Posts contrassegnato dai tag ‘Javad Larijani’

untitled

Il 14 settembre scorso, apriti cielo, un rappresentante del Governo italiano ha finalmente azzardato una critica la regime iraniano. Durante l’incontro tra Paolo Gentiloni e il rappresentante di Teheran Mohammad Javad Larijani, Segretario del Consiglio per i Diritti Umani (sic), il Ministro degli Esteri italiano ha, citiamo testualmente in inglese, “reaffirmed that Italy is against the death penalty and recalled the international campaign which has been going on for years now asking for a moratorium”. Ovvero ha ribadito la contrarietà italiana all’uso della pena di morte e il sostegno alla Moratoria Internazionale contro la pena capitale. Putroppo, neanche a dirlo, la questione della pena di morte non è stata posta come una delle precondizioni nelle nuove relazioni con Teheran, ma va comunque rilevato che meglio poco che nulla (Comunicato dagli Esteri).

Peccato che, le parole del Ministro italiano, sono state completamente cancellate dalla stampa iraniana. Facendo un breve giro sulle pagine in lingua inglese delle agenize di stampa della Repubblica Islamica, si può facilmente vedere come il contenuto dell’incontro Gentiloni – Larijani, sia stato riportato solamente parzialmente o addirittura totalmente dimenticato. Chi ha omesso in maniera radicale di riportare la notizia dell’incontro. sono state agenzie di stampa quali la Fars News, vicina ai Pasdaran, e la Tasnim News, anche questa legata alle Guardie Rivoluzionarie. Tasnim News, però, non scorda di riportare l’incontro tra il Presidente del Senato Grasso e Larijani, ove evidentemente non sono emerse (almeno pubblicamente) critiche al regime .

L’incontro tra Gentiloni e Larijani, al contrario, viene riportato da quattro agenzie d’informazione iraniane, Mehr News, Press TV, Irna e Pars Today. In tutti i casi, vi invitiamo a leggere voi stessi, non viene proferito verbo sulle parole di Gentiloni contro l’uso della pena di morte nella Repubblica Islamica. Ci si limita a riportare quello che fa comodo, dando una immagine dell’Iran come partner (e modello) per l’Italia nella lotta al terrorismo e al narcotraffico (ci sarebbe da ridere…).

D’altronde, come non ricordare che il Larijani che è arrivato a Roma, è lo stesso che poco prima di partire per l’Italia ha affermato che “le Nazioni Unite e l’Occidente dovrebbero ringraziare l’Iran per le condanne a morte che segue” (Freedom Messenger). Non serve aggiungere alcun commento…

 

14264945_10207014315578533_4053074466286718661_n

Mentre Roma accoglie a braccia aperte Javad Larijani, Segretario del Consiglio per i Diritti Umani iraniano (Mehr News), la Guida Suprema Ali Khamenei ne combina un’altra delle sue. Incalzato in merito al diritto delle donne iraniane ad andare in bicicletta in pubblico, Khamenei ha risposto picche, emettendo una fatwa di divieto assoluto (Freedom Messenger).

Rispondendo in merito alla liceità per le donne iraniane di pedalare liberamente in luoghi pubblici, Khamenei ha affermato: “le donne che pedalano nei parchi, nelle strade o in altri luoghi pubblici, solitamente attraggono l’attenzione dei maschi, esponendo la società alla corruzione. Questo è contrario alla castità delle donne e per questo motive va abbandonato” (AsrIran).

In poche parole, Ali Khamenei ha emesso una fatwa che vieta alle donne iraniane di andare in bicicletta in pubblico, al fine di non eccitare gli sguardi di maschi estranei, evidentemente incapaci di controllare le loro pulsioni sessuali. Ricordiamo che le donne iraniane non possono accedere agli stadi, durante eventi sportivi. Un divieto che, nonostante le promesse di cancellazione fatte da Rouhani, continua a restare in vigore.