Posts contrassegnato dai tag ‘Mahmoud Ahmadinejad’

201511283120700115741_Babak-Zanjani-middleman-working-with-the-Iranian-

Condanna a morte per “corruzione in Terra”: questa la sentenza per il tycoon – ovvero l’oligarca – Babak Zanjani. Zanjani e’ accusato di aver sfruttato le sanzioni internazionali per arricchirsi personalmente, collaborando con parte del regime per aiutare Teheran. Grazie a questo ricco imprenditore iraniano – con un impero economico che va ben oltre la Repubblica Islamica, toccando la Malesia, Dubai, Tajikistan, Cina e Turchia – Teheran e’ riuscito ad evadere le sanzioni internazionali. Con Babak Zanjani – se la sentenza di morte verrà confermata – finiranno al patibolo anche altri due businessman iraniani Mahdi Shams e Iranian Hamid Fallah Heravi.

Ma chi e’ Babak Zanjani?

Ecco, qui inizia una storia alquanto torbida e difficile da comprendere. Babak infatti, prima di diventare un multimilionario, e’ stato un ragazzo scapestrato che ha iniziato la sua carriera come autista del Direttore della Banca centrale dell’Iran. Tra le altre cose, pochi lo sanno, e’ finito in carcere per ben due volte per bancarotta e una volta per aver tentato di lasciare l’Iran senza permesso.

Non e’ ben chiaro come, ma quello che e’ noto e’ che nel 2012-2013 gli USA e l’Unione Europea decidono di inserire Babak Zanjani nella lista delle persone sottoposte a sanzioni (Iran Wire). Per lui l’accusa, come suddetto, e’ quella di aver aiutato Teheran ad evadere le sanzioni internazionali. Pochi giorni dopo la decisione UE, un gruppo di parlamentari iraniani pubblica una lettera aperta all’allora Presidente iraniano Ahmadinejad, chiedendo che Zanjani venisse arrestato per corruzione. I Parlamentari si richiamano direttamente alla Guida Suprema Khamenei, accusando Zanjani di essersi appropriato dei proventi del petrolio iraniano (almeno 2,7 miliardi di dollari), venduto illegalmente sui mercati internazionali.

La lettera dei Parlamentari iraniani

Caso strano, la lettera dei Parlamentari iraniani coincide con l’apice del periodo in cui tra Ali Khamenei e Mahmoud Ahmadinejad e’ in corso una vera e propria guerra politica (Iran Wire). La Guida Suprema ha capito che l’Iran e’ sull’orlo del collasso economico e che Ahmadinejad ha intenzione di fare del nazionalismo iraniano una forza per abbattere il potere del Rahbar. Obiettivo di Ahmadinejad e’ di portare al potere come suo successore Rahim Mashaei, il suo Capo di Gabinetto. Per farlo, nel 2011, l’ex Presidente iraniano cerca anche di liberarsi del Ministro dell’Intelligence Heydar Moslehi, considerato l’orecchio della Guida Suprema. Khamenei reagisce male ed ordina ad Ahmadinejad di revocare subito le dimissioni di Moslehi. Risultato: Ahmadinejad abbozza, ma per mesi non partecipa alle riunioni del Governo…

Il coinvolgimento della famiglia Larijani…

Si avvicinano le elezioni iraniane, svoltesi poi nel giugno del 2013. Khamenei ha bisogno di eliminare Ahmadinejad e la sua fazione una volta per tutte. Ecco allora che la discussione all’interno del regime iraniano comincia a focalizzarsi proprio su Babak Zanjani e il suo legame – indubbio – con il Governo Ahmadinejad. Il negazionista Ahmadinejad ovviamente reagisce, mostrando in Parlamento un video che mostra i legami tra Babak Zanjani e la potente famiglia Larijani, a cui appartiene anche Ali, speaker del Parlamento iraniano (Febbraio 2013, video alla fine dell’articolo). In particolare, Ahmadinejad denuncia soprattutto i contatti di Zanjani con Fazel Larijani, fratello di Ali e di Sadegh, capo della Magistratura Iraniana. Tra le altre cose, nel video si vede anche un certo Hassan Mir Kazemi, noto mafioso, fotografato nel 2009 con la pistola mentre saliva, durante le proteste popolari dell’Onda Verde (Iran Pulse). 

E lo scandalo si allarga fino ad Erdogan…

Nel 2013 scoppia anche il più grande scandalo per corruzione mai accaduto in Turchia. Uno scandalo che vede direttamente coinvolto il partito dell’attuale Presidente – allora Primo Ministro – Erdogan. Oltre 50 persone vengono arrestate e sotto indagine finisce anche lo stesso figlio di Erdogan, Bilal (oggi residente a Bologna e sotto inchiesta per riciclaggio di denaro). Tra gli arrestati di quella inchiesta c’era anche un iraniano di nome Reza Zarrab. Durante gli interrogatori, Zarrab accusa direttamente Babak Zanjani, sostenendo che era in accordo con lui che egli aveva lavorato per smerciare 1500 chilogrammi d’oro tra Ghana, Turchia, Dubai e Iran.

Si defilano tutti…

Alla chetichella, tutti i vecchi sostenitori di Ahmadinejad si defilano. Primo fra tutti Ali Larijani, oggi rieletto come candidato indipendente tra i conservatori e sostenitore di Hassan Rouhani. Si defila anche Ali Akbar Salehi, altro nome citato per i suoi contatti con Babak Zanjani, nominato da Rouhani alla guida dell’Agenzia Atomica dell’Iran. Si defila anche un altro nome da pesi massimi: Rostam Ghasemi, Pasdaran della prima ora, ex capo della potente holding Khatam al Anbia e soprattutto ex Ministro del Petrolio del Governo Ahmadinejad. Oggi il caro Rostam gira tra Siria e Iraq, gestendo il sostegno del regime iraniano a Bashar al Assad e al Governo filo Iraniano di Baghdad. Senza contare che, le indagini su Zanjani, hanno dimostrato i contatti dell’oligarca con Mohammad Yazdi – ex Vice Ministro dell’Intelligence con responsabilità per gli affari economici – e soprattutto Hossein Taeb, potentissimo capo dell’Unita’ di Intelligence dei Pasdaran…

Quale conclusioni

Hassan Rouhani vince le elezioni nel giugno del 2013, benedetto silenziosamente dalla Guida Suprema Ali Khamenei e pubblicamente dall’ex Presidente Rafsanjani. Con Rouhani, in passato tra coloro che elogiarono Babak Zanjani, cambia il tono del regime iraniano, ma non la forma. Tra le altre cose, Rouhani non si fa problemi a nominare il Pasdaran Hossein Dehghan alla Difesa e il sanguinario Mostafa Pourmohammadi – responsabile delle repressioni contro i dissidenti degli anni ’80 – alla giustizia. Ali Akbar Salehi, come già detto, viene promosso a Vice Presidente e capo dell’Agenzia Atomica dell’Iran.

Il 6 Marzo 2016 Babak Zanjani viene condannato a morte, il “caso” vuole a soli due giorni dalla visita ufficiale in Iran di Erdogan – ora Presidente della Turchia impegnato a reprimere i giornalisti. Non sappiamo dire se la pena capitale contro Zanjani verrà eseguita. Quello che possiamo dire con certezza e’ che, mentre Zanjani si avvia al patibolo e al silenzio, la maggior parte di coloro che con lui si sono arricchiti si salvano, proprio grazie a Khamenei e Rouhani… 

gerami-moghaddam

Una popolare canzone romana ha un famoso ritornello che fa: “ma che ce frega, ma che c’emporta….Come stranoto, la frase continua con “se l’oste al vino c’ha messo l’acqua“. Nel caso dell’Iran e dell’arrivo di Rouhani in Italia, si potrebbe aggiungere “se i Mullah continuano a reprimereee”…Perché e’ esattamente quello che sta accadendo in questo periodo.

Mentre l’Europa – Roma e Parigi in testa – stanno preparando i tappeti rossi per ricevere il Presidente iraniano, nella Repubblica Islamica non si ferma l’abuso spietato dei diritti umani. L’ultimo a pagarne le spese e’ stato Esmail Gerami Moghaddam, ex membro del Parlamento ed ex portavoce del partito riformista Etemad Melli. Il movimento politico Etemad Melli venne creato da Mehdi Karroubi, leader del Movimento Verde insieme a Mir Hossein Mousavi e Zahra Rahnavard. Dal febbraio del 2011, Karroubi, Mousavi e la Rahnavard sono costretti agli arresti domiciliari, senza alcun contatto con l’esterno e senza aver subito alcun regolare processo.

Esmail Gerami Moghaddam e’ stato arrestato nel luglio del 2015 all’aeroporto di Teheran, mentre ritornava in Iran dopo aver completato un dottorato in India e Malesia  (GaiaItalia.com). Moghaddam aveva lasciato il paese nel 2009, in seguito alla repressione delle proteste popolari, seguite alla falsata rielezione del Pasdaran Mahmoud Ahmadinejad alla Presidenza dell’Iran. Dopo essere stato fermato, l’ex parlamentare riformista e’ stato accusato di “propaganda contro lo Stato”, secondo l’articolo 500 del Codice Penale Islamico.

Senza alcuna prova concreta e contrariamente a quanto scritto anche all’interno del Codice Penale Islamico in vigore in Iran, Esmail Gerami Moghaddam, e’ stato condannato a sei anni di carcere (Iran Human Rights).. Secondo l’articolo 500 del Codice Islamico, infatti, per coloro che sono accusati di “propaganda contro lo Stato”, la pena detentiva deve andare da un minimo di 3 mesi ad un massimo di un anno di carcere (Codice Penale Islamico). Il giudice Salavati, uomo da sempre vicino alle Guardie Rivoluzionarie, non solo ha condannato Moghaddam senza prove, ma ha anche disobbedito alle stesse normative vigenti nella Repubblica Islamica.

Purtroppo, come denuncia l’avvocato di Moghaddam, la Corte Rivoluzionaria iraniana che ha condannato l’ex parlamentare riformista, ha dimostrando anche di non avere alcuna pietà per le sue condizioni di salute. Esmail, infatti, ha da tempo problemi agli occhi e ha perso praticamente il 97% della sua capacita’ visiva. Praticamente, ciò significa che egli non può fare nulla da solo e ha costante bisogno di una assistenza. Per questo, tra le altre cose, anche il dottore del carcere ha fatto presente alle autorità che la struttura non e’ attrezzata per assistere persone come Esmail Gerami Moghaddam.

Concludiamo aggiungendo che Esmail Moghaddam e’ anche un veterano della guerra Iran – Iraq, nota nella Repubblica Islamica come la “Sacra Difesa”. In un Paese dove quel conflitto rappresenta ancora oggi una base fondamentale del potere dei Mullah e dei Pasdaran, la condanna di Esmail e’ un segno chiaro della profondità delle repressioni in atto in questo periodo all’interno dell’Iran.

Per non dimenticare

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=gs8X4Tv5zDo%5D

Zibakalam-a

Sadegh Zibekalam è un professore dell’Università di Teheran, ove insegna Scienza Politica. Laureato a Bradford, Sadegh conosce molto bene l’inglese e per questo è un volto conosciuto dai media internazionale (è apparso diverse volte anche su al Jazeera e BBC). Nonostante Sadegh Zibekalam non sia un attivista contro il regime, negli ultimi tempi si è distinto per la sua attività di denuncia delle promesse mancate dal nuovo Governo e delle bugie degli ultra conservatori in merito al programma nucleare. In una lettera indirizzata al Presidente Rohani, ad esempio, Sadegh Zibekalam ha denunciato come il neo Presidente iraniano non avesse  tenuto fede alle promesse fatte durante la campagna elettorale. Tra le altre cose, nella missiva il professore iraniano ricordava a Rohani come Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi si trovassero ancora in isolamento coatto, pur non avendo ricevuto alcun processo e alcuna legale condanna. La lettera, chiaramente, ha indispettito gli Ayatollah.

Screen-Shot-2014-01-03-at-10_55_10-AM-300x210

Ciò che però ha mandato su tutte le furie il regime, è stata una seconda lettera scritta dal Professor Zibakalam,indirizzata a Hossein Shariatamdari, voce della Guida Suprema Khamenei e direttore del quotidiano ultraconservatore Kahayan. In questa lettera, molto coraggiosamente, Zibakalam incalzava il Direttore chiedendo quali vantaggi avesse portato il programma nucleare alla Repubblica Islamica. Secondo il professore di Teheran, infatti, il programma nucleare rappresenta unicamente una perdita di soldi non giustificabile, soprattutto considerando i problemi sociali che l’Iran ha al suo interno. Tra le altre cose, Zibakalam evidenziava anche come – sul piano diplomatico – la posizione dell’Iran fosse peggioranta, paragonando la parabola discendente della Repubblica Islamica a quella del Pakistan e della Corea del Nord dopo l’acquisizione della bomba atomica.

La risposta del regime è stata veemente: il professor Sadegh Zibakalam è stato immediatamente convocato dal Procuratore Generale di Teheran e accusato di diffondere bugie, falsa propaganda e disturbo della quite pubblica. Insultato e trattato come un traditore, Zibakalam è stato rilasciato su cauzione dopo aver pagato ben 50 milioni di Toman,  pari a circa 20.000 dollari. In poche parole, ancora una volta, il regime ha dimostrato di vivere nel culto del programma nucleare e di considerare nemico chiunque metta in dubbio un aspetto del programma stesso. La brutta vicenda capitata a Sadegh Zibakalam, tra l’altro, dimostra concretamente come – anche dopo le elezioni Presidenziali – il regime iraniano sia rimasto identico e le posizioni di Hassan Rohani non differiscano in nulla rispetto a quelle di Ahmadinejad.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=cDVuJEOhvNw%5D

MEIN KANF IN IRAN

Oggi, 27 gennaio, si celebra la Giornata della Memoria, un giorno per ricordare la liberazione degli ebrei dai campi di concentramento e per non dimenticare tutti i crimini commessi dal regime nazista. Cogliamo, quindi, questa occasione per parlarvi dell’antisemitismo in Iran, una piaga che – purtroppo – sebbene non supportata dalla popolazione ha toccato i governi al potere a Teheran diverse volte ed è oggi attivamente sostenuta dagli Ayatollah. In principio fu Reza Shah Pahlavi, ufficiale dell’esercito impadronitosi nel 1921, ad essere affascinato dal nazismo e dall’idea di una superiore razza ariana. Lo Shah divenne, purtroppo, un seguace dell’ideologia e lavorò attivamente per costruire un asse strategico con Berlino. Questo asse, nell’ottica dello Shah, doveva servire per ricreare un grande impero persiano, fondato sul culto della sua persona e della razza indoeuropea. Trasformato il nome del paese in “Iran”. lo Shah permise ai tedeschi di installare nel Paese un vero e proprio ufficio politico, il cosiddetto Germany’s Foreign Affairs Bureau, ove le varie spie dei nazisti operarono attivamente per provocare colpi di stato in altri Paesi vicini.

REZA SHAH HITLER

Come noto, un’altra pedina dei nazisti in Medioriente era il Mufti di Gerusalemme, Amin al Husseini (padre politico di Yasser Arafat). Amin al Husseini era un feroce antisemita ed emise numerose fatwe in sostegno dell’ideologia hitleriana. Nel 1941, quindi, al Hosseini tentò di organizzare un golpe pro Nazista a Baghdad, con l’aiuto di Kharaillah Tulfah, futuro padrino politico di Saddam Husseini. Scopo del golpe era soprattutto quello di conquistare i campi petroliferi iracheni e metterli a disposizione delle truppe naziste. Il piano fallì e Amin al Hosseini trovò rifugio priprio in Iran ove provò, anche in quel caso, ad inviare il greggio iraniano alle truppe di Hitler di stanza in Cecoslovacchia e Austria. Come noto, grazie al golpe che portò al potere Mohammad Reza Pahlavi, il regime filo nazista iraniano fu abbattuto e la locale comunità ebraica, tra le più antiche del continente asiatico, riuscì a salvarsi dalle deportazioni ed a rifiorire culturalmente ed economicamente.

AMIN AL HOSSEIN HITLERL’arrivo al potere dell’Ayatollah Khomeini nel 1979 e la creazione della Repubblica Islamica, purtroppo, hanno riportato l’antisemitismo al centro della politica iraniana.  Nonostante il fatto che, ufficialmente, Teheran protegga la locale Comunità ebraica e che ne garantisca anche la rappresentanza in parlamento (un deputato), il regime degli Ayatollah usa la cornice dell’antisionismo e dell’antiamericanismo per ripropinare, costantemente e senza pietà, i pericolossimi stereotipi che hanno determinato la morte di milioni di ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale. In Iran, infatti, sono facilmente reperibili copie dei Mein Kamp tradotte e in Farsi e il regime incoraggia e finanzia, attivamente, eventi culturali intesi a dare una immagine negativa del mondo ebraico. Qui sotto, priprio ricollegate alla memoria, vi riportiamo solamente alcuni esempi di vignette che potrete trovare pubblicate sui media iraniani, molto spesso quelli più vicini alla Guida Suprema, al Presidente o ai Pasdaran.

 IRAN VIGNETTA 2         IRAN VIGNETTA 3

Il Governo iraniano, chiaramente, giustifica questi accadimenti come un legittimo attacco politico al suo principale nemico, Israele, un Paese che Teheran non ha mai riconosciuto e di cui chiede perennemente la cancellazione dalle mappe. In nome di questo odio verso i sionisti, quindi, il regime iraniano finanzia il terrorismo in  tutto il mondo, sostenendo attivamente organizzazioni terroriste e regimi che, proprio dell’ideologia hitleriana, hanno fatto un loro culto centrale. Ed ecco, quindi, il motivo per cui i militanti del corpo iranino dei Basij o di organizzazioni eversive quali Hezbollah e Hamas, usano quotidianamente il braccio teso in stile nazista come segno di saluto reciproco.

hamas_nazi

HEZBOLLAH NAZI

Nonostante i biechi tentativi del regime di dare una forma “politically correct” al suo antisemitismo, la vera natura di questo odio promosso dal regime, è difficulmente mistificabile. Ed ecco allora, spiegato perchè l’ex Presidente Ahmadinejad si è sempre sentito libero di negare la veriticità dell’Olocausto e di organizzare a Teheran – nel dicembre del 2006 – una conferenza negazionista promossa e sostenuta dall’allora Ministro degli Esteri Mottaki. La conferenza, purtroppo, vide anche la partecipazione di rappresentanti italiani (il futurista Leonardo Clerici). Non solo: nel 2009 il regime promosse la produzione di un film intitolato “Il Cacciatore del Sabato”. una pellicola che riproponeva intatti tutti gli stereotimi – anche fisici – promossi dal nazismo. Il film, di cui vi proponiamo un lungo spezzone con annessi sottotitoli in inglese, venne trasmesso con enfasi e clamore dalla TV di stato iraniana IRIB.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=4NFJdmYUKv0%5D

Dopo l’elezione di Hassan Rohani alla Presidenza, quindi, il regime iraniano sta cercando di uscire dall’isolamento internazionale. Il Presidente Rohani, si badi bene, ha sembre sostenuto attivamente la posizione del regime sul tema dell’antisionismo e della caratterizzazione negativa del mondo ebraico. La charm diplomacy che Teheran ha adottato in questi ultimi mesi, purtroppo, ha dato l’idea che l’attuale Governo avesse cambiato qualcosa in materia, ma la verità è ben diversa. Come abbiamo già denunciato, infatti, la posizione ufficiale del regime iraniano non è assolutamente cambiata e le piccole aperture messe in atto in particolare dal Ministro degli Esteri Zarif, hanno determinato una dura reazione da parte degli Ayatollah. Per la cronaca, Zarif si è dovuto recare personalmente di fronte alla Commissione esteri del Parlamento iraniano, per spiegare la sua posizione sull’Olocausto, considerata alternativa rispetto a quella della Guida Suprema Ali Khamenei

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=BWyFFw9ID2o%5D

 

ASSAD

irgc

NASRALLAH

donne

 

rohani green movement

Pochi giorni fa regime iraniano ha celebrato il ricordo della cosidetta “Epica protesta del 9 di Dey”, ovvero la manifestazione del 30 dicembre 2009, organizzata dal regime contro i manifestanti dell’Onda Verde. Durante la manifestazione, i fondamentalisti accusarono Mousavi e Karroubi di essere agenti della sedizione in mano a potenze straniere. L’Onda Verde, lo ricordiamo, fu un movimento nato spontaneamente per protestare contro la rielezione di Mahmoud Ahmadinejad a Presidente dell’Iran; una rielezione avvenuta attraverso brogli e corruzione. A dispetto della sua nomea di moderato, il Presidente iraniano Hassan Rohani ha prontamente elogiato la manifestazione in favore delle repressioni avvenute nel 2009, esaltandola come massimo valore dell’Islam.

Secondo l’agenzia di stampa Fars News, infatti, il Presidente Rohani ha affermato che, coloro che scesero in piazza il 9 di Dey (il 30 dicembre), intendevano difendere l’Islam e i valori impartiti dall’Imam Hussein. In tal modo, sempre secondo Rohani, i manifestanti pro regime hanno respinto le infiltrazioni straniere, estinguendo così il fuoco della sedizione. In poche parole, quindi, l’uomo che dal mondo è considerato come colui che imprimerà una svolta plurialista alla Repubblica Islamica, si rivela essere per quello che è: un bieco estremista, capace di onorare pubblicamente coloro che, nel 2009, uccisero senza pietà i centinaia di giovani iraniani.

C’è di peggio: diversi esponenti politici e diplomatici, anche italiani, hanno paragonato il nuovo corso di Rohani a quello del riformista Khatami. Probabilmente queste persone farebbero bene a leggere l’ “Enciclopedia della sedizione del 2009”, un volume appena pubblicato in Iran, che descrive l’Onda Verde e i suoi leader come terroristi al soldo dell’Occidente. Ebbene, assai interessante, sulla copertina di questo ridicolo libro, appaiono le foto di Mir Hossein Mousavi, Mehdi Karroubi e dell’Ayatollah Khatami, considerato quindi alla stregua di un nemico dello Stato. 

IMAGE635236000042812500

Fa sorriere che, mentre Teheran muoveva accuse di interferenza contro tutto il mondo, una nave piena di armi prodotte dalla Siria e dall’Iran veniva fermata dalle autorità del Bahrain. Secondo Manama, questa nave trasportava armamenti destinati ai gruppi separatisti all’interno della monarchia sunnita. Tra l’altro, nelle stesse ore, la polizia del Bahrain ha arrestato degli agenti iraniani che tentavano di scappare in Iran partendo con una nave dalla città di Karranah.

bahrain

Dall’arrivo al potere di Rohani, il tema dell’Olocausto del popolo ebraico è stato  al centro di numerose polemiche in Iran. Come vi avevamo già detto e al contrario di quanto è stato scritto in Occidente, il Presidente Rohani non ha mai veramente riconosciuto la veriticità storica della Shoa, ma si è limitato ad una vaga e generale condanna di tutti crimini commessi dai nazisti, anche quelli contro gli Ebrei. Hassan Rohani, parlando negli Stati Uniti, si premurà però di aggiungere che, per quanto concerne le camere a gas, si tratta di un tema di responsabilità degli storici.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=wlvMkIdzxTI%5D

In Occidente, come suddetto, ci si affrettò immediatamente a scrivere che Teheran aveva cambiato posizione e che rigettava il negazionismo dell’ex Presidente Ahmadinejad. Purtroppo però. nonostante i piccoli passi avanti sul tema rispetto all’amministrazione precedente, la posizione ufficiale del regime iraniano in merito all’Olocausto non è cambiata per niente. A precisarlo, molto chiaramente, è stata la stessa Guida Suprema Ali Khamenei dal suo account su twitter: in un cinguetttio del 16 dicembre, infatti, Khamenei ha ricordato la data della condanna al carcere dello scrittore negazionista Roger Garaudy. Garaudy, prima comunista e poi convertito all’Islam, noto per aver negato l’esistenza delle camere a gas e per aver dichiarato affermato che nessuno sterminio del popolo ebraico è mai avvenuto da parte dei nazisti. Khamenei, non contento, ha postato anche una immagine in cui ha ricordato il suo incontro con Garaudy e la sua comparazione dei sionisti ai nazisti.

Insomma, in poche parole, la Guida Suprema ha riaffermato chiaramente la posizione negazionsita del regime iraniano in merito all’Olocausto. Ci chiediamo, ancora una volta, come possono i diplomatici occidentali incontrare i rappresentanti di un regime che nega il crimine più grave della storia. Il prezzo della legittimazione di questi terroristi, purtroppo, sarà la fine delle aspirazioni democratiche del popolo iraniano! 

khamenei holocaust