Posts contrassegnato dai tag ‘Proteste’

Continuano le proteste nell’Universita’ di Teheran, contro le repressioni del regime. Qui, gli studenti hanno manifestato chiedendo il rilascio di Marzieh Amiri, Leila Hosseinzadeh e altri studenti arrestati per le loro idee politiche in questi mesi.

Marzih Amiri e’ una studentessa – reporter del quotidiano Shargh – che e’ stata arrestata per aver preso parte ad una protesta davanti al Parlamento iraniano, in occasione della giornata del Primo Maggio. Per la sua liberazione, si sono spesi 30 accademici iraniani, che hanno firmato una lettera aperta. Leila Hosseinzadeh, invece, e’ anche lei una studentessa, che e’ stata arrestata in seguito alle proteste di gennaio 2018 e che e’ stata condannata a 2 anni e mezzo di carcere il 24 giugno 2019.

Riportiamo qui sotto alcune immagini delle manifestazioni, applaudendo il coraggio di questi studenti che, nonostante il rischio di essere arrestati e condannati al carcere, hanno scelto di non restare in silenzio e lottare per i loro diritti. Spiace l’indifferenza di molti leader Occidentali davanti a queste battaglie per i diritti umani. Leader evidentemente troppo impegnati a contrastare Trump, per accorgersi di quanto accade quotidianamente in Iran.

Risultati immagini per iran veil protest

Il regime iraniano ha arrestato due donne che nell’Ovest del Paese, precisamente a Kangavar, sono andate in giro per la citta’ senza velo. La loro azione, una protesta contro il velo obbligatorio, e’ stata ripresa in video dal marito di una delle due donne ed e’ stata poi diffusa in Rete da Masih Alinejad, la giornalista esule iraniana che, ormai da anni, sta combattendo una battaglia per i diritti delle donne per mezzo della pagina Facebook “La mia liberta’ rubata”.

Ormai da oltre due anni, aumentano sempre di piu’ le proteste delle donne contro le leggi repressive misogine, in vigore nella Repubblica Islamica. Ogni mercoledi, quindi, le donne iraniane girano con un velo bianco – i cosiddetti “White Wednesday” – per protestare contro il velo obbligatorio.

Purtroppo diverse attiviste sono state arrestate in questi mesi e alcune di queste condannate a lunghe pene detentive. Il caso piu’ eclatante e’ quello dell’avvocatessa Nasrin Sotoudeh, condannata a 38 anni di carcere e 148 frustate, per aver difeso diverse di queste ragazze arrestate per aver protestato contro il velo, contro le leggi della Sharia o semplicemente contro il regime.

wife

Risultati immagini per venezuela iran

Venezuela Libero, Iran Libero! I due slogan vanno insieme, o meglio compongono uno slogan unico. E questo non perche’ esistano chissa’ quali complotti – o meglio, gomblotti – dei cattivoni americani e dei cattivoni sionisti.

No! Questo perche’ il regime venezuelano e quello iraniano sono direttamente collegati, da quando l’ex dittatore di Caracas Hugo Chavez, ha deciso di portare il paese latinoamericano verso il baratro del terzomondismo, stringendosi mani e piedi con Teheran. In questa ottica, Chavez ha ricevuto il negazionista ex Presidente iraniano Ahmadinejad e ha fatto diventare il Venezuela una base per i peggiori traffici della Repubblica Islamica.

In questi anni, infatti, il Venezuela e’ diventato la base degli Hezbollah per eccellenza. Gli aerei della compagnia Conviasa, hanno per anni viaggiato mezzi vuoti tra Teheran-Damasco e Caracas, unicamente per portare in queste tre capitali armi, proventi del narcotraffico e loschi criminali legati ai regimi venezuelano, siriano e iraniano (era la famosa “linea del terrore”).

Parlando del narcotraffico, quindi, proprio il Venezuela ha rappresentato e rappresenta ancora, il centro del traffico di cocaina promosso dai Pasdaran iraniani e da Hezbollah. Purtroppo, nel nome dello scellerato accordo nuclerare, Barack Obama ha bloccato una importante inchiesta della DEA americana – nota come Progetto Cassandra – per smascherare il narcotraffico di Hezbollah in Medioriente e America Latina.

Le relazioni tra Caracas e Teheran non sono cambiate dopo la morte di Chavez e la fine dell’era Ahmadinejad. Bastano queste poche informazioni – di decine di altre che ne esistono – per comprendere come la lotta del popolo venezuelano e quella del popolo iraniano e’ identica: la liberazione da regimi che, nel nome di ideologie estremiste, costringono il popolo alla poverta’ e all’indigenza.

Venezuela Libero, Iran Libero!

Con 84 voti a favore, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che condanna il regime iraniano, per gli abusi dei diritti umani. La risoluzione, in particolare, condanna Teheran per le discriminazioni di genere e contro le minoranze etniche e religiose e chiede immediatamente al regime iraniano di smettere gli abusi contro i prigionieri politici.

La risoluzione e’ stata proposta nell’ottobre scorso da vari Paesi, tra cui anche l’Italia che, durante la votazione, ha confermato il suo parere positivo. Come il grafico mostra, a fianco di Teheran si sono schierati diversi Paesi, la maggior parte dei quali ben lontani da ogni standard minimo di rispetto della democrazia e dello Stato di Diritto.

La condanna dell’UNGA si aggiunge a quella approvata due giorni fa dal Parlamento europeo. In quel caso, i Parlamentari europei hanno chiesto a Teheran l’immediata scarcerazione dell’avvocatessa per i diritti umani Nasrin Sotoudeh, hanno espresso la loro simpatia verso la lotta delle donne iraniane contro il velo obbligatorio e hanno impegnato la Mogherini a farsi carico non soltanto della richiesta di scarcerazione della Sotoudeh, ma anche della necessita’ che la Repubblica Islamica rispetti i diritti umani.

Un impegno che, dubitiamo, la Mogherini rispettera’…

Risultati immagini per iran human rights graphic

Uprising-in-Isfahan-Shiraz-Mashhad-Shahin-Shahr-and-Najaf-Abad

Centinaia di iraniani hanno inviaso le strade in una decina di citta’ iraniane, tra cui Teheran, Isfahan, Mashhad, Shiraz, Ahvaz e Karaj. Le nuove proteste, come le precedenti, sono scoppiate per manifestare contro la situazione economica della Repubblica Islamica e la corruzione imperante ai massimi livelle delle gerarchie del Paese.

Nonostante lo schieramento delle forze di sicurezza del regime e a dispetto delle parole del Portavoce della Magistratura – che ormai minaccia la pena di morte per i manifestanti quotidianamente – i dimonstranti sono scesi in piazza gridando slogan contro il carovita, contro la disocupazione, ma anche contro i rappresentanti del regime (in primis la Guida Suprema Khamenei). A Teheran, la capitale, la folla ha gridato ancora “No Gaza, No Libano, la mia vita solo per l’Iran”.

I Pasdaran e la polizia iraniana hanno provato a disperdere le folle lanciando gas lacrimogeni e attaccando i manifestanti inermi. Tentantivi che, davanti alla disperazione degli iraniani in piazza, non sono serviti a nulla.

Maryam_Faraji

Da giorni non si hanno piu’ notizie di Maryam Faraji, 33 anni, una studentessa nota per le sue coraggiose posizioni contro il regime. Maryam aveva preso parte alle proteste popolari organizzate in diverse citta’ iraniane tra la fine di dicembre 2017 e gennaio 2018.

Secondo il legale di Maryam, l’avvocato Mohamad Aghasi, la ragazza potrebbe essere stata rapita e uccisa dopo aver lasciato la sua casa di Teheran qualche giorno fa. L’avvocato Aghasi ha denunciato la sparizione di Maryam anche sul suo account twitter e immediatamente sono arrivate le accuse di numerosi attivisi alle forze di sicurezza del regime.

Maryam Faraji e’ una studentessa di Management e lavora nel campo finanziario per una compagnia privata. E’ stata arrestata nel gennaio del 2018 – come suddetto – per aver preso parte alle proteste anti-regime nella capitale. Condannata a tre anni di carcere e al divieto di lasciare il Paese, e’ stata successivamente rilasciata su cauzione.

Ricordiamo che durante le proteste popolari di fine 2017, almeno 3,700 persone sono state arrestate e almeno 22 sono stati i decessi.

DiFDAf0WkAE0akE

 

ddc6f68c-4802-4d0e-8dc4-0a83664c6e1a_16x9_788x442

Ieri e’ stato il terzo giorno di manifestazioni popolari in Iran contro il caro vita. Manifestazioni che, questa volta, sono partite dalla capitale Teheran e hanno visto protagonista la classe dei Bazari – i noti mercanti tradizionali iraniani – la cui adesione alle proteste del 1978 – 1979, provoco’ la caduta dello Shah e la vittoria della rivoluzione khomeinista.

Le manifestazioni contro il caro vita, si sono immediatamente trasformate in manifestazioni anti regime. Migliaia di persone si sono riversate per le strade della capitale gridando slogan contro Khamenei, denunciando che il vero nemico del popolo iraniano non sono gli Stati Uniti, ma il regime e chiedendo la fine immedita di tutti i soldi che la Repubblica Islamica spende per finanziare il terrorismo in Siria, Libano, Yemen e Territori Palestinesi.

Ovviamente, neanche a dirlo, il Procuratore di Teheran ha accusato i manifestanti di essere al soldo di padroni stranieri. Nel corso delle manifestazioni – che da Teheran si sono estese praticamente in tutto il Paese, coinvolgendo nuovamente anche gli studenti universitari – sono state arrestati dozzine di dimostranti.

Per loro, purtroppo, sono attese punizioni molto dure. Il capo della Magistratura iraniana, Sadeq Amoli Larijani, ha addirittura affermato che “il disturbo delle attivita’ economiche potra’ comportare pene che vanno dai 20 anni di carcere alla la pena di morte” (video in basso).

Nel frattempo e’ guerra tra le fazioni iraniane. Gli integralisti, soprattutto in Parlamento, iniziano a raccogliere le firme per sfiduciare il Presidente Rouhani. Da parte sua, la fazione di Rouhani accusa i radicali di soffiare sul fuoco delle proteste, allo scopo di colpire il Governo.