Posts contrassegnato dai tag ‘Svezia’

 

17799932_1849136338693988_5554985335705131306_n

Egregio Ministro Minniti, Egregio Ministro Orlando, Eregio Ministro Alfano,

Scriviamo a Voi per sottoporvi il caso di Aideen Strandsson, attrice iraniana che, dopo essersi convertita dall’Islam al Cristianesimo, ha deciso di abbandonare la Repubblica Islamica per cercare un rifugio sicuro in Europa. Precisamente in Svezia.

Come Voi saprete benissimo, in Iran la conversione ad una fede diversa dall’Islam, e’ considerata un reato gravissimo, definito come apostasia e per questo e’ prevista anche la pena capitale.

Purtroppo, per ben due volte, le autorità di Stoccolma hanno respinto la richiesta di Aideen di ricevere asilo politico, non riconoscendo all’attrice iraniana il rischio di essere arrestata e impiccata. Per questo, Aideen ha deciso di raccontare ai media la sua storia, sperando di riuscire a salvarsi da un rimpatrio estremamente pericoloso (Christian Post).

15267822_1783487285258894_3375901418316223046_n

In una intervista rilasciata alla CBN, Aideen ha raccontato di essersi convertita al cristianesimo in Iran e di aver lasciato il Paese, proprio per i rischi che correva. Ha denunciato di aver raccontato la sua storia ai responsabili del Dipartimento Immigrazione in Svezia che, come suddetto, le hanno negato la residenza permanente nel Paese.

Aggiungiamo che, secondo Open Doors, il regime iraniano si trova all’ottavo posto, tra i Paesi che nel mondo perseguono i cristiani, con un livello di persecuzione definito come “extreme”. Solamente nel 2016, 193 cristiani sono finiti delle prigioni iraniane.

Per le ragioni esposte sopra, Egregi Ministri, Vi chiediamo di verificare le notizie diffuse dalla stampa internazionale e – se confermate – di concedere l’asilo politico ad Aideen Strandsson, la cui vita non può essere messa a rischio nel 2017, per delle scelte relative alla libertà di fede.

Libertà che fa parte dei diritti fondamentali riconosciuti dalla Repubblica Italiana.

Cordialmente,

Collettivo No Pasdaran

L’intervista di Aideen Strandsson alla CBN

 

Alcune copertine dei film fatti da Aideen in Iran

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

La denuncia arriva direttamente dalla prestigiosa rivista scientifica Nature: peggiorano drammaticamente le condizioni fisiche di Ahmadreza Djalali, ricercatore medico, ormai incarcerato in Iran da oltre un anno. Secondo quanto riporta l’articolo, Ahmadreza sarebbe ormai in sciopero della fame da oltre due mesi e negli ultimi giorni, ha anche iniziato a rifiutare i liquidi. Ad oggi, Ahmadreza ha perso oltre il 30% del peso che aveva, prima di finire in carcere. L’11 marzo scorso, Ahmadreza è stato trasportato in ospedale, ma anche qui il prigioniero politico ha rifiutato di alimentarsi (Nature).

Come si ricorderà, Ahmadreza Djalali, 45 anni, è stato arrestato in Iran il 25 aprile del 2016, dopo essere ritornato a Teheran per partecipare ad un evento accademico. Mentre si apprestava a fare ritorno a casa, in Svezia – ove lavorava per il Karolinska Institute di Stoccolma – Ahmadreza è stato arrestato e accusato di “collaborazione con un Governo ostile”. Secondo quanto riporta la moglie, il ricercatore è stato portato in una cella di isolamento e, dopo tre mesi di agonia, è stato costretto a firmare una confessione.

Il primo sciopero della fame di Ahmadreza risale allo scorso dicembre, dopo che il detenuto ha saputo le false accuse nei suoi confronti. Nel gennaio 2017, quindi, il regime ha minacciato Ahmadreza di metterlo a morte. Il 15 febbraio, dopo numerose pressioni famigliari, Ahmadreza ha fermato lo sciopero della fame, ma ha successivamente deciso di riprenderlo dopo che il giudice gli ha negate di cambiare l’avvocato difensore, imposto dalla Corte. Ad oggi, non è nota la data dell’inizio del processo nei suoi confronti.

Il caso di Ahmadreza Djalali coinvolge l’Italia, perchè il ricercatore iraniano ha lavorato presso l’Università del Piemonte Orientale di Novara, tra il 2011 e il 2015. Proprio da qui, come si ricorderà, è partita la campagna per la liberazione di Ahmadreza, che ha visto anche la stessa Farnesina impegnarsi, almeno verbalmente. Il 9 marzo scorso, un appello per la liberazione di Ahmadreza è stato lanciato anche da Committee of Concerned Scientists di New York (link), ma precedentemente anche Amnesty International aveva avviato una “urgent campaign” per lui. Su Change.org, l’appello per Ahmadreza Djalali ha raggiunto oltre 70.000 firme. In Italia, va menzionato l’impegno di Nessuno Tocchi Caino, come sempre in prima fila per i diritti umani in Iran.

Ricordiamo che, oltre ad una moglie di nome Vida Merhannia, Ahmadreza è anche padre di due figli di appena 5 e 14 anni. Da oltre un anno, il regime iraniano nega a questi bambini, l’abbraccio e l’affetto del loro amato padre.

pic-1

Neanche un mese dopo la vergognosa passeggiata delle “femministe” del Governo svedese in Iran, è già crisi diplomatica tra Stoccolma e Teheran. Appena l’11 febbraio scorso, infatti, il Primo Ministro svedese Stefan Lofved si era recato a Teheran con una importante delegazione, principalmente composta da donne (11 donne su 15 membri totali della delegazione). Nella delegazione, anche il Ministro del Commercio svedese Ann Linde. Lofved era stato anche ricevuto da Ali Khamenei e la Guida Suprema gli aveva dedicato un tweet ad hoc, rimarcando come in Iran la Svezia fosse vista positivamente (Twitter).

La delegazione svedese, però, era stata oggetto di importanti critiche a livello internazionale perchè, a dispetto del femminismo di cui si fa vanto il Governo di Stoccolma (si autodefinisce il “primo Governo femminista del mondo”), le delegate svedesi giunte a Teheran si erano mostrate tutte velate e con il capo chino, davanti ai clerici iraniani. Tra le critiche più dure giunte in quel periodo, segnaliamo quella della giornalista iraniana Masih Alinejad, fondatrice della pagina Facebook “My Stealthy Freedom”, contro il velo obbligatorio in Iran. Masih Alinejad aveva descritto le scelte della delegazione svedese, come uno schiaffo in faccia ai diritti delle donne iraniane (Facebook).

Come suddetto, appena pochi giorni dopo questi incontri in Iran, si è aperta una crisi diplomatica tra Svezia e Iran. La crisi è stata determinata scelta del Governo svedese avviare le preocedure per persentare alle Nazioni Unite una risoluzione di condanna dell’Iran, per gli abusi sui diritti umani (dovrebbe essere presentata il prossimo 10 Marzo). In reazione alla mossa svedese, il Portavoce del Ministero degli Esteri iraniano Bahram Qassemi, ha accusato Stoccolma di agire per contro “del regime Americano e di Tel Aviv”. con lo scopo di “creare una ondata di Irano-fobia” (Press TV).

Nuovamente, il regime iraniano non riesce a mantenere sino alla fine relazioni positive con un potenziale partner. Cosi come per la crisi diplomatica in corso con la Turchia, la Repubblica Islamica non riesce a nascondere la sua natura intollerante e fondamentalista.

 

 

article-2729055-20A3D21900000578-366_634x419

La notizia che arriva da Stoccolma, non sarebbe mai potuta accadere nell’Iran dei Mullah. Una coppia di ragazze lesbiche iraniane, Sahar Mosleh e Maryam Iranfar, hanno finalmente coronato il loro sogno d’amore, sposandosi nella capitale svedese. La loro storia dura ormai da nove anni, ma la loro libertà di amarsi è arrivata solamente quando hanno potuto lasciare l’Iran e raggiungere la meta sicura in Europa. Qui, come suddetto, sono state unite in matrimonio dall’Imam Ludovic Mohamed Zahed, clerico sudafricano, anche lui omosessuale. Come si vede dalle fotografie, l’amore tra Maryam e Sahar non ha superato solamente la repressione del regime iraniano, ma anche le dure prove della natura. Sahar, infatti, è costretta da una malattia a vivere su una sedia a rotelle. Nonostante tutti e tutto, queste due donne hanno vinto, dimostrando al mondo il loro coraggio e la loro voglia di amarsi senza confini.

Se queste due donne avessero tenatto di amarsi liberamente in Iran, nella migliore delle ipotesi, sarebbero state condannate al carcere e ad almeno 50 frustate. Nella peggiore delle ipotesi, quella piu’ diffusa, sarebbero invece state mandate direttamente al patibolo. Di recente, vergognosamente, il Capo della Giustizia iraniana, l’Ayatollah Sadeq Amoli Larijani, ha negato le condanne a morte approvate dalla Repubblica Islamica contro i gay. Solamente pochi giorni prima delle parole dell’Ayatollah Larijani, due omosessuali, Abdullah Ghavami Chahzanjiru e Salman Ghanbari Chahzanjiri, erano stati impiccati nel sud dell’Iran.

Senza parole…

article-2729055-20A3D27A00000578-483_306x470

article-2729055-20A3D21F00000578-607_634x537

 

iran cristiani svezia esplusione

Esisteva una volta l’Occidente ed esisteva l’idea di approvare una Costituzione per l’Europa Unita, in cui avrebbero dovuto essere posti al centro dell’agire politico i valori giudaico-cristiani. Al di là delle singole posizioni su questo argomento, indubbiamente esisteva l’idea di porre l’essere umano in quanto tale – ovvero nel suo diritto di scegliere autonomamente e nel rispetto del prossimo il suo “io”al centro dell’agire politico del Vecchio Continente. Purtroppo, come detto, si tratta di una passato remoto.

Dalla Svezia, infatti, ci arrivano drammatiche notizie sullo stato dei rifugiati iraniani nel Paese. L’agenzia Mohabat News, impegnata nella difesa dei diritti dei cristiani nel mondo, ha recentemente denunciato la storia di Majid e Hamid Khosravi, due fratelli iraniani, che hanno deciso nel 2002 di convertirsi al cristianesimo. Come si sa, nonostante il Cristianesimo sia una delle religioni protette dalla Costituzione iraniana, la conversione ad un altra fede è considerata dall’Islam apostasia e punita con la morte. Dopo numerose persecuzioni subite in Iran, Majid e Hamid hanno cercato rifugio in Europa e sono arrivati in Svezia, Paese che si vanta di rappresentare un modello nel rispetto dei diritti umani.

Purtroppo per i due fratelli iraniani, la cara socialdemocrazia svedese ha deciso di rinchiuderli in un centro immigrati e di rifiutare la loro richiesta di asilo politico, mettendo in dubbio la loro conversione al Cristianesimo. Peccato che, il Pastore della Chiesa Iraniana di Stoccolma, ha personalmente testimoniato che Majid e Hamid si sono realmente convertiti al Cristianesimo e, come fedeli, hanno preso parte anche ad attività parrocchiali in Svezia ed a diversi programmi TV religiosi.

Il  caso di Majid e Hamid non è il primo in Svezia, ma si unisce ad una serie di situazioni in cui il comportamento delle autorità svedesi lascia molto a desiderare. In questo stesso periodo, infatti, gli attivisti iraniani in Svezia denunciato la situazione di Parvaneh Sarabadani, giovane ragazza convertita al Cristianesimo, che rischia anch’ella il rimpatrio. Ritornati in Iran, Majid, Hamid e Parvaneh rischierebbero seriamente la pena di morte.

Ricordiamo infine che, nonostante ci siano state crisi diplomatiche tra Iran e Svezia nel 2009 (l’Ambasciata svedese in Iran fu anche attaccata da 200 dimostranti), le relazioni tra i due Paesi sono buone: Stoccolma ha riconosciuto il diritto al nucleare di Teheran – nonostante le sanzioni internazionali – ed ha firmato con la Repubblica Islamica diversi accordi economici di rilievo (su tutti il MoU del 2003, che prevede progetti comuni nel settore industriale, minerario e delle telecomunicazioni).

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=HBH_5Of8uDY%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=FPw9dy46FWM%5D