Posts contrassegnato dai tag ‘Larijani’

Risultati immagini per Amoli Larijani

Nella Repubblica Islamica dell’Iran e’ in corso un caso CSM. Ci spieghiamo meglio: anche a Teheran, da qualche mese, e’ in corso una guerra all’interno del potere giudiziario che, se approfondita, rischia di lasciare sul terreno delle vittime politiche eccellenti.

La storia comincia nel luglio scorso quando, in una conferenza stampa, il portavoce della Magistratura conferma l’arresto di Akbar Tabari, ex Vice Capo della Magistratura iraniana, durante il periodo in cui a capo del potere giudiziario c’era Sadegh Amoli Larijani.

Amoli Larijani viene da una famiglia potentissima in Iran. Basti pensare che il fratello, Ali Larijani, e’ dal 2008 Presidente del Parlamento iraniano. Amoli, quindi, e’ stato a capo della Magistratura iraniana dal 2009 alla fine del 2018, quando e’ stato sostituito da Ebrahim Raisi (oggi Amoli Larijani e’ a capo del Consiglio per il Discernimento, organo che media in Iran tra il Parlamento e il Consiglio dei Guardiani, in caso di discordia).

L’arresto di Akbar Tabari, secondo quanto reso noto, e’ legato all’accusa di aver usato il suo potere, per esercitare influenze su alcuni casi giudiziari. Con Tabari, quindi, sono finiti in cercere altre persone a lui legate. Ma l’arresto di Tabari, pero’, va visto in maniera piu’ larga ed ha come diretto obiettivo proprio Amoli Larijani, da tempo sospettato di corruzione.

La battaglia sta toccando i massimi vertici, con Amoli Larijani che minaccia di tornare a Najaf, in Iraq – dove e’ nato – nel caso in cui Khamenei non interverra’, e clerici come Mohammad Yazdi – ex capo della magistratura a sua volta – che lo accusano di voler addirittura minacciare la Guida Suprema Khamenei e gli chiedono conto della provenienza dei finanziamenti con cui ha costruito un lussuoso seminario religioso a Qom.

Questa guerra intestina nella Magistratura iraniana, deve essere seguita con estrema attenzione. Non solo perche’ riguarda uno degli organi piu’ potenti del sistema politico iraniano e coinvolge direttamente la famiglia Larijani, ma perche’ l’attuale capo della Magistratura Ebrahim Raisi, e’ uno dei primi candidati a succedere ad Ali Khamenei alla sua morte. Raisi, da parte sua, in questi mesi non ha agito per coprire il suo predecessore. Appena arrivato al potere, ha estromesso Tabari dalla sua posizione e ha lasciato che le voci del suo arresto si diffondessero indisturbate. Khamenei stesso, il 15 agosto, ha ordinato al dipartimento intelligence e sicurezza della Magistratura iraniana, di fare pulizia all’interno del sistema.

Risultati immagini per iran judicial system

2680007

Qualche giorno fa, la Magistratura iraniana ha annunciato il blocco definitivo di Telegram, la nota applicazione per la messaggistica instantanea, creata dai fratelli Durov.

Considerato il blocco di altre applicazioni social come Whatsapp, Facebook, Twitter e Instagram, Telegram e’ diventato molto popolare in Iran, mandando su tutte le furie i clerici, impaurito dal rischio che tramite questa applicazione possano essere organizzate manifestazioni anti regime.

Annunciando il completo blocco di Telegram, la magistratura iraniana ha sottolineato i rischi per la sicurezza nazionale, ed evidenziato che il blocco avviene dopo la decisione del Presidente Rouhani di impedire a tutti i Ministri di usare Telegram per comunicare.

Qui pero’ arriva la sorpresa: in un comunicato ufficiale diffuso dopo la decisione della Magistratura iraniana, l’esecutivo ha criticato il blocco, affermando che nessuna decisione simile puo’ essere presa senza l’approvazione del Governo.

Questo duro scontro tra due importanti poteri istituzionali, e’ l’ennesima dimostrazione della guerra in corso nella Repubblica Islamica. Una guerra che ha ben poco da fare con il riformismo, come la stessa decisione di Rouhani di bandire Telegram dimostra. Alla base dello scontro non c’e’ la liberta’ degli iraniani, ma il potere decisionale all’interno del regime.

Purtroppo per Rouhani ci sara’ ben poco da fare: la Guida Suprema e i Pasdaran – i veri poteri in Iran – non penderanno mai dalla sua parte!

ep-307209781

Il due ottobre scorso, una importante delegazione tedesca è giunta in Iran. La delegazione era guidata dal Ministro dell’Economia Sigmar Gabriel e con lui c’erano ben 120 imprenditori (tra loro i rappresentanti di importanti compagnie come la Siemens, la SMS metallurgy group, la Keller HCW e la Mitsubishi Germania). Teoricamente, per Teheran, si doveva trattare di un enorme successo, sia in termini di visibilità che di accordi, considerano che Gabriel aveva firmato con il suo omologo iraniano Ali Tayyebnia ben 10 accordi preliminari, tra cui un accordo fondamentale tra la Banca Federale tedesca e la Banca Centrale iraniana. Un patto necessario per Teheran, soprattutto perchè quasi nessuna banca al mondo vuole – ancora oggi – lavorare con la Repubblica Islamica.

Qualcosa però è andato drammaticamente storto e questo qualcosa dimostra quanto, nella testa del regime iraniano, il fanatismo ideologico superi qualsiasi tipo di pragmatismo politico. Al contrario degli altri politici Occidentali giunti a Teheran, il Ministro dell’Economia tedesco Gabriel si è azzardato a fare due cose che non avrebbe dovuto neanche immaginiare: parlando al Der Spiegel, il rappresentante di Berlino ha pubblicamente invitato il regime ad attuare riforme e ha posto il riconoscimento diplomatico di Israele da parte dell’Iran, come precondizione per i nuovi rapporti tra Berlino e Teheran (EA World View).

Apriti cielo: una volta diffuse dai media iraniani le parole di Gabriel, il regime si è immediatamente chiuso a riccio. Il Ministro degli Esteri Zarif e lo speaker del Parlamento Larijani hanno entrambi cancellato il loro incontro con Sigmar Gabriel. Il capo della Magistratura iraniana, Sadeq Amoli Larijani – fratello di Javan Larijani, recentemente passato per Roma… – ha pubblicamente detto che l’Iran avrebbe dovuto negare l’ingresso a Gabriel. Chi ha incontrato il Ministro tedesco, come il portavoce del Governo iraniano Mohammad Bagher Nobakht, ha dovuto tutelarsi inventando che Gabriel gli avrebbe privatamente detto che le sue parole erano state “traviate” dal Der Spiegel (Tasnim News, Mehr News, Fars News, Mehr News).

Purtroppo per Teheran, c’è ben poco da inventare per il regime iraniano: nell’intervista del 30 settembre scorso, infatti, il Ministro Gabriel dice esplicitamente che “Ein normales, freundschaftliches Verhältnis zu Deutschland wird erst dann möglich sein, wenn Iran das Existenzrecht Israels akzeptiert“, ovvero che ogni relazione amichevole tra la Germania e l’Iran passa necessariamente per il riconoscimento (da parte di Teheran), del diritto di Israele ad esistere (Der Spiegel). Tra le altre cose, una precondizione già dichiarata esplicitamente dalla Cancelliera Angela Merkel nel febbraio del 2016 (Indipendent).

Quanto successo al Ministro tedesco, rappresenta l’ennesima dimostrazione che la sola modalità in cui i rappresentanti di Teheran sanno trattare con il mondo, è quella che non prevede alcun tipo di critica. D’altronde, recentemente proprio l’Italia ha sperimentato sulla sua pelle quanto suddetto: le critiche sull’uso della pena di morte espresse da Gentiloni al Segretario del Consiglio per i Diritti Umani iraniano, Javan Larijani durante la sua visita in Italia, sono state totalmente censurate dai media iraniani (No Pasdaran).

Purtroppo, la Farnesina non ha in alcun modo reagito a questa ignobile censura, dimostrando solamente la debolezza della sua diplomazia.

14317412_10153798336140841_6840246293848748111_n

La coraggiosa attivista iraniana Narges Mohammadi ha presenziato ieri alla nuova udienza contro di lei e ha deciso di presentare appello contro la condanna a 16 anni di detenzione inflittale dal regime (Iran Human Rights). Questa durissima condanna le è stata inflitta dai Mullah per aver creato una organizzazione che si batte contro la pena di morte – si chiama “Step by Step to Stop the Death Penalty” – e per aver “minacciato la sicurezza nazionale” e diffuso “propaganda contro il regime”, prendendo parte a manifestazioni in favore dei diritti umani e per la liberazione dei detenuti politici. Tra le imputazioni contro Narges, anche quella di aver incontrato la predecessora di Federica Mogherini, Lady Ashton, durante un suo viaggio a Teheran nel 2014.

Purtroppo il regime iraniano sta punendo in maniera durissima Narges. Non lo sta facendo solamente per mezzo della lunga condanna al carcere, ma colpendola anche come madre di due piccoli bambini. Da quando è stata nuovamente incarcerata, ovvero dal Maggio del 2015, il regime sta negando – quasi totalmente – alla Mohammadi ogni contatto con i suoi figli. Per questa ragione, Narges Mohammadi ha anche scritto una lettera aperta al Capo della Magistratura iraniana Sadegh Larijani, rivendicando i suoi diritti di detenuta e soprattutto di madre. Alla lettera , neanche a dirlo, Narges non ha avuto alcuna risposta (Freedom Messenger).

Il caso di Narges Mohammadi, rappresenta probabilmente uno dei più grandi fallimenti dell’Occidente verso il popolo iraniano, particolarmente dopo la firma dell’accordo nucleare. Non solo Narges non è stata tutelata, nonostante le sue coraggiose battaglie per la democrazia in Iran. Peggio, Narges è stata totalmente abbandonata anche dopo la sua condanna e la stessa Federica Mogherini, nonostante le pressioni e le lettere aperte, non ha mai trovato un momento per chiedere pubblicamente a Teheran di rilasciare l’attivista iraniana.

Nel frattempo, in Italia è arrivato Mohammad Javad Larijani, fratello del capo della magistratura iraniana Sadegh Larijani, a cui finalmente il Ministro Gentiloni, ha fatto presente – flebilmente – la contrarietà italiana all’uso della pena di morte nella Repubblica Islamica. Una critica che i media iraniani hanno semplicemente cancellato o totalmente ignorato la critica, riportando solamente la volontà dell’Italia di guardare all’Iran come “esempio nella lotta al terrorismo”. Nonostante la denuncia della censura imposta da Teheran sulle parole di Paolo Gentiloni, la Farnesina non ha mimimanente pensato di protestare ufficialmente nei confronti della Repubblica Islamica…

Vi invitiamo a sostenere la campagna di “PEN  International” per chiedere l’immediata scarcerazione di Narges Mohammadi e promuovendo l’hashtag #FreeNarges

untitled

aaaaa

L’Ayatollah Ayatollah Sadeq Amoli-Larijani, Capo della Magistratura iraniana, ha annunciato che il Ministro degli Esteri iraniano Zarif e la Responsabile della Politica Estera dell’UE Federica Mogherini, hanno avviato una “discussione preliminare” sul tema dei diritti umani. Si tratta, lo diciamo chiaramente, dell’ennesimo bluff che la diplomazia Occidentale ci sta proponendo, per giustificare le relazioni commerciali con un regime fondamentalista e repressive.

C’è di peggio. L’Unione Europea, dall’alto della sua storia, dovrebbe presentarsi davanti alla Repubblica Islamica a testa alta, vantando la forza della sua democrazia e la superiorità dei suoi valori rispetto ad un regime che valuta la vita della donna metà di quella dell’uomo. Al contrario, ancora una volta, Bruxelles e la Mogherini sembrano portare avanti un dialogo con Teheran da attori secondari, quasi pietendo di raggiungere un accordo al ribasso con i Mullah.

Ecco allora che, proprio facendosi scudo di questo dialogo sui diritti umani, Amoli Larijani si è permesso non soltanto di attaccare nuovamente l’Occidente, ma la stessa Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo del 1948. Quello che rappresenta per l’Occidente uno dei documenti più alti contro l’abuso dei diritti umani, viene definito da Larijani come un pezzo di carta “scritto da secolaristi e liberali”. Nella Repubblica Islamica, si badi bene, essere secolare e liberale è un insulto (ovviamente agli occhi del regime). Per questa ragione, rimarca Larijani, la Dichiarazione Universale deve essere rivista, al fine di inserirvi valori “spirituali e religiosi” (Tehran Times).

Non contento, Larijani si permette anche di dettare tutte le condizioni di questo “preliminare” negoziato tra Iran e UE sui diritti umani. In primis, devono essere esclusi dal negoziato gli Stati Uniti, considerati da Teheran il Grande Satana. Secondariamente, gli europei non possono permettersi di rigettare aspetti della sharia quali il Qysas (ovvero la legge dell'”occhio per occhio e dente per dente”) e la Diyya (la compensazione per un reato). Un rigetto di questi abietti metodi di giustizia clericale, infatti, viene considerato da Larijani come una “offesa ai diritti del popolo iraniano”.

Infine, invece di parlare dei diritti repressi delle donne, grazie all’ennesima auto-umiliazione dell’Europa, Larijani rigetta ogni ipotesi di cambiamento della legge sul velo obbligatorio e di mettere in discussione la legge francese sulla laicità. La stessa Francia, continua senza vergogna Larijani, “dove si finisce in carcere se si nega l’Olocausto”. Ricordiamo che l’Iran è un Paese definibile come “negazionista di Stato”, ovvero in cui il negazionismo e l’antisemitismo sono ufficialmente sostenuti dalle massime cariche del regime (Press TV).

Aggiungiamo che questo dialogo avviato dalla Mogherini, umilia le stesse Nazioni Unite. L’ONU, infatti, ha nominato un bravo rappresentante speciale per i Diritti Umani in Iran, Ahmed Shaheed. Al rappresentante ONU il regime iraniano ha sempre negato l’accesso nella Repubblica Islamica, nonostante le varie richieste. Tra le altre cose, proprio alcuni giorni fa Javad Larijani, fratello dell’Ayatollah Amoli Larihani, ha ribadito che l’Iran non riconosce alcun report pubblicato dall’inviato delle Nazioni Unite, considerato illegittimo (The Iran Project). Scavalcando l’ONU e i vari report pubblicati in questi anni dal suo inviato speciale, la Mogherini ha umiliato le Nazioni Unite, riprovando nuovamente la secondarietà della politica estera europea sia al suo intero, che nell’ottica globale.

Solamente ieri abbiamo appreso che l’Iran ha impiccato nel mese di luglio un povero ragazzo diciannovenne, solamente perchè omosessuale…

0,,17728073_303,00

Parlando a Qom, davanti ad gruppi di seminaristi, il Capo della Magistratura iraniana Ayatollah Sadegh Larijani – fratello del potente Speaker del Parlamento – ha messo in guardia il Paese davanti all’invasione Occidentale. Quale invasione? La prossima invasione militare? No…Sadegh Larijani ha denunciato come l’Occidente abbia iniziato a penetrare all’interno dell’Iran attraverso “le discipline umanistiche”, determinando l’insegnamenti di “concetti peccaminosi” all’interno delle Università. Secondo Larijani, quindi, “il Pensiero Occidentale vede l’umanità in un certo modo; il Corano e il Profeta vedono l’umanità in maniera differente“. Non solo: come cigliegina sulla torta, Larijani ha criticato l’insegnamento della psicologia negli Atenei, chiedendo ai Mullah iraniani di impedire “deviazionismi” per mezzo delle Moschee e dei loro sermoni (Radio Zamaneh).

Quando dichiarato da Sadegh Larijani, segue direttamente le affermazioni fatte dalla Guida Suprema iraniana Ali Khamenei. Da sempre, ma particolarmente dopo la firma dell’accordo nucleare, Khamenei sta rimarcando quotidianamente la necessita’ di impedire ogni infiltrazione di “pensieri devianti” all’interno della Repubblica Islamica. Proprio allo scopo di impedire la contaminazione Occidentale, Khamenei ha nominato velocemente i membri della commissione speciale per il controllo del cyberspazio, a cui ha dato il diritto di stabilire unilateralmente le regole di controllo delle attività in Rete (norme che neanche il Parlamento iraniano ha il diritto di contestare). In quella occasione, Khamenei ha invitato la Commissione Speciale a lavorare per il lancio di una Rete Internet nazionale “il prima possibile, proteggendo e purificando lo spazio virtuale e promuovendo lo stile di vita islamico (Payvand). Ovviamente, come sbagliarsi, i Pasdaran sono parte integrante di questo Supremo Consiglio per il Controllo dello Spazio Virtuale.

A proposito di Guardie Rivoluzionarie e Guida Suprema, Khamenei ha chiesto espressamente ai Pasdaran di “prevenire l’influenza del nemico”. Una prevenzione da fare attraverso “il rafforzamento dei valori della Rivoluzione Islamica” (al Monitor). In poche parole, attraverso la continuazione e l’aumento degli arresti, delle repressioni e degli abusi dei diritti umani…

Quando Khamenei disse: “Gli Europei sono una ‘razza’ barbarica”

[youtube:https://youtu.be/OsIxxNA7lGg%5D

imagesCARW5PJX

Finalmente, potremmo dire! Dopo averne sentite di tutti i colori nei recenti incontri istituzionali tra rappresentanti italiani e iraniani, finalmente abbiamo trovato un politico italiano capace di parlare chiaro al regime durante un incontro ufficiale. Un Senatore coraggioso, in grado di chiedere conto, senza mezzi termini, delle violazioni e degli abusi che i Pasdaran mettono in atto nella Repubblica Islamica. Si tratta del Senatore Luigi Manconi, Presidente della Commissione Diritti Umani del Senato.

Dalle agenzie di stampa, infatti, apprendiamo di un incontro avvenuto tra M.J. Larijani, potente capo dell’Alto Consiglio per i Diritti Umani in Iran e il Senatore Manconi. Dal testo del comunicato rilasciato dopo l’incontro, apprendiamo il contenuto della conversazione tra i due politici. Il Senatore Manconi non le ha certo mandate a dire al rappresentante del regime iraniano. Non soltanto Manconi ha chiesto all’Iran di aprire all’ingresso dei rappresentanti Onu e delle Ong per monitorare l’abuso dei diritti umani, ma ha anche denunciato i numerosi casi di tortura all’interno delle carceri iraniane. Su queste questioni di primaria importanza, il Senatore ha chiesto a Larijani una risposta scritta.

Il Comunicato rende anche noto che il Senatore Manconi ha condannato l’impiccagione di Rehyaneh Jabbari, condannata alla pena capitale per essersi difesa da un violentatore, membro dell’intelligence iraniana. Manconi ha citato il caso Jabbari come esempio cardine per dimostrare la discriminazione delle donne nella Repubblica Islamica, una disparità di trattamento che negli ultimi mesi ha permesso ai miliziani fondamentalisti di attaccare con l’acido oltre 380 donne. Una dura condanna è arrivata da parte del Senatore Manconi anche contro l’altissimo numero di pene capitali approvate ed eseguite nella Repubblica Islamica.

Il punto piu’ forte, pero’, arriva probabilmente alla fine del Comunicato stampa. Pur sostenendo la necessità di continuare il negoziato sul nucleare, il Senatore Manconi lega la questione nucleare e quella dei diritti umani. Manconi, infatti, afferma che “è prioritario che il negoziato internazionale sul nucleare iraniano prosegua contestualmente all’affermazione della necessità della tutela dei diritti umani fondamentali di cui in Iran si perpetua la violazione“.

Al coraggio del Senatore Manconi va il plauso dell’opposizione iraniana. Piuttosto che parlare del nuovo Iran (inesistente) o cercare un appeasement con i Mullah in nome del business, tutti i rappresentanti politici italiani dovrebbero prendere esempio dal Senatore Manconi e chiedere ai rappresentanti iraniani spieganzioni del loro criminale comportamento!

Di seguito si riporta il testo del Comunicato Stampa Ansa, incontro Manconi – M.J. Larijani

Untitled