Posts contrassegnato dai tag ‘diritti umani’

Ci sono personalità politiche italiane come la Boldrini, la Mogherini e la Bonino che, quotidianamente, si riempiono la bocca di femminismo, diritti umani e necessita’ di difendere l’accordo nucleare con l’Iran. Poco pero’ hanno da dire in merito agli abusi del regime iraniano contro le donne, le minoranze e soprattutto gli attivisti democratici.

Poi ci sono le donne coraggiose, quelle vere, come l’avvocatessa iraniana Nasrin Sotoudeh, da anni perseguitata dal regime per la sua attività in favore dei diritti umani. In questi giorni, quindi, Nasrin ha annunciato di rifiutare la richiesta intimatale dai Pasdaran, di presentarsi davanti alla Corte nella prigione di Evin. Lo ha fatto perché, pur consapevole dei rischi, Nasrin sa bene che i tribunali iraniani non seguono le norme e che la sentenza nei suoi confronti e’ praticamente già scritta.

Ufficialmente, Nasrin non sa le ragioni della nuova convocazione da parte della Corte. Probabilmente, pero’, e’ legato alla sua attività di difensore legale, in particolare per la difesa dell’artista  Parastou Forouhar e per quella dei bambini abusati sessualmente. Nel settembre scorso, Nasrin aveva difeso una mamma e una nonna che avevano denunciato gli abusi sessuali di un padre contro la sua piccola figlia. Il giudice iraniano, invece di condannare il padre pedofilo, aveva deciso di accusare la mamma e la nonna di “calunnia”.

Ricordiamo che Nasrin Sotoudeh e’ stata condannata a 11 anni di carcere nel 2010, per essere parte dell’organizzazione Centro di Difesa dei Diritti Umani. Fortunatamente, la sua sentenza fu poi ridotta in appello, fino ad ottenere la scarcerazione nel 2013.

Per lei, per la sua liberazione, per il suo diritto ad esercitare la professione di avvocato senza paura e per i suoi diritti di donna, ne la Boldrini, ne la Mogherini e ne la Bonino, hanno mai speso una singola parola…

nasrin sotoudeh

Annunci

La Corte Rivoluzionaria di Teheran ha condannato tre giovani Baha’i a cinque anni di carcere con l’accusa di aver “agito contro la sicurezza nazionale, in quanto membri della setta deviata Baha’i”.

I tre condannati sono giovanissimi e si chiamano Rouhieh Safajou, Tara Houshmand e Sarmad Shadabi. La loro colpa e’ quella di aver provato ad iscriversi all’università pubblica, da cui sono stati respinti nel 2015. Al regime, purtroppo, non e’ bastato negare a questi ragazzi il diritto all’educazione: nel marzo del 2016, infatti, i tre sono stati arrestati senza un motivo ufficiale.

Probabilmente la vera colpa dei ragazzi arrestati, e’ stata quella di non essersi arresi all’apartheid e al razzismo che il regime iraniano applica verso la fede Baha’i. I tre, infatti, hanno insistito per far valere i loro diritti: si sono recati presso il parlamentare Alireza Mahjoub che, nonostante sia considerato un riformista, li ha cacciati in malo modo dal suo ufficio, chiamandoli “terroristi”; hanno deciso di continuare i loro studi presso il Baha’i Institite for Higher Education (BIHE), un accademia creata nel 1987, per permettere a tutti i ragazzi Baha’i di continuare la loro formazione, purtroppo abbandonando l’Iran; hanno scritto direttamente a Mohammad Javad Larijani, Segretario dell’Alto Consiglio per i Diritti Umani dell’Iran (sic), rivendicando il diritto all’istruzione per ogni iraniano che la stessa Costituzione iraniana riconosce.

Neanche a dirlo, a guidare il processo contro i tre giovani Baha’i e’ stato il giudice Moghiseh, da anni noto per avere un CV pieno zeppo di abusi dei diritti umani. Il giudice ha applicato contro i tre giovani l’articolo 499 del Codice Penale Islamico dell’Iran, ovvero quello che prevede la condanna per “gruppi che disturbano la sicurezza del Paese”.

Ricordiamo che in Iran vige un vero e proprio regime di apartheid contro i Baha’i, a cui non solo e’ negato il diritto all’educazione, ma sono anche proibiti una serie di lavori. La Guida Suprema iraniana Ali Khamenei, ha qualche tempo fa emesso una fatwa, negando agli “iraniani puri” di avere contatti sociali con i Baha’i.

A-meeting-of-the-United-Nations-Third-Committee-UN-photo

E’ stata approvata con 83 voti favorevoli, la risoluzione ONU di condanna degli abusi dei diritti umani da parte del regime iraniano.

La Risoluzione A/C.3/72/L.41, proposta dal Canada e approvata dalla Terza Commissione delle Nazioni Unite, nonostante riconosca qualche passo avanti da parte di Teheran nella disponibilità a dialogare, ammette che la situazione dei diritti umani nella Repubblica Islamica e’ pessima. 

Per queste ragioni, la Risoluzione chiede al regime iraniano si terminare la persecuzione contro giornalisti, attivisti, artisti, intellettuali e minoranze etniche e religiose e di smettere di negare l’accesso alle cure mediche ai prigionieri politici. Inoltre, la risoluzione condanna il regime iraniano per l’alto numero di pene capitali, anche nei confronti di detenuti arrestati in eta’ minorile.

Con soddisfazione, riportiamo che anche l’Italia ha espresso il proprio parere favorevole a questa Risoluzione ONU. Un piccolo passo avanti, che speriamo venga seguito anche dalle parole dei rappresentanti politici italiani, attualmente quasi tutti silenti in merito.

Soprattutto speriamo che serva a smuovere le coscienze di personalità come Emma Bonino, molto impegnate nella critica del Ministro Minniti, ma assai meno nell’autocritica dei propri vergognosi silenzi in merito agli abusi dei diritti umani di regimi ormai considerati “partner”…

onu

iran women

Raccontarlo non sembra credibile, ma in Iran ad una donna non e’ solo obbligato di portare il velo, ma anche negato il diritto di entrare in uno stadio, di pedalare in strada e di cantare e ballare in pubblico. Tutte restrizioni che, a detta del regime, vengono prese per evitare che gli uomini siano “eccitati e provocati” dall’altro sesso.

Da mesi ormai, come noto, le donne iraniane stanno protestando contro il velo obbligatorio. Decine e decine di donne, ma anche diversi uomini, hanno lanciato i cosiddetti White Wednesday – i mercoledì bianchi – in cui indossano un velo o un accessorio di colore bianco, per dire basta all’hijab obbligatorio.

Ora, diverse ragazze iraniane non si accontentano più di sfidare l’imposizione del velo, ma vogliono altri diritti elementari che il regime iraniano ha tolto loro: in primis, vogliono il diritto di tornare a cantare e ballare ovunque vogliono. Un diritto considerato assolutamente normale in Occidente, ma negato dalla Repubblica Islamica.

Per raggiungere il loro scopo, le ragazze iraniane stanno postando in Rete filmati fatti col telefonino, mentre cantano o ballano in pubblico. Qui sotto due esempi di questa nuova campagna per i diritti civili in Iran.

Una campagna che deve assolutamente trovare il sostegno della Comunità Internazionale, per liberare finalmente tutte le donne iraniane dall’oppressione di un regime misogino, razzista e fondamentalista!

 

unga

Trentaquattro ONG internazionali hanno firmato un appello all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, chiedendo l’approvazione della Risoluzione A/C.3/72/L.41, dedicata all’abuso dei diritti umani in Iran e in votazione la prossima settimana all’UNGA.

Nella missiva pubblica inviata dalle ONG, viene sottolineato come per garantire il rispetto dei diritti umani nella Repubblica Islamica, sia fondamentale che venga mantenuta alta l’attenzione della Comunità Internazionale. Un voto in favore della Risoluzione A/C.3/72/L.41, quindi, “manderà un forte segnale alle autorità iraniane” al fine di obbligare Teheran a rispettare gli obblighi internazionali a cui, tra le altre cose, si e’ volontariamente sottoposto.

La Risoluzione A/C.3/72/L.41 – firmata tra le altre cose anche dall’Italia – pur iniziando riconoscendo al Governo iraniano di aver fatto dei passi avanti nelle intenzioni, e’ praticamente totalmente dedicata alle preoccupazioni relative ai continui abusi dei diritti umani nella Repubblica Islamica. In particolare, la Risoluzione fa riferimento all’alto numero di condanne a morte – anche di minori – allo stato detentivo dei prigionieri politici (a cui vengono negate le cure mediche), alle discriminazioni del sistema legale iraniano contro le donne e contro le minoranze etniche e religiose e alle persecuzioni contro giornalisti, attivisti, blogger, artisti, intellettuali, studenti e giornalisti.

Tra le altre cose, la Risoluzione invita caldamente il regime iraniano di collaborare pienamente con l’inviate Speciale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in Iran, Asma Jahangir. Parlando alle Nazioni Unite recentemente, la Jahangir ha condannato la non collaborazione di Teheran e sottolineato il deterioramento dello stato dei diritti umani in Iran.

Va aggiunto infine che, la stessa Jahangir, si sta battendo per una Commissione di Inchiesta internazionale relativa al massacro di oltre 30,000 prigionieri politici iraniani nel 1988, per ordine di Khomeini. Alcuni dei responsabili, tra cui il precedente e l’attuale Ministro della Giustizia iraniano, sono ancora al potere nella Repubblica Islamica.

reza

Il regime iraniano ha condannato Reza Ekvanyan, poeta e attivista per i diritti civili, e’ stato condannato a tre anni di carcere e quaranta frustate con l’accusa di “propaganda contro lo Stato” e “insulto al sacro”. Ad emettere la condanna e’ stata la Sezione 26 del Tribunale Rivoluzionario di Teheran, presieduta dal giudice Mashallah Ahmadzadeh.

Ad accusare Reza Ekvanyan sono stati i Pasdaran e il Ministero dell’Intelligence, che accusano il poeta di essere stato in contatto con contatto con “organizzazioni anti-statali” (Iran Human Rights).

In realtà, le colpe di Reza Ekvanyan sono relative alla sua attività di poeta e a quando da lui pubblicato sul suo profilo Instagram, ora disattivato. Purtroppo, la condanna del poeta iraniano si inserisce anche nella guerra politica tra le fazioni politiche. A dimostrazione di quanto suddetto, va rimarcato che Reza Ekvanyan e’ stato condannato anche per dei poemi pubblicati con l’autorizzazione del Ministero della Cultura e della Guida Islamica, sotto la Presidenza di Hassan Rouhani. Tra le altre cose, sempre con autorizzazione del Ministero della Cultura e della Guida Islamica, Ekvanyan ha pubblicato due libri.

Nato a Dehdasht, Reza Ekvanyan ha 32 anni e nel passato e’ gia’ stato arrestato in passato per le sue idee politiche e il suo attivismo per i diritti civili. Un primo arresto e’ avvenuto nel 2010 ed ha portato alla condanna ad un anno di detenzione del poeta. In quella occasione, Reza Ekvanyan aveva dato il suo sostegno alla “One Million Signatures Campaign“, in favore dell’uguaglianza dei diritti tra uomo e donna in Iran. Un secondo arresto e’ avvenuto nel 2013, in questo caso con l’accusa di “propaganda contro lo Stato”.

Under-Meynas-Wings-by-Reza-Ekvanyan

 

ahmadreza-djalali

Il 21 ottobre scorso, purtroppo, il regime iraniano ha deciso di condannare a morte il ricercatore medico iraniano – in possesso anche di passaporto svedese – Ahmadreza Djalali.

La sua storia riguarda anche l’Italia, avendo per anni Ahmadreza lavorato per l’Universita’ del Piemonte Orientale di Novara. Proprio da qui, dopo il suo arresto nell’aprile del 2016, e’ partita la campagna piu’ importante per la liberazione dell’accademico iraniano.

Ufficialmente, Ahmadreza e’ stato condannato a morte come “spia del Mossad”, accusato di aver fornito all’intelligence israeliana informazioni in merito agli scienziati nucleari iraniani. Neanche a dirlo, si tratta delle solite accuse che vengono mosse a colui il quale il regime vuole tappare la bocca.

Come dichiarato dallo stesso Djalali in un audio pubblicato due giorni prima la condanna a morte, il regime lo ha costretto per ben due volte a leggere una dichiarazione di colpevolezza già prestampata, ovviamente dopo averlo sottoposto a torture fisiche e psicologiche (audio in farsi).

La vera ragione della condanna a morte di Ahmadreza Djalali e’ stata rivelata ieri dal sito d’informazione americano Washington Examiner e anche dal quotidiano italiano La Stampa. In un documento scritto personalmente da Ahmadreza Djalali, il ricercatore iraniano rivela che, nel 2014, venne approcciato dagli agenti dell’intelligence militare e gli venne chiesto di collaborare al fine di raccogliere informazione sui programmi chimici, biologioci e nucleari dei Paesi Occidentali. Ahmadreza Djalali rifiuto’ e continuo’ a rifiutare le proposte dell’intelligence negli anni successivi…fino all’arresto dell’aprile 2016.

Una storia identica capito’ al ricercatore iraniano Omid Kokabee, arrestato mentre si trovava in Iran di ritorno dagli Stati Uniti, ove studiava all’Universita’ di Austin in Texas. Arrestato anche lui per non aver accettato di collaborare con l’intelligence iraniana, Omid venne condannato a dieci anni di carcere e fu liberato solamente nel 2016, per gravissimi motivi di salute.

Attualmente per la liberazione di Ahmadreza Djalali sono impegnati anche centinaia di senatori italiani, guidati da Elena Ferrara e Luigi Manconi. In un appello consegnato alle massime autorita’, questi senatori chiedono di sapere – anche dalla Mogherini – le iniziative diplomatiche in atto per salvare la vita di Ahmadreza. Ad oggi, purtroppo, sembra che poco o niente sia stato fatto e che, quanto e’ stato fatto, non ha sortito alcun risultato positivo.