Posts contrassegnato dai tag ‘Mullah’

untitled

Nonostante i divieti imposti dal regime, migliaia di persone si sono radunate il 27 ottobre scorso, presso Pasargade – la città fondata da Ciro II, noto come Ciro il Grande – ove sepolti lo stesso Ciro II e suo figlio Cambise II. Il 27 ottobre (il 7 di Aban, secondo il calendario persiano), si celebrava la cosiddetta “Giornata di Ciro”, un giorno dedicato al grande imperatore persiano nell’anniversario della sua entrata in Babilonia. Si tratta di una ricorrenza che i Mullah vietano assolutamente, considerandola non conforme ai pricipi della Repubblica Islamica. Come suddetto, però, le proibizioni dei clerici servono a poco e nulla davanti alla rabbia del popolo.

Qui di seguito vi mostriamo alcuni video della protesta di massa. Come vedrete, i giovani iraniani cantano slogan in memoria della monarchia deposta dei Pahlavi (video 1), contro il regime e contro la sua politica estera. In uno dei video, infatti, la folla canta “il regime dei mullah è solo oppressione e Guerra” (Video 2), mentre in un altro si sente forte il grido “No al sostegno del regime al Libano. Noi sosteniamo solo l’Iran” (Video 3). Nell’ultimo video, il numero 4, si sentono i manifestanti gridare “Ciro è il nostro padre, l’Iran la nostra madrepatria“.

Si tratta, probabilmente, della protesta anti-regime più significativa dopo la repressione del movimento dell’Onda Verde. Ennesima riprova non solo della tenacia del popolo iraniano e del peso ormai insopportabile del regime fondamentalista dei Mullah, ma anche del completo fallimento della Presidenza Rouhani.

Video 1: Slogan in onore della deposta monarchia Pahlavi

Video 2: Slogan anti-regime (il regime dei Mullah è solo oppressione e Guerra)

Video 3: Slogan contro il sostegno del regime iraniano al Libano (si intende Hezbollah e di riflesso Assad)

Video 4: “Ciro è il nostro Padre, l’Iran la nostra madrepatria”

Annunci

Jannati-Guardian-Council

L’elezione del capo dell’Assemblea degli Esperti era attesa da settimane in Iran. Da questa elezione, infatti, si sarebbe capito veramente dove pendeva l’ago della bilancia. La guerra intestina, come noto, era tra due fazioni: quella conservatrice-pragmatica di Hassan Rouhani e Hashemi Rafsanjani; e quella ultraconservatrice-rivoluzionaria-movimentista sostenuta neanche troppo segretamente da Ali Khamenei e soprattutto dai Pasdaran.

Candidati alla poltrona dell’Assemblea degli Esperti erano tre anziani clerici: l’ultraconservatore Ahmad Jannati, 90 candeline, Ebrahim Amini, 92 anni e considerati vicino a Rafsanjani e Mahmoud Hashemi Shahroudi, un giovanotto di 67 anni, ex capo della Giustizia iraniana e anche lui vicino a Rafsanjani. Ricordiamo che l’Assemblea degli Esperti elegge la Guida Suprema, ovvero eleggerà il successore di Khamenei.

Nonostante i due candidati di Rafsanjani – a sua volta ex Presidente dell’Assemblea degli Esperti – ad averla vinta e’ stato Ahmad Jannati, eletto nella capitale Teheran, insieme ad altri 15 rappresentanti dell’Assemblea degli Esperti. Jannati ha vinto senza troppi problemi, ottenendo il 60% dei voti.

Jannati e’ da sempre un insider dell’establishment iraniano. Ironicamente, pur essendo lui un estremista khomeinista, uno dei suoi figli, Hossein Jannati, venne ucciso dai Pasdaran nel 1981, perché membro dei Mojahedin del Popolo, gruppo di opposizione islamico-marxista, oggi considerato terrorista in Iran (ShamNews). L’altro figlio di Ahmad Jannati, Ali Jannati, e’ oggi Ministro della Cultura nel Governo Rouhani. Considerato un moderato, Ali Jannati non ha fatto nulla per confermare questa “fama”. Al contrario, sotto la sua guida, il Ministero della Cultura e della Guida Islamica non solo ha censurato numerosi intellettuali, giornalisti e artisti (e permesso il loro arresto), ma ha anche sostenuto la nuova “mostra” di vignette contro l’Olocausto, recentemente organizzata Teheran (Equality Italia).

Con la vittoria di Jannati, si apre un capitolo dai risvolti imprevedibili. In primis a livello interno e per lo stesso Rafsanjani, la cui famiglia e’ recentemente finita nell’occhio del ciclone, per un incontro avvenuto tra la figlia dell’ex Presidente iraniano Rafsanjani, Faezeh Hashemi, e una prigioniera politica Baha’i in permesso premio di cinque giorni (Iran Wire). Come noto i Baha’i sono considerati eretici in Iran e ultimamente e’ cominciata contro di loro una nuova campagna per additare i Baha’i come spie al servizio dell’MI6 britannico e del Mossad israeliano.

Nulla ci si deve aspettare, inoltre, per quanto concerne la promozione dei diritti civili del popolo iraniano. Al contrario, Jannati farà del suo scranno all’Assemblea degli Esperti, un trono per denunciare il “nofuz, ovvero il tentativo del nemico Occidentale di infiltrare la Repubblica Islamica dell’Iran. Come dimenticare quando, proprio Jannati, paragono’ le donne che non indossavano il velo opportunamente ai narcotrafficanti e ai terroristi (Los Angeles Times)

Secondariamente, l’elezione di Jannati avrà dei risvolti pesanti anche a livello internazionale. Fu proprio questo anziano clerico a negare pubblicamente che Ali Khamenei avesse mai approvato l’accordo nucleare, sottolineando che si trattava di una decisione del Parlamento.

Altro possibile risvolto negativo a livello internazionale, e’ quello legato al rapporto tra Teheran e Riyadh: mentre Rouhani segretamente sta cercando un nuovo dialogo con i sauditi, gli al-Saud non dimenticheranno che proprio Ahmad Jannati si era espressamente congratulato con il mondo islamico per la morte del monarca saudita Abdullah.

Infine, l’elezione di Jannati darà una spinta maggiore ai Pasdaran per intensificare la loro azione in Siria (e Iraq): Jannati, infatti, e’ da sempre un convinto sostenitore che le rivolte contro Assad non sono state altro che un complotto dell’Occidente contro il mondo islamico.

L’elezione di Jannati, in poche parole, renderà la Repubblica Islamica ancora più instabile e aumenterà la guerra intestina in corso all’interno dell’establishment politico. Una ottima ragione per gli investitori Occidentali, per tenere in tasca i loro soldi e pensarci dieci volte prima di investire in Iran.

Sosha-Makani-Dezfun.com-14

Si chiama ‘, ha 29 anni e di professione fa il calciatore. Precisamente, si tratta del portiere di una delle principali squadre di calcio dell’Iran, il Persepolis. Non solo: Makani ha anche vestito i colori della sua nazionale diverse volte. Purtroppo, davanti ad un regime fondamentalista, neanche la gloria rappresenta una salvezza dalla repressione culturale e politica (Dezfun.com).

Shosha Makani, infatti, e’ stato arrestato per aver postato sul suo profilo social di Telegram, alcune immagini con delle donne senza velo (qui un video di alcune fotto sotto accusa). In una delle immagini, tra le altre cose, Makani stringeva anche la mano a una di queste ragazze. Per il regime iraniano, nella sua ridicolezza, si e’ trattato di un affronto eccessivo che intendeva promuovere un modello di “relazione illecita”. In una delle immagini – super peccato per i Mullah – Makani si e’ anche ‘permesso’ di ballare con una donna…(Radio Free Europe).

Sosha-Makani-Dezfun.com-11

Secondo le notizie rilasciate sinora, il calciatore e’ stato arrestato il 4 gennaio. In seguito all’arresto, l’avvocato di Makani ha affermato che due persone si sarebbero introdotte nell’account Telegram del calciatore e lo avrebbero hackerato. Il capo della polizia Hossein Ashtari, per parte sua, ha dichiarato che la competenza del caso ricade sotto il mandato della Corte competente per il Cyber-crimine.

Il Procuratore di Teheran, Abbas Jaffari Dolatabadi, ha affermato ieri che troppi artisti e atleti si permettono di diffondere sui social media fotografie che ledono l’immagine dell’Islam. Per queste ragioni, quindi, la Repubblica Islamica deve intervenire contro ogni infiltrazione di “culture devianti” (leggi Occidente). Vogliamo ricordare che, con l’accusa di relazione illecita, e’ stato anche arrestato l’avvocato dell’attivista iraniana Atena Farghadani. L’accusa contro di lui fu proprio quella di aver stretto la mano alla sua assistita durante una visita in carcere…(No Pasdaran).

Chiamatela pure follia…

Altre foto ‘incriminate’

foto 1

Sosha-Makani-Dezfun.com-12

Sosha-Makani-Dezfun.com-13

Sosha-Makani-Dezfun.com-15

 

 

CU-v87PXAAAwcz_

Il 29 Novembre scorso, l’Orchestra Filarmonica di Teheran avrebbe dovuto esibirsi in occasione della cerimonia di chiusura di un evento di wrestling internazionale. Poche ore prima dell’esibizione, il concerto e’ stato cancellato per ordine delle autorità. Per quale motivo? Semplice: al regime iraniano non era gradita la presenza di musiciste donne all’interno dell’orchestra (Iran Human Rights).

Ufficialmente, secondo quanto riporta la ISNA, le autorità clericali si sarebbero lamentate per il fatto che, le musiciste nell’orchestra, non portavano il velo in maniera corretta. In realtà, come rivela il direttore dell’Orchestra filarmonica Ali Rahbari, il problema era la presenza stessa delle donne. L’Orchestra, per la cronaca, avrebbe dovuto suonare l’inno nazionale iraniano. Nonostante il tentativo di trovare una mediazione tra le parti, il Direttore Rahbari ha coraggiosamente deciso di ritirare tutta la sua orchestra, in protesta contro la repressione e la misoginia del regime (AryNews).

La parte più ridicola di questa storia, e’ che lo stesso capo della Federazione Wrestling iraniana, Rasoul Khadem, ha inviato personalmente una lettera al Ministro della Cultura e della Guida Islamica Ali Jannati – lo stesso con cui il Ministro Franceschini ha stretto un patto di cooperazione – sottolineando di non essere affatto contrario alla presenza femminile durante il concerto dell’Orchestra di Teheran (AsrIran). Non solo: Khadem ha anche annunciato che ripeterà l’invito per l’Orchestra Filarmonica di Teheran, per suonare ad un altro evento che si terra’ sempre nella capitale a Gennaio 2016.

Ormai il livello di misoginia del regime iraniano ha raggiunto livelli inauditi. La cancellazione di concerti che prevedono la presenza di donne e’ praticamente una prassi. Ricordiamo solamente che:

  • nel Settembre 2014, il quotidiano Shargh riporto’ che la presenza di musiciste donne nei concerti live, era stata bandita in ben 13 Province iraniane (SharghDaily);
  • all’inizio di gennaio 2015, i Pasdaran fermarono all’aeroporto di Teheran, il noto musicista Majid Derakhshani. Egli doveva recarsi con il suo gruppo a Dubai per un concerto. La ragione del fermo? La presenza di musiciste donne nel gruppo
  • il 15 gennaio scorso, le forze di sicurezza hanno bloccato un concerto del musicista Alim Qasimov. Il motivo? Con lui doveva suonare anche la figlia Ferghana. Il loro concerto a Teheran venne cancellato dopo aver inizialmente ottenuto tutti i permessi necessari Shahrvand Daily).

Da quando Hassan Rouhani e’ diventato il Presidente dell’Iran nel 2013, dozzine di concerti sono stati cancellati, a dispetto del fatto gli organizzatori, avessero richiesto e ottenuto tutti i permessi necessari dai Ministeri del regime. Ricordiamo anche che, solamente tre mesi fa, il regime iraniano aveva bandito il concerto dell’orchestra diretta da  Daniel Barenboim (Youtube). Il bando contro l’Orchestra Filarmonica di Teheran avviene dopo che, la stessa Orchestra, era stata completamente bandita dal regime per anni. La sua riattivazione, qualche mese fa, era stato un piccolo segno di speranza per i diritti civili all’interno della Repubblica Islamica. Anche in questo caso, una speranza vana…

Immagini risalenti al 2011

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=1nExY0d6mMg%5D

 

 

cccc

Invochiamo aiuto per i Baha’i iraniani, preda ancora una volta della bieca repressione del regime dei Mullah. Domenica 15 Novembre, infatti, i Pasdaran hanno agito senza alcuna pieta’ e hanno arrestato 20 Baha’i a Teheran, Isfahan e Mashhad. Non contenti, si sono anche recati presso Mazandaran, dove hanno chiuso tutte le attivita’ commerciali di proprieta’ Baha’i (Iran Wire).

La nuova repressione del regime clericale, arriva poco dopo una festività religiosa Baha’i e la decisione, coraggiosa, dei fedeli Baha’i di chiudere le loro attività commerciali nonostante il divieto delle autorità. Nella Repubblica Islamica, infatti, i Baha’i sono considerati degli infedeli e la loro fede una apostasia. Per questa ragione, contro la Comunita’ Baha’i iraniana esiste una vera e propria apartheid, nella piena indifferenza internazionale (GaiaItalia.com). Il regime iraniano, lo stesso con il quale l’Occidente intende ristabilire relazioni preferenziali, impedisce ai Baha’i di accedere alle università pubbliche e di svolgere numerose attività professionali. Non solo: lo stesso Ali Khamenei, ha emesso una fatwa contro i Baha’i vietando qualsiasi relazione sociale tra un “mussulmano puro” e gli “infedeli” (No Pasdaran).

Tra i Baha’i arrestati, secondo quanto si puo’ apprendere, c’e’ Nakisa Hajipour, fermata dall’intelligence alla stazione di Mashhad, dove stava per salire su un treno. Sempre a Mashhad, tra gli arrestati ci cono anche Nika Pakzadan, Faraneh Daneshgari, Sanaz Eshaghi e Naghmeh Zabihian, tutti fermati con un raid nelle loro case. Ad Isfahan, invece, i Pasdaran hanno arrestato Yeganeh Agahi, Adib Janamian, Keyvan Nikaeen, Parvin Nikaeen, Vahid Karami, Arshia Rouhani e Zarin Agha-Babaee. Nella capitale Teheran, invece, gli arrestati sono Helia Moshtagh, Negar Bagheri-Tari, Sahba Farnoush, Nava Monjazeb, Yavar Haghighat e Navid Aghdasi. Navid e’ la cugina di Attaollah Rezvani, ucciso due anni fa nel porto di Bandar Abbas e per la cui morte nessuno ha mai pagato un prezzo.

Per il momento, non abbiamo notizie in merito alla situazione degli arrestati e alle accuse formali nei loro confronti. Si ritiene che siano detenuti in centri sotto il diretto controllo del MOIS, il Ministero dell’Intelligence. Chiediamo ai lettori di condividere questo articolo e denunciare l’apartheid e la persecuzione della Comunita’ Baha’i iraniana. Una repressione che non ha, purtroppo, nulla da invidiare alle barbarie imposte da Daesh contro le minoranze presenti all’interno dell’area controllata dal Califfato.

]

1440669600923.cached

In queste settimane e’ in atto una vera e propria offensiva degli hackers del regime iraniano contro gli oppositori politici nel mondo. In particolare, gli hackers dei Mullah focalizzano la loro attenzione su Gmail, riuscendo spesso a penetrare i due livelli di sicurezza del sistema, accedendo alle informazioni private dei dissidenti. Di seguito, una breve spiegazione di come avviene l’intrusione illegale e alcuni consigli per difendersi dall’attacco (IranCyber.org).

In primis, partiamo con la spiegazione del problema: gli hacker iraniani, come suddetto, riescono ad aggirare i due livelli di identificazione di Gmail, facendo credere agli utenti reali della posta elettronica di essere Google. Come? Semplice: frequentemente accade che l’utente riceva una falsa email in cui viene avvertito di un tentativo illegale di intrusione nella propria posta elettronica. Spesso, viene riportato che il tentativo illegale di intrusione sul proprio account, proviene da qualcuno chiamato “The Iran. Questo alert, per la cronaca, può arrivare sia via email, sia come messaggio sms.

Ovviamente, si tratta di una frode: grazie a questo metodo, pero’, gli hackers vi faranno veramente credere di essere stati vittima di un tentativo di intrusione illegale. L’utente, ignaro, metterà in modo un processo attraverso il quale Google (a sua volta ingannato) invierà un codice di sicurezza sul cellulare, per permettere all’utente stesso di rientrare nella propria email in sicurezza. Chiaramente, l’hacker iraniano controllerà tutto questo processo: nel momento in cui Google invierà il nuovo codice di sicurezza, il miliziano del regime lo intercetterà, ottenendo l’accesso diretto alla casella postale elettronica del dissidente politico.

Un’altro metodo recentemente usato dagli hackers iraniani non riguarda immediatamente l’email, ma e’ preceduto da un contatto vocale. Ad esempio, quanto e’ stato colpito il direttore della Electronic Frontier Foundation, Jilian York, l’attacco alla sua email e’ stato preceduto da una finta telefonata intervista. Nella telefonata, in inglese o in farsi, l’hacker si fingeva un giornalista della Reuters. Come tale, l’hacker richiedeva all’ignaro utente Gmail una intervista. Dopo aver ottenuto il consenso verbale, la telefonata era succeduta dall’arrivo di una email, in cui pero’ la nota agenzia di stampa veniva scritta come “Reuturers. Questa falsa email della Reuters ha lo scopo di convincere l’utente ad aprire un documento proveniente da “Reuters Tech Dep.”. Cliccando sul link, si avvia il processo di doppio step di autentificazione, grazie al quale l’hacker riesce a penetrare nella email privata dell’utente.  Jilian York non e’ stata ingannata dall’email degli hackers iraniani.

Un ultimo aspetto importante per individuare un falso e’ quello di fare caso alla crittografia di Google. Il browser di Google, infatti, usa la crittografia “https“, mentre quello falso degli hackers solamente “http“, omettendo la “s”. Quando l’utente sospetta un attacco e apre una falsa pagina Google, e’ utile quindi leggere immediatamente l’intestazione crittografica della finestra del browser.  E’ utile quindi stare con gli occhi aperti, evitando di aprire email sospette. Nel caso l’utente abbia un dubbio, può rivolgersi direttamente a Google per avere la conferma dei suoi sospetti e sapere se realmente qualcuno ha tentato di infiltrarsi nella sua email.

Un breve video riassuntivo 

[youtube:https://youtu.be/fAYYVblF6P4%5D

tumblr_ns7sbsShmu1qj8bmoo1_500

Il regime iraniano, come noto, ha fatto della causa palestinese la madre di tutte le battaglie ideologiche. Chiaramente, non lo ha fatto per un sincero interesse verso il popolo palestinese, ma come scusa per portare avanti le sue posizioni estremiste contro gli Stati Uniti – il ‘Grande Satana’ – e Israele – il ‘Piccolo Satana’. In nome di questa costante campagna di odio, l’Iran finanza i peggiori gruppi terroristi palestinesi, giustifica ogni sorta di attacco violento contro gli israeliani e promuove vere e proprie campagne di negazionismo e odio verso il popolo ebraico. Nella sua propaganda, ad ogni modo, Teheran ha sempre teso a rappresentare tutti i palestinesi oppressi, primi fra tutti quelli presenti all’interno del territorio israeliano. Nonostante la propaganda, pero’, la vera natura degli Ayatollah – e il loro sincero disinteresse verso la sorte dei Palestinesi – alla lunga esce sempre allo scoperto.

Quanto successo alla rock star di origine iraniana Sami Yusuf e’ davvero emblematico. Sami Yusuf e’ un cantante di origine iraniana, popolare in tutto il Medioriente. i cui dischi hanno venduto milioni di copie. Durante l’ultimo Ramadan, Sami Yusuf e’ arrivato in Israele per esibirsi a Nazaret, una città del nord in prevalenza abitata da cittadini da arabi israeliani, di cui almeno il 30% di fede cristiana. Nonostante le fatiche del digiuno, il concerto di Sami Yusuf e’ stato un successo. Un successo sgradito al regime iraniano. Poco dopo l’esibizione di Sami Yousuf a Nazaret, infatti, il sito iraniano Entekhtab ha annunciato la decisione delle autorità iraniane di bandire da TV e radio nazionali tutta la produzione musicale di Sami Yusuf. Tra le accuse contro Sami Yusuf, udite udite, non c’era solo quella di aver visitato i territori occupati (per Teheran tutta Israele e’ un ‘territorio occupato’), ma anche quella di aver visitato i siti religiosi ebraici e cristiani. Tra i siti visitati da Yusuf e sgraditi ai Mullah, anche l’area dove – secondo la tradizione cristiana – Gesù ha ricevuto il battesimo da parte di Giovanni Battista.

Sami Yusuf ha personalmente commentato il bando del regime iraniano sul suo sito internet: “non sapevo che portare dei sorrisi ai miei amati fratelli e sorelle palestinesi, avrebbe causato una tale offesa al Governo dell’Iran. Mi spiace per i miei fan in Iran a cui sara’ negata la mia musica per diverso tempo, ma non ho intenzione di scusarmi…la musica e’ permeabile e non può essere chiusa in confini per fini politici“. Tra le altre cose, vogliamo ricordare che Yusuf non e’ mai stato un artista di rottura con il regime iraniano. Al contrario, ha collaborato con registi come Majid Majidi, da sempre considerato vicino agli altri vertici di Teheran. Il bando imposto dall’Iran al popolare cantante iraniano – oggi residente in Gran Bretagna – e’ legato solamente all’odio del regime iraniano verso Israele. Un odio ad uso e consumo della propaganda interna dei Mullah che, chiaramente, non ha nulla a che vedere con la solidarietà verso il popolo palestinese.

Immagini del concerto di Sami Yusuf a Nazaret

[youtube:https://youtu.be/UziXia00vsw%5D