRE A MANTENERE IL SUO PROGRAMMA NUCLEARE – MAGARI SOSPENDENDO PER UN POCHINO L’ARRICCHIMENTO AL 20% DELL’URANIO – ED OTTENERE IMMEDIATAMENTE UN ALLEGERIMENTO DELLE SANZIONI INTERNAZIONALI. COME SUDDETTO, NIENTE DISPONIBILITA’ IN MERITO AD UNO STOP TOTALE DELL’ARRICCHIMENTO DELL’URANIO, ALLO SMANTELLAMENTO DELLE 19000 CENTRIFUGHE GIA’ INSTALLATE, AL TRASFERIMENTO ALL’ESTERNO DELL’URANIO GIA’ ARRICCHITO, ALLA PRESENZA DI INSPETTORI INTERNAZIONALI IN TUTTI GLI IMPIANTI NUCLEARI PRESENTI IN IRAN E AD UN REALE CHIARIMENTO IN MERITO ALL’IMPIANTO DI ARAK, DOVE TEHERAN INTENDE PRODURRE UNA BOMBA AL PLUTIONIO. IL RECENTE ACCORDO IN MERITO TRA L’IRAN E L’AIEA, LO RICORDIAMO, NON PARLA DELLA VERIFICA DELLA PURITA’ DELL’ACQUA PESANTE USATA PER IL REATTORE DI ARAK, INFORMAZIONE NECESSARIA PER CAPIRE LE INTENZIONI VERI DEL REGIME IRANIANO.

fars 3

 

POSSIAMO DAVVERO CREDERE AD UN SIMILE REGIME?

NO!!!

 

imagesCAAVPY3U

imagesCAAVPY3U