Posts contrassegnato dai tag ‘Cristina Kirchner’

Cade oggi, 18 luglio, il triste anniversario del massacro dell’AMIA, il centro ebraico di Buenos Aires. In questo giorno del 1994, in un terribile attentato realizzato da uomini di Hezbollah e pianificato da diplomatici iraniani, veniva fatto saltare in aria il palazzo della Associazione Mutualità Israelita Argentina (AMIA) e 85 persone innocenti perdevano la vita (e oltre 150 venivano ferite).

Come suddetto, l’attentato – come dimostrarono le indagini dell’Interpol – fu pianificato e pensato nella sede dell’Ambasciata iraniana a Buenos Aires e il diplomatico chiave di questo massacro fu Mohsen Rabbani, all’epoca attachè culturale iraniano in Argentina. Ovviamente, neanche a dirlo, l’ordine di compiere l’attacco arrivò direttamente da Teheran e fu preso dai vertici più alti, in particolare dall’allora Presidente Rafsanjani, dall’ex capo dei Pasdaran (poi Ministro) Ahmad Vahidi, dall’allora Ministro dell’Intelligence Ali Fallahijan e l’allora Ministro degli Esteri Velayati.

Secondo quanto emerso negli ultimi anni, nella Commissione speciale che approvò l’attentato, sedeva anche Hassan Rouhani – oggi Presidente iraniano – e all’epoca Segretario del Consiglio Supremo di Sicurezza Nazionale. Il coinvolgimento di Rouhani era emerso nell’indagine che stava portando avanti il procuratore argentino Alberto Nisman, ucciso il 18 gennaio 2015, un giorno prima di testimoniare davanti ad una commissione speciale del Parlamento argentino sul caso AMIA. Secondo le indiscrezioni, Nisman era pronto a rivelare l’accordo segreto stipulato tra Teheran e la ex Presidentessa argentina Cristina Fernández de Kirchner, per mettere a tacere tutto la questione (petrolio in cambio di silenzio…).

La morte di Nisman però non è stata vana: oggi in Argentina la Kirchner è sotto inchiesta per il suo accordo con Teheran, accusata persino da Alberto Fernández, ex capo di Gabinetto dell’ex Presidente argentino Néstor Kirchner (defunto marito di Cristina Kirchner). Meglio ancora – e peggio per Teheran – l’Argentina ha appena inserito Hezbollah nella lista delle organizzazioni terroristiche.

Ciò che manca ora, quindi, è di portare il regime iraniano davanti alla giustizia internazionale, per ricevere la giusta punizione che merita un establishment estremista, formato da un gruppo di mafiosi assassini…

Per non dimenticare!

iran argentina

Una notizia importantissima arriva dall’Argentina: secondo quanto deciso dal Giudice Claudio Bonadio, l’ex Presidentessa Cristina Fernandez de Kirchner, sara’ processata per il suo ruolo nelle indagini relative all’attentato al centro ebraico AMIA.

Solo per la cronaca, il centro ebraico AMIA di Buenos Aires, fu dilaniato da una esplosione nel 1994. Purtroppo, oltre 80 persone innocenti perirono in quell’attentato. Secondo quanto emerso dalle indagini successive, l’attentato fu deciso dal regime iraniano, organizzato dalla locale Ambasciata di Teheran e realizzato da agenti di Hezbollah. Per quell’atto criminale, l’Interpol emise mandati di cattura per i maggiori rappresentanti del regime khomeinista, tra cui l’ex Ministro della Difesa Vahidi e l’ex Presidente iraniano Rafsanjani.

Arrivata al potere, la Kirchner ha firmato un segreto Memorandum of Understanding con l’Iran nel 2013: in cambio di petrolio ed interessi economici, la Kirchner e il suo Ministro degli Esteri Timmerman, accettarono di sviare le indagini sull’attentato all’AMIA e di coprire le responsabilità iraniane.

Per fortuna c’era il procuratore Alberto Nisman: senza paura, Nisman ha denunciato questo accordo come criminale e illegale. Evidentemente la sua azione ha fatto tremare l’establishment: un giorno prima di testimoniare davanti ad una commissione ad hoc del Parlamento argentino, Nisman e’ stato trovato morto (gennaio 2015). Come provato dalle autopsie successive, si e’ trattato di un omicidio.

Tra le altre cose, Nisman aveva anche rivelato privatamente di avere prove che Hassan Rouhani, attuale Presidente iraniano, fosse direttamente coinvolto negli incontri che portarono alla decisione di compiere l’attentato al centro ebraico di Buenos Aires!

 

 

 

amia

Finalmente un po’ di sana giustizia: un coraggioso giudice argentino, Claudio Bonadio, ha emesso un ordine di arresto nei confronti dell’ex Presidentessa argentina Cristina Fernandez de Kirchner, chiedendo al Senato di revocarle l’immunità.

Bonadio accusa la Kirchner di alto tradimento per “aver negoziato un accordo segreto con il regime iraniano, al fine di coprire le responsabilità di Teheran nell’attentato terroristico al centro ebraico AMIA, il 18 luglio del 1994″. L’attentato, compiuto materialmente da agenti di Hezbollah e organizzato dai massimi vertici dell’Ambasciata iraniana a Buenos Aires, causo’ la morte di 80 persone innocenti.

Mentre attende il permesso del Senato argentino per mettere le manette alla Kirchner, il giudice Bonadio ha già messo in prigione altri tre personaggi, tutti accusati di essere stati i mediatori dell’ex Presidentessa argentina con l’Iran. Si tratta di Carlos Zannini, segretario per gli affari legali della Kirchner, Luis D’Elia, sindacalista e il clerico mussulmano Jorge Alejandro Khalil. Agli arresti domiciliari e’ finito anche Hector Timerman, ex Ministro degli Esteri argentino, durante il Governo della Kirchner.

Grazie a questi arresti, finalmente, iniziano a trovare giustizia non solo le vittime del massacro dell’AMIA, ma anche il compianto Procuratore Alberto Nisman, colui che per primo aveva indagato contro la Kirchner e che e’ stato ucciso il 18 gennaio del 2015, un giorno prima di testimoniare davanti ad una commissione speciale del Parlamento argentino.

Ad oggi il Governo argentino del Presidente Macri non ha commentato e non e’ dato sapere se, nelle prossime ore, verrà data l’autorizzazione all’arresto di Cristina Kirchner. Ovviamente, ci auguriamo che cosi avverrà e che l’ex Presidentessa argentina paghi per i suoi crimini contro l’umanità.

Ricordiamo infine che, per l’attentato dell’AMIA, l’Interpol emano’ mandati d’arresto per i massimi vertici di allora del regime iraniano, tra cui l’ex Ministro della Difesa Vahidi e l’ex Presidente iraniano Rafsanjani.

La conferenza stampa di Cristina Kirchner, dopo la notizia del mandato d’arresto nei suoi confronti

L’arresto di Luis D’Elia, mediatore per la Kirchner con l’Iran

Argentina%20Bombing%20Anniversary-2

E’ stato pubblicato in questi giorni il report annuale della CIA in merito ai rischi per la sicurezza mondiale. Incredibilmente, per la prima volta dopo decenni, il capo della Cia James Clapper ha deciso di escludere l’Iran ed Hezbollah dalla lista delle minacce terroristiche, concentrando l’attenzione unicamente sul fenomeno di Isis. Ora, per quanto certamente Isis sia una grande minaccia alla sicurezza mondiale, la scelta di escludere i Pasdaran e tutta la galassa finanziata dalle Guardie Rivoluzionarie, primo fra tutti il movimento di Hezbollah, ormai un vero e proprio Stato nello Stato in Libano.

La scelta della CIA risulta ancora piu’ triste e deludente in questa giornata, il 17 marzo: in questo giorno del 1992, infatti, Hezbollah bombardava l’Ambasciata di Israele a Buenos Aires, capitale dell’Argentina. Sul terreno rimanevano oltre 20 morti e almeno 240 feriti innocenti. Come la storia dimostrera’, quello sarebbe stato solo il primo attacco contro gli ebrei in Argentina. Appena due anni dopo, infatti, l’Iran dava ordine ad Hezbollah di colpire il centro ebraico AMIA. Il palazzo dell’AMIA crollo quasi completamente a terra, provocando oltre 80 vittime innocenti, uccise solamente perche’ di religione ebraica.

Tutto divemta ancora piu’ paradossale quando, proprio per le indagini sull’AMIA, l’Iran ed Hezbollah hanno recentemente ucciso senza pieta’ il giudice argentino Alberto Nisman. Come vi abbiamo gia’ detto, la morte di Nisman, avvenuta il 19 gennaio del 2015, sta scatenando un vero e proprio putiferio in argentina contro la Presidente Christina Kirchner. Decine di migliaia di persone sono scese in piazza a Buenos Aires per chiedere giustizia e sempre piu’ particolari inquietanti stanno emergendo dalle indagini. Secondo quando sappiamo, infatti, Nisman era pronto a chiedere l’impeachment della Kirchner per i suoi rapporti con l’Iran: in cambio dell’assoluzione dal caso AMIA, infatti, non soltanto l’Iran avrebbe promesso sostegno economico con petrolio, ma avrebbe anche pagato la campagna elettorale della Kirchner nel 2007. Ricordiamo che l’attuale Presidente iraniano Hassan Rouhani fece parte della commissione speciale che diede luce verde all’attentato terrorista contro l’AMIA.

La scelta catastrofica della CIA, chiaramente di natura meramente politica, avra’ delle conseguenze drammatiche sulla credibilita’ dell’Occidente in tutto il Medioriente. Senza contare Israele, la solitudine dei sunniti davanti all’avanzare dell’imperialismo khominista, amplifichera’ unicamente lo scontro settario all’interno dell’Islam. Una strategia perdente, che rafforzera’ unicamente il jihadismo salafita e la versione peggiore dell’Islam politico.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=2bZ3wV_dvts%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=eMfPMWIIiJo%5D