Posts contrassegnato dai tag ‘Qisas’

CeZMVthXEAADy2v

Riportiamo la richiesta di Amnesty International di sostenere la “urgent action” per salvare dal patibolo il prigioniero Himan Uraminejad (Amnesty International).

Secondo quanto reso noto dagli attivisti, la condanna al patibolo per Himad e’ stata confermata dalla Corte Suprema iraniana e verrà eseguita probabilmente il primo Aprile 2016. Questo, nonostante Himad ha commesso il suo crimine in eta’ minorile, quando aveva 17 anni (Hrana).

Ricordiamo che, secondo la Convenzione per la Protezione dei Diritti dell’Infanzia, e’ assolutamente vietato condannare a morte una persona che ha commesso un reato in eta’ minorile (articolo 37 comma A della Convenzione). L’Iran, per la cronaca, ha firmato questa Convenzione ONU nel 1971 e l’ha ratificata nel 1994, ma continua a mantenere il numero più alto di esecuzioni di minori al mondo (Testo Convenzione). Ahmed Shaheed, inviato Speciale dell’ONU per i Diritti Umani in Iran, ha denunciato che tra il 2005 e il 2015, l’Iran ha impiccato oltre 70 detenuti che avevano commesso il loro crimine in eta’ minorile (Iran News Update).

Himad Uraminejad e’ stato condannato a morte per aver causato il decesso di un altro ragazzo, durante una rissa in strada. La sua esecuzione viola ogni minimo standard internazionale e per questo, come denuncia Amnesty, deve essere immediatamente fermata.

Per la commutazione della pena si sta spendendo direttamente anche la Signora Sholeh Pakravan, coraggiosa madre di Reyhaneh Jabbari, la ragazza iraniana impiccata per aver ucciso un uomo dell’intelligence iraniana che voleva violentarla (Freedom Messenger).

 

 

eye.jpg.885x520_q85_box-0,0,884,520_crop_detail_upscale

(Fonte: Iran Human Rights)

Si chiama “qisas“, ovvero la punizione in stile biblico che da noi e’ conosciuta come “occhio per occhio, dente per dente”. Se nei tempi antichi questo modello punitivo ha rappresentato (forse) un inizio primordiale del “diritto penale”, grazie al Cielo con il passare del tempo e’ stato superato da legislazioni capaci di punire il reo, senza mettere in atto delle crudeltà assolute. 

Purtroppo, non in tutti i Paesi del mondo l’ “occhio per occhio” e’ stato abbandonato. Nella Repubblica Islamica dell’Iran, questa azione abominevole viene ancora messa in pratica ed e’ direttamente inserita nel Codice Penale.

Proprio in questi giorni, la Corte Suprema iraniana ha ordinato di accecare un detenuto di appena 28 anni, come punizione per aver a sua volta accecato un altro uomo durante una rissa in strada. A nulla e’ valso che Saman, questo il nome del detenuto, avesse dichiarato di non aver volontariamente accecato la vittima (di nome Jalal), durante la rissa (Iran Human Rights).

Nell’Ottobre del 2014, con la pena del Qisas fu impiccata Reyhaneh Jabbari, accusata di aver ucciso un uomo – membro dell’intelligence iraniana – che aveva provato a stuprarla. Aggiungiamo anche che, per coloro che uccidono, e’ possibile evitare la pena del Qisas (ovvero essere a loro volta uccisi), pagando una somma di denaro alla famiglia della vittima (se la famiglia acconsente). Questa somma, se la vittima e’ una donna, e’ esattamente la meta’ rispetto a quella prevista per l’omicidio di un uomo…

Al “Qisas” sono dedicati i primi ottanta articoli del Codice Penale iraniano. Per approfondire: Books I & II of the New Islamic Penal Code

Qui di seguito il video delle proteste del Fronte Nazionale democratico iraniano nel 1981, quando Khomeini ordino’ di inserire il Qisas nella legislazione della Repubblica Islamica. Uno dei leader di quel Fronte Nazionale democratico era Shapour Bakhtiar, Primo Ministro iraniano per breve tempo dopo la rivoluzione del 1979, ucciso dai sicari di Khomeini a Parigi nel 1991.

Le proteste contro il Qisas del 1981, furono per i Mullah una scusa per ordinare la repressione del Fronte Nazionale e la sua sparizione dalla scena politica iraniana. 

318897_448474298549004_676560293_n

La storia che vi raccontiamo è un misto di crudeltà, medievalità e speranza. Poco tempo fa, una corte islamica in Iran ha deciso di condannare un uomo all’accecamento. La pena è parte del cosiddetto Qisas, ovvero il famoso occhio per occhio dei diritto islamico (Sharia). Nel 2005, infatti, un uomo di nome Hamid S., ha gettato dell’acido contro un altro uomo, Davood Roshanayi, per motivi ancora imprecisati. La povera vittima, purtroppo, ha perso la vista ad un occhio, la funzionalità ad un orecchio e ha riportato bruciature in tutto il corpo. Nonostante tutto, secondo quanto riportati dalla stampa, la vittima era disposta a ricevere una compensazione monetaria in cambio del Qisas.

A dispetto delle negoziazioni in corso tra la famiglia dell’aggressore e quella della vittima, il giudice Dashtban ha deciso di condannare Hamid S. alla pena del Qisas. Purtroppo per il regime, però, la medievalità del sistema giudiziario si è scontratta – ancora una volta – con la contemporaneità e l’umanità della popolazione civile. Dopo numerose ricerce, infatti, lo stesso giudice ha dovuto ammettere che, per il momento, non era ancora possibile eseguire la sentenza di accecamento del prigioniero per via chiurgica. Perchè? Semplice: nessun dottore iraniano si era mostrato disponibile a prestarsi a questa brutalità.

A questo dato positivo proveniente dalla società civile, ne possiamo aggiungere un altro. Lo scorso anno, come abbiamo già ricordato, il regime iraniano ha mandato a morte 721 prigionieri (anno solare 2014). Circa nello stesso periodo, secondo i dati forniti dalle autorità iraniane, ben 681 condannati a morte venivano risparmiati grazie al perdono concesso dalle famiglie delle vittime. Un altro simbolo di come, a dispetto di un regime barbaro, la popolazione iraniana sia capace di dimostrare, anche nella sofferenza, profonda umanità.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=MFes5G4dCvo%5D

images

Si chiama Reza Safari, ha 42 anni, 17 dei quali passati nelle prigioni iraniane. E’ stato arrestato per la prima volta nel 1995, con l’accusa di aver commesso diversi furti. Reza, da parte sua, ha sempre ammesso le sue resposabilità, ma ha denunciato costantemente di essere stato costretto a rubare per sfamare la sua famiglia. Nella Repubblica Islamica, in ogni caso, poco importano le giustificazioni: seguendo la legge del taglione (il cosiddetto Qisas), Reza Safari venne condannato nel 1997 all’amputazione delle dita degli arti destri, come vendetta per essersi impossessato di oggetti non di sua proprietà.

La sentenza di condanna per Reza Safari

La sentenza di condanna per Reza Safari

Quando mi hanno letto il verdetto” – ha ricordato Reza parlando con gli attivisti per i diritti umani – “pensavo che volessero solamente spaventarmi“. Purtroppo non era cosi. Il 21 agosto del 1997 il boia iraniano mise in atto la sentenza, aumputando le dita della mano e del piede destro del prigioniero. All’epoca, per la cronaca, Reza Safari aveva solamente 26 anni…Il racconto dell’esecuzione della sentenza, come sempre, è ancora più drammatico. “Le mie dita sono state tagliate con una forbice elettrica usata, solitamente, per segare il ferro. Sulla forbice c’erano tracce di altro sangue, segno che l’apparecchio era stato usato già diverse altre volte. Mi hanno tagliato le dita, senza nemmeno farmi una anestesia generale o locale. Ho sempre pensato che era meglio se mi avessero impiccato…“.

Reza Safari è rimasto in carcere sino al 2000. Oggi, consierando gli handicap derivati dalla sentenza, non è più in grado di prendersi cura del suo anziano padre e delle due sorelle più piccole. “Ho provato a trovare un lavoro” – ha gridato Reza – “ma niente da fare, nessuno mi vuole assumere“.  Proprio in considerazione del drammatico danno causatogli dal regime islamico, Reza Jafari ha fatto appello agli attivisti, ai guiristi a alle Ong internazionali, per ricevere un aiuto concreto: il suo obiettivo è portare il regime iraniano davanti alla Corte di Giustizia internazionale e far pagare ai Mullah il prezzo del loro abuso quotidiano dei diritti umani (qui sotto una fotografia recente di Reza Safari).

Vogliamo infine ricordare che, nel febbraio del 2014, un giornale riformista venne chiuso in Iran proprio per aver definito inumana la legge del taglione.

10177896_10152000747677271_894182242116704628_n