Posts contrassegnato dai tag ‘Emma Bonino’

no-thanks

A quanto pare esiste una parte del progressismo italiano che ha creato due miti intoccabili: i palestinesi e Emma Bonino.

Cominciamo dai primi con una premessa necessaria: ci interessa poco il conflitto israelo palestinese (se non l’augurio che si possa trovare un accordo di pace) e ci interessa poco di chi accusa chiunque non la pensi come vuole il mainstream, di essere definiti “sionisti”. Per quanto ci riguarda, visto l’impegno contro il regime iraniano, ci interessa una cosa sola: la posizione delle forze politiche palestinesi verso la Repubblica Islamica e verso il popolo iraniano. In questo senso, la risposta e’ univoca: le forze politiche palestinesi hanno attivamente contribuito a sostenere coloro che – dopo la Rivoluzione – hanno bombardato con armi chimiche il popolo iraniano (Saddam). Una volta superata quella fase, le stesse forze palestinesi, non si sono fatte scrupoli a sostenere clerici e pasdaran iraniani in cambio di armi, soldi e anche indottrinamento ideologico (si veda la Jihad Islamica). Questa affermazione e’ cosi tanto vera, che non si contano i contatti con il “moderato Abu Mazen”, che Hamas e’ oggi tornato tra le braccia dei Pasdaran (e di Hezbollah) e che a Gaza esiste una brigata – la Brigata al-Saberin, che e’ emanazione diretta dei Pasdaran. Quindi, gentilmente, di questi gruppi asserviti a Teheran non sappiamo che farcene, se non augurarci che rinsaviscano e che capiscano di essere – anche loro – mera carne da macello per i fini della Repubblica Islamica.

Capitolo secondo: Emma Bonino. Incriticambile, al limite della beatificazione. Ora, anche in questo caso, non entriamo nel merito delle posizioni della Bonino sui migranti, contro Salvini e di altri temi di politica interna. Non ci interessa. Per quanto riguarda il capitolo Iran, pero’, parlano i fatti: la Bonino – da Ministro degli Esteri e non solo – ha contribuito drammaticamente alla rilegittimazione di un regime clericale razzista, misogino, finanziatore del peggior terrorismo internazionale e responsabile dei peggiori abusi dei diritti umani. Tutto fatto nel totale silenzio verso i crimini che quel regime continuava a compiere anche sotto la Presidenza del “moderato” Rouhani. Peggio, tutto fatto dicendo esplicitamente che l’Italia “vuole vincere la gara di amicizia con l’Iran”.

Se permettete quindi, in entrambi i casi, per quanto riguarda il tema Iran, ci risparmiamo questi due “fenomeni intoccabili”. Ve li lasciamo volentieri…

image22

AP_843971185004

iran-nessuno-tocchi-caino-pena-morte-620x372

Difficilmente entriamo a gamba tesa su un tema prettamente di politica interna, soprattutto quando si tratta di personalita’ politiche italiane che prenderanno parte alla prossima tornata elettorale.

Ovviamente, quando riguarda i rapporti con l’Iran – e con i suoi proxy – non ci vergogniamo di prendere una posizione chiara e netta. Per questo, stamane, non possiamo che entrare a gamba tesa sulla questione dello scambio epistolare tra i “radicali” legati alla lista “Più Europa” di Emma Bonino e quelli legati al Partito Radicale Transazionale, di cui sono membri Rita Bernardini, Elisabetta Zamparutti, Maurizio Turco e Sergio d’Elia.

Per chi non avesse letto la storia, i boniniani hanno inviato a Rita Bernardini una email, proponendole di candidarsi con la loro lista “Più Europa”. L’offerta, come raramente accade oggi in politica, e’ stata rimandata al mittente dalla Bernardini che, nella sua email di risposta ha testualmente scritto: “le vostre strade sono confluite in un’unica strada contraria a quella percorsa da Marco Pannella…Avete il “vostro” partito, la “vostra” lista, il nome di Emma Bonino ceduto a Radicali Italiani come patrimonio da far fruttare nelle competizioni elettorali. Avete spazi televisivi a gò-gò, quelli per conquistare i quali (e non certo per se stesso) Pannella doveva giungere in punto di morte…”. In poche parole, la Bernardini non solo ha rifiutato l’offerta, ma ha anche ricordato ai boniniani che – ormai da tempo – non sono più parte della famiglia radicale.

Per quanto ci riguarda, non entriamo nella contesta sullo Statuto radicale, ma giudichiamo i boniniani per le loro azioni e prese di posizione sulla politica estera. Con Bonino alla Farnesina, l’Italia viro’ drammaticamente verso gli interessi iraniani, tanto che fu proprio la “cara Emma” ha dire – tutta velata da Teheran – “vogliamo vincere la gara di amicizia con l’Iran. Peggio: la Bonino, a dispetto dei comunicati, in realtà si dimostro’ anche molto morbida verso il regime di Bashar al Assad, proxy di Teheran.

Anche una volta terminato il suo incarico alla Farnesina, la Bonino ha attivamente continuato la sua attività di lobbying politica in favore del regime iraniano, firmando anche appelli pubblici in favore di Teheran. Una campagna di sostegno al regime clericale iraniano, mai affiancata da condanne pubbliche degli abusi di quello stesso regime, contro donne, attivisti, giornalisti, intellettuali, detenuti e minoranze etniche e religiose.

Per tutte le ragioni suddette, non possiamo che applaudire la coraggiosa scelta di Rita Bernardini e non possiamo che farlo ricordando Marco Pannella, l’uomo che non si piego’ mai per una poltrona, per quanto elegante potesse essere…