Posts contrassegnato dai tag ‘Riyad’

leaders

Il video che vi mostriamo qui di seguito, riprende il momento del lancio di due missili dallo Yemen verso l’Arabia Saudita. Missili lanciati dai ribelli Houthi e che hanno colpito la capitale saudita Riyad. Questo attacco, se ancora ce ne fosse stato bisogno, dimostra come gli Houthi – per quanto non direttamente sciiti doudecimani – sono praticamente ormai una milizia armata in mano al regime iraniano.

In primis, fattore meramente di contorno, durante il video si sentono gli autori dell’attacco gridare slogan contro gli Stati Uniti, contro Israele e contro gli ebrei, slogan tipici delle manifestazioni di piazza iraniane, ovviamente in seguito alla rivoluzione jihadista del 1979. Questo aspetto degli slogan, ovviamente, evidenza una comunanza ideologica fra Teheran e gli Houthi: una comunanza non solo nello sciismo, ma anche e soprattutto nel khomeinismo.

C’è però un secondo fattore, più importante e riguarda i missili che sono stati lanciati verso la capitale saudita: si è trattato di missili “Volcano 2”, dei missili a corto raggio di tipo “Scud”, secondo la classificazione NATO. In teoria si tratta di missili di fabbricazione russa, in russo noti come “Borkan 2”. Nello Yemen, però, questi missili ce li hanno portati i Pasdaran iraniani. Cosi come li hanno portati in Siria sin dal 2013, fornendoli in primis al gruppo terrorista libanese di Hezbollah (Brown Moses Blog, Brown Moses Blog). Nel 2015, quindi, in Siria ne è apparsa anche una versione più avanzata, fotografata per la prima volta ad Idlib, durante un attacco dell’esercito lealista (Syria Direct).

Per la precisione, come il video dell’agenzia iraniana Mehr News dimostra, l’attacco è stato diretto verso i civili, al contrario di quanto sostengo gli stessi Houthi.

🎥 اصابت موشک نیروهای #یمن به ریاض #عربستان

A post shared by خبرگزاری مهر (@mehrnews) on

blogger-image-1218667267

E’ stato scritto, che la dura posizione espressa in questi giorni da Khamenei contro l’Arabia Saudita, fosse anche una azione contro il Presidente Rouhani. Alcuni giornalisti, infatti, avevano riportato alcune notizie relative ad una diplomazia silenziosa, per mezzo del quale il Presidente Rouhani stesse tentando di riavviare un canale di dialogo con Riyad.

Se le notizie erano reali, le recenti dichiarazioni fatte dallo stesso Rouhani, segnano la nuova vittoria di Khamenei e la fine di ogni prospettiva di riappacificazione con i sauditi. Dopo le durissime parole di Khamenei espresso il 5 settembre scorso – in cui la Guida Suprema chiedeva di togliere ai sauditi la responsabilità della gestione dell’Hajj, del sacro pellegrinaggio annuale al La Mecca – è arrivata anche la reazione del Presidente Hassan Rouhani.

Invece di stemperare la tensione, Rouhani ha lanciato impressionanti anatemi contro l’Arabia Saudita. Parlando ieri in una riunione di Gabinetto, Rouhani ha praticamente dichiarato “takfiri” (infedeli) i sauditi e ha indirettamente invitato ad avviare un jihad contro Riyadh. Secondo Rouhani, infatti, il Governo saudita, con i suoi comportamenti, “si è allontanato dalla via di Dio” (vera e propria scomunica nell’Islam). Non solo: il Presidente iraniano ha aggiunto che, al di là dei problem relativi all’Hajj, i sauditi sono responsabili di crimini contro i mussulmani in Iraq, Siria e Yemen. Per questo, ha concluso Rouhani, “i Paesi della regione devono prendere misure coordinate per affrontare i problemi esistenti e disciplinare i sauditi”. In pratica, una indiretta richiesta ai proxy del regime iraniano – leggi Hezbollah – di agire duramente per punire gli indisciplinati sauditi (President.ir).

Nel frattemo, la TV iraniana manda in onda video come quello che potete vedere qua sotto, minacciando di colpire l’Arabia Saudita con centinaia di missili balistici.