Posts contrassegnato dai tag ‘Politica Estera’

ep-307209781

Il due ottobre scorso, una importante delegazione tedesca è giunta in Iran. La delegazione era guidata dal Ministro dell’Economia Sigmar Gabriel e con lui c’erano ben 120 imprenditori (tra loro i rappresentanti di importanti compagnie come la Siemens, la SMS metallurgy group, la Keller HCW e la Mitsubishi Germania). Teoricamente, per Teheran, si doveva trattare di un enorme successo, sia in termini di visibilità che di accordi, considerano che Gabriel aveva firmato con il suo omologo iraniano Ali Tayyebnia ben 10 accordi preliminari, tra cui un accordo fondamentale tra la Banca Federale tedesca e la Banca Centrale iraniana. Un patto necessario per Teheran, soprattutto perchè quasi nessuna banca al mondo vuole – ancora oggi – lavorare con la Repubblica Islamica.

Qualcosa però è andato drammaticamente storto e questo qualcosa dimostra quanto, nella testa del regime iraniano, il fanatismo ideologico superi qualsiasi tipo di pragmatismo politico. Al contrario degli altri politici Occidentali giunti a Teheran, il Ministro dell’Economia tedesco Gabriel si è azzardato a fare due cose che non avrebbe dovuto neanche immaginiare: parlando al Der Spiegel, il rappresentante di Berlino ha pubblicamente invitato il regime ad attuare riforme e ha posto il riconoscimento diplomatico di Israele da parte dell’Iran, come precondizione per i nuovi rapporti tra Berlino e Teheran (EA World View).

Apriti cielo: una volta diffuse dai media iraniani le parole di Gabriel, il regime si è immediatamente chiuso a riccio. Il Ministro degli Esteri Zarif e lo speaker del Parlamento Larijani hanno entrambi cancellato il loro incontro con Sigmar Gabriel. Il capo della Magistratura iraniana, Sadeq Amoli Larijani – fratello di Javan Larijani, recentemente passato per Roma… – ha pubblicamente detto che l’Iran avrebbe dovuto negare l’ingresso a Gabriel. Chi ha incontrato il Ministro tedesco, come il portavoce del Governo iraniano Mohammad Bagher Nobakht, ha dovuto tutelarsi inventando che Gabriel gli avrebbe privatamente detto che le sue parole erano state “traviate” dal Der Spiegel (Tasnim News, Mehr News, Fars News, Mehr News).

Purtroppo per Teheran, c’è ben poco da inventare per il regime iraniano: nell’intervista del 30 settembre scorso, infatti, il Ministro Gabriel dice esplicitamente che “Ein normales, freundschaftliches Verhältnis zu Deutschland wird erst dann möglich sein, wenn Iran das Existenzrecht Israels akzeptiert“, ovvero che ogni relazione amichevole tra la Germania e l’Iran passa necessariamente per il riconoscimento (da parte di Teheran), del diritto di Israele ad esistere (Der Spiegel). Tra le altre cose, una precondizione già dichiarata esplicitamente dalla Cancelliera Angela Merkel nel febbraio del 2016 (Indipendent).

Quanto successo al Ministro tedesco, rappresenta l’ennesima dimostrazione che la sola modalità in cui i rappresentanti di Teheran sanno trattare con il mondo, è quella che non prevede alcun tipo di critica. D’altronde, recentemente proprio l’Italia ha sperimentato sulla sua pelle quanto suddetto: le critiche sull’uso della pena di morte espresse da Gentiloni al Segretario del Consiglio per i Diritti Umani iraniano, Javan Larijani durante la sua visita in Italia, sono state totalmente censurate dai media iraniani (No Pasdaran).

Purtroppo, la Farnesina non ha in alcun modo reagito a questa ignobile censura, dimostrando solamente la debolezza della sua diplomazia.

mogzarifc

Il nostro, chiaramente, è un titolo provocativo. Una provocazione che, però, intende denunciare alcune scelte di politica estera dell’Italia che, purtroppo, non sembrano avere un obiettivo strategico di lungo periodo. Nell’incontro di ieri tra il Ministro degli Esteri Mogherini e il suo omologo iraniano Zarif, infatti, le due parti hanno convenuto sulla necessità di “lavorare ad un nuovo equilibrio regionale”. In poche parole, la responsabile della Farnesina – e neo Mrs. Pesc – ha affermato di voler costruire le basi di un nuovo Medioriente in accordo con il regime iraniano. A questo punto, è possibile porsi tre domande:

1- Cosa significa moralmente costruire un nuovo Medioriente in accordo con la Repubblica Islamica?

2- Cosa significa strategicamente costruire un nuovo Medioriente in alleanza con Teheran?

3 Può bastare la minaccia di Isis per creare una partnership speciale con la Repubblica Islamica? Se si, avrà successo questa strategia per fermare gli islamisti?

Vediamo di rispondere punto per punto, in maniera breve, ma efficare. Prima domanda: Cosa significa moralmente costruire un nuovo Medioriente in accordo con la Repubblica Islamica? Beh su questo punto, considerati anche le centiana di articoli scritti in questi anni, potremmo davvero pubblicare un libro. Il regime iraniano è probabilmente il campione dell’abuso dei diritti umani. Tralasciando il periodo precedente all’avvento al potere di Rouhani, quindi considerando solo l’ultimo anno, la Repubblica Islamica si è distinta per aver messo a morte, incarcato e torturato, un numero impressionante di esseri umani. Lo vogliamo ricordare, Teheran in soli 12 mesi ha impiccato oltre 800 prigionieri. Per un Paese come l’Italia, promotore di una moratoria internazionale contro la pena di morte, appare davvero paradossale stringere una allenza speciale con chi la pena di morte la usa quotidianamente. Alle esecuzioni capitali, inoltre, vanno sommati gli arresti dei giornalisti, la promozione della segregazione di genere e il finanziamento del terrorismo a livello internazionale. Insomma, per farla breve, creare un nuovo Medioriente con l’Iran, certamente, dovrebbe porre dei problemi morali abbastanza importanti. Certo: Isis è una organizzazione senza alcun valore morale, ma la Repubblica Islamica – o almeno gli uomini oggi al potere – spesso non sono da meno…Tutto ciò senza contare gli effetti sul popolo iraniano. Proprio mentre i giovani iraniani cercano una via per trovare la loro libertà, rafforzare l’establishment al potere a Teheran, non farà che chiudere concretamente gli spazi dei giovani iraniani, soprattutto quelli delle minoranze religiose (in primis i cristiani incarcerati in Iran) e delle donne.

2736304-3984812

Seconda domanda: Cosa significa strategicamente costruire un nuovo Medioriente in alleanza con Teheran? Qui si apre un capitolo semplice da spiegare, ma difficile da accettare. Si sta facendo largo l’idea – spesso sostenuta anche Oltre Atlantico, che l’Iran possa rappresentare una soluzione per la stabilizzazione del Medioriente. Orbene, una cosa indubbiamente è certa: l’Iran è un grande Paese della regione mediorientale e, teoricamente, nessun Medioriente stabile sarebbe possibile senza il sostegno dell’Iran. Questo, come detto, purtroppo solo teoricamente. Dal 1979 in poi, sebbene come sostengono i lobbisti pro Iran Teheran non ha mai iniziato una guerra, la Repubblica Islamica si è caratterizzata per essere un soggetto di instabilità regionale. Finanziando il terrorismo internazionale, creando realtà come Hezbollah, mantenendo in vita il regime di Assad e – nel post Saddam Hussein – influenzando la politica settaria dell’ex Premier iracheno al Maliki, l’Iran ha promosso le crisi che oggi attraversano il Medioriente. Al contario del live motive che viene oggi decantato dalla diplomazia internazionale, attraverso i Pasdaran, i Mullah hanno sostenuto una politica aggressiva di esportazione della rivoluzione khomeinista che, come effetto ultimo, ha avuto lo scoppio di una vera e propria guerra intestina dentro l’Islam, tra Sunniti e Sciiti. Pensare di capire il fenomeno Isis, senza comprendere l’evoluzione della guerra civile siriana e l’intervento di Teheran per salvare Bashar al Assad, significa non aver capito nulla dell’attuale crisi mediorientale. Su questo punto, inoltre, è possibile sollevare alcune questioni non legate ad Isis, ma ad altri temi regionali in cui l’Iran è coinvolto: come è possibile pensare ad un rafforzamento dell’esercito libanese senza disarmare Hezbollah, argomento sul quale Teheran è contrario? Come conciliare i propositi di pace che l’Italia promuove tra israeliani e palestinesi, pensando di coinvolgere l’Iran negazionista e finanziatore di Hamas e della Jihad Islamica nel “nuovo Medioriente”? Ricordiamo che, proprio in questi giorni, il “moderato Rouhani” ha promesso di liberare la Moschea di al Aqsa…

2736304-3984815

Terza e ultima domanda: Può bastare la minaccia di Isis per creare una partnership speciale con la Repubblica Islamica? Se si, avrà successo questa strategia per fermare gli islamisti? Riprendendo quanto suddetto, Isis è un fenomeno impazzito di reazione del sunnismo alla minaccia iraniana. La forza di Isis è derivata principalmente da due fattori: 1- la guerra civile siriana e l’intervento iraniano; 2- la politica settaria pro Sciita dell’ex Primo Ministro iracheno al Maliki. Purtroppo per Doha, Teheran e Damasco, che di Isis hanno fatto uso in chiave anti opposizione moderata siriana, i jihadisti islamici sunniti sono sfuggiti di mano a tutti. Le scelte di al Maliki, influenzate direttamente dall’Iran, hanno quindi incoraggiato molte tribu’ sunnite irachene a sposare la causa dell’Isis, pur non condividendone la radicalità religiosa. Un gioco di potere sporco, in cui la Repubblica Islamica non ha meriti, ma responsabilità. Pensare di sconfiggere Isis con una alleanza speciale con l’Iran, purtroppo, rischia seriamente di rivelarsi una strategia perdente. Basti vedere, di recente, la reazione dell’Arabia Saudita all’influenza dell’Iran in Sudan. Riyadh ha costretto Khartum a chiudere tutti gli istituti culturali iraniani nel Paese, per il timore della diffusione dello sciismo. Chiaramente, la situazione irachena è diversa, anche per la presenza nel Paese di una forte componente sciita. Pensare di riportare nella giusta casa le tribù sunnite unitesi a Isis, promuovendo nel contempo la presenza iraniana a Baghdad, rischia di avere un effetto dirompente sulla stessa unità nazionale dell’Iraq. Una volta sconfitto Isis, infatti, nessun Paese sunnita permetterà che Teheran comandi nella capitale irachena. Senza contare, infine che, proprio dall’Iraq, sono arrivati la maggior parte dei jihadisti sciiti che stanno combattendo oggi al fianco di Bashar al Assad.

Concludendo: quella a cui assistiamo oggi, non solo in Italia, sembra essere la disperata strategia di un Occidente senza una visione complessiva dei problemi. Una confusione in cui Teheran, offrendo anche incentivi economici, intende inflarsi per ottenere il massimo profitto. Come, però, già successo dopo lo scoppio delle Primavere Arabe – quando la Repubblica Islamica tentò di farsi portavoce delle piazze sunnite – il rischio concreto è quello di assistere e promuovere un nuovo fallimento. Un rischio che, si badi bene, potrebbe avere conseguenze ben piu’ gravi e longeve della drammatica minaccia del Califfato di al Baghdadi.

2736304-3984810

e0bbade80d040262dbbcff0ef945762315814784_0

L’Occidente guarda ad Hassan Rohani come all’uomo della speranza, colui che sarà capace di portare in Iran la democrazia e rendere la Repubblica Islamica una garante della sicurezza nella regione mediorientale ed asiatica. A tal proposito, addirittura, il quotidiano inglese The Guardian ha proposto proprio Rohani come il candidato per il premio Nobel per la pace. Ancora una volta, quindi, un premio Nobel da assegnare ad un leader internazionale senza che questo abbia ancora dimostrato niente e che, soprattutto, quello che sta mettendo in pratica non ha niente di differente da quanto avveniva nel passato.

Già, proprio così; oltre a non aver cambiato la politica interna, Hassan Rohani non ha cambianto nulla – se non l’approccio diplomatico più conciliante – nella politica estera dell’Iran. A dimostrare che il nuovo corso di Teheran è identico al precedente, ci ha pensato oggi Hussein Amir Abdollahian, Vice Ministro degli Esteri iraniano responsabile del Dipartimento Paesi Arabi ed Africani. Hussein Amir Abdollahian, per la cronaca, è un diplomatico iraniano di lungo corso ed è l’uomo che, quotidianamente, si occupa di aree come la Siria, il Libano, l’Iraq, la Palestina, lo Yemen, l’Egitto ed il Bahrain.

Untitled

In una intervista concessa ad Al Monitor, Hussein Amir Abdollahian, non soltanto ha ribadito il sostegno – senza condizioni – al dittatore siriano Bashar al Assad, ma ha anche rimarcato che Teheran mantiene strettissimi contatti con l’organizzazione terrorista palestinese Hamas. In merito alla Siria, più precisamente, Abdollahian ha affermato che “Noi (l’Iran, NdA) appoggiamo Assad, la sua soluzione politica e le sue riforme. L’Iran sostiene la Siria come membro del blocco della resistenza e…ritiene Assad il Presidente legittimo della Siria sono alle prossime elezioni”, Il diplomatico iraniano, quindi, ha evidenziato come una collaborazione tra l’Arabia Saudita e l’Iran , potrebbe riuscire ad arginare efficacemente il terrorismo di Al Qaeda. Ottima idea, peccato però che Teheran continua a sostenere i ribelli sciiti in Yemen, favorendo direttamente l’instabilità del Golfo Persico e della stessa Arabia Saudita! Senza contare i missili che i Pasdaran hanno inviato ai Talebani in Afghanistan, alleati diretti di al Qaeda…

Rispondendo quindi ad una domanda specifica sul rapporto con Hamas, Abdollahian ha affermato che il rapporto tra l’Iran e l’organizzazione terrorista islamica palestinese resta molto forte e rivela che, proprio in questi giorni, i terroristi “Khaled Meshaal e Islamil Hanyeh sono stati ricevuti in Iran”. Anzi, aggiunge il diplomatico iraniano, “è possibile trovare rappresentanti di Hamas in Iran in ogni momento“. Subito dopo, quindi, Abdollahian parla dell’Egitto, evidenziando come i rapporti con Il Cairo sono buoni “ad ogni livello” e criticando Morsi per non aver tenuto in considerazione diverse problematiche. Peccato, però, che si tratta dello stesso Egitto che quotidianamente combatte i terroristi islamici – pagati e sostenuti da Hamas – che hanno reso la Penisola del Sinai una zona di traffici illeciti e sofferenza. Quindi, considerando che i terroristi di Hamas arrivano in Iran per ottenere finanziamenti, Teheran dovrebbe spiegare al Governo egiziano come mai – nonostante i buoni rapporti – continua a sostenere l’organizzazione che per eccellenza mette in pericolo la stabilità egiziana…

Documenti pubblicati dai giornali egiziani che dimostrano il ruolo di Hamas nell'instabilità nel Sinai

Documenti pubblicati dai giornali egiziani che dimostrano il ruolo di Hamas nell’instabilità nel Sinai

Al di là delle contraddizioni, leggendo le parole di Hussein Amir Abdollahian, sorge spontanea una domanda; che cosa è cambiato nella politica estera iraniana dopo l’elezione di Rohani? Se quello Al Monitor riporta è vero, come è ovvio, ci sembra che la politica estera del Governo Rohani sia identica a quella di Ahmadinejad e sia caratterizzata, ancora una volta, dal sostegno a leader ed organizzazioni che diffondono terrore e morte. Sarà forse proprio per questa continuità che, lo Hussein Amir Abdollahian, è stato confermato senza indugio dal neo Ministro Zarif nella stessa identica posizione che occupava al tempo in cui Ali Akbar Salehi era Ministro degli Esteri. Per la cronaca oggi Ali Akbar Salehi è il Capo dell’Agenzia Atomica Iraniana…

President-Rohani-with-Salehi-and-Zarif-2-HR