Posts contrassegnato dai tag ‘Prigionieri Politici’

Roya-Saghiri

Oggi vi presentiamo un’altra grande eroina iraniana, ovvero un’altra di quelle normali ragazze iraniane che in questo periodo si stanno ribellando al regime e alle sue regole oppressive.

L’eroina di oggi e’ Roya Saghiri, 24 anni, studentessa dell’Universita’ di Tabriz. Roya e’ stata arrestata a gennaio 2018, per aver preso parte alle proteste anti-regime di quei mesi. Oltre a protestare contro il regime, Roya ha anche rimosso in pubblico l’hijab. Per queste ragioni, nel luglio del 2018, Roya e’ stata condanna a due anni di carcere (accusata di “propaganda contro lo Stato”, “insulto alla Guida Suprema”, “disturbo della quiete pubblica per aver partecipato a proteste illegali” e “aver rimosso il velo islamico in pubblico”).

Di Roya esiste esisteno una foto straordinaria che la immortala mentre sorride durante l’arresto e un video che la mostra mentre cammina al fianco di una agente della polizia morale iraniana.

Annunci

nasrin

L’avvocatessa per i diritti umani Nasrin Sotoudeh, ormai detenuta da mesi, ha deciso di rinunciare alle visite famigliari, come forma di protesta contro la richiesta del Procuratore di indossare l’hijab durante gli incontri in carcere.

La notizia e’ stata data dalla figlia di Nasrin, Mehraveh Khandan, che ha dichiarato di aver ricevuto una lettera direttamente dal Procuratore, dopo aver incontrato la madre nel carcere di Evin a Teheran, il 16 settembre scorso.

Non solo: oltre ad aver rifiutato l’hijab, Nasrin ha anche rifiutato di firmare un impegno scritto, impegnandosi ad indossare lo chador, il velo islamico che lascia in mostra il volto e le mani.

Ricordiamo che Nasrin e’ stata arrestata nuovamente il 3 giugno 2018, per aver preso parte a proteste pacifiche contro il regime. Una volta arrestata, Nasrin ha dichiarato uno sciopero della fame di tre settimane, in protesta contro le persecuzioni del regime alla sua famiglia e ai suoi amici. Il 4 settembre scorso, quindi, le forze di sicurezza iraniane hanno arrestato anche Reza Khandan, il marito di Nasrin. Reza e’ stato arrestato da agenti del MOIS, ovvero del Ministero dell’intelligence iraniano, alle dirette dipendenze del Presidente Rouhani.

arash sadeghi

La scorsa settimana l’attivista per i diritti umani Arash Sadeghi, detenuto nel carcere di Rajai Shahr presso Karaj, e’ stato sottoposto ad alcuni test medici, che hanno rilevato – purtroppo – la presenza di un cancro alle ossa. Non solo: sempre secondo i medici, il tumore e’ maligno ed e’ stato identificato come condrosarcoma (un tumore della cartilagine).

Arash e’ stato immediatamente ricoverato per ulteriori esami. Gli oncologi hanno rivelato che il tumore e’ localizzato nel braccio destro, tra la clavicola e la scapola. Solamente dopo la rimozione del tumore, sara’ possibile sapere se Arash avra’ bisogno di una ulteriore operazione o se sara’ necessario fare solamente la chemioterapia.

Arash Sadeghi e’ stato arrestato per la prima volta il 9 luglio del 2009, durante le proteste del movimento Onda Verde (venne rilasciato dopo 90 giorni). Arash e’ stato quindi arrestato nuovamente nel maggio del 2014 e rilasciato dopo sei mesi di carcere e una condizionale di 600 milioni di Toman. Mentre si trovava fuori dal carcere, gli agenti del Ministero dell’Intelligence (MOIS) – alle dipendenze del Presidente – sono entrati senza preavviso nella sua casa, causando un attacco di cuore alla madre di Arash. Attacco che, purtroppo, le e’ costato la vita. Infine, Arash e’ stato arrestato ancora nel giugno del 2016 e trasferito nel carcere di Evin. Stavolta il giudice l’ha condannato a 15 anni di carcere. Dopo uno sciopero della fame di 70 giorni – Arash e’ stato trasferito nel carcere di Rajai Shahr nell’ottobre del 2017.

Anche la moglie di Arash Sadeghi, Golrokh Ebrahimi Iraee, e’ stata arrestata dal regime e condannata a sei anni di carcere nell’ottobre del 2016, dopo che gli agenti hanno trovato nella sua casa dei manoscritti considerati un “insulto al sacro”. Storie che, si badi bene, Golrokh non aveva neanche mai pubblicato.

mohammadi

Il 13 agosto scorso, la nota attivista per i diritti umani iraniana Narges Mohammadi, e’ stata trasferita d’urgenza dal carcere di Evin, all’ospedale di Teeran. Secondo quanto ha denunciato suo marito Taghi Rahmani – che da anni vive in esilio in Francia – Narges e’ stata ricoverata per forti dolori ai reni. Ad oggi, non e’ noto se Narges debba o meno subire un intervento chirurgico.

Secondo quanto denuncia il Centro per la Difesa dei Diritti Umani, con cui la Mohammadi collabora da anni, lo scorso mese – durante un breve ricovero – i dottori hanno scoperto che la Mohammadi ha un tumore all’apparato digestivo. I medici hanno chiesto quindi immediatamente di poter svolgere tutti gli esami necessari, ma i responsabili del carcere di Evin hanno negato il permesso all’ospedalizzazione e hanno riportato l’attivista in prigione.

Ritornata in carcere, la Mohammadi ha sofferto costantemente di nausea e perdita di peso (fino a sei chilogrammi in poche settimane). Il 12 agosto, quindi, Narges ha avuto delle convulsioni e degli attacchi epilettici. Solo allora, i dirigenti di Evin hanno concesso il ricovero.

Ricordiamo che Narges Mohammadi e’ stata arrestata la prima volta nel 2009 e condannata a 11 anni di carcere per “messa a repentaglio della sicurezza nazionale”, “propaganda contro il regime” e per la sua attivita’ in favore dei prigionieri politici e contro la pena di morte. In seguito a gravi problemi di salute, la condanna e’ stata ridotta a sei anni di carcere, fino alla scarcerazione temporanea nel 2013. Purtroppo, nel 2015, Narges Mohammadi e’ stata riportata in carcere e, un anno dopo, condannata dal giudice Abolghasem Salavadi a 16 anni di carcere (confermati in appello). Narges Mohammadi e’ madre di due figli e da anni, ormai, il regime le nega persino il diritto di vedere i suoi bambini.

467124948

Il regime iraniano ha nuovamente arrestato Nasrin Sotoudeh, famosa avvocatessa impegnata da sempre nella difesa dei diritti umani.

A dare notizia del nuovo arresto di Nasrin, e’ stato il marito Reza Khandan, con un post pubblicato sulla sua pagina Facebook. Nel post, Khandan ha anche scritto che – ricevendo gli agenti incaricati in casa – ha affermato: “Con tutte le cose che il Governo dovrebbe fare per il Paese, la sola cosa che fa e’ arrestare persone”.

Ricordiamo che Nasrin e’ stata gia’ arrestata nel 2010 e condannnata a sei anni di carcere per “propaganda contro lo Stato” e “cospirazione”. Nel 2012 Nasrin ha dichiarato lo sciopero della fame, che duro’ addirittura 50 giorni, per protestare contro le persecuzioni alla sua famiglia.

Alla fine la Magistratura scelse di liberarla nel settembre del 2013, ma da anni le e’ pratiamente impedito di  svolgere liberamente la sua professione di avvocato. Ultimamente Nasrin ha preso parte anche al movimento di protesta per i diritti delle donne, contro l’obbligatorieta’ di portare il velo.

400-700

Il Ministro degli Esteri iraniano Zarif, ha rilasciato una lunga intervista al canale americano CBS, per il programma “Face the Nation”. Di questa intervista, cio’ che ha fatto notizia – particolarmente in Italia – e’ la minaccia di Zarif di far ripartire l’arricchimento dell’uranio, se gli Stati Uniti dovessero decidere di cancellare l’accordo nucleare.

Ben pochi hanno invece notato quanto affermato da Zarif in merito allo scambio di prigionieri. Il Ministro degli Esteri iraniano ha infatti affermato che, un simile scambio con gli Stati Uniti, sara’ possibile “per ragioni umanitarie”, solamente davanti ad un “cambio di atteggiamento” verso Teheran, da parte di Washington.

Le parole di Zarif dovrebbero essere condannate dall’intera Comunita’ Internazionale. Sono l’ennesima dimostrazione del fatto che – gli arresti di cittadini iraniani in possesso di doppia cittadinanza, avvenuti in questi anni – hanno seguito una strategia molto chiara: la strategia del ricatto.

Con l’accusa di spionaggio per una “nazione nemica”, accusa sempre buona per ogni stagione, Teheran ha condannato ad anni di galera diversi cittadini iraniani con doppia cittadinanza, tra questi anche americani (come Siamak Namazi, Baquer Namazi e  Karan Vafadari), inglesi (come Nazanin Zaghari-Ratcliffe e Kamal Foroughi) e canadesi (come Saeed Malekpour).

C’e’ un caso poi che, indirettamente, riguarda anche l’Italia: si tratta del caso di Ahmadreza Djalali, in possesso di cittadinanza svedese, ma per anni residente a Torino, dove ha lavorato presso l’Universita’ del Piemonte Orientale. Purtroppo Ahmadreza e’ stato condannato addirittura a morte!

In totale 13 cittadini iraniani, che oggi marciscono nelle galere del regime, in attesa che uno Stato Occidentale paghi per le loro vite. Cosi come nel 2016, durante la Presidenza Obama, gli Stati Uniti pagarono omilioni di dollari per liberare il Pastore cristiano Saeed Abedini e il giornalista del Washington Post Jason Rezaian.

Eshagh-Jahangiri-Francesco-Rocca-680x360

La pagina della rappresentanza italiana alle Nazioni Unite, ha dato notizia della visita di Francesco Rocca – Presidente della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa – in Iran. Una visita che precede l’arrivo di Rocca in Iraq, per una conferenza internazionale.

Secondo quanto si puo’ leggere nell’articolo di ONU Italia, ma anche secondo quanto riportato dalle agenzie iraniane, il viaggio di Rocca in Iran e’ stato incentrato sulle priorita’ umanitarie, non solo nelle aree terremotate della Repubblica Islamica (come il terremoto di Kermanshah nel novembre del 2017), ma anche in territori in guerra come la Siria e lo Yemen.

Ovviamente, non serve neanche dirlo, si tratta di temi di assoluta importanza. Nonostante tutto, si rimane senza parole nel vedere che il tema dei diritti umani non sia assolutamente stato toccato. In particolare, il Presidente Rocca avrebbe dovuto sollevare la questione dei prigionieri politici iraniani e del loro stato detentivo. Come noto, nelle carceri iraniane sono detenuti decine e decine di prigionieri politici, a cui sistematicamente vengono negate le necessarie cure mediche. Prigionieri che, proprio per riuscire ad ottenere i loro diritti, spesso iniziano estenuanti scioperi della fame, che rischiano molto spesso di portarli alla morte (lo stesso Ahmadreza Djalali, in carcere ha perso decine di chili, dopo aver iniziato uno sciopero della fame per protesta).

Visitando l’Iran, Rocca ha incontrato direttamente il Vice Presidente del regime islamista sciita, Eshaq Jahangiri. Come suddetto, almeno pubblicamente, il tema dei prigionieri politici e’ stato totalmente dimenticato. Ci auguriamo che, almeno a telecamere spente, il Presidente Rocca abbia compiuto il suo dovere, sollevanto l’argomento e pretendendo che i rappresenti della Mezzaluna Rossa, ottengano il permesso di visitare le carceri iraniane dove sono rinchiusi gli oppositori politici.

Un documentario su Atena Daemi, prigioniera politica in Iran