Posts contrassegnato dai tag ‘Georgia’

Anatomia del terrorismo in salsa iraniana: così potrebbero essere descrittele ultime informazioni relative al ruolo dell’Iran negli attacchi avvenuti tra il gennaio e il febbraio del 2012 contro rappresentati diplomatici israeliani in India, Thailandia, Georgia e Azerbaijan. Di questa brutta storia vi avevamo già raccontato diversi dettagli nell’articolo intitolato “Dossier: Tra nucleare e attentati, l’Iran si avvia alla sua definitiva militarizzazione“. Secondo quanto provato dalle indagini portate avanti dai servizi segreti indiani e thailandesi, quindi, Teheran ha finanziato e addestrato diverse squadre di terroristi, pronti a colpire non appena la Guida Suprema Ali Khamenei avesse dato il suo benestare. Vediamo, brevemente, alcuni nuovi dati di cui siamo oggi a conoscenza.

La fase preparatoria: sulle tracce degli assassini

La fase preparatoria degli attentati in India e Thailandia è cominciata nell’aprile del 2011. Secondo quanto sappiamo oggi, infatti,  il 25 aprile arriva in India, nella capitale New Delhi, Houshang Afshar Irani, l’uomo che poi materialmente compirà l’attacco contro la macchina dell’attachè militare israeliano il 13 febbraio 2012. A Nuova Delhi, a quanto è stato reso noto, Iran comincia una serie di appostamenti dall’hotel Connaught Circus. In quel periodo, Irani prende anche contatti segreti con con tre ragazze e con il giornalista Mohammed Kazmi. Kazmi, nei mesi successivi, viaggerà due volte in Iran e riceverà un compenso di 5,500 dollari. per aiutare Afshar Irani a monitoriare le attività del diplomatico israeliano.

 In parallelo all’azione di Afshar Irani, arriva in Tahilandia il 17 aprile 2011 Leila Rohani , grazie ad un permesso Visa da turista. La Rohani rimarrà in Thailandia per qualche settimana per poi ritornare nel luglio del 2011 e rimanere sino a settembre. La Rohani, infine, ritorna in Thailandia il 18 ottobre del 2011: da questo momento inizia la fase della preparazione dell’attacco. Nel dicembre 2011:, la Rohani ffitta un appartamento al centro di Bangkok, presso Soi Primi Phanomyong. Questo appartamento diverrà la base operativa del team che, il 14 febbraio del 2012, programmerà l’attacco (fallito) contro l’Ambasciata israeliana a New Delhi.

A monte di tutto ciò, inoltre, gli investigatori hanno rivelato che un numero di telefono riconducibile ad Hushang Afshar Irani è stato usato per due settimane anche in Georgia, nel luglio del 2012. Questo dato connette Irani anche con l’attentato contro l’auto di un diplomato israeliano a Tbilisi avvenuto in contemporanea con l’attacco in India, il 13 febbraio 2012.

La Siria, un Paese ormai nelle mani dell’Iran

 

In ultimo, riportiamo una notizia che dimostra quanto la Siria ormai è un Paese nelle mani dell’Iran. In questi giorni, infatti, un panel indipendente delle Nazioni Unite, ha verificato come Damasco sia coinvolta in tutte le violazioni delle sanzioni internazionali commesse da Teheran. In particolare, il regime di Assad avrebbe favorito il trasferimento di armamenti vero la Repubblica Islamica. Per questo, il panel sta fortemente sosntenedo l’approvazione di nuove sanzioni verso l’Iran che colpiscano, in particolare le compagnie iraniane Yas Air e SAD Import/Export. Ormai, è chiaro, il regime di Assad è completamente nelle mani di Khamenei…con tutto ciò che ne consegue (vedi il video “Un giorno ad Homs“)

Siamo ormai alla vigilia delle elezioni parlamentari iraniane e, con l’avvicinarsi del giorno del voto, aumenta l’attivismo della Repubblica Islamica, sia in chiave interna che in ambito internazionale. Per quanto concerne le importanti questioni delle repressioni interne, di cui qui non ci occuperemo ora approfonditamente, possiamo dire che Amnesty International ha diffuso un nuovo report in cui condanna il regime iraniano per l’aumento delle repressioni interne, specialmente nei confronti dei dissidenti politici (qui il link del report scaricabile in pdfhttp://goo.gl/SxZWK ), mentre dal luogo ignoto della sua detenzione, il leader dell’Onda Verde Mir Hossein Mousavi ha dichiarato di non aver cambiato idea in merito alle sue opinioni verso la deriva che la Repubblica Islamica sta prendendo (nonostante un segreto incontro con il figlio di Khamenei che avrebbe proposto a Mousavi un accordo in cambio del suo silenzio).

In questo articolo, però, ci occuperemo dell’attivismo esterno del regime iraniano, parlando precisamente dei recenti attentati organizzati contro le sedi diplomatiche israeliane da cellule terroriste direttamente finanziate da Teheran.

Per quanto concerne il terrorismo, in questi ultimi mesi gli agenti iraniani hanno tentato diverse volte di colpire obiettivi israeliani in giro per il mondo. Di seguito un breve elenco degli attentati compiuti nell’ultimo anno:

  1. Turchia: il 26 maggio 2011 gli agenti iraniani tentano di colpire il console israeliano ad Istanbul David Kimchi mentre si reca in ufficio. L’attentato fallisce, ma l’esplosione ferisce comunque otto civili turchi. Gli agenti turchi hanno in seguito scoperto una cellula di Hezbollah – l’organizzazione terrorista libanese controllata da Teheran – arrivati in Turchia da Beirut;
  2. Thailandia: nella metà del gennaio 2012 le autorità thailandesi riescono a sventare un tentativo di attacco contro obiettivi israeliani a Bangkok. Poco dopo l’annuncio, le forze di sicurezza locali arrestano Hussein Atris, operativo di Hezbollah, in possesso di un falso passaporto svedese. La polizia thailandese scopre anche un quantitativo di materiale chimico da usare come esplosivo;
  3. Azerbaijan: il 24 gennaio 2012 viene scoperta una cellula composta da tre azeri, finanziati direttamente dall’Iran. I tre pianificavano di uccidere l’Ambasciatore israeliano in Azerbaijan e di colpire l’emissario del movimento Chabad, direttore della scuola ebraica locale e capo Rabbino. Il capo della cellula era ricercato in Azerbaijan per rapimento e traffico di armi e aveva ricevuto dall’Iran 150.000 dollari per le sue attività;
  4. India:  a New Delhi alle ore 15 del 13 febbraio 2012, in occasione dell’anniversario della morte di Imad Mughniyeh (uomo di collegamento tra Hezbollah e l’Iran, ucciso a Damasco nel 2008), un motociclista attacca un ordigno esplosivo contro la macchina dell’attachè militare israeliano in India. L’esplosione ferisce gravemente la moglie dell’attachè e l’autista. Poco dopo l’attacco le autorità indiane arrestano cinque sospetti e ritrovano la moto abbandonata in una strada;
  5. Georgia: Quasi in contemporanea con l’attenato di New Delhi, un ordigno esplosivo viene attaccato anche su un’altra macchina: questa volta si tratta di un’auto in servizio per lo staff diplomatico dell’Ambasciata d’Israele a Tbilisi. L’autista del mezzo, però, si accorge dell’accaduto e allerta le forze speciali che fanno detonare l’ordigno. Anche in questo caso le autorità locali puntano il dito contro Teheran;
  6. Thailandia: il 14 febbraio 2012, appena un giorno dopo l’India e la Georgia, ancora Bangkok è la città protagonista di un nuovo attacco iraniano: vicino all’Ambasciata d’Israele si ode una esplosione in un appartamento. Si presume che si tratta dell’esplosivo che la cellula terroristica stava preparando per colpire i diplomatici israeliani. Dall’appartamento escono tre uomini: i primi due lasciano la scena dell’incidente in taxi, mentre il terzo scappa cinque minuti dopo gettando due esplosivi verso un taxi e una macchina della polizia. Nelle esplosioni l’attentatore stesso rimane colpito e perde le gambe. L’attentatore ferito viene identificato come Saeid Moradi, 28 anni, di nazionalità iraniana. Lo stesso giorno le autorità thailandesi arrestano un altro membro del commando, tale Mhammad Khazaei, mentre tenta di lasciare il Paese alla volta volta della Malesia, mentre un terzo operativo viene arrestato in Malesia il 15 febbraio.  Riescono a lasciare il Paese e a tornare in Iran altri due operativi della cellula. Tra loro anche una donna, Leila Rohani, colei che direttamente aveva affittato l’appartemanto a Bangkok.

In questo stesso periodo falliva la missione degli ispettori dell’AIEA in Iran. Il regime iraniano, infatti, non ha consentito agli ispettori di accedere a siti delicati come quello di Parchin, dove si sospetta che i Pasdaran stiano svolgendo le ricerche per quanto concerne  la detonazione degli ordigni nucleari. Il fallimento della missione AIEA ha determinato la pubblicazione di un nuovo report in cui l’Agenzia ha espresso nuovamente forte preoccupazione sui fini militari del programma nucleare iraniano e ha evidenziato come il quantitativo di uranio arricchito al 20% accumulato dal Teheran da novembre ad oggi sia triplicato (qui è possibile leggere il report AIEA in pdf: http://goo.gl/4OkWw ).

Appare sempre più evidente che il regime iraniano sta radicalizzando la repressione interna e sta aumentando le sue azioni esterne con il preciso fine di alzare il livello di tensione internazionale. L’obiettivo centrale, ovviamente, rimane quello di stringere sempre di più le maglie contro l’opposizione interna e di militarizzare definitivamente la Repubblica Islamica sotto la benedizione  “religiosa” di Khamenei e la “dura mano armata” del suo fedele generale Qassem Suleimani, capo della Forza Quds (unità speciale dei Pasdaran per le azioni interne), ormai uomo sempre più potente all’interno del regime.