Posts contrassegnato dai tag ‘Esteri’

Lo scorso 6 marzo, giustamente, la Farnesina ha duramente condannato il lancio di quattro missile balistici da parte del regime nordcoreano. Nel comunicato di condanna, il Ministero degli Esteri italiano ha denunciato come, questi test, “costituiscono una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionale e una aperta violazione delle Risoluzioni del Consiglio di Sicurezza” (Farnesina). Perfetto e assolutamente condivisbile.

Ciò che risulta non condivisibile e difficilmente comprensibile, è la motivazione che porta il Ministero degli Esteri italiano a condannare la Corea del Nord, senza però riservare lo stesso trattamento al regime iraniano. Eppure, soprattutto dopo l’elezione di Donald Trump alla Presidenza americana, la Repubblica Islamica ha diverse volte provocato gli Stati Uniti testando missili balistici. Azioni talmente gravi che, dopo il test avvenuto lo scorso 30 gennaio, la Casa Bianca ha annunciato addirittura di aver posto la Repubblica Islamica “on notice, ovvero di averle dato un cartellino giallo prima della definitiva espulsione. A quel cartellino, per la cronanca, ha fatto seguito la scelta del Dipartimento di Stato americano di approvare nuove sanzioni contro personalità e compagnie del regime iraniano (The Guardian).

Nonostante la dura posizione dell’Amministrazione Trump, dall’Italia non vennero reazioni a quei test balistici iraniani. Cosi come non sono pervenute reazioni dalla Farnesina ai test missilistici compiuti dal regime iraniano successivamente. Soprattutto per l’ultimo test con due missili balistici modello Fateh 110 compiuto da Teheran lo scorso 7 marzo 2017, ergo dopo quello nordcoreano (Defense News). Eppure, la risoluzione ONU 2331 del 2015, espressamente invita l’Iran a non compiere test missilistici e vieta di compiere quelli con missili capaci di trasportare armamenti nucleari (ONU). Come ammesso dallo stesso James Clapper, ex Direttore della National Intelligence statunitense, i missili balistici iraniani sono tutti “intrisecamente capaci di trasportare un ordigno nucleare” (Arms Control Wonk).

Rivelevando questa anomalia della Farnesina sulla posizione sulla Corea del Nord rispetto a quella sull’Iran, sottolineiamo come si tratti di un pericoloso doppio standard. Soprattutto perchè. come ampiamente dimostrato, Iran e Corea del Nord collaborano nel settore missilistico, tanto che recentemente è stato notato come una fabbrica di missili nordcoreana presso Geumchang-ri, sia praticamente identica ad una fabbrica di missili iraniana situata a Tabriz (Strategic Sentinel).

Non sappiamo dire da cosa derivi questo silenzio del Ministero degli Esteri italiano sulle violazioni iraniane. Se, però, la posizione più soft fosse derivata da interessi anche legati al settore economico, sarebbe sicuramente una grave ingenuità da parte della Farnesina. Solamente i rapporti commerciali con Paesi che veramente rispettano lo Stato di Diritto e gli accordi internazionali firmati, possono avere la certezza della loro riuscita reale. Indubbiamente, il regime iraniano non è tra questi Paesi!

Annunci

D'ALEMA

E ci risiamo: dopo l’intervista rilasciata a Repubblica qualche settimana fa, ora Massimo D’Alema si ripete, con nuove dichiarazioni sulla politica estera e sul Medioriente. Stavolta, lo spazio lo concede il Corriere della Sera, pronto addirittura ad inviare Aldo Cazzullo per l’occasione. Guarda caso – ma dai – la prima intervista rilasciata dal buon D’Alema era a poca distanza dall’arrivo del Presidente Rouhani in Italia, visita poi cancellate per i drammatici fatti di Parigi. La nuova intervista al Corriere, guarda caso (ma tu guarda…), arriva invece poco prima della nuova prevista visita di Rouhani a Roma, in programma per il 26 gennaio prossimo…

Sempre guarda caso, quante causalità, il tema dell’intervista dell’ex Ministro degli Esteri e’ lo stesso: il problema del Medioriente sono Israele e Arabia Saudita, Hezbollah e’ un alleato per l’Occidente e sull’Iran e’ stato sbagliato l'”ostracismo”. Cambiano le parole ma, tra le due interviste ai due più grandi giornali italiani, le differenze sulla sostanza praticamente non esistono.

Peccato che, come la volta scorsa, “baffino” ha annusato male anche stavolta. Il “Caro Leader” Massimino, infatti, ha annusato male sia in senso storico che pratico. Per dimostrare quanto affermato, non serve ritornare alla diatriba fra Sciiti e Sunniti e alla recente guerra americana contro Saddam Hussein. In questo senso basterebbe dire che, la Repubblica Islamica dell’Iran, e’ stato il primo Paese a sostenere l’azione USA del 2003 e il completo – e disastroso – disfacimento di tutto il sistema Baathista in Iraq (per non parlare del ruolo iraniano dopo il ritiro USA nel 2011…). Non serve neanche ricordare all’ex Ministro degli Esteri che, nessun conflitto mediorientale (la guerra a Isis in testa), può esser vinto se l’Occidente promuove una alleanza strategica con l’Iran e con Hezbollah, considerati da tutto il mondo sunnita la vera ragione dell’attuale conflitto settario all’interno dell’Islam. Per dimostrare quanto il baffo di Massimino annusi male, basta analizzare quanto sta succedendo oggi in Iraq, particolarmente nella Battaglia di Ramadi.

La Battaglia di Ramadi e’ diventata nota in questi giorni come simbolo della liberazione dell’Iraq dalla follia di Isis, anche se non e’ ancora terminata completamente (un po’ come Kobane fu per la Siria). Come Kobane dimostro’ che solo i curdi potevano liberare la loro città occupata, Ramadi ha dimostrato come solo i sunniti possono veramente liberare le città sunnite da Daesh e – speriamo veramente – l’intera Provincia dell’Anbar (anche nota come il Triangolo Sunnita). Se la Battaglia di Ramadi ha avuto successo, infatti, e’ perché finalmente non e’ stata lasciata nelle mani delle milizie sciite filo – iraniane. Al contrario, a guidare le Forze di Sicurezza Irachene, sono stati 5000 membri delle locali tribù sunnite, coadiuvate da altri 500 combattenti sunniti che hanno assicurato il controllo della parte Nord della città. Al contrario delle altre battaglie di Tikrit e di Baiji, il Premier iracheno al Abadi ha deciso di tenere fuori dal conflitto le milizie sciite, responsabili di atroci massacri contro la popolazione locale sunnita.

La reazione iraniana alla Battaglia di Ramadi e’ stata la dimostrazione lampante degli ‘errori Dalemiani’. Pur, di facciata, elogiando il successo delle Forze Irachene, Teheran e’ rimasto estremamente deluso dalla non presenza delle milizie sciiti nel conflitto. Non solo: i Pasdaran hanno preso come un vero e proprio affronto da parte del Premier iracheno al Abadi, la scelta di lasciare le parti liberate di Ramadi in mano unicamente alle tribù sunnite. Per questo, non casualmente, gli iraniani hanno scelto di mostrare al pubblico una foto della superstar Qassem Soleimani – ormai oggetto da poster e cartelle scolastiche – nella parte orientale della Provincia dell’Anbar (foto). Un pietoso tentativo di dimostrare un protagonismo iraniano nella Battaglia di Ramadi, praticamente inesistente.

C’e’ qualcosa di più drammatico nel ragionamento di D’Alema, qualcosa che parte evidentemente dall’ignoranza sulla situazione reale delle partite in gioco. In Iraq, ad esempio, dalla sua nomina il Premier al Abadi sta faticosamente tentando di sganciarsi – almeno parzialmente – dall’Iran. Per questo, non solo l’Iran e’ stato contrariato dai fatti di Ramadi, ma ha anche duramente condannato il sostegno aereo dato dalla coalizione americana anti-Isis. L’esecuzione del clerico sciita al Nimr a Ryadh, quindi, ha dato la scusa alle forze irachene filo-iraniane – in primis la Forza di Mobilitazione Popolare – di iniziare una protesta per chiedere la fine dei rapporti con Arabia Saudita e Stati Uniti e un legame ancora più forte con la Repubblica Islamica dell’Iran (ISW). Fortunatamente, almeno per ora, al Abadi ha deciso di restare neutrale, proponendo l’Iraq come mediatore tra i due Paesi in guerra diplomatica.

Sostenere la versione Dalemaniana della soluzione alla crisis – ovvero aumentare la legittimazione di Hezbollah e dell’Iran – significherebbe quindi vanificare ogni sforzo che sta facendo al Abadi per diminuire il conflitto settario in Iraq. Quel conflitto incrementato e sostenuto dall’ex Premier iracheno al-Maliki, internazionalmente considerato come un puppet dei Pasdaran iraniani. Al contrario, se davvero l’ex Ministro degli Esteri italiano fosse sincero nel suo ragionamento “geopolitico”, dovrebbe invocare un maggiore coinvolgimento dei sunniti nel Governo centrale iracheno a Baghdad. Un coinvolgimento oggi impossibile, proprio per l’opposizione dell’Iran, naturalmente proiettato a realizzare il suo imperialismo regionale in Iraq (Stratfor). Eppure, basterebbe leggere le parole di Struan Stevenson, ex Presidente del Parlamento Europeo e attuale Presidente del ‘European Iraqi Freedom Association’ (EIFA). Secondo Stevenson, infatti, un coinvolgimento dei sunniti nel Governo di Baghdad, potrebbe garantire all’esercito iracheno un sostegno di oltre 100.000 combattenti sunniti. Una forza che potrebbe spazzare via Isis in poco tempo, garantendo il sostegno delle forze locali al Governo centrale.

A quanto pare, pero’, al buon D’Alema i fatti interessano poco…sicuramente meno di una rilassante passeggiata a braccetto con Hezbollah…

dalemmah-hezbollah

executions pyramid in Iran

Dalla stampa italiana apprendiamo di un incontro i Ministri Gentiloni e Alfano, con il Vice Segretario ONU e Direttore Esecutivo dell’UNODC Yury Fedotov. Per informazione, l’UNODC e’ l’agenzia ONU che si occupa della lotta al narcotraffico e al crimine organizzato. Secondo quanto riportato dai media, gli incontri sarebbero stati eccellenti e le due parti hanno espresso una reciproca lode il sostegno italiano all’Agenzia ONU e per il ruolo che la stessa agenzia svolge nel contrasto alle droghe e al terrorismo, compreso il fenomeno dei foreign fighters (Farnesina). Con il Ministro dell’Interno Alfano, quindi, Fedotov ha anche affrontato il tema del traffico di esseri umani (Onu Italia).

Tutto perfetto? Non proprio. Perché in nessuna agenzia di stampa relativa alla visita di Fedotov in Italia, abbiamo trovato alcun riferimento al rapporto anomalo che esiste tra l’agenzia UNODC e il regime iraniano. Ancora, non abbiamo trovato alcun riferimento al ruolo del regime iraniano in alcune tematiche affrontate durante gli incontri con il rappresentante delle Nazioni Unite. Per questo, a tal proposito, ci permettiamo di fare qualche domanda ai Ministri Italiani, sperando di ricevere – prima o poi – dei chiarimenti. 

  1. Si e’ parlato, giustamente, di sostegno italiano alle attività dell’UNODC. Non ci sembra, pero’, che sia stato affrontato il ruolo che l’UNODC ha nel sostegno indiretto all’uso della pena di morte in Iran. L’Agenzia ONU, infatti, paga il regime iraniano con cifre sconosciute, per combattere il narcotraffico ai confini della Repubblica Islamica. Teheran, come noto, applica indiscriminatamente la pena di morte, anche per reati considerati dalla stessa ONU come “minori” (ovvero non punibili con la pena capitale). Ancora, sempre noto, l’Iran usa la scusa del traffico di droga per condannare a morte anche diversi prigionieri politici. A monte di tutto questo, l’Italia e’ in prima linea nel sostegno alla Moratoria Internazionale contro la Pena Capitale. Quindi, se possibile, vorremmo sapere se questo rapporto perverso tra UNODC e Iran e’ stato affrontato durante gli incontri e quale posizione e’ stata espressa dal Direttore Fedotov.
  2. Argomento Foreign Fighters: l’intero mondo parla dei Foreign Fighters che si recano in Siria e in Iraq per combattere con Daesh. Giustissimo. Vorremmo sapere per quale motivo nessuno affronta l’uso dei foreign fighters da parte del regime iraniano. In particolare, proprio parlando del dramma Afghanistan, ci riferiamo alla nascita di vere e proprie unita’ combattenti addestrate dai Pasdaran e spedite in Siria, composte da immigrati afghani arrivati come rifugiati nella Repubblica Islamica dell’Iran. Cosi come ci riferiamo al ruolo degli Hezbollah libanesi, proxy iraniano per eccellenza, da anni coinvolti nelle guerre in Siria, Iraq e ora anche in Yemen. Vorremmo quindi sapere, se possibile, cosa la diplomazia italiana in collaborazione con l’UNODC, intende fare per combattere i foreign fighters sciiti, responsabili quanto Daesh e al Nusra del conflitto settario all’interno dell’Islam;
  3. Anche per quanto concerne la lotta al traffico di esseri umani, ci permettiamo di fare una domanda. Vorremmo sapere quando la diplomazia Italiana, Occidentale e l’UNODC, chiederanno ufficialmente al regime iraniano di ritirare i suoi jihadisti – Guardie Rivoluzionarie in testa – dalla Siria e dall’Iraq. Vogliamo ricordare infatti che, se non fosse stato per l’intervento del regime iraniano al fianco di Bashar al Assad, la Siria probabilmente non sarebbe mai caduta nel baratro in cui si trova ora. Perché, se un requesito fondamentale per la risoluzione del conflitto siriano e’ la fine di Daesh e al Nusra (e ci mancherebbe), non puo’ non esserlo anche la fine del regime di Assad e il ritiro delle forze di occupazione iraniane dall’intera Siria.

Chiudiamo ricordando che, dall’arrivo di Rouhani al potere, oltre 2000 esseri umani sono stati mandati al patibolo. Secondo le ultime informazioni, 1000 nel solo 2015. Considerando che Rouhani sta per arrivare a Roma, speriamo davvero che qualcuno – oltre a stringere la mano e sorriedere – sapra’ anche denunciare gli abusi dei diritti umani nella Repubblica Islamica. 

Ringraziando anticipatamente i Ministri per la cortese attenzione, ci permettiamo di inviarLi a leggere questo report dell’Iran Human Rights, in merito alla pena di morte in Iran e al ruolo dell’Agenzia UNODChttp://iranhr.net/media/files/Rapport_2014_BDEF02.pdf

[youtube:https://youtu.be/zw81ZXSXZ38%5D

foto 1

Questo fine settimana, come vi abbiamo anticipato, il Ministro degli Esteri italiano Gentiloni si è recato in visita in Iran. Prima della sua partenza, purtroppo senza successo, avevamo pubblicato un articolo in cui chiedevamo al Ministro Gentiloni di farsi portatore di un messaggio di libertà per due prigionieri politici detenuti nella Repubblica Islamica, l’attivista Atena Farghadani e l’Ayatollah Boroujerdi. Nessuna risposta positiva è arrivata in tal senso e la questione dei diritti umani – seguendo i lanci di agenzia in Italia e in Iran – non è stata neanche toccata durante la visita diplomatica.

Tralasciando quanto richiesto dal Collettivo No Pasdaran, gli argomenti affrontati durante gli incontri tra Gentiloni e i rappresentanti del regime iraniano, sono rientrati pienamente nei canoni della mera propaganda di Teheran e non hanno affrontato i veri nodi problematici al centro dei rapporti tra la Repubblica Islamica e l’Occidente. Ormai, infatti, il regime iraniano gode di una completa impunità per i suoi crimini, soprattutto per quanto concerne la lotta la terrorismo. In tal senso, il Ministro Gentiloni ha accettato passivamente una lezione di morale dai rappresentati del regime iraniano, in primis dal Capo del Consiglio Nazionale Supremo per la Sicurezza Ali Shamkhani e dal Presidente Rouhani. Shamkhani, secondo quanto scritto da Iran Daily, ha ricordato a Gentiloni che, se oggi l’Occidente ha un problema con il terrorismo , ciò è meramente dovuto agli errori commessi dagli stesso Occidentali nella scelta degli alleati nella regione Mediorientale. Stessa lezione di morale, quindi, è arrivata dal Presidente Rouhani che ha sottolieato come Tehran abbia sempre messo in guardia i Governi Occidentali dal sostenere il terrorismo in Siria, Iraq e Libia.

La Siria e l’Iraq, come noto, restano i casi emblematici della mistificazione iraniana. Come abbiamo già scritto decine di volte, se oggi la Siria è divenuta il centro dello scontro tra Sciiti e Sunniti e se Daesh (Isis) è riuscito a conquistare il supporto di diverse tribu’ sunnite (soprattutto in Iraq), la prima motivazione va ricercata nel sostegno di Teheran ai Governo settari di Bashar al Assad e al Maliki. Il regime iraniano, salvando il potere di Assad, ha trasformato la rivoluzione siriana in una lotta tra due terribili jihadismi, quello khomineista e quello salafita. Stessa cosa dicasi per l’Iraq: Teheran ha reso l’ex Primo Ministro iracheno al Maliki un burattino nelle sue mani, provocando l’estromissione dei sunniti e dei curdi dalla regia del potere in Iraq.

Ritenere, quindi, che la risoluzione del problema di Daesh passi per una alleanza speciale con il jihadismo sciita finanziato dall’Iran, è una risposta drammaticamente errata e destinata ad aumentare lo scontro all’interno del Medioriente. Altrettanto fallimentare, quindi, risulterà il progetto dell’inviato speciale delle Nazioni Unite De Mistura per la Siria. De Mistura ha ormai sdoganato ufficialmente Bashar al Assad, descrivendolo come una presenza essenzale per la risoluzione del conflitto. Damasco ha immediatamente approfittato dell’occasione per dimostrare un pubblico sostegno al piano di De Mistura per una sospensione degli scontro ad Aleppo. Peccato che, tutto questo progetto, abbia sempre incontrato il parere contrario delle opposizioni siriane presenti nell’area di Aleppo (dove ancora combatte una opposizione non qaedista e salafita). Non solo: senza alcuna reazione da parte di De Mistura, Assad ha ordinato l’espulsione di due inviati delle Nazioni Unite, incaricati di portare aiuti umanitari proprio ad Aleppo. La loro colpa è stata quella di aver negoziato con i ribelli per far arrivare gli aiuti umanitari ai civili ancora presenti in città.

A proposito di terrorismo khomeinista, concludiamo questo articolo evidenziando il fatto che la questione dello Yemen non ha meritato alcuna attenzione durante la visita di Gentiloni. Per Teheran, come noto, si tratta di un argomento scottante, considerando il fatto che i Mullah hanno attivamente sostenuto e sponsorizzato il golpe degli Houthi a Sanaa. Anche in questo caso, però, il far finta di nulla rischia di essere un gioco pericoloso. Ciò vale soprattutto per l’Italia, impegnata nella lotta al jihadismo salafita in Libia in stretta alleanza con l’Egitto di al Sisi. Al contrario del Ministro degli Esteri italiano, l’egiziano al-Sisi ha pubblicamente afffrontato la questione dello Yemen, evidenziando una forte preoccupazione per quanto concerne il controllo dello Stretto di Bab el-Mandeb, una porta chiave per l’accesso al Mar Rosso. In tal senso, in una intervista con il quotidiano saudita Asharq al Awsat, al Sisi ha definto la sicurezza dell’Egitto come direttamente connessa a quella degli Stati Arabi del Golfo e lo la stabilità del Golfo come “una redline per l’Egitto”.

Un chiaro messaggio all’Iran, ma anche a tutta  la diplomazia Occidentale: combattere il terrorismo salafita portando avanti una alleanza privilegiata con la Repubblica Islamica dell’Iran – e, indirettamente, tutti i suoi proxy  (leggi Hezbollah in Libano) – può anche essere una sorta di (discutibile) tattica nel breve periodo, ma rappresenta certamente una strategia antiterrorismo fallimentare nel medio e lungo termine.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=-1GzbIAShcQ%5D

edam25

Ormai siamo certo che a Teheran i Pasdaran vogliono vincere la gara di esecuzioni capitali. Solo così si spiega la terribile notizia che arriva dalla Repubblica Islamica: 21 prigionieri sono stati impiccati in sole 48 ore!!! Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa HRANA (Human Rights Activists News Agency), il regime iraniano ha mandato al patibolo tutti questi detenuti senza neanche dichiarare ufficialmente una sola esecuzione. Per la precisione, scrive la HRANA, le impiccagioni sono avvenute in tre carceri: Shiraz, Bam e Banda Abbas.

Presso Bandar Abbas sono stati ammazzati 9 prigionieri, ma solamente di sette sono stati individuati i nomi. Si tratta di Sajad Ghochany  di Tehran, Mohammad Gholami di Tabriz, Mohammad Kazem Yazdani Doboron di Mashhad, Alireza Razmi di Bushehr, Mehdi Shahdadi di Iranshahr, Mosa Nekoei Zadeh di Bandar Abbas e  Ghasem Moradi Zadeh di Yazd. Altri 9 detenuti sono stati impiccati nel carcere di Adel Abad presso Shiraz. Nessuno dei loro nomi, almeno per ora, è stato diffuso. Le altre 3 impiccagioni, come suddetto, sono avvenute presso la prigione centrale di Bam. Qui, sul patibolo sono finiti: Mohammad Hojat Abadi, Rasool Naderi e Hossein Mir Dost.

Continuamo a ritenere vergognoso il silenzio della Comunità Internazionale davanti a questi massacri. Particolarmente, restiamo delusi dal silenzio della diplomazia italiana, teoricamente in prima fila nella promozione della Moratoria Internazionale Contro la Pena di Morte. Considerando l’appeasement verso i Mullah, dobbiamo probabilmente ammettere l’enfasi sulla lotta alla pena capitale, posto dalle stesse Nazioni Unite, rappresenta ancora una volta uno slogan vuoto che non spaventa nessuno, men che meno il fascista regime iraniano.

Vogliamo ricordare infine che, dall’elezione di Rouhani a presidente, sono stati impiccati oltre 1000 prigionieri e che, solamente dall’inizio del 2015, sul patibolo sono finiti 127 detenuti…(dati Iran Human Rights Documentation Center).

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=oz3b4H_S-7U%5D

Foto dell'Ayatollah Borojerdi prima della detenzione (destra) e durante la prigionia...(sinistra)

Foto dell’Ayatollah Borojerdi prima della detenzione (destra) e durante la prigionia…(sinistra)

L’Associazione Mondiale dei Medici, al contrario della diplomazia occidentale, ha condannato duramente la detenzione dell’Ayatollah Hossein Boroujerdi, noto come il “Mandela iraniano”. L’Ayatollah Boroujerdi è in prima fila nella lotta dello sciismo tradizionale contro le falsificazioni del khomeinismo. Dalla sua casa di Qom, con un coraggio unico, l’Ayatollah Boroujerdi ha sempre condannato l’abuso dei diritti umani in Iran, richiesto la fine del sostegno al terrorismo e invocato la nascita di un nuovo regime in pace con tutti i vicini della Regione.

La sua libertà di pensiero, purtroppo, gli è costata molto cara: arrestato nel 2006, l’Ayatollah è stato condannato a 11 anni di carcere. Dalla sua detenzione, questo simbolo di libertà per tutto l’Iran, ha scritto delle lettere al Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki Moon e al precedente pontefice Benedetto XVI. In tutte le sue missive, l’Ayatollah ha condannato gli abusi del regime iraniano, sottolineando l’importanza delle fedi monoteiste nella lotta al khomeinismo. Recentemente, come abbiamo scritto, l’Ayatollah Boroujerdi è stato minacciato di essere condannato a morte se non avesse chiesto pubblicamente scusa. Ovviamente, il Mandela iraniano non si è piegato davanti a nessuna minaccia e ha dichiarato lo sciopero della fame.

L’Associazione Mondiale dei Medici (AMM) ha scritto una lettera direttamente all’Ayatollah Khamenei, Guida Suprema e dittatore della Repubblica Islamica. Nella lettera, il Presidente dell’AMM, Xavier Deau, ha chiesto il rilascio immediato dell’Ayatollah Boroujerdi in considerazione delle sue pessime condizioni di salute e della necessità di ricevere in tempi brevissimi cure mediche. Come sottolineato anche da Amnesty International, l’Ayatollah Boroujerdi è un prigioniero di coscienza che ha sempre invocato la separazione tra fede e Stato, pagando duramente questo coraggio.

Considerando la personalità unica dell’Ayatollah Boroujerdi, la rilevanza delle fedi nell’attuale panorama delle Relazioni Internazionali, la necessità di combattere il settarismo all’interno dell’Islam, l’attualità della lotta contro il jihadismo e l’importanza per l’Occidente di tutelare i diritti umani, chiediamo al Ministro degli Esteri Gentiloni di agire immeditamente per ottenere la liberazione del “Mandela Iraniano”.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?x-yt-ts=1422579428&v=B0CDwBs8d2E&x-yt-cl=85114404%5D

139207041518241211251153

Una triste statistica è stata diffusa in queste ore: il regime iraniano mette a morte una persona ogni otto ore. Un record assurdo che non ha precedenti, probabilmente, nella storia contemporanea. Peggio ancora, da quanto il cosiddetto moderato Rouhani è stato eletto alla Presidenza dell’Iran, oltre 800 esseri umani sono stati messi a morte, nel silenzio di buona parte della Comunità Internazionale. Mentre Teheran uccide, cosa fa la Farnesina? Cosa fa il Ministero degli Esteri di un Paese che vuole essere promotore della Moratoria Internazionale Contro la Pena di Morte? Semplice: manda i suoi Direttori Generali in Iran, allo scopo di ampliare le relazioni commerciali. Nell’immagine in fondo, potrete leggere una delle tante agenzie uscite in Iran in queste ore, a proposito del viaggio del rappresentante del MAE, Andrea Meloni, nella Repubblica Islamica. il Dott. Meloni, per la cronaca, ricopre il ruolo di Direttore Generale Per la Promozione del Sistema Paese, una carica intesa a promuovere accordi commerciali tra Italia e estero. Come viene reso noto, con Meloni in Iran è arrivato anche Dott. Riccardo Monti, responsabile dell’ICE, Istituto per il Commercio Estero.

italia

Cosa è andato a fare Meloni in Iran? E’ andato a denunciare lo stato pietoso dei diritti umani? E’ andato a promuovere la Moratoria contro la Pena di Morte? No, non sia mai. Il Dottor Meloni è andato in Iran per promuovere lo sviluppo di accordi commerciali nel capo del trasporto, dell’agricoltura, del sistema bancario e dell’industria. A proposito di questi due ultimi punti, non riportati da Kayhan, si rimanda ad un altro articolo uscito in questi ultimi giorni (http://www.ecasb.com/en/news/28676).

Ora dire che almeno mille domande sorgono spontanee è dire poco. Vogliamo solamente porre al Ministro Mogherini una sola domanda, partendo da un paio di considerazioni relative unicamente all’attualità. Nelle stesse ore in cui Meloni e Monti visitavano l’Iran per affari, il regime iraniano condannava a morte l’attivista per i diritti umani Arzhang Davoodi, condannava un cristiano ad avere le labbra bruciate per aver mangiato di Ramadan e marciava per le strade di Teheran a supporto dell’organizzazione terrorista Hamas, considerata come tale dalla stessa Unione Europea. Ora la domanda è semplice e diretta: MA PERCHE’????

iran