Posts contrassegnato dai tag ‘Iran regime’

1

Trentacinque anni fa Khomeini tornava in Iran e l’antica Persia si avviava velocemente a diventare una Repubblica Islamica. Al centro, in nome della giustizia ultraterrena, il potere veniva accentrato nella figura del Rahbar, il giureconsulto, a cui la velayat-e faqih consegnava innumerevoli poteri.  A distanza di decenni, quella giustizia in terra promessa dall’Ayatollah sciita sembra essere soltanto un lontano ricordo. Al contrario, al posto del sistema ideale promesso dai mullah, il popolo iraniano si ritrova a vivere in un regime autoritario, fondamentalista, razzista, sessista e oppressivo. Dati alla mano, i duri aggettivi qui usati per descrivere la Repubblica Islamica, sembra essere tutti azzeccati. Pubblichiamo qui i numeri drammatici che descrivono i primi (e speriamo ultimi) tre decenni dell’Iran khomeinista:

  • O: Zero, il numero di donne che occupano oggi la posizione di giudice in Iran. Prima della rivoluzione, diverse donne ricoprivano questa carica e tra loro c’era anche il Premio Nobel per la Pace Shirin Ebadi. Oggi la signora Ebadi vive esiliata a Londra.
  • 1: Uno, il motto della rivoluzione. “Indipendenza, Libertà e Repubblica Islamica”. Ad oggi, l’indipendenza iraniana significa strapotere degli Ayatollah e dei Pasdaran ed assenza drammatica di libertà.
  • 10: Dieci, i giorni che la Repubblica Islamica dedica per celebrare la sua rivoluzione. Questi giorni sono chiamati i “Dieci Giorni dell’Alba (o del Principio)”, e ricordano il periodo che va dal ritorno di Khomeini in Iran – 1 febbraio 1979 – alla sua presa totale del potere l’11 febbraio. Considerati i fallimenyi della Repubblica Islamica, diversi iraniani chiamano oggi questi giorni “I Dieci Giorni del Tormento”.
  • 28: Ventotto, i chilogrammi di carne che, in media, che un insegnante può comprare al mese con il suo salario. Prima della rivoluzione, un insegnante poteva comprare almeno 168 chilogrammi di carne (sei volte di più).
  • 38: Trentotto, ovvero la percentuale dell’inflazione iraniana, secondo lo stesso regime. Prima della rivoluzione, l’inflazione era al 10%.
  • 60: Sessanta, la percentuale delle donne iraniane che oggi frequenta l’università. Un numero maggiore rispetto al periodo precedente la rivoluzione che, chiaramente, ha allarmato i mullah. Oggi nella Repubblica Islamica si parla di imporre quote azzurre, ovvero una percentuale fissa di posti universitari da assegnare – obbligarioramente – agli uomini.
  • 70: Settanta, il numero di persone morte per lapidazione in Iran dal 1979 ad oggi. Questi dati sono stati pubblicati da Human Rights Watch. I condannati, quasi tutte donne, sono stati puniti per adulterio.
  •  86: Ottantasei, la posizione in classifica dell’Iran in termini di libertà di movimento per i suoi cittadini (secondo il rating stilato da Henley & Partners). La Repubblica Islamica, in termini di libertà di viaggiare, è affiancata a paesi brutali come Corea del Nord e Angola. Il passaporto iraniano, a livello internazionale, è considerato tra i peggiori in termini di libero accesso ad un altro Paese.
  • 136: Centrotrentasei, il numero di Baha’i oggi in carcere per la loro fede. Dall’inizio della rivoluzione 222 Baha’i sono stati messi a morte dal regime e l’Ayatollah Khamenei – successore di Khomeini – ha emesso una fatwa per condannare ogni iraniano che mantene un qualsivoglia contatto con questa minoranza.
  •  200 – 250: Tra i Duecento e i Duecentocinquanta, il numero di cinema attualmente funzionanti in Iran. Prima della rivoluzione erano almeno il doppio.
  • 444: Quattrocentoquarantaquattro, i giorni che gli ostaggi americani hanno passato in mano agli estremisti islamici alla vigilia della rivoluzione. I rapitori hanno avuto la pubblica benedizione di Khomeini.
  • 624: Seicentoventiquattro, il numero delle esecuzioni compiute in Iran nel 2013 (dati di Iran Human Rights Documentation Center). Metà di queste pene di morte sono state eseguite sotto il Governo Rohani.
  • 1000: Mille, il numero di prigionieri politici attualmente nelle carceri iraniane, 35 dei quali sono giornalisti.
  • 3000: Tremila, il numero dei Toman – la moneta iraniana – necessari per ottenere un dollaro. La valuta iraniana, dopo la rivoluzione, ha perso oltre il 60% del suo valore.
  • 70000: Settantamila, il numero di Moschee presenti in Iran. Prima della rivoluzione erano circa 50000.
  • 150000: Centocinquantamila, il numero di iraniani con un titolo di studio che, annualmente, lascia la Repubblica Islamica in cerca di un futuro migliore. Le ondate maggiori di emigrazione sono avvenute immediatamente dopo la rivoluzione del 1979 e dopo la repressione dell’Onda Verde nel 2009.
FREE IRAN NOW
[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=iOpZJjQ1dN8%5D

BhcMhLWCcAEwMf6

Mohammad Nourizad, il famoso regista iraniano, è stato nuovamente perseguitato dal regime iraniano. Convocato presso il Ministero dell’Intelligence a Teheran, Mohammad Nourizad è stato pestato a sangue dagli agenti di Khamenei. Anche questa volta però, coraggiosamente, Mohammad Nourizad ha deciso di non rimanere in silenzio e ha diffuso in rete l’immagine della sua faccia ferita immediatamente dopo l’interrogatorio. La foto è stata resa pubblica per dei social network, usati finamente per dare la vera immagine del brutale regime iraniano e non come megafono per la charm diplomacy di Rohani e Khamenei.

Mohammad Nouriza, è noto, è un regista iraniano che – dopo le proteste del 2009 – ha deciso di prendere una posizione dura contro le repressioni messe in atto contro l’Onda Verde. In una coraggiosa lettera indirizza ad Ali Khamenei, l’ex giornalista del giornale conservatore Kahyan, ha chiesto alla Guida Suprema di chiedere scusa al popolo iraniano per la brutale soppressione del movimento di protesta scaturito dopo la rielezione truffa di Mahmoud Ahmadinejad. Per tutta risposta, come sempre, il regime lo ha arrestato e ed incarcerato ad Evin. Quando, nel 2010, Nourizad ha dichiarato uno sciopero della fame per le violenze ricevute in carcere, il regime ha risposto ancora con disumanità, arrestato parte della sua famiglia come ritorsione.

Non basta: dalla lettara del 2009, la lotta per un Iran diverso di Mohammad Nourizad è andata avanti con azioni in aperta sfida al sistema razzista che governa oggi l’Iran. In aperta critica contro le discriminazioni dei delle minoranze, Nourizad ha baciato i piedi di un bambino di fede Baha’i di nomer Artin, il cui padre si trovava in arresto nella prigione di  Raja’i-Shahr. La fotografia con il bacio, che vi riportiamo sotto, è stata pubblicata quindi in Rete, provocando la rabbia del regime. Il padre del bambino, al contrario, dal carcere ha scritto una lettera di ringraziamento a Mohammad Nourizad, augurandosi però che presto in Iran nessuno dovrà inginocchiarsi a baciare i piedi di un altro essere umano.

nourizad_artin1

Nella denuncia fatta attraverso Facebook, Nourizad ha detto di essere stato prelevato dagli agenti del MOIS – il Ministero dell’Intelligence iraniano – domenica scorsa e di essere stato brutalmente picchiato da un agente di nome Sar Be Din. Questo criminale, ha riempito di calci la faccia di Mohammad Nourizad e gli ha poggiato il ginocchio vicino agli occhi, rischiano di rompergli in faccia gli occhiali. Nonostante le botte e le minacce, alla provocativa domanda dell’agente iraniano “Volevi arrivare a questo?”, la risposta di Mohammad Nourizad è stata una sola: “Io sarò qui anche domani…”

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=A-Gdv6lSwlI#t=78%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=QYNaawjZB7g%5D