Posts contrassegnato dai tag ‘Manifestazioni’

Risultato immagini per Parvaneh Salahshuri

Alla fine e’ andata come sempre va nella Repubblica Islamica, quando esci fuori dai parametri accettabili dal regime: la deputata riformista Parvaneh Salahshouri – che aveva difeso le ragioni dei manifestanti – e’ stata convocata da un Tribunale iraniano per rispondere alle accuse di “diffusione di menzogne” e “propaganda contro il sistema”.

La Salahshouri, deputata velatissima eletta a Teheran, aveva coraggiosamente preso la parola in Parlamento, non solo per difendere le ragioni per cui i manifestanti scendevano in piazza e protestavano contro il regime, ma aveva anche puntato l’indice contro i Pasdaran, accusati di interferire in ogni settore della vita politica ed economica del Paese. Secondo quanto affermato dalla stessa Salahshouri, sarebbero stati proprio i Pasdaran a denunciare la deputata.

La Salahshouri, infine, aveva anche chiesto ufficialmente la nascita di una commissione di inchiesta, per indagare i responsabili delle repressioni delle violenze contro i manifestanti (solo nelle ultime proteste per il rincaro del prezzo della benzina, sono state uccise 1500 persone e arrestate altre 12000).

Secondo quanto e’ stato reso noto dalla ISNA, la Salahsouri non si sarebbe tirata indietro davanti alle accuse, presentandosi subito in Tribunale per rispondere delle accuse rivolte.

khamenei 2

Secondo quanto riporta l’agenzia di stampa iraniana Mehr News, in risposta ad una sollecitazione del Capo della Magistratura, la Guida Suprema Ali Khamenei ha approvato “misure speciali”, per punire coloro che sono stati arrestati con l’accusa di “corruzione economica”.

Con le parole “corruzione economica”, si intendono non solo coloro che vengono veramente arrestati per casi di corruzione, ma anche coloro che sono stati fermati in questi giorni durante le manifestazioni popolari in corso in Iran (a volte, gli arrestati sono definiti anche come “disturbatori dell’economia”). Manifestazioni che, lo ricordiamo, hanno in primis una ragione economica, in protesta contro il carovita e la corruzione imperante all’interno dell’establishment politico-militare-clericale del Paese.

Secondo la mente malsana del regime iraniano, infatti, quelle in corso nel Paese, non sono manifestazioni legittime contro il carovita, ma una vera e propria guerra economica scatenata da una parte della popolazione, pagata da nemici esterni, contro la Repubblica Islamica. Peccato che, come le immagini hanno mostrato in questi mesi, questa “parte della popolazione”, e’ composta da migliaia di iraniani, disperati per le condizioni finanziare del Paese.

Nella lettera scritta dal capo della Magistratura iraniana Sadegh Amoli Larijani a Khamenei, viene chiesta l’autorizzazione per: creare un Tribunale Speciale a Teheran (composto da tre giudici), trasmettere pubblicamente le udienze e impedire ai condannati di fare appello ad altre Corti, escluso per i casi in cui l’imputato viene condannato alla pena capitale. Nella sua concisa risposta – tre righe – Khamenei da la benedizione alla proposta di Larijani e lo invita a metterla in pratica. Questa Corte speciale di Teheran, restera’ in piedi per almeno tre anni.

L’Iran, come noto, e’ primo al mondo per riciclaggio di denaro, tra i primi per corruzione interna e mancanza di trasparenza e ancora primo al mondo per finanziamento internazionale del terrorismo. Tutti soldi usati per i fini geopolitici della Repubblica Islamica e derubati alla popolazione civile iraniana.

In queste settimane il Portavoce della Magistratura iraniana ha dichiarato che, per coloro che sono stati arrestati durante le manifestazioni popolari, e’ in considerazione anche l’uso della pena di morte. Ad altri, come reso noto proprio in queste ore, e’ stato negato di lasciare il Paese.

Con la lettura larga del concetto di “corruzione” che fa il regime iraniano – si pensi solo alle accuse di “corruzione in Terra” per gli attivisti – in questo Tribunale di Teheran rischiano veramente di finirci tutti coloro che manifestano una qualsivoglia opinione diversa da quella del regime.

khamenei