Posts contrassegnato dai tag ‘Nasrallah’

Il 13 Maggio del 2016, i media davano la notizia dell’uccisione a Damasco di Mustafa Badreddinne, uno dei maggiori terroristi dell’organizzazione libanese Hezbollah. Ad oggi, in merito alla morte di Badredinne, si sono fatte diverse ipotesi. La prima, ovviamente, ha puntato l’indice contro Israele, ma un articolo apparso in tal senso su Al-Mayadeen è stato presto cancellato. La seconda ipotesi, quindi, è stata quella che vede l’opposizione siriana responsabile della morte del terrorista di Hezbollah.

In questi giorni, quindi, una nuova ipotesi si sta facendo spazio: secondo quanto pubblicato da al-Arabiya, ad uccidere Mustafa Badreddinne sarebbe stato un complotto interno nello schieramento filo-Teheran. In particolare, si sarebbe trattato di una azione voluta direttamente da Qassem Soleimani – comandante della Forza Qods – in accordo con Hassan Nasrallah, Segretario di Hezbollah. Ricordiamo che Badredinne era stato incaricato direttamente dal duo Soleimani-Nasrallah, di comandare le forze di Hezbollah, intervenute nel 2012 al fianco di Assad nella guerra siriana (al-Arabiya).

Mentre si trovava in Siria, però, la figura di Badredinne sarebbe divenuta scomoda. Il terrorista libanese, infatti, non soltanto era stato giudicato colpevole, in contumacia, dell’uccisione dell’ex Premier libanese Rafiq Hariri, avvenuta nel 2005, ma si sarebbe anche opposto alle modalità di commando del Generale iraniano Soleimani. Precisamente, Badredinne avrebbe criticato Soleimani per non dare la stessa attenzione alle vite dei combattenti arabi sciiti, rispetto a quelle degli iraniani.

Il 13 maggio del 2016, quindi, Badredinne sarebbe stato attirato in una trappola, ordina contro di lui all’aeroporto internazionale di Damasco. Badredinne sarebbe arrivato all’aeroporto con altre tre persone, una di queste la sua guardia del corpo. Secondo le fonti filo-Hezbollah, Badredinne sarebbe stato ucciso con una bomba ad implosione. Le foto pubblicate da al-Arabiya – immagine in alto – però, mostrano come nessuna esplosione è avvenuta nel luogo in cui il terrorista libanese è morto. Inoltre, delle tre persone arrivate con Badredinne all’aeroporto, solo lui sarebbe rimasto ucciso (alquanto inverosimile).

Sempre secondo quanto riporta il media arabo, una delle persone presenti all’aeroporto di Damasco quel giorno era Ibrahim Hussein Jezzini, consideranto uno stretto confindente di Badredinne. Potrebbe essere stato proprio lui, su ordine di Nasrallah, a compire l’omicidio. Pochi giorni dopo la morte di Badredinne, il clerico sciita Abbas Hoteit ha commentato: “Mustafa Badredinne è stato ucciso da due proiettili traditori”.

Nel rumore delle guerre intestine e settarie, drammatiche, che si stanno combattendo in Siria e Iraq, non si odono (per ora) le voci di dissenso interno ai vari schieramenti. Queste voci, però, esistono e, quando raccontate, offrono uno spaccato drammatico della situazione.

In un report speciale pubblicato dal think tant Washington Institute for Near East Policy, vengono riportate le voci di dissenso dei miliziani jihadisti di Hezbollah, nei confronti del regime iraniano. In particolare, grazie alla condizione di anonimato offerta, i miliziani di Hezbollah lamentano il fatto di essere considerate vite di serie B. Secondo quanto denunciano, infatti, il comandante iraniano Qassem Soleimani – a capo della Forza Quds dei Pasdaran – intepreta la sua missione principale come quella di salvare gli iraniani. A tale scopo, egli considera gli arabi sciiti impegnati in Siria e Iraq, come sacrificabili.

I vecchi combattenti di Hezbollah, consapevoli di questa situazione, si sono costantemente allontanati dal Partito di Dio, Questi combattenti, quindi, sono stati sostituiti da giovani ragazzi disoccupati a cui, più che l’ideologia, interessa un salario sicuro (almeno fino alla morte). La guerra in Siria, sta isolando le Comunità sciite del Libano e le sta allontanando anche dal regime iraniano. Un allotanamento che ha un effetto sugli stessi reduci sciiti della jihad siriana: una volta tornati nelle loro Comunità, dopo le cerimonie di facciata, questi miliziani restano spesso ai margini della società e diventano tossicodipendenti.

A quanto sembra, Qassem Soleimani non è molto disponibile al dialogo e alle critiche. Quando la leadership di Hezbollah non ha risposto alla richiesta di Soleimani di inviare nuovi jihadisti ad Aleppo, il comandante Pasdaran ha tagliato i salari per tre mesi, sino a quando Hezbollah non si è piegato. Insomma: una vera e propria relazione tra padrone e sottomesso che, ovviamente, ha creato una generale disilussione, soprattutto sul mito della possibile creazione di una “identità unita degli sciiti”.

Di seguito il link per leggere il report completo, in inglese:

http://www.washingtoninstitute.org/policy-analysis/view/hezbollah-losing-its-luster-under-soleimani

aaaaaaaa

E’ da tempo che scriviamo che l’asse filo-Assad in Siria non e’ affatto un monolite. Abbiamo chiaramente detto che, sebbene legati da numerosi interessi comuni, gli iraniani e i russi non ‘giocano’ proprio la stessa partita. Cosi come a Teheran, pur sapendo bene che l’intervento di Mosca ha salvato il potere di Assad, nessuno e’ rimasto veramente contento dell’ingresso ufficiale dei militari russi nel conflitto.

Cosa e’ accaduto ad Aleppo?

Una controprova di quanto da tempo affermiamo, arriva direttamente dalla Siria: secondo quanto riportato da siti vicini all’opposizione e da giornalisti vicini al regime (post di Kinana Allouche), il 16 giugno scorso, l’esercito siriano ha bombardato delle postazioni di Hezbollah presso Tel Al-Maysat e Al-Bureij, nell’area vicino ad Aleppo. Poco dopo, quindi, lo scontro si e’ spostato nei villaggi sciiti di Nubl e Al-Zaharaa. I bombardamenti avrebbero causato decine di morti sia tra le file di Hezbollah, che tra quelle dell’esercito lealista. Secondo quanto riporta il sito “Shaam”, quindi, la stessa aviazione russa avrebbe partecipato al conflitto interno, bombardando le postazioni di Hezbollah nelle aree intorno ad Aleppo. Aspetto interessante: al fianco di Hezbollah avrebbe combattuto anche la milizia sciita irachena,  Al-Nujaba (Memri).

Le ragioni di questo scontro, sarebbero almeno due:

  1. le forze di Hezbollah insistono nell’accettare di ricevere ordini solo da Teheran e di non considerarsi subordinati agli ufficiali dell’esercito di Assad;
  2. Hezbollah, seguendo chiaramente una direttiva iraniana, ha espresso la sua contrarietà all’idea di un cessate il fuoco ad Aleppo (cessate il fuoco annunciato dalla Russia a sorpresa).

Dietro lo scontro, le divisioni tra Mosca e Teheran

Quanto accaduto il 16 giugno ad Aleppo, ha una sola grande motivazione: la geopolitica di Mosca e quella di Teheran non coincide. Certo, a Putin interessa un rapporto privilegiato con gli iraniani, soprattutto nell’ottica del commercio di armi, ma il Presidente russo vede anche la Repubblica Islamica come un competitor pericoloso nel settore dell’Oil & Gas. Un concorrente che, ovviamente, l’Occidente ha rimesso in gioco proprio per isolare la Russia (No Pasdaran).

Ancora: anche in Medioriente e nella stessa Siria, le posizioni di Teheran e Mosca non sono identiche. L’Iran e’ intervenuto in Siria non tanto per salvare Assad, ma per rendere la Siria alawita uno “stato-puppet”, utile per espandere l’imperialismo khomeinista e per riuscire a controllare e rifornire di armi e soldi Hezbollah in Libano. Per questo, il debole Bashar al Assad ha sempre rappresentanto una linea rossa per Teheran: un leader ormai privo di potere, da maneggiare a piacere dei Pasdaran.

Per Putin la storia e’ differente: la Russia – da trent’anni in Siria – ha bisogno di mantenere in vita la Siria alawita non tanto per farne una provincia russa, ma per garantire alla Marina basi militari come quella di Tartus, vitali per permettere a Mosca di accedere ai “mari caldi”. Per questo, per il Presidente russo, Assad non e’ una linea rossa, cosi come non lo e’ la firma di accordi con l’opposizione se convenienti all’interesse principale.

Infine, per l’Iran la Siria deve rappresentare una grande “base militare” da cui poter attaccare Israele (via Hezbollah) quando e se necessario. Israele, per la Repubblica Islamica, rappresenta infatti quel “nemico esterno necessario”, funzionale al potere interno dei Mullah, basato sull’idea che il mondo esterno sia fatto di complotti anti-islamici e anti-Teheran. Per Mosca, al contrario, Israele e’ divenuto un interlocutore di primo piano, con cui si possono stringere accordi politici, militari e soprattutto commerciali. Senza contare che, al contrario degli iraniani, gli israeliani non sembrano intenzionati a mettere in atto una politica energetica provocatoria nei confronti dei russi.

Tutto questo senza dimenticare l’Arabia Saudita, per l’Iran un vero nemico, ma considerata dalla Russia un partner importante nel Golfo e soprattutto nel mondo sunnita. Non va dimenticato, infatti, che la Russia ha un rilevante problema di radicalismo islamico al suo interno, ideologicamente legato al salafismo wahhabita. Per Putin quindi, oltre alle armi, il dialogo con gli al-Saud rimane una priorità.

Il Meeting Tripartito di Teheran…un fallimento?

La scorsa settimana l’Iran ha dato grande risalto ad un incontro – avvenuto a Teheran – tra i Ministri della Difesa dell’Iran, della Russia e della Siria. Nonostante i sorrisi e messaggi pubblici, l’incontro “tripartito” sembra essere stato un fallimento. Gli iraniani hanno fatto sapere ai russi di non essere felici della loro disponibilità a stringere patti con l’opposizione siriana, mentre da Mosca e’ stato messo in chiaro che Putin non ha alcuna volta di approfondire la campagna militare ad Aleppo o di iniziarne una più importante direttamente nella tana dell’Isis, a Raqqa (Asia Times).

Considerando che tutte le notizie che arrivano sugli scontri – militari e politici – del fronte pro Assad sono frammentati, e’ impossibile fare una disamina definitiva. Nonostate tutto, sembra chiaro che non si tratta di un “blocco unico” e che questo “Triple-Entente”, potrebbe anche implodere dal suo stesso interno…

qqq

Se vuoi capire Gaza, studia la geopolitica iraniana. Così si potrebbe riassumere, in poche parole, un consiglio a chiunque volesse seriamente cercare di capire quanto sta avvenendo a Gaza in un quadro regionale piu’ ampio. L’attuale crisi di Gaza, infatti, guarda caso accade proprio in un momento in cui a Teheran diverse cose pericolose bollono in pentola. Andiamo a vedere allora i motivi per cui il regime iraniano sta soffiando sul fuoco di Gaza, a discapito delle vite di migliaia di civili palestinesi ed israeliani.

  • Primo Punto: la Questione Nucleare: il regime iraniano al suo interno è diviso sul negoziato tra un’ala piu’ pragmantica, interessata solo a mantenere il potere nelle mani dei Mullah e a fare soldi con l’Occidente (Rouhani e Rafsanjani), e un’ala radicale, fondata sullo scontro culturale e militare contro l’Occidente. Quest’ala è quella attualmente guidata da Ali Khamenei e dai Pasdaran. Per la Guida Suprema, ad esempio, lo scontro con l’Occidente è la base della Velayat-e Faqih e non esiste un compromesso di grande periodo raggiungibile con il Grande Satana (gli Stati Uniti). I negoziati sul nucleare, quindi, sono praticamente ad un punto morto. Non solo: Khamenei li ha volontariamente deragliati, pubblicando numerose redlines che i negoziatori iraniani devono seguire. La crisi di Gaza, perciò, cade a fagiolo per tutte le fazioni iraniane: tenendo la Comunità Internazionale impegnata su Israele e Palestina, l’Iran punta ad ottenere almeno altri 6 mesi di negoziato, continuando ad intascare i profitti dell’alleggerimento delle sanzioni;
  • Secondo Punto:  la crisi di Gaza riporta l’Iran al centro della geopolitica palestinese. Con Hamas indebolito e l’accordo sottoscritto con Abu Mazen, Teheran rischiava di essere tagliata fuori dai giochi. Premendo sull’ala estremista di Hamas, perciò, Teheran ha indirettamente costretto all’angolo il movimento islamico, offrendosi come unica sponda di sostegno politico e militare. La Repubblica Islamica, infatti, sa molto bene che in questo momento tutti i Paesi arabi stanno voltando le spalle a Hamas, colpevole di aver portato avanti una politica di eccessiva interferenza negli affari interni di diversi Stati della regione (Egitto in testa);

10423639_10203288441145398_732035139706570144_n

  • Terzo Punto: I Pasdaran. Le Guardie Rivoluzionarie hanno un solo scopo: lavorare per l’esportazione della rivoluzione khomeinista e salvaguardare il cosiddetto Asse della Resistenza (Iran, Siria, Hezbollah, Hamas). Dopo lo scoppio della crisi siriana, con Hamas schierato contro Bashar al Assad, i rapporti con Gaza si erano raffreddati. Negli ultimi mesi però, in raccordo con la fine dell’esperienza Morsi in Egitto, diversi esponenti di Hamas si sono recati in Iran a chiedere perdono per i loro peccati. I peccatori, chiaramente, sono stati accolti a braccia aperte come fedeli che ritornavano all’ovile dalla Forza Quds, a patto che facessero veramente ammenda dei loro peccati. La scelta di non firmare la tregua proposta da Il Cairo e di cercare lo scontro militare, sembra proprio corrispondere alla volontà di Hamas di dare ad una forza esterna (l’Iran) la prova della sua fedeltà all’obiettivo comune di  “distruggere Israele”. Putroppo, una prova di fedeltà data sulla pelle della vita degli abitanti di Gaza;
  • Quarto Punto: la situazione in Iraq e in Siria. Con il mondo concentrato sulla crisi di Gaza, l’Iran e i suoi alleati (Assad in primis) hanno campo libero di agire liberamente. In Iraq, Teheran ha campo libero per inviare le sue forze contro l’ISIS e ottenere così fedeltà assoluta da al Maliki (a discapito dell’unità dell’Iraq, probabilmente). I massacri in Siria, invece, sono drammaticamente spariti dalle TV mondiali, pur venendo portati avanti senza pietà da Bashar al Assad, grazie al sostegno dei Pasdaran iraniani e delle milizie sciite finanziate da Teheran. In Siria, per la cronaca, l’Iran sta costruendo un vero e proprio movimento Pasdaran parallelo, modellato su quello di Teheran;
  • Quinto Punto: il Libano di Hezbollah. Dopo lo scoppio della crisi siriana, Hezbollah ha subito una crisi interna ed esterna. Se prima era visto in Libano e non solo, come un movimento di liberazione, oggi è reputato solamente una organizzazione terrorista al servizio di Teheran e impegnata nell’uccisione dei nemici sunniti. La crisi di Gaza, quindi, consente ad Hezbollah di respirare e calmare le acque assai calde all’interno al Partito di Dio (soprattutto con l’avanza di ISIS in Iraq). E’ chiaro che Teheran approfitterà dello sguardo del mondo su Israele e Gaza per riarmare fortemente Hezbollah e usarlo per rafforza il potere in Libano e non solo.

 

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=UuNJWcnFYkg%5D

 

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=tlfGYeIM1xk%5D