Posts contrassegnato dai tag ‘Corriere della Sera’

CgZmlduXIAAqts4

Velatissima e sorridente: cosi si era presentata la cara Federica Mogherini in Iran, umiliando ancora una volta tutte le donne italiane e quelle iraniane. Non contenta di aver umiliato l’Europa intera, la Mogherini pubblicava un articolo sul Corriere della Sera intitolato “L’Unione Europea Apre all’Iran, l’inizio di una svolta“.

Eccitatissima, la Mogherini parlava di “dialogo costruttivo” – caso strano copiando e incollando l’hashtag di Rouhani #constructiveEngagement – descriveva l’Iran come un “attore centrale del Medioriente e Asia” e aggiungeva testualmente: “Ci sono milioni di rifugiati afghani in Iran: insieme possiamo migliorare le loro condizioni di vita e ridurre il numero troppo alto di morti sulla rotta verso l’Europa.“. 

In poche parole, Mrs Pesc indirettamente prendeva a modello la Repubblica Islamica per l’accoglienza dei rifugiati afghani, paragonandolo alla crisi dei rifugiati in Europa, al fine di avviare una cooperazione con Teheran per risolvere questa drammatica crisi (che colpisce l’Italia in prima battuta).

Cosi facendo, la Mogherini mistificava gravemente la realtà dei fatti. In primis per quanto concerne i rifugiati afghani in Iran: questi rifugiati sono volontariamente tenuti ai margini dal regime, grazie ad una politica sostenuta dai Pasdaran, che ne vuole fare carne da macello per la Siria. Esiste infatti da anni una brigata speciale di Pasdaran – la nota Brigata Fatemyun – composta solamente da rifugiati Afghani. Il loro coinvolgimento nella jihad del regime, e’ in piena violazione dei parametri stabiliti dall’Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite (UANI).

Per la maggior parte, non si tratta di volontari ispirati da una fanatica visione del jihad khomeinista, ma dalla promessa di ottenere uno stipendio sicuro e, al loro ritorno, di poter avere un permesso di residenza in Iran. Non solo: il Parlamento iraniano sta da tempo discutendo una legge per concedere la cittadinanza ai rifugiati afghani che si arruoleranno per combattere in Siria (Good Morning Iran).

Secondo le informazioni raccolte in questi mesi, l’Iran offre un salario di che varia da 500 ai 700 dollari mensili ai circa 3000 combattenti afghani in Siria (Observer France 24). Non solo: come denunciato dal deputato afghani Qais Hassan, i Pasdaran hanno affittato degli aerei civili della compagnia afghani Ariana, per trasferire i combattenti afghani nei teatri di guerra in Siria e Iraq. Un accordo ottenuto con la collaborazione della compagnia aerea civile iranian Mahan Air: per 10,000 dollari a volo, la Ariana fa saliere a bordo dei suoi vettori Pasdaran Afghani vestiti da semplici civili (Pajhwork Afghan News).

Cosi facendo, il regime iraniano viola la stessa Convenzione Internazionale di Chicago – di cui e’ firmatario – che vieta espressamente di usare l’aviazione civile per scopi diversi da quelli previsti nella Convezione stessa (ergo per scopi militari). L’articolo 4 della convenzione di Chicago, infatti, testualmente afferma che: “Ogni Stato contraente si impegna a non adibire l’aviazione civile a scopi incompatibili con la presente Convenzione” (Testo). Questa violazione e’ stata totalmente ignorata dalla Comunità Internazionale.

Purtroppo c’e’ molto di peggio: l’Iran non solo manda i rifugiati Afghani a morire in Siria, ma tra loro invia anche numerosi minori. Quotidianamente, infatti, tornano in Iran nelle bare i corpi di giovanissimi afghani, uccisi per difendere il macellaio Bashar al Assad. Inviando minori in guerra, la Repubblica Islamica viola sia la Convenzione per i Diritti del Bambino del 1994, che il Protocollo aggiuntivo del 2010 contro il coinvolgimento dei minori nei conflitti armati (Good Morning Iran).

Vedere come l’Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza dell’UE ignori tutte queste vergognose violazioni, rappresenta un fatto gravissimo. Nessun appeasement internazionale, infatti, può giustificare l’indifferenza e il totale silenzio europeo e Occidentale.

Minori Afghani arruolati dai Pasdaran e morti in Siria 

Questo slideshow richiede JavaScript.

CHlWB0DUEAA-J5L

Il Primo Ministro Renzi va in Iran ed elogia il regime. La Mogherini lo segue poco dopo e, non solo arriva velatissima a Teheran, ma pubblica anche un articolo sul Corriere della Sera, pieno di inesattezze e bugie. Il Ministro degli Esteri Zarif, quindi, nello stesso tempo in cui l’Iran viola la Risoluzione ONU 2231, pubblica articoli sul Washington Post, descrivendo il suo Paese come un paradiso perfetto.

Tutto questo accade mentre, praticamente indisturbato, il regime continua ad abusare dei diritti umani quotidianamente. L’ultima e assurda notizia arriva dal mondo del calcio iraniano. Secondo quanto riporta Iran News Update, il 6 aprile scorso cinque tifosi sono stati condannati a ben 30 frustate, per aver alzato mostrato durante una partita uno striscione che chiedeva la liberazione di tutti i detenuti politici. 

La sentenza, per la cronaca, e’ già stata eseguita presso il carcere di Ardebil, nel nord della Repubblica Islamica. Le cinque vittime di questa punizione medievale sono: Amir Amini, Morteza Parvin, Maysam Jolani, Saleh Peachganlou e Mostafa Parvin. Non solo: oltre alle frustate, i cinque sono stati condannati anche a tre mesi di carcere.

Lo striscione alzato coraggiosamente dai cinque tifosi, chiedeva non solo generalmente la libertà di tutti i detenuti politici, ma più precisamente quella di Abbas Lesani, attivista per i diritti umani di Ardebil. Abbas e’ stato arrestato nel 2011 per aver protestato contro il prosciugamento del Lago Urumia e l’indifferenza del regime verso la minoranza Azera. Rilasciato su cauzione, Abbas e’ stato quindi condannato ad un anno di carcere nel giugno del 2015, che sta ancora scontando nel carcere di Shiraz.

 

500

Minoo Khaleghi non ha avuto nemmeno il tempo di godere della sua elezione in Parlamento. La neoparlamentare “riformista” – ammesso che in Iran esistano ancora riformisti veri – e’ stata immediatamente cacciata dal Majlis dal Consiglio del Guardiani. La sua colpa? Quella di aver stretto la mano ad un uomo (che non suo marito o suo padre) mentre si trovava in un viaggio all’estero, in Cina (The Guardian).

La povera Minoo, accusata quindi di relazione illecita, si e’ immediatamente difesa. Non lo ha fatto come la sua dignità avrebbe richiesto, ovvero affermando il suo diritto di stringere la mani di chi vuole liberamente. No: Minoo ha dovuto negare tutto, alla ricerca di un perdono che potesse essere accettabile per il Consiglio dei Guardiani della Rivoluzione. 

Come non ricordare, quindi, il caso dell’altra neoparlamentare “riformista” Parveneh Salahshuri. Appena eletta, in una intervista rilasciata a Viviana Mazza, la Salahshuri aveva dichiarato che “un giorno in Iran il velo non sara’ più obbligatorio”. Accusata di tradire i valori della rivoluzione, la neoparlamentare e’ stata costretta a fare pubblica penitenza (No Pasdaran).

Per ora non e’ dato sapere se Minoo otterrà o no il “perdono divino” o se un giorno l’Iran supererà il velo obbligatorio. Quello che possiamosapere invece e’ che certamentele donne iraniane non otterranno il sostegno delle loro “sorelle” Occidentali. Basta vedere come si sono vestite le rappresentati italiane arrivare in Iran con Matteo Renzi, per capire quanto poco interessi all’Occidente la libertà delle donne iraniane…

Questo slideshow richiede JavaScript.

81997202-70581751

Prima sulla Repubblica, poi sul Corriere della Sera, l’ex Ministro degli Esteri e Primo Ministro Italiano Massimo D’Alema, aveva rilasciato delle dichiarazioni promuovendo a spada tratta l’alleanza con il regime iraniano e i suoi proxy (primo fra tutti Hezbollah). Una alleanza preferenziale da portare avanti a scapito dell’Arabia Saudita – considerata praticamente il primo nemico dell’Occidente – e di Israele, considerato un “problema” (Corriere).

All’intervista del “leader Massimo” reagi’ in primis l’Ambasciatore di Israele a Roma, Naor Gilon, che – in una lettera al Corriere della Sera – parlo’ di una vera e propria “ossessione unilaterale” di D’Alema verso Israele (Corriere della Sera).

 Renzi “agente del Mossad da sconfiggere”

La polemica a colpi di penna, venne chiusa dallo stesso rappresentante italiano, in una risposta che lasciava trapelare come D’Alema avesse preso male la critica del rappresentante israeliano in Italia. Talmente male che, secondo quanto dichiarato dalla giornalista Maria Teresa Meli – e incredibilmente mai smentito – durante una cena Massimo D’Alema avrebbe dichiarato che il Primo Ministro italiano Matteo Renzi e’ un “uomo del Mossad” (il servizio segreto esterno di Israele) e che, per questo motivo, “bisogna sconfiggerlo” (Affari Italiani).

Dal Mossad al MOIS…

Alle dichiarazioni silenziose senza smentita, quindi, Baffino ha voluto aggiungere una ciliegina sulla torta: come per magia, senza neanche una riga sui media italiani, e’ volato a Teheran per incontrare Ali Akbar Velayati, potente Segretario del Centro di Ricerca Strategica del Consiglio del Discernimento. Questo “think tank”, non si limita ad attività di ricerca sulla politica estera, ma partecipa attivamente alla definizione delle azioni di sostegno al terrorismo internazionale del regime iraniano.

A tal proposito, proprio legato ai temi di Israele e del mondo ebraico, vogliamo ricordare che contro Ali Akbar Velayati, l’Interpol emise un mandato di cattura, per il suo coinvolgimento nell’attentato al centro ebraico AMIA di Buenos Aires nel 1994 (85 vittime innocenti). Anche il Governo federale della Germania, emise un mandato di cattura contro Velayati nel 1996, per il suo ruolo nel “massacro di Mykonos” del 1992 (FAS).

Mentre D’Alema elogia l’Iran le milizie sciite…

In Iran Massimo D’Alema questa volta ci e’ andato come Presidente del FEBS –  Foundation for European Progressive Studies – potente think tank legato ai socialisti europei (D’Alema conserva questa carica dal 2010). Ovviamente, durante la visita l’ex Ministro degli Esteri che amava andare a braccetto con Hezbollah, ha elogiato il regime iraniano e sostenuto la necessita’ di un rapporto stretto con Teheran per favorire la stabilita’ e la sicurezza regionale (Abna).

Tutto questo avviene mentre il Governo USA e’ costretto ad ammettere che le milizie sciite – al servizio del Governo iracheno e sostenute attivamente dall’Iran – stanno commettendo in Iraq una vera e propria pulizia etnica contro i sunniti e i cristiani (Vox.com). Primi responsabili di questi massacri etnici sono gli jihadisti della Brigata Badr, comandata da Hadi al Ameri, praticamente un uomo di Qassem Soleimani e Ali Khamenei (esiste anche un video di un bel bacio tra i due…).

Ancora: mentre Massimino elogia Teheran, gli iraniani stanno attivamente lavorando per costruire una milizia simile ad Hezbollah in Siria. Ormai da tempo gli sciiti siriani si definiscono  “Hezbollah fi Suriya” (Hezbollah in Siria). Questo avviene mentre, anche qui, gli iraniani e i loro proxy stanno favorendo una vera e propria pulizia etnica, soprattutto intorno alle aree di Damasco (The Tower). Peggio, l’elogio del rappresentante italiano verso l’Iran avviene mentre le milizie sciite continuano ad assediare il villaggio siriano da Madaya, dove donne e bambini sono praticamente costretti a mangiare l’erba per poter sopravvivere (EA World View, No Pasdaran).

Dulcis in fundo, il viaggio di Massimino coincide con la continuazione del contrabbando illegale di armamenti dall’Iran verso lo Yemen, in aiuto alle milizie Houthi, ormai diventate una sorta di Hezbollah locale. A fine febbraio, una fregata australiana ha bloccato una nave carica di armi dirette alla minoranza sciita yemenita. Una piccola barca da pesca, partita dall’Iran e con a bordo l’intero equipaggiamento di nazionalità iraniana (FDD).

Concludendo, possiamo certamente dire che il concetto di “stabilita’ e sicurezza” che promuove il Caro Leader Massimo, risulta rivelarsi alquanto destabilizzante, pericoloso e insicuro…

Qualche giorno fa, subito dopo le elezioni Parlamentari iraniane, la giornalista del Corriere della Sera Viviana Mazza ha pubblicato su Facebook una intervista a Parveneh Salahshuri, neo eletta nel Parlamento iraniano grazie al voto della capitale Teheran (nella Lista Speranza). Nell’intervista la Parvaneh, pur elogiando la Repubblica Islamica, dichiarava di voler lottare contro le discriminazioni, aggiungendo che – secondo la sua opinione – un giorno il velo islamico non sara’ più obbligatorio nella Repubblica Islamica (rimarcando, neanche a dirlo, di aver fatto una ricerca e di aver notato che la maggior parta delle donne crede nell’Hijab).

Neanche il tempo di dire la frase “speriamo abbia ragione”, che Parveneh Salahshuri e’ stata immediatamente rimessa al suo posto. Dopo le dichiarazioni davanti alla telecamera della Mazza, i media conservatori iraniani si sono scatenati, chiedendo a gran voce che l’elezione di Parvaneh Salahshuri fosse rivista dal Consiglio dei Guardiani. Risultato: in pieno stile dittatoriale, la Salahshuri ha fatto mea culpa, dichiarando all’agenzia ISNA che “indossare l’hijab e’ uno dei precetti islamici, essenziale per la donna e proveniente dal cuore. Ci sono differenze sul come vada osservato questo principio, ma l’obbligatorietà (del velo) e’ ovvia“. Nel video qui sotto, postato da Masih Alinejad, potrete ascoltare anche una intervista a Viviana Mazza in cui, giustamente, la giornalista italiana chiede che anche la voce delle donne iraniane che non intendono indossare il velo venga ascoltata dal regime.

1234

Oggi il più importante giornale italiano, il Corriere della Sera, offre una intervista esclusiva ad Hassan Rouhani (testo), Presidente dell’Iran e prossimo ad arrivare in Italia per una visita di Stato ufficiale (Novembre 14 e 15). L’intervista, realizzata da Viviana Mazza e Paolo Valentini, e’ assolutamente incapace di offrire una reale rappresentazione della Repubblica Islamica contemporanea.

Pur ponendo alcune domande interessanti relative alla realtà iraniana, le tematiche sono proposte in maniera assolutamente incapace di pretendere da Rouhani una risposta chiara ed alcune politiche inaccettabili del regime iraniano. Proponiamo di seguito gli aspetti dell’intervista che avrebbero richiesto una maggiore forza da parte degli intervistatori. Una forza necessaria assolutamente necessaria in mancanza della quale, al lettore inconsapevole, e’ offerta una immagine falsata del regime iraniano e delle aspettative che l’Occidente può avere dai Teheran.

  • Accordo nucleare: l’intervista offre una vetrina ad Hassan Rouhani per elogiare l’accordo nucleare e rimarcare come tra Stati Uniti e Iran si potrà aprire una nuova era di relazioni. Rouhani stesso, prevede nel futuro la riapertura di una ambasciata USA in Iran. Parlando quindi dell’arresto di numerosi cittadini americani in Iran, Rouhani descrive il regime iraniano come una realtà che rispetta i diritti degli stranieri. A tutte queste affermazioni, i giornalisti italiani non replicano affatto. Non ricordano a Rouhani che l’Iran non riconosce la risoluzione ONU 2231, approvata in seguito all’accordo di Vienna del 14 luglio scorso. Proprio per questo, come riconosciuto dallo stesso Occidente, l’Iran ha già violato l’accordo nucleare, testando un nuovo missile balistico (Emad) ed interrompendo lo smantellamento delle centrifughe (Reuters). Non solo: i due giornalisti del Corriere non ricordano a Rouhani che, l’attuale primo promotore della campagna di odio verso gli Stati Uniti, e’ Ali Khamenei, Guida Suprema iraniana;
  • Sempre in tema di nucleare e di sanzioni, ne la Viviana Mazza ne Paolo Valentino, hanno ricordato a Rouhani che la Guida Suprema Khamenei ha accettato l’accordo nucleare con condizioni che, implicitamente, negano quanto stabilito a Vienna. Tra queste, anche la condizione che vede l’accordo nullo, se verranno approvate nuove sanzioni contro la Repubblica Islamica anche per ragioni di sostegno al terrorismo e all’abuso dei diritti umani (No Pasdaran);
  • Diritti Umani: probabilmente la parte più aleatoria dell’intervista. Pur chiedendo conto a Rouhani delle sorti di Karroubi e Mousavi e dell’assenza di democrazia in Iran (bella scoperta…), i due giornalisti lasciano passare le risposte insensate del Presidente iraniano, senza minimamente reagire. Non reagiscono alla vaga promessa di libertà per i due leader dell’Onda Verde, agli arresti domiciliari dal 2011 senza neanche aver mai subito un processo formale e una formale accusa. Senza neanche aver mai avuto il diritto di difendersi con un legale. Non solo: nessuna parola sull’arresto di decine di attivisti per i diritti umani e sul brutale trattamento a cui sono sottoposti in carcere. Un trattamento che ha come scopo diretto quello di rendere gli attivisti dei disabili fisici, incapaci di nuocere al regime. Nessuna parola, quindi, sulla mancanza di progresso dei diritti delle donne e sul fatto che l’Italia – Paese che ospiterà Rouhani – sia la prima promotrice al mondo della Moratoria Universale contro la Pena di Morte. Pena capitale che il regime iraniano usa anche per reati non gravi, per eliminare oppositori politici e nei confronti di chi ha commesso un reato in eta’ minorile (contro ogni Convenzione Internazionale);
  • Siria: sicuramente la parte più ridicola dell’intervista. Ne la Mazza ne Valentino, infatti, hanno il coraggio di ricordare a Rouhani che, proprio l’intervento iraniano al fianco di Bashar al Assad, e’ stato la prima causa dell’attuale immane dramma siriano. Nessuna parola sul jihadismo sciita in Medioriente e sul ruolo dei Pasdaran nella pulizia etnica dei sunniti in Siria e in Iraq. Rounani non poteva aspettarsi di meglio…;
  • Morte a Israele e amore per l’Ebraismo e il Cristianesimo: la parte più folle dell’intervista. I giornalisti lasciano passare totalmente in silenzio il fatto che Rouhani ribadisca l’odio del regime iraniano contro Israele e l’obiettivo – sempre dichiarato – di eliminare il “regime sionista”. Permettono a Rouhani di fare una libera sviolinata sull’amore di Teheran per le tre religioni monoteiste, senza ricordare al Presidente iraniano che in Israele abitano 8 milioni di ebrei e che nelle carceri iraniani languiscono quasi 100 detenuti cristiani, incarcerati per motivi religiosi.

Interviste simili, dietro una parvenza di serietà, mascherano un pericoloso appeasement verso un regime fanatico ed estremista, quale e’ la Repubblica Islamica dell’Iran. Questo genere di “scoop”, non solo non ha il merito di informare, ma ha la responsabilità diretta di rappresentare una vetrina di disinformazione per il lettore Occidentale.

[youtube:https://youtu.be/X6-rIMQUtWg%5D

images

Ci svegliamo questa mattina con diverse brutte notizie che arrivano dall’Iran. La peggiore, però, questa volta viene dall’Occidente ed è rappresentata da un pubblico appello lanciato da sette rappresentanti internazionali in favore di una accordo sul nucleare con l’Iran. Un accordo che, secondo questi “leaders” in pensione, rappresenterebbe la via maestra per un dialogo sui diritti umani. I firmatari dell’appello sono, come detto, sette persone: Javer Solana, Ana Palacio, Carl Bildt, Jean – Marie Guehenno, Norbert Rottgen, Robert Cooper e…Emma Bonino. L’ex Ministro degli esteri italiano, colei che pur venendo da valori radicali si prostrò velata davanti a Rouhani, è tra le altre cose la prima firmataria di questo appello lobbista, volto unicamente a favorire le strategie dei Mullah e dei Pasdaran in Medioriente. Orbene: come abbiamo detto, questo appello vuole dimostrare che – per mezzo di una accordo con Teheran sul nucleare, da conseguire entro il 24 novembre – sarà possibile ottenere sviluppo positivi nel dialogo con la Repubblica Islamica, anche sui diritti umani. A tutto questo vogliamo rispondere direttamente, citando e contraddicendo il testo stesso dell’appello diffuso dal Corriere della Sera.

  • “Rimandare la decisione finale (sul nucleare, NdA), benchè difficile, offrirà agli oppositori della via diplomatica nuove opportunità per ostacolare tale processo”

Qui sorge una domanda, un pò all’Alberto Sordi: ma che ce state a pija per culo? Ovvero: ma di cosa stiamo parlando? Ma se è proprio l’Iran che sta dicendo no a qualsiasi proposta reale che permetta l’arrivo ad un vero accordo sul nucleare iraniano. Incredibilmente, e senza vergogna e pudore, una frase del genere arriva pochi giorni dopo che la stessa AIEA ha dichiarato che l’Iran non sta collaborando per dimostrare che il suo programma nucleare non ha un fine militare. Non solo: Teheran rifiuta di dialogare sul programma missilistico, inserito nelle sanzioni internazionali, e sul numero di centrifughe. Tra le altre cose, in queste ore, Teheran ha negato l’intenzione di spedire in Russia l’uranio arricchito. Semmai, il problema che i signori firmatari dovrebbero sollevare, è che l’AIEA non è parte del tavolo negoziale con l’Iran, il che fa ben capire come l’accordo sul nucleare non sia tecnico – ovvero orientato al risultato – ma meramente politico, ovvero orientato a salvare la faccia di qualcuno…

  • “Il mancato raggiungimento dell’accordo, seguito da una escalation delle sanzioni, delle tensioni e dell’isolamento dell’Iran potrebbe incentivare il Paese a produrre armi nucleari, a contrastare piu’ attivamente gli interessi Occidentali, a perpeturare una situazione di stallo militare altamente esplosiva”

Se cosi la pensano questi signori, allora l’appello dovevano andarlo a pubblicare su Fars News in Iran e non in Occidente. E’ Teheran infatti che da 20 anni porta avanti un programma nucleare segreto, un programma missilistico aggressivo e una politica di finanziamento al terrorismo regionale ed internazionale davvero abominevole. Semmai, inoltre, è vero il contrario: un accordo sul nucleare fatto tanto per farlo, per far felice qualcuno che deve finire un mandato zoppo, non farebbe che permettere all’Iran di rafforzare la sua politica aggressiva nella regione, costringendo i Paesi sunniti a difendersi, con un proprio programma nucleare. Una corsa all’atomo che potrebbe coinvolgere in breve tempo Turchia, Arabia Saudita ed Egitto. Quello che sembra, invece, è che in Occidente ci sia una azione lobbista favorita da personalità che vedono nella Repubblica Islamica la gallina dalle uova d’oro con cui firmare presto tanti bei contratti. Una lobby guidata negli Stati Uniti dalla Niac e da Mousavian, ex ambasciatore iraniano a Berlino, vero padre dell’eccidio di Mykonos..

  • “Un accordo finale sul nucleare infonderebbe fiducia e creerebbe lo spazio politico necessario agli europei per coinvolgere nuovamente l’Iran in quell’importante e tutt’ora estremamente necessario, dialogo sui diritti umani che era presente in passato”

Questa frase, proprio questa, rappresenta la fine dell’Occidente. Dopo l’inchino velato della Bonino davanti a Zarif, ecco un’altra perla che dimostra come il democratico Occidente, si stia gradualmente genuflettendo davanti ai Mullah e ai Pasdaran. A questi signori basterebbe rispondere che, dopo l’Accordo di Teheran del 2003, quello che la Comunità Internazionale ottene fu solo…Ahmadinejad. L’Occidente firmò un accordo su cui, come Rouhani stesso ha ammeso, l’Iran aveva bleffato per guadagnare tempo. L’Occidente lo sapeva, ma volle comunque un bad agreement per rafforzare i supposti moderati. Non solo i moderati finirono a culo scoperto, ma al potere in Iran arrivò un negazionista di nome Ahmadinejad, favorito dai Pasdaran e da Khamenei, che fece ripartire le centrifughe al massimo. Ecco oggi ripresentarsi lo stesso bluff: supposti intellettuali che propongono un accordo a tutti i costi, nella speranza di vedere un Iran diverso, una Repubblica Islamica buona. Poveri illusi, figli del Congresso di Vienna e completamente a digiuno del vero significato della Repubblica Islamica. La rivoluzione del 1979, rapita dal Khomeinismo, non permettere reali compromessi con i valori di libertà e democrazia dell’Occidente. Si tratta di valori che, se il regime promuovesse a Teheran, determinerebbero la caduta della Velayat-e Faqih in pochi minuti. Il Khomeinismo, come l’Unione Sovietica, non permette accordi reali, ma verrà sconfitto solo da una vittoria e netta dell’Occidente. Una vittoria da conseguire con l’isolamento del regime, l’empowerment della popolazione iraniana e soprattutto la fermezza delle posizioni Occidentali. Per quanto concerne i diritti umani, vogliamo ricordare che, in un solo anno, il caro Rouhani ha mandato a morte 900 prigionieri…

  • “Tutte le parti possono allontanarsi da un’intesa, ma lo farebbero con la consapevolezza che le alternative – in relazione ai rispettivi interessi strategici – sono molto peggiori e che un’opportunità come questa…potrebbe non ripresentarsi piu'”

Per firmare un accordo con Teheran sul nucleare, ci vorrebbero cinque minuti. Basterebbe che, come ogni Paese parte del Trattato di Non Proliferazione, l’Iran aderisse al contenuto dell’TNP, aprendo le sue centragli per vere ispezioni, rispondendo alle domande dell’AIEA e seguendo i protocolli previsti dalla Comunità Internazionale. In questo modo, non solo l’Iran avrebbe un accordo sul nucleare, ma anche il know how per svilupparlo pacificamente a costi bassissimi. La verità, però, è che l’unico accordo che interessa Teheran è quello che mantenga in vita la possibilità per la Repubblica Islamica di cotruire una bomba nucleare nel prossimo futuro. Uno stato di soglia, come si direbbe in termini tecnici, che non farebbe che provocare ansia nell’intera regione e, come suddetto, le reazioni dei Paesi vicini. Quello che questi firmatari stanno promuovendo, quindi, è un accordo fallimentare e pericoloso, che non rappresenta una opportunità, ma un rischio incalcolato…

imagesCA9DX4W9