Posts contrassegnato dai tag ‘Corruzione’

Nonostante tutte le pressioni, l’organismo internazionale FATF – Financial Action Task Force – non sembra intenzionato a rivedere il suo giudizio nei confronti del regime iraniano. Nell’ultimo giudizio emesso il 24 febbraio scorso, il FATF ha chiaramente ribadito che, a dispetto degli impegni presi nel giugno del 2016, il regime islamista non ha risposto positivamente alle richieste fatte dall’agenzia intergovernativa. In particolare, viene sottolineato, il FATF resta preoccupato soprattutto per il rischio di riciclaggio di denaro per il finanziamento del terrorismo internazionale. Per questo motive, ancora una volta, il FATF ha chiesto al regime iraniano di applicare le necessarie normative e raccomandazioni per dimostrare la trasparenza delle transazioni finanziare con Teheran (FATF).

Al di là di quello che i promotori del business con il regime iraniano cercano di dimostrare, la situazione economica nella Repubblica Islamica è disperata. Il regime è in preda ad una guerra di fazioni e interessi economici. Una conflitto intestino che ha esteso la corruzione a tutti i settori della società. Lo stesso Mohsen Rezaei, potente Pasdaran oggi Segretario del Consiglio per il Discernimeno con ambizioni da Presidente, ha dovuto pubblicamente ammettere che “la corruzione e la cattiva gestione del Paese, stanno portando la Repubblica Islamica sull’orlo del collasso” (al-Arabiya).

Ora una domanda a tutti gli imprenditori: volete davvero investire in un Paese simile? Un Paese corrotto e fanatico, ideologicamente fondamentalista e primo sponsor internazionale del terrorismo? I vostri guadagni meritano molto di più!

after-blasting-irgc-for-corruption

Tre vice comandanti dell’unità di intelligence dei Pasdaran iraniani, sono stati arrestati con l’accusa di corruzione, contrabbando, estorsione e riciclaggio di denaro. I tre, secondo le informazioni trapelate dal sito riformista “Amad News”, erano assistenti personali di Hossein Taeb, potente comandante dell’unità di intelligence delle Guardie Rivoluzionarie, inserito nella lista delle persone sottoposte a sanzioni internazionali, per il suo ruolo nell’abuso dei diritti umani, soprattutto durante la repressione del cosiddetto movimento dell’Onda Verde (Defend Democracy).

Dalle informazioni rilasciate in questi giorni da Amad News, si apprende che i tre Pasdaran sono stati arrestati ad Ottobre 2016: due di loro, “Atheem” e “Ifshari”, si troverebbero ancora in carcere, mentre il terzo fermato, indicato come tale “Mihrab”, sarebbe stato rilasciato su cauzione (Asharq al-Awsat).

La pubblicazione di queste informazioni sensibili avventa in questi giorni in Iran, deve essere inquadrata come parte della guerra intestina in corso all’interno del regime, tra la fazione di Hassan Rouhani, e quella legata alle Guardie Rivoluzionarie (alleati della magistratura). Una guerra che si gioca soprattutto sulla denuncia del drammatico livello di corruzione interna alla Repubblica Islamica, capace di coinvolgere i massimi livelli dell’establishment. In questi giorni, come noto, la fazione di Hassan Rouhani è rimasta orfana del suo rappresentante più potente, ovvero l’ex Presidente iraniano Hashemi Rafsanjani (No Pasdaran).

E’ chiaro che, nelle prossime settimane, assisteremo ad una crescita esponenziale della tensione tra le due fazioni in lotta, soprattutto in vista delle prossime elezioni presidenziali. In questo senso, sarà Khamenei a giocare il ruolo di ago della bilancia.

pic-3

La Fiera di Roma dedicata al regime iraniano, a quanto pare leggendo sui media, sembra procedere senza alcuna parola di critica al regime iraniano da parte delle autorità italiane. Peggio, durante l’inaugurazione del 22 Novembre (un giorno solo dopo la notizia di tre cristiani frustati pubblicamente in Iran per aver bevuto vino), il Ministro italiano Calenda ha rigettato ogni idea di maggiore accortezza nelle relazioni economiche tra Roma e Teheran. Minimizzando pericolosamente i possibili cambiamenti che il neo eletto presidente Usa Donald Trump potrebbe apportare all’accordo nucleare, Calenda ha anche annunciato un suo prossimo viaggio a Teheran, in compagnia del Ministro dell’Economia Padoan. Un viaggio previsto per l’inizio del prossimo anno (Ansa), con lo scopo di “far funzionare i canali di finanziamento”, segno evidente che – a dispetto della propaganda fatta sinora per investire in Iran – i businessmen italiani e il sistema bancario nazionale, non sembra guardare alla Repubblica Islamica con grande fiducia (giustamente…).

Purtroppo, mentre Calenda & Co., se ne vanno in giro benedire i rapporti economici con i Mullah, il regime iraniano prosegue indisturbato i suoi crimini contro i diritti umani. Proprio in queste ore, ci giungono le immagini dell’ennesima esecuzione pubblica di detenuti. Questa volta, le fotografie mostrano quattro detenuti impiccati in pubblico su una spiaggia dell’isola iraniana di Qeshm, nello Stretto di Hormuz (Freedom Messenger). Esecuzioni pubbliche che non solo rappresentano, come suddetto, un crimine contro i diritti umani, compiute per terrorizzare la popolazione civile, ma anche una violazione delle normative internazionali. Abusi verso i quali il silenzio italiano è particolarmente assordante, considerando che Roma pretende di essere il Paese leader nella promozione della Moratoria Internazionale Contro la Pena di Morte.

Ad ogni modo, è palese che qualche anomalia sia percepita anche dagli stessi organizzatori della Fiera di Roma. Basti considerare che la Fiera si apre al pubblico solamente nel pomeriggio di Venerdi e nella giornata conclusiva Sabato (e solo per eventi di natura culturale, ovviamente la cultura che il regime ama presentare, con la compiacenza delle autorità italiane). Un segno evidente dei timori degli organizzatori di essere “disturbati”, da realtà capaci di porre il pubblico davanti alla verità: il rischio business in un Paese corrotto, leading country solo nello sponsor del terrorismo internazionale, con una economia appaltata ai Pasdaran e notoriamente incapace di rispettare qualsiasi modello di Stato di Diritto.

pic-1

pic-2

pic-4

pic-5

pic-6

irans-1

Qualche giorno addietro, avevamo denunciato come i nuovi contratti petroliferi approvati dal Governo iraniano (e confermati dal Parlamento ), nonostante l’intento di attirare investimenti esteri, stessero in realtà favorendo gli interessi economici di Khamenei e dei Pasdaran.

I primi contratti firmati con i nuovi IPC, infatti, sono stati sottroscritti dalla NIOC con compagnie quali la Persia Oil and Gas Industry Development Company, controllate dalla holding come la SETAD, riconducibile direttamente alla Guida Suprema Ali Khamenei. Si legga: “Se il Governo Rouhani vende petrolio a Khamenei, No Pasdaran, 4 November 2016“.

Non basta: quello con la Persia Oil and Gas Industry Development Company non è il solo contratto firmato dalla NIOC dell’era Rouhani, con settori dell’economia iraniana legata alle frange più estremiste. Secondo quanto riporta al-Arabiya, infatti, la NIOC ha firmato altri importanti contratti petroliferi con compagnie legate alle Guardie Rivoluzionarie.

Tra queste, il sito menziona la compagnia “L’Ultimo Profeta” – compagnia sussidiaria dei Pasdaran, con un nome a chiaro riferimento millenaristico all’Imam Mahdi – che ha firmato con il Ministero del Petrolio un accordo per l’espansione dell’oleodotto di Azadegan, nella regione a maggioranza araba dell’Ahwaz. Nell’oleodotto di Azadegan è coinvolta anche la francese Total, a dimostrazione di come sia facile per le compagnie Occidentali ritrovarsi a dover convivere con quelle dei Pasdaran (Reuters).

Ancora una volta, il Presidente Rouhani sta apparentemente combattendo la fazione dei Pasdaran e di Khamenei, ma praticamente rifornendo le loro casse di vantaggiosi e lucrosi contratti nel settore pertrolifero. Lo scopo è chiaro: corrompere le Guardie Rivoluzionarie e la Guida Suprema, allo scopo di riottenere la benedizione per un secondo mandato presidenziale (le elezioni sono previste per la fine del 2017).

Per non dimenticare #FreeIran

20101112fire

Il regime iraniano ha da poco annunciato l’approvazione dei nuovi contratti petroliferi (IPC). Per mezzo di questi contratti, Teheran intende attirare le grandi compagnie del settore, in primis quelle Occidentali. I nuovi IPC, quindi, sono stati approvati dal Parlamento iraniano nel mese di settembre (Iran Project). Tutto questo, in teoria.

In teoria per due motivi: in primis i contratti non sembrano cosi appetibili per le grandi compagnie Occidentali. Nonostante si tratti di contratti estendibili a 20 anni e con maggiori incentive, per ora la Repubblica Islamica mantiene piu’ interrogativi che certezze. Nonostante la propaganda, infatti, gli investitori sono ben consapevoli dell’altissimo livello di corruzione all’interno del regime, del riciclaggio di denaro volto al finanziamento del terrorismo e del rischio arresto per i cittadini con doppia cittadinanza (attivi nel nuovo business con Teheran).

Poco importa a Rouhani perche’, almeno nel breve termine, il suo piano e’ diverso. Cio’ a cui punta ora il Presidente iraniano non e’ l’efficienza del sistema economico e finanziario iraniano, ma la sua rielezione. Le prossime elezioni saranno nel Maggio del 2017 e Rouhani sa bene che, per ottenere un altro mandato, ha bisogno di corrompere Khamenei e i Pasdaran. A questo scopo, non c’e’ di meglio del petrolio per ottenere successo.

Ecco allora che, poco dopo aver approvato i nuovi IPC, la compagnia di Stato NIOC ha chiuso un accordo con la Persia Oil and Gas Industry Development Company. Secondo l’accordo, la Persia Oil sviluppera’ quattro siti petroliferi (e le reserve) nel Sud dell’Iran. Un accordo da almeno 2,2 miliardi di dollari (Reuters).

Cosa c’e’ di strano? Semplice: la Persia Oil and Gas Industry Development Company è di proprietà della cosiddetta SETAD, o meglio in farsi “Setad Ejraiye Farmane Hazrate Emam”, Si tratta di una holding nata per gestire i beni dismessi dello Stato e che fa capo direttamente alla Guida Suprema Ali Khamenei. Una holding dal valore di quasi 100 miliardi di dollari…ovviamente dentenuti dal cerchio di Khamenei in segreti conti esteri (Reuters). Per questa ragione, la SETAD e tutte le sue controllate, sono state inserite nella lista delle sanzioni da parte del Dipartimento del Tesoro Americano. Tra le controllate, appunto, la Persia Oil and Gas Industry Development Company (link).

In altri termini, ciò che Rouhani sta facendo, non è nient’altro che assicurare a Khamenei e ai Pasdaran i loro interessi economici, sperando di appianare parte del loro malcontento, in vista del 2017. Peggio, sfruttando i nuovi contratti e il silenzio della diplomazia Occidentale, Rouhani sta aumentando il potere del cerchio intorno alla Guida Suprema, allo scopo chiaramente di ottenere la benedizione per un altro mandato (Middle East Brieafing).

setad_org

201511283120700115741_Babak-Zanjani-middleman-working-with-the-Iranian-

Condanna a morte per “corruzione in Terra”: questa la sentenza per il tycoon – ovvero l’oligarca – Babak Zanjani. Zanjani e’ accusato di aver sfruttato le sanzioni internazionali per arricchirsi personalmente, collaborando con parte del regime per aiutare Teheran. Grazie a questo ricco imprenditore iraniano – con un impero economico che va ben oltre la Repubblica Islamica, toccando la Malesia, Dubai, Tajikistan, Cina e Turchia – Teheran e’ riuscito ad evadere le sanzioni internazionali. Con Babak Zanjani – se la sentenza di morte verrà confermata – finiranno al patibolo anche altri due businessman iraniani Mahdi Shams e Iranian Hamid Fallah Heravi.

Ma chi e’ Babak Zanjani?

Ecco, qui inizia una storia alquanto torbida e difficile da comprendere. Babak infatti, prima di diventare un multimilionario, e’ stato un ragazzo scapestrato che ha iniziato la sua carriera come autista del Direttore della Banca centrale dell’Iran. Tra le altre cose, pochi lo sanno, e’ finito in carcere per ben due volte per bancarotta e una volta per aver tentato di lasciare l’Iran senza permesso.

Non e’ ben chiaro come, ma quello che e’ noto e’ che nel 2012-2013 gli USA e l’Unione Europea decidono di inserire Babak Zanjani nella lista delle persone sottoposte a sanzioni (Iran Wire). Per lui l’accusa, come suddetto, e’ quella di aver aiutato Teheran ad evadere le sanzioni internazionali. Pochi giorni dopo la decisione UE, un gruppo di parlamentari iraniani pubblica una lettera aperta all’allora Presidente iraniano Ahmadinejad, chiedendo che Zanjani venisse arrestato per corruzione. I Parlamentari si richiamano direttamente alla Guida Suprema Khamenei, accusando Zanjani di essersi appropriato dei proventi del petrolio iraniano (almeno 2,7 miliardi di dollari), venduto illegalmente sui mercati internazionali.

La lettera dei Parlamentari iraniani

Caso strano, la lettera dei Parlamentari iraniani coincide con l’apice del periodo in cui tra Ali Khamenei e Mahmoud Ahmadinejad e’ in corso una vera e propria guerra politica (Iran Wire). La Guida Suprema ha capito che l’Iran e’ sull’orlo del collasso economico e che Ahmadinejad ha intenzione di fare del nazionalismo iraniano una forza per abbattere il potere del Rahbar. Obiettivo di Ahmadinejad e’ di portare al potere come suo successore Rahim Mashaei, il suo Capo di Gabinetto. Per farlo, nel 2011, l’ex Presidente iraniano cerca anche di liberarsi del Ministro dell’Intelligence Heydar Moslehi, considerato l’orecchio della Guida Suprema. Khamenei reagisce male ed ordina ad Ahmadinejad di revocare subito le dimissioni di Moslehi. Risultato: Ahmadinejad abbozza, ma per mesi non partecipa alle riunioni del Governo…

Il coinvolgimento della famiglia Larijani…

Si avvicinano le elezioni iraniane, svoltesi poi nel giugno del 2013. Khamenei ha bisogno di eliminare Ahmadinejad e la sua fazione una volta per tutte. Ecco allora che la discussione all’interno del regime iraniano comincia a focalizzarsi proprio su Babak Zanjani e il suo legame – indubbio – con il Governo Ahmadinejad. Il negazionista Ahmadinejad ovviamente reagisce, mostrando in Parlamento un video che mostra i legami tra Babak Zanjani e la potente famiglia Larijani, a cui appartiene anche Ali, speaker del Parlamento iraniano (Febbraio 2013, video alla fine dell’articolo). In particolare, Ahmadinejad denuncia soprattutto i contatti di Zanjani con Fazel Larijani, fratello di Ali e di Sadegh, capo della Magistratura Iraniana. Tra le altre cose, nel video si vede anche un certo Hassan Mir Kazemi, noto mafioso, fotografato nel 2009 con la pistola mentre saliva, durante le proteste popolari dell’Onda Verde (Iran Pulse). 

E lo scandalo si allarga fino ad Erdogan…

Nel 2013 scoppia anche il più grande scandalo per corruzione mai accaduto in Turchia. Uno scandalo che vede direttamente coinvolto il partito dell’attuale Presidente – allora Primo Ministro – Erdogan. Oltre 50 persone vengono arrestate e sotto indagine finisce anche lo stesso figlio di Erdogan, Bilal (oggi residente a Bologna e sotto inchiesta per riciclaggio di denaro). Tra gli arrestati di quella inchiesta c’era anche un iraniano di nome Reza Zarrab. Durante gli interrogatori, Zarrab accusa direttamente Babak Zanjani, sostenendo che era in accordo con lui che egli aveva lavorato per smerciare 1500 chilogrammi d’oro tra Ghana, Turchia, Dubai e Iran.

Si defilano tutti…

Alla chetichella, tutti i vecchi sostenitori di Ahmadinejad si defilano. Primo fra tutti Ali Larijani, oggi rieletto come candidato indipendente tra i conservatori e sostenitore di Hassan Rouhani. Si defila anche Ali Akbar Salehi, altro nome citato per i suoi contatti con Babak Zanjani, nominato da Rouhani alla guida dell’Agenzia Atomica dell’Iran. Si defila anche un altro nome da pesi massimi: Rostam Ghasemi, Pasdaran della prima ora, ex capo della potente holding Khatam al Anbia e soprattutto ex Ministro del Petrolio del Governo Ahmadinejad. Oggi il caro Rostam gira tra Siria e Iraq, gestendo il sostegno del regime iraniano a Bashar al Assad e al Governo filo Iraniano di Baghdad. Senza contare che, le indagini su Zanjani, hanno dimostrato i contatti dell’oligarca con Mohammad Yazdi – ex Vice Ministro dell’Intelligence con responsabilità per gli affari economici – e soprattutto Hossein Taeb, potentissimo capo dell’Unita’ di Intelligence dei Pasdaran…

Quale conclusioni

Hassan Rouhani vince le elezioni nel giugno del 2013, benedetto silenziosamente dalla Guida Suprema Ali Khamenei e pubblicamente dall’ex Presidente Rafsanjani. Con Rouhani, in passato tra coloro che elogiarono Babak Zanjani, cambia il tono del regime iraniano, ma non la forma. Tra le altre cose, Rouhani non si fa problemi a nominare il Pasdaran Hossein Dehghan alla Difesa e il sanguinario Mostafa Pourmohammadi – responsabile delle repressioni contro i dissidenti degli anni ’80 – alla giustizia. Ali Akbar Salehi, come già detto, viene promosso a Vice Presidente e capo dell’Agenzia Atomica dell’Iran.

Il 6 Marzo 2016 Babak Zanjani viene condannato a morte, il “caso” vuole a soli due giorni dalla visita ufficiale in Iran di Erdogan – ora Presidente della Turchia impegnato a reprimere i giornalisti. Non sappiamo dire se la pena capitale contro Zanjani verrà eseguita. Quello che possiamo dire con certezza e’ che, mentre Zanjani si avvia al patibolo e al silenzio, la maggior parte di coloro che con lui si sono arricchiti si salvano, proprio grazie a Khamenei e Rouhani… 

imrs

Affermare che in Iran in questo momento c’e’ un caso giudiziario di prima importanza, e’ una frase senza senso. Purtroppo, nella Repubblica Islamica attualmente ci sono diversi processi aperti assai rilevanti, che mostrano la faccia peggiore del regime. C’e’ un processo, su tutti gli altri, che maggiormente spicca e che deve rappresentare un monito per tutto l’Occidente. Non solo perché si fonda su accuse deboli e mai provate, ma anche perché dimostra come la legge – se cosi possiamo chiamarla – funziona in Iran e come sia capace di colpire cittadini con passaporti stranieri, quando le ragioni politiche lo richiedono.

Il caso in questione e’ quello di Jason Rezaian, corrispondente del Washington Post in Iran, in possesso del passaporto americano e di quello iraniano. Jason Rezaian e’ stato arrestato nel luglio del 2014 insieme alla moglie, Yeganeh Salehi, anche lei giornalista e corrispondente del giornale The National (quotidiano degli Emirati Arabi Uniti). La Signora Salehi, per sua fortuna, e’ stata rilasciata nell’ottobre del 2014, mentre il povero Jason e’ rimasto in prigione. Il corrispondente del Washington Post e’ rimasto in galera con l’accusa di “spionaggio”, una accusa che il giudice Salavati ha ricavato – a quanto dicono le indiscrezioni – da una lettera inviata da Rezaian ad Obama (tramite il consolato americano di Dubai) e dalle relazioni del giornalista con alcuni colleghi (come Lara Setrakian di ABC). Prove praticamente inesistenti, soprattutto se si considera che una spia che non intende farsi scoprire non manda lettere direttamente alla Casa Bianca e che le relazioni tra giornalisti sono praticamente la regola (No Pasdaran). Il giudice Salavati, per la cronaca, lavora direttamente con i Pasdaran e il Ministero dell’Intelligence.

Come suddetto, il processo Rezaian deve essere un monito per tutti gli Occidentali che intendono correre in Iran ed investire nella Repubblica Islamica. Questo caso, infatti, dimostra pienamente come lavora il sistema giudiziario iraniano: nonostante le regole scritte, infatti, Rezaian, e’ stato arrestato un anno fa e tenuto per mesi in galera senza un processo, senza il diritto ad un avvocato difensore e senza delle accuse formali. Per lui il processo e’ cominciato solamente nel maggio del 2015, senza alcuna possibilità concreta per l’imputato di confutare le accuse (Iran Human Rights). L’ultima sessione del processo – svoltasi il 10 agosto scorso – e’ stata l’ennesimo esempio della brutalità del regime clericale: all’avvocato difensore di Rezaian non e’ stato consentito svolgere la sua arringa difensiva in forma orale (ha potuto solamente consegnare un documento scritto alla corte). Non solo: anche la moglie di Rezaian e’ stata “caldamente invitata” a non parlare con i colleghi giornalisti (in pratica una minaccia bella e buona).

Sebbene oggi l’Iran venga rappresentato dai media come il nuovo eldorado, si tratta di mera propaganda. Questo eldorado ha un livello di corruzione altissimo (l’Iran e’ al 136º posto su 175 Paesi), un livello di censura tra i primi al mondo (al 7º posto per precisione) e soprattutto, come il caso Rezaian dimostra, può trasformarsi da un giorno all’altro in una vera e propria prigione. Si tratta di un rischio che, attualmente, le diplomazie Occidentali non stanno evidenziando volontariamente, interessate come sono ad isolare la Russia sfruttando le risorse iraniane. E’ un rischio, pero’, che ogni impresa e ogni singolo cittadino Occidentale deveno considerare quando decide di investire nella Repubblica Islamica. Il prezzo dell’indifferenza – soprattutto considerando la volatilità politica dell’Iran – può avere un costo assai elevato. Il processo contro Rezaian si dovrebbe concludere la prossima settimana. Indipendentemente dal verdetto finale, la sua detenzione illegale e la privazione dei diritti fondamentali, devono essere condannati senza alcun appello ed esitazione.

[youtube:https://youtu.be/jVlj9UpfRNg%5D

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: