Posts contrassegnato dai tag ‘Sequesto’

1946694064

Da poco il mondo ha celebrato la Giornata Onu contro la Violenza sulle Donne. Una violenza non solo fisica, ma anche morale e di persecuzione legale. Esattamente quanto accade nel regime iraniano, ove le donne sono classificate come cittadine di serie B, la cui vita e testimonianza vale esattamente meta’ di quella dell’uomo. Una discriminazione che vieta alle donne di ottenere un passaporto, lasciare il Paese e lavorare senza il permesso di un “tutore maschio” e che – nonostante le promesse – ancora non permette loro di accedere liberamente agli stadi durante eventi sportivi.

Una violenza fisica che passa anche attraverso l’obbligatorietà di portare il velo sin dalla prima infanzia, una costrizione a cui le donne iraniane si sono sempre ribellate, inventando un modo tutto loro di indossare l’hijab e facendo infuriare le frange più conservatrice del clero locale. Una furia che, solamente lo scorso anno, ha portato i membri della milizia Hezbollah Iran, ad attaccare con l’acido decine e decine di ragazze innocenti, unicamente perché accusate di essere malvelate (No Pasdaran). Per quegli orrendi crimini, il regime iraniano non arresto’ mai alcun colpevole. Teheran, pero’, trovo’ il tempo di reprimere con la forza le proteste di piazza contro la violenza sulle donne (No Pasdaran).

Nonostante le denunce internazionali e nonostante l’elezione di un presidente – Hassan Rouhaniche aveva promesso di lavorare per favorire una maggiore uguaglianza tra uomini e donne in Iran, nella e’ cambiato all’interno della Repubblica Islamica. Al contrario, in particolare dopo la firma dell’accordo nucleare, le repressioni e le chiusure sui diritti civili sono aumentate nel Paese. L’ultima decisione ridicola, e’ stata da poco annunciata dalla polizia iraniana: alle donne che verranno pizzicate con il velo indossato male (o senza velo) alla guida, sara’ ritirata la patente e l’auto per almeno una settimana. Alla confisca del mezzo, quindi, si aggiungerà anche una multa o, peggio, una denuncia davanti al Tribunale Rivoluzionario (The Arab Weekly). La decisione, per la cronaca, vale anche per le donne straniere presenti all’interno della Repubblica Islamica.

Tra le altre cose, e’ noto che molte donne iraniane abbassano il velo alla guida per ragioni di sicurezza. E’ altrettanto noto che al regime iraniano poco importanza della vita dei suoi cittadini (o meglio delle sue cittadine), quando si tratta di applicare la Sharia per perpetuare il potere dell’establishment clericale e dei Pasdaran.

Purtroppo, come sempre, questo nuovo abuso dei diritti umani avviene nella piena indifferenza Occidentale. Un Occidente troppo preso ad spartirsi i ‘beni materiali’ dell’Iran, per passare il tempo a riflettere sui ‘beni umani’ della Repubblica Islamica.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=wb1ServMSAw%5D

Untitled

Il 17 febbraio scorso gli uomini della Vevak, il servizio segreto iraniano, hanno compiuto un raid punitivo contro un gruppo di cristiani di Rasht. Sebbene le motivazioni ufficiali di questa azione restino ancora ignote, è possibile comunque provare delineare la situazione. Secondo quanto riportato dal sito Christian Solidarity Worldwide, gli agenti dell’intelligence sono entrati senza mandato all’interno della casa di Yasser Mosayebzadeh, Saheb Fadaie e Mehdi Reza Omidi, tre cristiani iraniani di Rasht. Durante il blitz, gli agenti hanno sequestrato computer, CD, Bibbie e libri di preghiera. I tre cristiani sono stati quindi caricati su una camionetta e portati negli uffici dell’intelligence per rispondere ad alcune domande.

Uno dei fermati, Mehdi Reza Omidi, era stato già arrestato con altri tre fedeli cristiani nell’ottobre del 2013. Per loro l’accusa, assurda, era di aver bevuto vino in occasione di una Comunione e di essere in possesso di una antenna parabolica per la TV. Tutti e quattro gli arrestati, in quella occasione, furono condannati ad 80 frustate. Secondo alcune ipotesi, questa ultima azione dell’intelligence, andrebbe ricondotta ai rapporti tra i tre cristini fermati e il Pastore Yousef Nadarkhani, arrestato per apostasia nel 2010 e condannato a morte. Fortunatamente, grazie alle pressioni internazionali, il Pastore Nadarkhani è stato rilasciato nel 2012.

La stessa pietà, purtroppo, non viene applicata dal regime iraniano verso le altre decine di cristiani attualmente nelle carceri dei Mullah. Tra loro, vogliamo ricordare il Pastore Behnam Irani, anche lui accusato di apostasia per essersi convertito dall’Islam al Cristianesimo e condannato a sei anni di carcere. Le condizioni di salute del Pastore Irani sono drammatiche ma, nonostante il parere positivo dei carcerieri, il giudice ha deciso di non autorizzare la libertà condizionata.

Poco dopo il criminale sgozzamento in Libia dei 21 cristiani copti da parte di Isis, la Guida Suprema Khamenei ha usato il suo account Twitter per condannare l’accaduto e sottolineare come nella Repubblica Islamica non avvengono persecuzioni di non Musulmani da parte di Musulmani. Come abbiamo già scritto, si tratta di una grande menzogna, considerando soprattutto che, l’abuso contro le minoranze etniche e religione (e di genere), è promosso dallo stesso regime al potere, terrorizzato da qualsiasi idea diversa da quella promossa dai Pasdaran e dai Mullah.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=PUxnhxIeUPU%5D