Posts contrassegnato dai tag ‘Sudan’

42108931_poem_57

Oggi e’ una data assai triste: si ricorda l’anniversario dell’attentato dell’11 settembre 2001 contro le famose Twin Towers. Un attentato pianificato ed eseguito da al Qaeda, che costo’ la vita ad almeno 3000 persone innocenti. Del ruolo di Osama Bin Laden nell’attentato e’ ormai noto tutto, mentre quasi nessuno ricorda la complicità del regime iraniano nei tragici accadimenti. Una complicità, si badi bene, provata dalla stessa Commissione incaricata dal Governo americano di investigare sull’11 Settembre. Una commissione presieduta dall’ex Governatore del New Jersey Thomas Kean e composta da cinque esponenti democratici e cinque repubblicani. La Commissione, alla fine dei lavori, produsse un lungo report in cui, molto chiaramente, venivano evidenziate le responsabilità del regime iraniano (testo report Commissione 11/9).

In particolare, il report della Commissione d’inchiesta ha messo in luce il sostegno dato da Teheran ai terroristi (sunniti) di al Qaeda. Attraverso un’analisi approfondita e basata sulla testimonianza di esperti e dissidenti iraniani, la Commissione ha rivelato il sostegno dato dai Mullah a chiunque intendesse colpire l’America (il Grande Satana). In primis, il sostegno dei Pasdaran al gruppo Saudi Hezbollah, responsabile dell’attentato contro le Khobar Towers del 1996 (morirono 17 americani). Tra le altre cose, uno dei responsabili dell’attentato e’ stato da poco arrestato in Libano e trasferito in Arabia Saudita (Good Morning Iran).

Purtroppo non basta: dal 1991 al 1996, anni in cui Osama Bin Laden ha vissuto protetto nel Sudan di al Turabi, il regime iraniano ha direttamente sostenuto al Qaeda, nonostante le differenze ideologiche. Hassan al Turabi sosteneva la necessita’ di mettere da parte le divisioni tra Sunniti e Sciiti, al fine di unire le forze contro l’Occidente. Per questo, egli facilito’ il contatto tra Iran e al Qaeda. Teheran, non soltanto mando’ delegazioni di Pasdaran in Sudan per incontrare Bin Laden, ma facilito’ il passaggio dei terroristi di al Qaeda sul territorio iraniano, fornendo loro anche un addestramento militare. Non basta: e’ provato che – grazie alla mediazione del terrorista di Hezbollah Imad Mughniyah – terroristi di al Qaeda arrivarono nella Valle della Bekaa (Libano) per ottenere un addestramento speciale in materia di esplosivi. 

Il rapporto tra l’Iran e al Qaeda continuo’ anche dopo il trasferimento di Bin Laden dal Sudan all’Afghanistan dei Talebani. La Repubblica Islamica, in particolare, facilito’ il passaggio dei terroristi di al Qaeda sul territorio iraniano, evitando volontariamente di apporre timbri di ingresso e di uscita ai terroristi sunniti. Tra coloro che goderono di questo trattamento di favore, ci furono anche diversi dirottatori dell’11 Settembre: Wail al Shehri, Waleed al Shehri e Ahmed al Nami, prima di arrivare in America, passarono dal Kuwait al Libano, ove si imbarcarono su un volo per l’Iran insieme ad un terrorista di Hezbollah; Satam al Suqami e Majed Moqed, arrivarono a Teheran dal Bahrain, mentre Khalid al Mihdhar passo’ prima in Iran, poi in Siria, per ritornare infine in Iran ed entrare in Afghanistan (Middle East Forum).

Quanto sinora sostenuto e’ stato confermato da Khalid Sheikh Mohammed, una delle menti dell’attentato dell 11 Settembre 2001 e da Ramzi Binalshibh, operativo di al Qaeda arrestato in Pakistan. Non solo: una conferma e’ arrivata anche da ex membri dei Pasdaran e del Ministero dell’Intelligence iraniano che, in questi anni, hanno deciso di defezionare. In particolare, l’ex Pasdaran Abolghasem Mesbahi ha rivelato l’esistenza di un progetto militare iraniano denominato “Shaitan dar Atash (“Satana in Fiamme”), che prevedeva anche il dirottamento di aerei di linea per colpire gli Stati Uniti. Secondo quanto ammesso da Mesbahi, nell’estate del 2001 questo progetto era stato attivato dai vertici della Repubblica Islamica (Iran911case.com).

Proprio in base alle prove raccolte dalla Commissione d’inchiesta sull’11 Settembre, nel 2011 un giudice di Manhattan condanno’ il regime iraniano e Hezbollah al pagamento di risarcimenti ai famigliari delle vittime dell’11 Settembre, per il sostegno fornito ad al Qaeda. In particolare, il giudice Daniels, menziono’ la Guida Suprema Khamenei, l’ex Presidente Rafsanjani, i Pasdaran, il Ministero dell’Intelligence di Teheran (MOIS) ed Hezbollah, come “materialmente e direttamente” responsabili degli eventi dell’11 Settembre 2001. Nell’inchiesta, durata sette anni, l’ex Pasdaran Mesbahi rivelo’ anche che il regime iraniano, attraverso “front companies“, ottenne illegalmente dei simulatori di volo per Boing 757-767-777, gli stessi aerei dirottati dai terroristi di al Qaeda. Non solo: nello stesso processo, venne dimostrato che l’Ayatollah Khamenei, per mezzo di un Memorandum del maggio 2001, era direttamente a conoscenza dei contatti tra il terrorista di al Qaeda Ayman al Zawahiri e l’agente iraniano dentro Hezbollah, Imad Mughiniyah (Iran911case.com).

Per non dimenticare…

[youtube:https://youtu.be/92Ettheg8hk%5D

[youtube:https://youtu.be/z1gpJyFHETw%5D

a

La crisi in Yemen e’ sempre più grave. Sostenuti dal regime iraniano, la minoraza Houthi ha rovesciato il Governo centrale e occupato la capitale Sanaa. La crisi ha innescato uno scontro settario con la maggioranza sunnita, guidata dal Presidente Abd Rabbo Mansour Hadi. Grazie alle armi arrivate da Teheran, quindi, gli Houthi stanno concentrando la loro attività armata contro il Sud del Paese, in particolare nell’area di Aden. Hadi, come riportano i giornali, ha chiesto una azione del Consiglio di Cooperazione del Golfo, al fine di stabilire una no fly zone capace di fermare l’avanzata delle milizie ribelli. Il Ministro degli Esteri saudita al Faisal, da parte sua, ha denunciato l’aggressività iraniana e affermato che la Repubblica Islamica non merita la firma di alcun accordo sul nucleare. Un tale accordo, infatti, legittimerebbe unicamente la politica aggressiva dei Pasdaran.

Il controllo dello Yemen, come abbiamo già scritto, e’ parte della politica del regime iraniano per estendere l’impero Khomeinista. La natura della Velayat-e Faqih, da sempre sottovalutata dall’Occidente, e’ quella di estendere le idee fondamentaliste dell’Ayatollah Khomeini, un principio “rivoluzionario” su cui si basa la sopravvivenza stessa del potere dei Mullah. Senza il principio di “esportazione della rivoluzione” infatti, l’Iran entrerebbe in una normalità diplomatiche che – considerando le caratteristiche della popolazione iraniana – determinerebbe il crollo del regime stesso in pochi anni. Nonostante tutto, insieme al fondamentale aspetto ideologico, ci sono anche calcoli prettamente razionali che guidano la politica iraniana nello Yemen.

11609

Il primo ragionamento razionale e materiale che guida l’aggressività di Teheran, e’ legato al controllo dello Stretto di Bab el Mandeb: si tratta di una intersezione strategica tra l’Oceano Indiano e il Mar Mediterraneo. Attraverso questo Stretto, infatti, si controlla il fondamentale ingresso verso il Mar Rosso, motivo per il quale la crisi Yemenita preoccupa drammaticamente anche il Governo del Presidente al Sisi in Egitto. L’Iran, come noto, tento’ di infiltrare agenti Pasdaran in Egitto durante la Presidenza Morsi, tanto che una delle accuse contro l’ex Presidente salafita e’ proprio quella di essere stato in contatto con l’intelligence iraniana. Al Sisi teme concretamente che il, tramite il controllo dello Stretto di Babd el Mandeb, Teheran metta in atto una politica di destabilizzazione dell’Egitto, usando il territorio del Sudan e la Penisola del Sinai per finanziare le milizie beduine e i terroristi legati alla Fratellanza Mussulmana (Hamas compreso).

1

Non e; un caso, quindi, che al Sisi abbia deciso di invitare il Presidente dello Yemen Hadi al Summit Arabo previsto a Sharm El-Shiekh il 28 e il 29 marzo. Cio’ senza dimenticare, ovviamente, quanto lo Stetto di Bab el Mandeb sia importante per quanto concerne il traffico petrolifero: circa 3,8 milioni di barili al giorno passano per questo Stretto verso il Canale di Suez, per raggiungere il Medioriente, l’Europa e gli Stati Uniti. Chi controlla quell’area, infatti, controlla praticamente il petrolio che raggiunge l’oleodotto egiziano SUMED, che dal terminale di Ain Sukhna raggiunge Alessandria e porta poi il petrolio verso l’Europa. Se l’Iran riuscisse a mettere le mani definitivamente sullo Yemen, quindi, avrebbe il controllo diretto e indiretto dello Stretto di Hormuz e dello Stretto di Bab el Mandeb, due arterie vitali per la stabilita’ della geopolitica Mediorientale e internazionale.

red_sea_map

Gli interessi del regime iraniano nello Yemen, pero’, non si fermano allo Stretto di Bab el Mandeb. Come la cartina fa vedere, lo Yemen si trova proprio davanti alla Somalia, un territorio giudicato da tempo un failed State, in cui a farla da padrone sono le milizie armate. L’instabilita’ somala, e il mercato nero che governa il Paese, e’ funzionale agli interessi iraniani, particolarmente al programma nucleare del regime. In Somalia, pochi lo sanno, sono presenti delle riserve di uranio assai importanti. Gia’ nel 2006, Teheran tento’ di ottenere dalla Somalia uranio in cambio di armi per le milizie locali (il tentativo venne denunciato dalle Nazioni Unite stesse). Tra le altre cose, sempre nel 2006, oltre 700 combattenti somali vennero inviati in Libano per combattere al fianco dei terroristi di Hezbollah. Il report ONU denuncio’ anche le commistioni tra il regime iraniano e i terroristi di al Qaeda, in particolare il sostegno al terrorista qaedista  Saif al-Adel. Nel 2013, quindi, una nave carica di armi iraniane venne intercettata dalle autorità yemenite. Lo Yemen, quindi, denuncio’ che la nave era attraccata in Somalia, prima di provare a raggiungere le milizie sciite nello Yemen.

Ali Akbar Salehi, oggi capo dell'Agenzia Atomica Iraniana, con l'ex Primo Ministro Somalo Abdiweli Mohamed Ali

Ali Akbar Salehi, oggi capo dell’Agenzia Atomica Iraniana, con l’ex Primo Ministro Somalo Abdiweli Mohamed Ali

Depositi di uranio sono stati trovati in Somalia sin dagli anni ’70, ed ultimamente importanti riserve sono state scoperte presso la Regione Autonoma somala di Gal-Mudug. Ad oggi, le riserve di uranio somale sono mal sfruttate, soprattutto in considerazione della mancanza di una infrastruttura industriale per lo sviluppo. Nonostante tutto, come suddetto, la Somalia e’ dominata da un mercato illecito che, chiaramente, presenta un terreno fertile per l’infiltrazione di attori interessati a favorire il commercio illecito. Grazie al controllo dello Yemen, quindi, il regime iraniano non soltanto minaccia direttamente la stabilita’ regionale e gli approvvigionamenti energetici Occidentali, ma potrebbe anche mettere in atto una azione per proseguire, clandestinamente, il suo programma nucleare militare, sfruttando l’accordo con il 5+1 e il clima di appeasement internazionale.

Speriamo solo che qualcuno si svegli…prima che sia troppo tardi…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=0-2aGM6reLI%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=YovTG0ZZxJo%5D