Posts contrassegnato dai tag ‘Kabul’

201709mena_iran_afghanchildren

Sta girando ovunque – fortunatamente – la notizia del report pubblicato da Human Rights Watch contro il regime iraniano: il report accusa Teheran di reclutare minori afghani di etnia Hazara, per combattere la jihad in Siria nel nome di Assad.

I minori vengono inquadrati nella Divisione Fatemiyoun, formata esclusivamente da Afghani (nata come brigata ed elevata al rango di Divisione, oggi composta da almeno 14000 jihadisti sciiti afghani). Il report, quindi, pubblica anche una lista di quattordici nomi di minori Afghani morti in Siria, con l’eta’ della morte e il cimitero dove sono sepolti in Iran.

Come scritto nel titolo, quanto denunciato da Human Rights Watch, rappresenta la scoperta dell’acqua calda. Da anni, infatti, si sa che il regime iraniano non solo recluta minori afghani per la sua jihad nel nome di Assad, ma sfrutta in generale gli immigrati illegali dall’Afghanistan, come mercenari. Sfruttando la loro vulnerabilità legale e sociale, il regime iraniano manda gli Afghani a morire in Siria, in cambio di un salario mensile e la promessa della cittadinanza. Peggio: ad addestrare questi mercenari, spesso minori, sono spesso i terroristi libanesi di Hezbollah

La denuncia di HRW, semmai, dimostra solo come per essere ascoltati dal grande pubblico, e’ necessario che la denuncia arrivi da qualche ONG che abbia un nome altisonante. Non basta, purtroppo, fornire i nomi, le eta’ e le immagini dei funerali, delle decine di minori afghani che sono morti in questi anni di guerra in Siria.

Cio’ che speriamo ora, quindi, e’ che avvenga quello che in questi anni non e’ mai avvenuto: ovvero che intervenga la politica, o meglio la diplomazia internazionale. Che intervenga magari quella Federica Mogherini che, da anni, fa finta di non vedere questi crimini internazionali, gli stessi che se compiuti da Isis vengono – giustamente – condannati senza remora alcuna.

Nel frattempo e’ intervenuto il Ministero degli Esteri afghano, che ha chiesto al regime iraniano di smettere di inviare rifugiati afghani in Siria. Una richiesta che cadrà nel vuoto, come quelle che da mesi Kabul fa a Teheran, per quanto concerne i rapporti tra i Pasdaran e i Talebani. Un altro crimine del regime iraniano, ad oggi, rimasto impunito…

201709mena_iran_alireza

 

liwa fatemiyoun

In Europa, ormai da anni, la questione del trattamento dei migranti e’ al centro del dibattito politico. In questi giorni, quindi, proprio in Italia si sta svolgendo un interessante e duro dibattito sul tema del salvataggio delle vite dei migranti e il ruolo delle organizzazioni non governative.

Mentre tutto questo scontro sui diritti e sulle relazioni illecite si svolge nel mondo democratico, in altre parti del globo, i rifugiati sono trattati – senza troppi problemi – come carne da macello, pronti ad essere inviati a morire in nome di dittatori brutali come Bashar al Assad.

E’ proprio quello che accade, da troppo tempo, ai rifugiati afghani che giungono in Iran. Questi disperati, sciiti di etnia Hazara, arrivano nella Repubblica Islamica per cercare una nuova vita. Quello che ottengono, e’ praticamente un trattamento disumano e minacce. Teheran, infatti, impone ai rifugiati afghani di scegliere tra l’arruolamento nella Divisione Fatemiyoun in Siria, oppure essere espulsi. Nel caso in cui il migrante sceglie di arruolarsi, per lui e’ pronto un salario di circa 700 dollari al mese, una carta verde per restare in Iran e una tomba in appositi cimiteri – il più noto si trova a Mashhad – dedicati ai “martiri afghani della guerra siriana” (Mei.edu). Tra le decine di corpi che ritornano quotidianamente dalla Siria, anche quelli di numerosi minori afghani, inviati in guerra nonostante la giovane eta’ (No Pasdaran).

In questi giorni, il quotidiano pakistano Dawn, ha raccontato la storia di Imam Ali, afghano di 22 anni, giunto in Iran dalla Provincia afghana di Bamyan. Dopo appena quattro mesi di permanenza in Iran, le autorità iraniane hanno imposto ad Imam Ali di scegliere tra la Siria e l’espulsione. Attirato anche dal salario e impaurito dal rischio di ritorno alla povertà totale, Imam Ali ha accettato di combattere per Assad (Dawn).

Ad oggi, secondo quanto rivelato dagli stessi Pasdaran, almeno 18000 rifugiati afghani sono stati inviati in Siria dall’Iran, per salvare il regime di Damasco. La questione dei rifugiati afghani usati come mercenari di guerra/jihadisti sciiti, sta anche causando una crisi delle relazioni tra Teheran e Kabul (8am.af). Tra i due Paesi ad influire sulla crisi diplomatica, oltre all’abuso dei migranti, si aggiunge anche il rapporto tra il regime iraniano e i Talebani, finanziati da Teheran nonostante le differenze di natura teologica (No Pasdaran).

Per approfondire:

Iran’s Violation of Afghan Refugee and Migrant Rights

Video di propaganda iraniana, in onore dei “martiri afghani della guerra in Siria”

L’Iran mantiene una serie di milizie combattenti in Iraq e Siria. Ovviamente, si tratta di una notizia notissima, come altrettanto noto e’ il fatto che molti di questi jihadisti sciiti provengono dal Pakistan e dall’Afghanistan. I media hanno già svelato che Teheran offre loro una paga, la carta verde per restare nella Repubblica Islamica e che, lo stesso Parlamento iraniano, sta discutendo una legge che permetterà ai jihadisti reduci di ottenere la cittadinanza iraniana, previa autorizzazione delle Guardie Rivoluzionarie. Meno note sono le modalità in cui i Pasdaran trasferiscono i jihadisti sciiti in Iraq e Siria. 

Alcune informazioni in merito sono state rese note in un rapporto presentato direttamente al Parlamento afghano. Secondo Kabul, infatti, i Pasdaran avrebbero preso in affitto un vettore civile della linea aerea afghana “Ariana”: in teoria, l’accordo sottoscritto tra Ariana e la compagnia aerea iraniana Mahan, prevede l’uso dei mezzi afghani unicamente per trasferimenti di civili, ma chiaramente le Guardie Rivoluzionarie non rispettano alcun patto. L’aereo civile, quindi, viene caricato di jihadisti sciiti devoti a Khamenei (o ai soldi che i paggetti della Guida Suprema sborsano) e inviato direttamente a Baghdad (ma anche a Najaf e Mashhad in Iran) e Damasco. 

Va precisato che la denuncia non arriva da un membro qualsiasi del Parlamento afghano. Al contrario, a svelare questa storia e’ stato il deputato Qais Hassan, Presidente della Commissione Parlamentare dei Trasporti e delle Telecomunicazioni del Parlamento di Kabul. In una conferenza stampa, Hassan Qais ha rivelato i dettagli dell’accordo firmato tra il direttore di Ariana Airlines  Nasir Ahmad Hakimi – oggi scappato negli Stati Uniti e accusato di corruzione da Kabul – e la Mahan Air: in cambio di 10.000 dollari per volo, la Ariana ha affittato un aereo alla controparte iraniana. Durante ogni volo, quindi, i Pasdaran fanno salire a bordo uomini mascherati, mischiati ai normali passeggeri. Di queste persone, l’equipaggio afghano non e’ autorizzato ad avere alcuna informazione. Alla conferenza stampa era presente anche il Ministro dei Trasporti afghano Mohammadullah Batash e il nuovo direttore amministrativo di Ariana  Omaid Mastoor.  Secondo Hassan, quindi, i piloti afghani sarebbero anche disposti a testimoniare su tutta la faccenda, rivelando il malaffare promosso dal regime iraniano.

La Repubblica Islamica impiega, ad oggi, almeno 3000 jihadisti sciiti provenienti dall’Afghanistan (di etnia Hazara). Miliziani a cui il regime iraniano garantisce uno stipendio mensile che varia dal 500 ai 700 dollari. Grazie al sanction lifting deciso dall’accordo nucleare del 14 luglio, Teheran otterra’ presto altri fondi per finanziare il terrorismo internazionale. Tra le altre cose, la stessa Mahan Air – compagnia aerea da sempre controllata dai Pasdaran – verrà presto tolta dalla lista delle sanzioni internazionali.

[youtube:https://youtu.be/_8VhBvVtrSg%5D

 

Manifestanti afghani contro il regime iraniano

Manifestanti afghani protestano contro il regime iraniano

L’Afghanistan, come è noto, è un Paese martoriato dalla crisi che – ormai da decenni – soffre per le conseguenze di terribili conflitti e di regimi fondamentalisti e senza pietà. Ancora oggi, nonostante la fine del Governo dei Talebani, l’Afghanistan è uno Stato instabile inseribile probabilmente all’interno di quelli che vengono definiti i “failed State”. Il territorio, infati, è tutt’altro che unito e il potere è ancora in mano ai “signori della guerra”, siano essi uomini di Karzai alleati dell’Occidente o Talebani.

Nonostante tutto il dolore e a dispetto dei tantissimi caduti, l’orgoglio del popolo afghano è ancora forte e si dimostra ogni volta che una forza esterna tenta di imporre al Paese decisioni contrarie agli interessi di Kabul. L’onore afghano, in questi ultimi giorni, si è espresso ancora una volta contro il regime iraniano, colpevole di trattare come animali i profughi afghani, di cercare di controllare l’Afghanistan attraverso una rete di spie e di corruzione e di voler obbligare il Governo regionale a rinuciare ad alcuni progetti economici importanti, al solo scopo di favorire Teheran

Ovviamente in Occidente nessuno ne ha parlato, ma pochi giorni gli abitanti della città di Herat hanno protestato vicino alla sede del consolato iraniano, accusando il regime degli Ayatollah di interferire illecitamente negli affari interni dell’Afghanistan. In particolare, i manifestanti hanno protestato contro la presenza di spie iraniane nelle Province di Herat, Farah, Badghis e Nimroz e contro la politica che Teheran sta portando avanti al fine di bloccare la costruzione di due importanti dighe in Afghanistan (la diga Salma e la diga Kamal Khan). Inoltre, questi coraggiosi manifestanti hanno anche denunciato la corruzione che governa il consolato dell’Iran ad Herat: sembra, infatti che, per condere i permessi di ingresso nella Repubblica Islamica i diplomatici iraniani si facciano pagare a peso d’oro da persone che non hanno praticamente nulla…

Immagine della Diga Kamal Khan

Immagine della Diga Kamal Khan

Immagine della Diga Salma

Immagine della Diga Salma

In queste ore, il coraggio degli Afghani, sembra drammaticamente scontrarsi con la debolezza degli Occidentali. Mentre, infatti, in Afghanistan la popolazione dice no all’interferenza del regime iraniano e al terrorismo che la Forza Quds sparge sul territorio (finanziando direttamente i Taliban), in Occidente gli Stati Uniti stanno praticamente rimanendo da soli davanti all’ipotesi di punire Bashar al-Assad per aver usato armi chimiche contro cittadini siriani inermi. Tutto questo, nonostante il fatto che nessuno in Occidente ha ormai il coraggio di negare che gli agenti chimici sono stati usati dagli uomini di Assad e che si tratta di un “crimine orrendo”. Questa consapevolezza – la chiara cognizione che Bashar ha superato ormai ogni linea rossa – non sembra però portare a decisioni coraggiose contro un regime che ha ucciso oltre centomila persone e ha costretto oltre un milione di esseri umani a lasciare le loro case.

Insomma, così come il popolo afghano, anche quello siriano sta rimanendo solo nella sua lotta contro un regime fascista, spietato e criminale. Non colpendo Bashar al Assad dopo l’uso delle armi chimiche, l’Occidente sta implicitamente avallando l’uso di ogni mezzo – anche le armi di distruzioni di massa – per colpire ogni possibile nemico. Da qui alla la bomba nucleare dell’Iran il passo, purtroppo, sarà breve…

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=jpmlodux7us%5D