Posts contrassegnato dai tag ‘Spionaggio’

Risultati immagini per ahmadreza djalali

Egregio Presidente Fico,

Le scriviamo in considerazione della Sua attenzione al tema dei diritti umani. Le scriviamo anche perche’ ricordiamo che, quando qualche mese addietro accolse il nuovo Ambasciatore del regime iraniano in Italia Hamid Bayat, lei sollevo’ pubblicamente la questione di Ahmadreza Djalali, prigioniero politico iraniano, condannato alla pena capitale con una fasulla e infame accusa di spionaggio.

Il 16 maggio 2019 Amnesty International ha scritto al Procuratore Generale di Teheran Ali Aghasi Mehr, per denunciare il drammatico stato di salute di Ahmadreza Djalali. Dall’inizio della sua detenzione, Ahmadreza ha perso 24 kg, arrivando a pesare oggi solamente 51 kg. Peggio, secondo alcune analisi fatte in carcere, Ahmadreza ha subito un drammatico abbassamento del livello dei globuli bianchi nel suo sangue. Un risultato che richiederebbe un immediato ricovero ospedaliero, in un dipartimento di ematologia e oncologia.

In due occasioni, nel febbraio del 2019, Teheran ha autorizzato il ricovero esterno, ma ha preteso di trascinare Ahmadreza in ospedale vestito con l’uniforme da detenuto. Un affronto alla dignita’ che, chiaramente, Ahmadreza Djalali ha rifiutato. Un rifiuto dettato anche da quanto successo nel novembre 2018 quando, dopo aver subito una operazione, Ahmadreza fu bloccato nel suo letto di ospedale con delle manette ai piedi. Davanti al diniego di Ahmadreza ad indossare l’uniforme da detenuto, il regime iraniano ha cancellato i ricoveri ospedalieri.

Vorremmo solo qui ricordare che Ahmadreza Djalali – per anni ricercatore medico all’Universita’ del Piemonte Orientale – e’ stato arrestato con l’accusa di spionaggio e costretto ad una confessione forzata. Il suo arresto rientra nella campagna del regime di rapimento dei cittadini iraniani con doppia cittadinanza. Cittadini a cui viene prima proposto di diventare spie e – nel caso di rifiuto della proposta – che poi vengono arrestati e accusati a loro volta di spionaggio. Nel novembre del 2017, le stesse Nazioni Unite hanno richiesto l’immediato rilascio di Ahmadreza Djalali, ricononoscendogli anche il diritto ad un indennizzo per il danno subito.

Con questa lettera-appello, quindi, Le chiediamo nuovamente di intervenire, pretendendo dall’Iran l’immediata autorizzazione al ricovero di Ahmadreza Djalali e la garanzia al detenuto di un nuovo processo equo, nel rispetto delle regole fondamentali dello Stato di Diritto, drammaticamente assente nella Repubblica Islamica.

Cordiali saluti,

No Pasdaran

Risultati immagini per ahmadreza djalali

Risultati immagini per Aras Amiri

L’arresto di Aras Amiri, impiegata del British Council, incarcerata in Iran con l’accusa di spionaggio, sarebbe un nuovo caso Ahmadreza Djalali. Come Ahmadreza, infatti, Aras sarebbe stata arrestata per aver rifiutato di diventare un agente del MOIS – il  Ministero dell’Intelligence iraniano.

A denunciare questa versione dei fatti e’ il cugino di Aras, Mohasen Morani. Parlando con gli attivisti del Centro per i Diritti Umani in Iran, Morani ha affermato che Arash ha rifiutato la proposta di Teheran, affermando di non essere tagliata per quel genere di lavoro. Una volta arrestata, Aras ha dovuto raccontare tutto sul lavoro da lei svolto al British Council ed e’ stata costretta a scegliere un “avvocato difensore”, in una lista predisposta dagli agenti dell’intelligence.

Per la cronaca, l’arresto della Amiri risale al marzo del 2018, ma la notizia e’ stata tenuta sotto silenzio dalla famiglia, sperando in un rilascio della ragazza. Il regime, invece, ha deciso di confermare tutte le accuse, condannando la ragazza a dieci anni di carcere. Oggi la Amiri e’ detenuta nel braccio femminile del carcere di Evin, dove sono rinchiusi praticamente quasi tutti i detenuti e le detenute politiche. La Amiri era arrivata in Iran per rivedere sua nonna. Dopo essere arrestata, Aras e’ stata rilasciata su cauzione e poi riarrestata tra agosto e settembre 2018.

Purtroppo l’arresto e la condanna di Aras Amiri rientrano in una politica di persecuzione degli iraniani in possesso di doppia cittadinanza. E’ stato cosi per Nazanin Zaghari-Ratcliffe – anche lei cittadina britannica – e come suddetto per Ahmadreza Djalali, ricercatore medico, per anni impiegato della Universita’ del Piemonte Orientale. Oggi i cittadini iraniani con doppia cittadinanza rinchiusi nelle carceri del regime sono almeno undici. Per tutti loro la storia e’ piuttosto simile: accusa di spionaggio, mentre tornavano in Iran per motivi famigliari o di lavoro. Per tutti, la denuncia dei famigliari e’ la stessa: il regime ha proposto loro di diventare agenti dei servizi iraniani e loro hanno rifiutato…

Questi arresti di cittadini iraniani con doppia cittadinanza, sono la riprova dello stile mafioso del regime iraniano. Il regime praticamente fa come la criminalita’ organizzata: rapisce questi cittadini, allo scopo di chiedere un riscatto ai Governi occidentali. Secondo alcuni, infatti, l’accanimento verso i cittadini inglesi, sarebbe dovuto alla volonta’ di Teheran di recuperare un credito di 400 milioni di sterline da parte di Londra (figlio di un controverso accordo sugli armamenti stipulato nel 1976).

iran spy

Due iraniani – Mohammadi D. e Majid G. – sono stati arrestati negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio a favore del regime iraniano. I due, arrestati il 9 agosto scorso, sono stati fermati e accusati di aver sorvegliato due centri ebraici di Chicago e aver provato ad infiltrarsi nel gruppo di opposizione MeK (Mujahedin del Popolo).

Secondo le poche informazioni rilasciate alla stampa, uno dei due arrestati – Mohammadi D. – ha anche la cittadinanza americana ed e’ arrivato a Chicago nel luglio del 2017. Dal suo arrivo, ha iniziato a fotografare alcuni centri ebraici locali, in particolare il Centro Hillel e il centro Chabad Rohr House (entrambi vicini all’universita’ di Chicago). In seguito, Mohammadi D. si e’ recato in California, dove ha incontrato Majid G., cittadino iraniano residente negli Stati Uniti.

Majid D., per parte sua, ha preso parte all’evento organizzato dal MeK a New York nel settembre del 2017, dove ha scattato delle fotografie dei partecipanti. Fotografie passate in seguito proprio a Mohammadi D., in cambio di almeno 2000 dollari. Alcune delle foto sono state quindi ritrovate proprio nei bagagli di Majid G. Le fotografie avevano anche degli appunti scritti in basso.

Secondo l’accusa, Majid G. si sarebbe recato in Iran a marzo e aprile del 2018 e avrebbe informato alcuni rappresentanti del Governo iraniano su quanto aveva scoperto in merito alle attivita’ del MeK. Infine, dopo questi viaggi, Majid G. ha anche preso parte al meeting di Washington della Iran Freedom Convention for Human Right e – anche in questo caso – scattato foto dei partecipanti. Nuovamente, quindi, Majid G. ha passato le informazioni raccolte a Mohammadi D., discutendo con lui su come trasferirle in Iran.

 

6CFA0AED-A9E2-472A-8BD2-E6C10D447CEE_w1023_r1_s

Ieri, l’ufficio del Procuratore Federale della Germania ha dato la notizia di un raid in corso delle forze dell’anti-terrorismo della polizia, contro una cellula di spionaggio iraniana, composta da dieci persone.

Secondo quanto affermato dal portavoce del Procuratore Generale, Stefan Biehl, il controspionaggio tedesco avrebbe ha scoperto una cellula della Forza Quds – unita’ speciale dei Pasdaran – attiva in diverse regioni della Germania.

Lo scopo di questa cellula era quello di raccogliere informazioni sui cittadini israeliani in Germania e su diverse istituzioni tedesche. Il fine ultimo, quindi, era quello di essere pronti ad attivarsi al momento giusto – ovvero quando l’Iran lo avrebbe ordinato – per colpire i soggetti interessati.

A tal proposito, vogliamo ricordare che il regime iraniano nel 1992 ha ucciso quattro curdi-iraniani, sgraditi al regime, trivellandoli di colpi all’interno del ristorante Mykonos di Berlino.

Ricordiamo che, nell’ottobre del 2017, un report dell’intelligence tedesca ha denunciato il tentativo di Hezbollah di infiltrarsi tra i rifugiati sciiti che arrivano in Germania. Il report, esplicitamente, parla del rischio che questi “agenti” possano essere impiegati come sicari dal regime iraniano.

 

92945283_p04l6752-1024x576
Le proprietà della Chiesa evangelica iraniana Jam’at-e Rabbani presso la città di Karaj, note come i Giardini di Sharon, sono state sequestrate dal regime. Precisamente, sono state confiscate dalla una organizzazione, denominate “Centro di Attuazione dei Decreti dell’Imam”, controllata direttamente dall’Ayatollah Khamenei, Guida Suprema iraniana. Questa organizzazione è stata creata su ordine di Khomeini dopo la rivoluzione del 1979, allo scopo di confiscare tutte le proprietà appartenenti allo Shah. Con gli anni, però, il regime ha allargato il ruolo di questa organizzazione, permettendole di mettere in pratica dei veri e propri sequestri di proprietà in stile mafioso.

Ovviamente, neanche a dirlo, per agire il regime si è appoggiato sulla solita scusa: ha accusato gli appartenenti alla Jam’at-e Rabbani di essere legati alla Chiesa evangelica di Philadephia e di lavorare per la CIA. Tutte accuse rigettate direttamente dai vertici della Jam’at, ma confermate da un Tribunale Rivoluzionario il 21 luglio scorso, in un processo che si è svolto addirittura senza i rappresentanti della Chiesa stessa e senza alcun avvocato della difesa.

La Jam’at-e Rabbani è parte della Assemblea di Dio, raggruppamento di Chiese evangeliche penatacostali che, in tutto il mondo, raccoglie oltre 68 milioni di fedeli. In Iran, la sede centrale della Jam’at-e Rabbani si trova a Teheran, ma i suoi membri sono spesso soggetti ad arresti da parte del regime ed accuse di spionaggio. Questo perchè la maggior parte dei fedeli della Jam’at, sono mussulmani che hanno deciso di abbandonare l’Islam e convertirsi al cristianesimo. Una scelta che nella Repubblica Islamica è non solo vietata, ma punita con l’accusa di apostasia.

Per approfondire sulla persecuzione dei cristiani in Iran, vi preghiamo di  leggere questo paper: The Cost of Faith: Persecution of Christian Protestants and Converts in Iran

44afcbcd-d607-4542-964e-7f79f4add1e7_16x9_600x338

Il Procuratore Federale della Germania ha annunciato l’arresto di Said Mustafa, 31 anni, cittadino pakistano di fede sciita. Per lui l’accusa e’ quella di essere una spia al servizio del MOIS, il Ministero dell’Intelligence iraniano. Said Mustafa sarebbe stato arrestato presso Bremen, cittadina a nord della Germania (Al Arabiya).

Secondo le informazioni rese pubbliche, la spia aveva il compito di sorvegliare  Reinhold Robbe, Presidente della Societa’ Germania – Israele e alter persone a lui vicine. Sui loro spostamente, Said Mustafa doveva riportare ai suoi padroni in Iran (Radio Free Europe, Comunicato Ufficiale).

Va anche ricordato che, nell’aprile scorso, altre due persone sono state arrestate in Germania, con l’accusa di spiare per Teheran il gruppo di opposizione al regime dei Mullah dell’MKO. Le due spie arrestate in Aprile, tra le altre cose, erano ex membri del gruppo di opposizione MKO, passati al servizio dell’intelligence iraniana (Iran-Interlink).

1137633-file-1467957723-449-640x480

 

12647462_10205914376168605_4255160536453038835_n

Lui, Majd Oweida (profilo Facebook), ha solo 22 anni, ma e’ conosciuto a Gaza per le sue qualità di informatico. Majd aveva un grande obiettivo: mettere in piedi il primo “Palestinian got Talent”. Per questo, aveva approcciato le autorità israeliane, ottenendo un permesso per arrivare a Ramallah – in Cisgiordania – e organizzare i casting.

Peccato che, dietro quel simpatico e intraprendente ragazzo palestinese, si nascondeva una spia del movimento terrorista filo-iraniano Jihad Islamica Palestinese. Majd, infatti, dal 2011 lavorava per la Jihad Islamica, da quando era stato reclutato da Ismail Dahdouh, inizialmente come esperto del suono in una radio affiliata con il gruppo terrorista (New York Times).

Evidentemente il caro Majd aveva delle qualità e ha fatto carriera. Una carriera terminata il 23 febbraio scorso quando, arrivato al valico di Erez, Majd e’ stato fermato da due soldati israeliani. Interrogato, il ragazzo pare abbia confessato di aver messo su una infrastruttura di spionaggio, capace di monitorare non solo il traffico stradale e i movimenti dei soldati israeliani, ma anche il volo dei droni di Gerusalemme sopra la Striscia di Gaza. Non solo: usando dei codici identificativi di un cittadino americano, Majd era anche riuscito a tracciare i voli in ingresso e in uscita all’aeroporto internazionale di Tel Aviv (il Ben Gurion). Tra le altre cose, il sistema messo in piedi dal terrorista, riusciva ad ottenere anche la lista dei passeggeri presenti sui vari voli…

Gli strumenti per mettere in piedi questo sistema di spionaggio, erano stati ottenuti dalla Jihad Islamica, per mezzo di attrezzature comprate negli Stati Uniti – evidentemente da intermediari – e fatte entrare a Gaza per mezzo dei tunnel che collegano la Striscia alla Penisola del Sinai.

Per approfondire il tema il tema si legga il report “Iran and the Palestinians“.