Posts contrassegnato dai tag ‘Mohammad Nourizad’

Untitled

Lo abbiamo sempre evidenziato: un altro Iran esiste. Basti sapere che, ogni fine settimana, decine e decine di attivisti si riuniscono a Teheran, per chiedere l’immediata scarcerazione dei detenuti politici. Tra le decine di attivisti, anche i genitori dei giovani detenuti iraniani, quasi sempre finiti in carcere per le loro idee politiche non conformi al volere dei Mullah (GaiaEspana.com).

La protesta delle “Madri e dei Padri” dei detenuti iraniani, si e’ ripetuta questo sabato. Questa volta, pero’, il regime non ha mostrato alcuna clemenza e ha sbattuto in carcere tre mamme e un papa’. Tra le madri arrestate c’e’ Simin Eyvazzadeh, arrivata alla manifestazione con la foto del figlio Omid Alishenas. Omid, e’ stato arrestato nella sua casa nel Settembre del 2014. Per lui l’accusa era quella di “manifestazione illegale”, cospirazione contro la sicurezza nazionale e insulto alla Guida Suprema. Condannato a 10 anni di detenzione dal Giudice Moghiseh – uomo dei Pasdaran – Omid ha fatto appello, ma sinora non ha ricevuto alcuna risposta legale. Il regime non ha preso in considerazione neanche la richiesta di rilascio del detenuto su cauzione (Iran Wire).

Altre due madri sono state arrestate durante la protesta, in particolare per la loro decisione di criticare l’arresto di Mohammad Ali Taheri, un medico sostenitore della medicina condannato alla pena capitale per motivi di coscienza (Nessuno Tocchi Caino). Secondo quanto dichiarato dall’oppositore politico Mohammad Nourizad, tra gli arrestati ci sarebbe anche Saeed Zeinali, padre di uno studente iraniano arrestato durante le proteste di Teheran del 1999 e il cui destino e’ tuttora ignoto. Ricordiamo che, nel 1999, Rouhani era il Segretario del Consiglio Supremo Nazionale di Difesa dell’Iran e fu tra coloro che dettero la luce verde alla repressione delle proteste studentesche nella capitale.

Gli arrestati, molto probabilmente, sono stati portati nel carcere di Gharchak presso Varamin, non lontano da Teheran. Attila Alishenas, marito di Simin Eyvazzadeh e padre di Omid, ha dichiarato di non sapere ancora se la moglie verrà rilasciata su cauzione. Ha rivelato quindi che sia la moglie che il figlio hanno dichiarato lo sciopero della fame. Per questa ragione, Attila e’ molto preoccupato, soprattutto perché la moglie soffre di problemi di pressione del sangue.

Ancora una volta ci poniamo una sola domanda: ma il democratico Occidente dove sta? Probabilmente a fare affari con i Pasdaran…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=xoWQWxUGoxc%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=ogB42um_xjg%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=q3pmV03xybw%5D

12247927_1205251422835805_8654779157524398707_o

Vladimir Putin e’ arrivato il 23 Novembre scorso a Teheran. Durante la sua visita (Iran Wire), come noto, ha incontrato anche la Guida Suprema Ali Khamenei, a cui ha consegnato un enorme Corano. Il Presidente russo, e’ noto per saper scegliere i regali migliori da fare ai suoi interlocutori. Basti qui ricordare che, visitando qualche mese fa l’Egitto, Putin regalo’ ad al-Sisi un Kalashnikov.

La visita di Putin nella Repubblica Islamica, e’ stata anche la nuova occasione per il regime per aumentare la repressione contro gli attivisti per i diritti umani. Pochi lo sanno, ma in Iran un gruppo di attivisti – e di parenti dei detenuti politici – si raccoglie ogni domenica nel nord di Teheran, per protestare contro gli abusi dei Mullah (Gaiaespana.com). La dimostrazione fattuale che un Iran diverso esiste, ma che purtroppo non ha alcuna attenzione da parte delle democrazie Occidentali, troppo impegnate a fare affari con i Pasdaran. I coraggiosi attivisti iraniani sono monitorati a vista dalle forze di sicurezza che decide, di volta in volta, se chiudere un occhio o arrestare qualche manifestante.

Questa domenica, il regime ha deciso di usare il pugno duro. Per evitare che la settimanale protesta per i diritti umani si trasformasse anche in una manifestazione contro Putin, i Pasdaran hanno arrestato 9 attivisti (DW.com). Tra coloro che sono stati arrestati, c’era anche Mohammad Nourizad, popolare oppositore politico iraniano e regista (Pagina Facebook). Ex sostenitore del regime ed ex giornalista dell’ultraconservatore quotidiano Kahayn, Nourizad ha cambiato la sua posizione dopo la repressione delle proteste popolari del 2009. In quella occasione, egli ebbe il coraggio di scrivere una lettera a Khamenei, capo delle Forze Armate, intimandogli di chiedere perdono per aver ordinato l’uccisione di innocenti manifestanti. Non solo: per combattere il razzismo conto i Baha’i in Iran, Nourizad ha anche baciato i piedi di un bimbo Baha’i e reso pubblica la foto di questo incontro. Ovviamente, Nourizad ha pagato personalmente il suo coraggio, con il carcere e le torture fisiche (No Pasdaran).

Mohammad Nourizad e’ stato rilasciato dopo 24 ore dall’arresto e dopo che tre degli arrestati avevano proclamato uno sciopero della fame. Per tutta la durata dell’arresto, nessun membro della sicurezza ha comunicato a Mohammad Nourizad le accuse contro di lui (Journalism is not a Crime).

Un film documentario di Mohammad Nourizad, dedicato alla sofferenza dei genitori che hanno perso un figlio per la libertà dell’Iran

[youtube:https://youtu.be/fB5721gEiLo%5D