Posts contrassegnato dai tag ‘Evangelismo’

alavi

Parlando a Qom davanti ad una pletora di clerici sciiti, il Ministro dell’Intelligence iraniano Mahmoud Alavi ha ‘denunciato’ che “il cristianesimo si sta diffondendo”. Secondo Alavi, a converstirsi al cristianesimo sarebbero “persone ordinarie i cui lavori sono vendere panini o simili attivita’”

Considerando il fenomeno in atto, Alavi ritiene che l’Iran non abbia alternativa: e’ necessario convocare queste persone presso il Ministero dell’Intelligence e chiedere loro le ragioni della conversione. E’ necessario quindi dire loro che l’Islam e’ una religione di pace e fratellanza. Alavi quindi ha affermato che, ogni volta che questo e’ stato fatto, le persone interrogate hanno risposto che quello che vedevano erano solo discussioni tra i clerici (sottointendendo che, quello che serve, e’ la pace e la cordialita’ tra i clerici sciiti…).

Infine, Alavi ha rimarcato come sia fondamentale il ruolo della propaganda che deve servire sia come forma di educazione, sia come strumento per la crescita delle nuove generazioni (nelle peggiori forme praticamente dell’indottrinamento di massa). Questo allo scopo di “vaccinare” il popolo contro l’influenza nemica (ovvero la cultura Occidentale).

Ricordiamo che in Iran abbandonare l’Islam e’ un reato (“apostasia”) punibile, nei casi peggiori, con la condanna alla pena di morte. Sono sempre di piu’ pero’ in Iran le persone che abbandonano l’Islam per il cristianesimo, soprattutto per il cristianesimo evangelico. Ovviamente, con l’aumento delle conversioni, aumentano anche le repressioni.

untitled

Condanne pesantissime per tre pastori evangelici, arrestati dal regime iraniano per aver abbandonato l’Islam ed aver abbracciato il cristianesimo. Un totale di 18 anni di carcere e due condanna all’esilio (roba da Silvio Pellico…), stabiliti da una corte rivoluzionaria iraniana, senza alcuna pietà e umanità. Behnam Irani, pastore evangelico convertito e già condannato a sei anni di carcere, ha visto la sua pena aumentata di altri sei anni. Ora dovrà restare in prigione per un totale di 12 anni! Nel febbraio del 2008, Irani ha ricevuto cinque anni di carcere per la sua fede e per “propaganda contro lo Stato” e “azioni contro la sicurezza nazionale”. Il Pastore Abdolreza Ali Haghnejad (noto anche come Matias) e il Pastore Reza Rabbani (noto ai fedeli come Silias), hanno ricevuto una condanna a sei anni di carcere. Attualmente imprigionati nella prigione centrale di Karaj, sono stati entrambi condannati a scontare la pena in esilio, ovvero nelle carceri periferiche di Minab e Bandar-e-Abbas.

Il Pastore Behnam Irani

Il Pastore Behnam Irani

Il Pastore Silos Rabbani

Il Pastore Silos Rabbani

Il Pastore Abdolreza Ali Haghnejad

Il Pastore Abdolreza Ali Haghnejad