Posts contrassegnato dai tag ‘Diritto Umani’

May Day Rally in Trafalgasr Square, London, UK

Migliaia di arabi iraniani sono scesi in piazza in questi giorni, in protesta contro le discriminazioni che subiscono da parte del regime islamista. Questa volta, le proteste sono cominciate dopo la messa in onda sulla TV nazionale, di un video in cui – su una mappa dell’Iran – vengono apposti diverse bambole con i costumi tradizionali delle varie etnie iraniane. Come si vede nel video, vengono totalmente ignorati i tipici costumi degli arabi dell’Ahwaz. Di seguito il video incriminato.

Chiaramente, le ragioni della protesta sono molto più profonde. La discriminazione della TV iraniana, non e’ un caso o una dimenticanza, ma una politica che da sempre viene portata avanti dalla Repubblica Islamica. Da sempre il regime nega agli arabi Ahwazi il riconoscimento della loro identità e proibisce loro persino l’insegnamento dell’arabo nelle scuole. Non solo, la regione dell’Ahwaz e’ carente di acqua e da Teheran non sono mai state realizzate le promesse di creazione di nuove condutture idriche.

Negli ultimi anni, quindi, il regime iraniano sta favorendo il trasferimento di altre etnie, fedeli al regime, proprio nell’Ahwaz, altra ragione che ha provocato la recente protesta popolare. Secondo le informazioni che arrivano dalla regione, almeno 26 persone sono state arrestate sinora.

ahmadreza djalali family

Sono purtroppo falliti i tentativi di convincere la magistratura iraniana a rivedere la condanna alla pena capitale per il ricercatore medico Ahmadreza Djalali.

Secondo quanto dichiarato dall’avvocato di Djalali, ora la condanna a morte e’ definitiva e la sua attuazione “può avvenire in qualsiasi momento”.

Qualche settimana addietro, una piccola luce di speranza si era aperta quando – sempre l’avvocato di Djalali – aveva dichiarato che una Corte iraniana stava ristudiando il caso e che avrebbe dato, entro febbraio 2018, una risposta definitiva. A quando sembra, la risposta e’ arrivata ed e’ drammatica.

Ricordiamo che Djalali e’ stato arrestato nell’aprile del 2016 e condannato a morte con l’accusa di spionaggio per un “Paese nemico” (ovvero Israele). Sotto tortura, Djalali ha confessato il “suo crimine” addirittura davanti alle telecamere, in un programma vergognosamente trasmesso dalla TV di Stato iraniana.

Successivamente una lettera dal carcere, Ahmadreza Djalali ha negato tutte le accuse nei suoi confronti. Alla base del suo arresto, ci sono le stesse ragioni che portarono in carcere il ricercatore Omid Kokabee: entrambi, infatti, hanno rifiutato di lavorare per l’intelligence iraniana. Djalali, in particolare, ha rifiutato di diventare un agente del MOIS in Europa, passando a Teheran informazioni sensibili nel settore nucleare.