Posts contrassegnato dai tag ‘Sindacalista’

MahmoudSahlehi

Il 28 ottobre 2017, il sindacalista iraniano Mahmoud Salehi e’ stato arrestato dagli agenti di sicurezza, proprio mentre faceva la dialisi nell’ospedale di Saqqez, nel Kurdistan iraniano.

La notizia dell’arresto di Mahmoud Salehi e’ stata data dal figlio, Samerand Salehi. Samerand ha denunciato che suo padre e’ privo di reni e per sopravvivere ha bisogno di effettuare la dialisi diverse volte settimana. L’arresto e’ avvenuto per una condanna che Mahmoud Salehi ha ricevuto nel febbraio del 2017 – ad un anno di reclusione – per “propaganda contro lo Stato”.

“Potete immaginare lo stato di mio padre quando e’ stato trasportato direttamente dall’ospedale al carcere”, ha detto Samerand Salehi. “Noi siamo molto preoccupati per lui, perche’ ha bisogno di prendere numerose pillole e di ricevere speciali cure dall’ospedale almeno due volte a settimana, tra cui la dialisi. Mio padre ha perso entrambi i reni dopo l’ultima detenzione e ora temiamo per la sua vita”.

Ricordiamo che Mahmoud Salehi e’ stato arrestato numerose volte dal regime. L’ultima volta nell’aprile del 2015, arresto che ha portato alla condanna a nove anni di carcere per “propaganda contro lo Stato” e “creazione di un gruppo di opposizione”, ovvero di un sindacato autonomo (in Iran sono vietati). Quando venne arrestato, Mahmoud Salehi aveva contribuito alla creazione di una Commissione di Coordinamento dei Sindacalisti di Saqqez.

Dopo essere stato rilasciato, nel novembre del 2015, Mahmoud Salehi scrisse una lettera aperta all’inviato speciale dell’ONU per i diritti umani in Iran, denunciando l’abuso dei diritti umani in Iran e protestando contro lo stato di detenzione in cui era stato tenuto e la perdita conseguente dei due reni. Secondo quanto scritto da Salehi, dopo l’arresto, le forze di sicurezza l’avevano tenuto in isolamento e gli avevano negato le necessarie cure di cui aveva bisogno.

Tra le altre cose, nell’agosto del 2016, anche la moglie di Mahmoud Salehi, la Signora Najibeh Salehzadeh, e’ stata convocata dalla Corte Rivoluzionaria di Saqqez, per aver scritto un post su Facebook sgradito al regime. Su di lei pende quindi una accusa di “propaganda contro lo Stato” e potrebbe presto essere condannata al carcere.

Nel video commomente qui sotto, si vede Mahmoud Salehi durante un breve ricovero ospedaliero nel 2007 (fu subito riportato in cella). Vicino alle sbarre del letto si vedono chiaramente le manette che lo tenevano imprigionato.

 

 

1234

Jafar Azimzadeh e’ un coraggioso sindacalista iraniano. Coraggioso non solo perché porta avanti una attività di difesa dei diritti del lavoratori, ma soprattutto perché lo fa in un Paese che nega, per legge, il diritto di creare sindacati liberamente. 

Jafar e’ stato arrestato la prima volta nel 2009, per aver promosso la formazione del Libero Sindacato dei Lavoratori Iraniani e quello dell’Unione Nazionale dei Disoccupati. Come detto, il suo primo arresto risale al primo maggio del 2009, dopo una pacifica protesta nel Parko Laleh di Teheran, in occasione della Giornata Internazionale dei Lavoratori (in Iran e’ proibito celebrarla).

L’ultimo arresto di Jafar Azimzadeh risale al 30 aprile del 2014, quando il sindacalista stava raccogliendo le firme per una petizione dei lavoratori iraniani, al fine di protestare davanti al parlamento e al Ministero del Lavoro, per il cambiamento delle leggi sul lavoro in Iran, per il diritto ad avere un reddito minimo, per protestare contro l’ex Procuratore di Teheran Saeed Motazavi (responsabile di abusi sui diritti umani) e per aver organizzato degli incontri con altri sindacati clandestini, quali il Sindacato dei Lavoratori di Teheran, il Sindacato dei Lavoratori di Neishakar e il sindacato degli Autisti di Bus. Dopo 46 giorni di detenzione, senza processo e accuse formali, Jafar e’ stato rilasciato su cauzione (Amnesty USA).

Nel marzo del 2015, quindi, Jafar e’ stato condannato a 6 anni di carcere, con l’accusa di aver messo a repentaglio la sicurezza nazionale. L’8 novembre del 2015, quindi, Jafar e’ stato arrestato nuovamente e portato nel carcere di Evin, per iniziare a scontare la sua pena. Il 29 aprile del 2016, in protesta contro la sua detenzione, Jafar Azimzadeh ha dichiarato lo sciopero della fame. Uno sciopero che ha portato avanti per oltre due mesi, fino a quando il suo corpo non ha retto più lo sforzo e Jafar ha perso conoscenza. Davanti alle proteste della famiglia che chiedeva il suo immediato ricovero, il Procuratore di Teheran Abbas Jafari Dowlatabadi, ha rifiutato di agire, dicendo che per lui il prigioniero poteva anche morire (Hrana).

Il ricovero e’ stato accettato solamente il 18 giugno scorso, quando ormai Jafar era praticamente allo stremo. Il sindacalista e’ stato finalmente trasferito all’ospedale Sina di Teheran, anche grazie alla richiesta dell’Organizzazione di Medicina Legale. Finalmente, il 30 giugno (ieri quindi), la magistratura iraniana ha ceduto, accettando di rilasciare su cauzione – per ragioni di salute – Jafar Azimzadeh.

Per il suo coraggio e per la sua forza di volontà, Jafar e’ anche stato ribattezzato il “Bobby Sand” iraniano, ricordano l’attivista nord-irlandese che mori nel maggio del 1981 dopo 66 giorni di sciopero della fame (Freedom Messenger). Nella lettera che Jafar ha mandato dal carcere al Presidente Rouhani, il coraggioso sindacalista ha denunciato: “nella storia dei Governi iraniani, nessuno ha abusato dei diritti umani quanto sotto il tuo Governo”