Posts contrassegnato dai tag ‘Nato’

foto 1

Ieri tre poliziotti sono morti in Bahrain dopo l’espolsione di un ordigno al plastico. L’attentato, secondo quanto reso noto dalle autorità locali, è avvenuto nel villaggio di Dahi – a maggioranza sciita – a ovest della capitale Manama. Come detto, purtroppo, nell’attacco sono periti tre servitori dello Stato: due di nazionalità bahreina e uno degli Emirati Arabi Uniti, membro della missione militare inviata in Bahrain dal Consiglio di Cooperazione del Golfo. Almeno per ora, nessuno ha voluto rivendicare l’attacco (anche se 25 persone sono state già arrestate), ma la mano del regime iraniano è facilmente individuabile. L’attentato, infatti, è stato compiuto per mezzo di esplosivo al plastico C4, prodotto dalla combinazione di RDX (ovvero la ciclotrimetilentrinitroammina) in melma, con il legante plastico dissolti in un solvente. I Pasdaran, per mezzo degli agenti della Forza Quds, sono i primi responsabili dell’esportazione criminale di questo esplosivo a gruppi ribelli, organizzazioni terroriste e proxy vari, con lo scopo di colpire forze militari straniere o destabilizzare gli Stati considerati nemici.

foto 2

foto 3

Ormai da diversi anni, va sottolineato, gli esperti di terrorismo hanno individuato in Teheran la fonte primaria della proliferazione di questo esplosivo in Medioriente e in altre parti del mondo. Ci sono diverse prove a testimonianza di quanto qui affermato. Solo per fare alcune brevi esempi, in ordine cronologico:

Qui sotto potrete vedere due video in merito al plastico C4 e ai suoi effetti: nel primo video, un militare americano spiega e mostra come è composto l’esplosivo al plastico C4. Nel secondo video, invece, vedrete una simulazione di una attacco con questo esplosivo, contro un autobus. Purtroppo, come suddetto, questo secondo accadimento è davvero accaduto nell’attentato suicida di Burgas nel 2012, provocando la morte di sette turisti innocenti e il ferimento di altre 32 persone.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=GppeGXua_EA%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=kYjzIMLQYVs%5D

 

GIANNI VERNETTI NO PASDARAN
No Pasdaran ha l’onore di intervistare l’Onorevole Gianni Vernetti, uomo politico conosciuto per la sua strenua difesa dei principi liberali e dei valori della democrazia. Più volte Parlamentare della Repubblica, Gianni Vernetti ha ricoperto l’incarico di Sottosegretario agli Affari Esteri durante il secondo Governo di Romano Prodi (2006-2008), coordinando le politiche italiane in Asia e occupandosi in particolare di molte aree di crisi a cominciare dall’Afghanistan. Con la delega ai Diritti Umani ha rappresentato l’Italia nel Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite e nella Community of DemocraciesDurante il suo mandato da Sottosegretario agli Esteri l’onVernetti ha coordinato  la campagna per l’approvazione della “Moratoria universale della pena di morte”, conclusasi con l’approvazione di una risoluzione ad hoc  da parte della Nazioni Unite nel 2007. Iscritto al Pd, Gianni Vernetti fa parte della corrente renziana all’interno del Partito Democratico.Abbiamo posto a Gianni Vernetti alcune importanti domande relative all’attuale situazione mediorientale e, soprattutto, alla questione iraniana. In tal senso, quindi, abbiamo chiesto all’Onorevole la sua posizione in merito all’Iran dopo l’elezione di Hassan Rohani, al ruolo di Teheran nella promozione del terrorismo a livello internazionale e alla situazione dei diritti umani all’interno delle Repubblica Islamica.
Ecco che cosa ci ha detto, in esclusiva, l’Onorevole Vernetti:
  • I disordini in Medioriente: di recente Lei ha pubblicato una lettera su Il Foglio, chiedendo un intervento Italiano e Occidentale per imporre una No Fly Zone in Siria. Ci può descrivere la Sua posizione in merito al conflitto siriano e i drammatici effetti che questo sta avendo sui Paesi limitrofi?
Credo che abbiano perso già moltissimo tempo prezioso. La Siria di Assad è un paese che esporta terrorismo e instabilità in tutta la regione mediorientale,  a cominciare dal sostegno logistico, finanziario e militare ad Hezbollah. Quando l’onda lunga della primavera araba è giunta alle sue porte, Bashir al Assad ha risposto nell’unico modo che conosceva: con il terrore e la violenza. È così iniziata la carneficina dei civili e di chiunque osava alzare la testa. Essendo appena usciti dal conflitto libico, America ed Europa non hanno avuto il coraggio di agire e  Russia e Cina hanno fatto valere tutto il loro potere d’interdizione in Consiglio di Sicurezza per impedire l’adozione di una qualunque risoluzione contro il regime di Assad. Il vuoto dell’occidente è stato occupato purtroppo dalle milizie jihadiste che oggi rappresentano un grave problema soprattutto per l’opposizione siriana. L’impatto del conflitto siriano sui paesi vicini è devastante: milioni di profughi in Giordania, Turchia e Kurdistan iracheno e un Libano che rischia si essere travolto nel conflitto.
  • L’Iran finanzia il terrorismo, praticamente in tutto il mondo ed è direttamente implicato nella mattanza siriana, ove ha inviato oltre 4000 pasdaran e addestra una milizia popolare di 50.000 uomini. In questi giorni, tra l’altro, uomini del regime sono stati condannati in Thailandia per terrorismo. Come si può fermare questa spirale di morte promossa da Tehran?

Intanto con un cambio di  regime in Siria: la caduta di Assad priverebbe l’Iran di un importante alleato che in questi anni è sempre più diventato un “proxy” dell’Iran stesso e farebbe finire la contiguità territoriale fra Iran ed Hezbollah, continuità che ha permesso il riarmo di Hezbollah ben oltre le capacità raggiunte nel 2006 nell’ultimo confronto armato con Israele. Il coinvolgimento attivo di Iran ed Hezbollah nel conflitto siriano si rivelerà un grave errore per entrambi: già oggi Hezbollah, proprio a causa della sua presenza armata in Siria, sta perdendo di credibilità agli occhii di settori sempre più ampi di opinione pubblica sciita libanese.

  • Pensa che la crisi in Egitto riporterà Hamas nelle braccia dell’Iran? La Striscia di Gaza diventerà presto una nuova Valle della Beka’a?

Non credo. L’esclusione dal potere della Fratellanza Musulmana indebolirà Hamas che sarà costretta a trovare nuovi interlocutori (auspicabilmente più moderati) nel mondo sunnita.

  • Passiamo alle recenti elezioni in Iran: a Teheran, come sa, è stato eletto un nuovo Presidente, Hassan Rohani. Cosa pensa delle elezioni? Crede davvero che Rohani, un uomo del’establishment, possa cambiare il volto del regime iraniano?

Le elezioni in Iran sono state una farsa e si sono svolte al di fuori di ogni minimo standard di legalità internazionale: i soli filtri che il regime ha imposto per la selezione delle candidature non le rendono credibili nei confronti di alcun organismo internazionale. Le elezioni in Iran hanno visto una normale competizione fra l’establishment al potere che rimane sostanzialmente immutato. Le prime di dichiarazioni di Rohani, sul nucleare, Siria, Israele e opposizione interna non lasciano ben sperare

  • Dopo l’elezione di Rohani, buona parte della Comunità Internazionale si è detta disposta a rivedere le relazioni con l’Iran. Ciò, a dispetto del fatto che Rohani non ha ancora dimostrato nulla. Lapo Pistelli, Vice Ministro degli Esteri, si è recato in Iran e ha annunciato di voler approfondire le relazioni bilaterali tra Iran e Italia. Cosa ne pensa? Non crede che si stia correndo troppo, senza aver nulla in mano?
Credo che la missione del Vice Ministro Pistelli sia stata un errore: è stata promossa un’apertura di credito da parte dell’Italia senza nessuna minima apertura da parte iraniana su nessuno dei dossier aperti con la comunità internazionale, a cominciare dal nucleare.
  • Le sanzioni internazionali hanno dimostrato di aver un effetto positivo sul regime iraniano, provocando la caduta della cricca di Ahmadinejad. Ora – a dispetto del fatto che Teheran ha dichiarato di non voler sospendere il programma nucleare – alcuni parlano già della cancellazione delle sanzioni internazionali. Hassan Rohani, tra l’altro, da negoziatore nucleare ammise di aver usato l’Occidente per permettere all’Iran di sviluppare il programma nucleare indisturbato. Qual’è la sua opinione in merito?

Le sanzioni non vanno cancellate soprattutto perché l’Iran ha saputo, come lei afferma, “giocare” con la comunità internazionale riuscendo a compiere significativi progressi nel suo programma nucleare militare. Alcuni “realisti” in occidente ritengono che non sarebbe una tragedia se l’Iran si dotasse dell’arma nucleare, ritendendo possibile una sorta di riproduzione del modello di deterrenza nucleare della Guerra Fredda fra americani e sovietici in Medio Oriente. Purtroppo non è così: un regime teocratico che impicca adultere e omosessuali minorenni, che esporta sistematicamente terrore in tutto il mondo, non esiterebbe a usare tutti gli strumenti bellici a sua disposizione per un “first strike” contro Israele.

  • Diritti umani: ogni giorno in Iran esseri umani vengono impiccati nel silenzio internazionale. Pensa che il nuovo Presidente cambiarà la situazione? E’ possibile che l’Occidente voglia stringere la mano a chi uccide quotidianamente, senza prima pretendere cambiamenti concreti sui diritti umani?

L’occidente deve ricominciare a fare della promozione della democrazia e della tutela dei diritti umani uno dei pilastri della propria politica di relazioni internazionali. Vanno anche riorientati parte dei fondi della Cooperazione allo Sviluppo a questo scopo per sostenere, la società civile e le opposizioni democratiche nei regimi dittatoriali. Un mondo senza dittatori dovrebbe essere un  obiettivo importante per la comunità internazionale quanto i Millennium Development Goals.

Ringraziamo ancora l’Onorevole Gianni Vernetti, non solo per averci concesso l’intervista, ma anche per essere un esempio di personalità politica che davvero lotta per difendere il signficato reale delle parole libertà, democrazia e diritti umani.