Posts contrassegnato dai tag ‘Bruxelles’

Brussels Airport explosions

Ieri, purtroppo, l’ennesima giornata tragica per l’Europa: due attentati nel cuore del Vecchio Continente, nella città che per eccellenza rappresenta l’Unione Europea. Trentaquattro vite innocenti spezzate all’aeroporto e nella metropolitana di Bruxelles, da folli figli di Ibn Taymiyya e dei suoi apostoli (leggi il Wahhabismo).

Ovviamente, più l’islamismo sunnita colpisce innocenti – non importa che esso sia rappresentato da Isis o da al Qaeda – più l’Occidente vede nell’asse sciita la risposta alla soluzione dei problemi. Una risposta che, più che legata ad una reale analisi dei fatti, e’ dettata dalla mancanza di una strategia Occidentale, capace di dettare la linea e non di farsi dettare la linea. 

Vorremmo tanto che l’Iran e i suoi (folli) alleati fossero la panacea per tutti i mali. No, non e’ cosi. Al contrario, maggiore sara’ l’empowerment dell’asse sciita, maggiore sara’ lo scontro in atto tra le due anime dell’Islam e il rafforzamento dell’ala jihadista sunnita. Come scritto, il jihadismo sunnita di Isis trova il suo fondamento nel fallimento dell’Iraq post ritiro americano del 2011 e nel caso generato dall’inizio della rivoluzione siriana.

E’ vero: la guerra contro Saddam Hussein del 2003 ha generato l’inizio del caos, eliminando un feroce dittatore, ma anche lasciando campo libero alla disgregazione dell’Iraq e all’aumento del potere della Repubblica Islamica iraniana. Quando gli Usa decisero di ritirare i soldati dall’Iraq nel 2011, pero’, lo Stato Islamico in Iraq era decisamente indebolito. 

Per indebolirlo era stata necessaria una strategia voluta direttamente dall’allora Generale Petraeus, colui che creo’ i cosiddetti “comitati del risveglio”, organi di empowerment delle tribù sunnite, finite ai margini della politica irachena dopo lo smembramento dell’Iraq Bahatista. Appena i marines lasciarono Baghdad, l’allora Primo Ministro iracheno al Maliki termino’ il sostegno ai comitati del risveglio e relego’, nuovamente, i sunniti ai margini del Paese. Una mossa dettata direttamente dall’Iran, ovvero dal Generale Qassem Soleimani.

L’esito di quel processo e’ noto: i sunniti prima avviarono proteste anti-governative che, purtroppo, si conclusero nel 2012-2013 con i massacri di Hawjja, quando centinaia di manifestanti sunniti furono uccisi dalle forze di sicurezza irachene. Fu questa la premessa per il ritorno preponderante del jihadismo sunnita in Iraq.

Un ritorno che arrivava da dove? Dalla Siria! Braccati in Iraq, i jihadisti sunniti si spostarono in Siria quando iniziarono le repressioni delle proteste popolari del Marzo 2011. Alle manifestazioni non violente, il regime di Bashar al Assad decise di rispondere con la forza, sostenuto attivamente dai Pasdaran iraniani. Prima in alleanza con i qaedisti di al-Nusra e poi come Isis, l’islamismo radicale trovo’ terreno fertile tra le represse tribù sunnite, rompendo le geopolitiche dei confini artificiali di Sykes – Pikot. Da qui la conquista di al-Raqqa nel 2013 e quella di Musul nel 2014 (con la conseguente dichiarazione della nascita del Califfato).

Nota aggiuntiva: il jihadismo sunnita e’ stato promosso e favorito dall’asse sciita. Durante il post guerra del 2003, Bashar al Assad e l’Iran hanno attivamente permesso alle cellule di al Qaeda di usare i loro Paesi come “libero passaggio” per raggiungere l’Iraq e organizzare attentati contro le forze Occidentali. Dopo lo scoppio della guerra civile siriana nel 2011, quindi, Bashar al Assad ha volutamente liberato dalle carceri siriane centinaia di jihadisti sunniti fermati dopo il loro ritorno dall’Iraq, allo scopo di uccidere l’opposizione siriana moderata e trasformare una rivoluzione democratica, in uno scontro settario e religioso.

Conclusione: le chiacchere stanno a zero. Più l’Occidente bilancerà il suo asse geopolitico verso l’Iran e i suoi alleati e meno troverà la capacita’ di formulare una strategia globale, capace di togliere “cibo” al jihadismo sunnita. Non e’ razionalmente pensabile pensare di sconfiggere Isis – o chi per lui, oggi e domani – lanciando messaggi al mondo sunnita che vedono la promozione di rapporti preferenziali con il khomeinismo o promuovono la nascita di “special relations” con Hezbollah o – peggio – con Bashar al Assad (oggi inserito nella lista delle organizzazioni terroriste da tutto il mondo sunnita, moderato e non).

L’isolamento dell’islamismo sunnita, quindi, passa primariamente per una nuova politica che veda l’Occidente capace di non interporti in quel processo che vede un’altra parte dell’Islam sunnita – non jihadista e non islamista – provare faticosamente a ritrovare una dignità politica e sociale. 

Planting-the-death-penalty-bleu_g3dB6Ms

Qualcuno ha scritto che “L’Iran conquista Bruxelles” (L’Indro). Un modo per sottolineare il successo del viaggio del Ministro degli Esteri Zarif nella capitale belga, ove ha sede il Parlamento Europeo.

Diciamo che si tratta di una conquista fatta senza combattere, considerando che ormai da anni l’Europa ha abiurato al suo dovere di condanna del comportamento disumano del regime iraniano. L’attuale Mrs. Pesc, l’italiana (sic) Federica Mogherini, e’ probabilmente tra i maggiori rappresentanti di questo colpevole silenzio. Un silenzio che ha mantenuto anche quando Teheran ha sbattuto in cella l’attivista Narges Mohammadi, condannata anche per aver incontrato in Iran la predecessora della Mogherini, Lady Ashton (No Pasdaran).

Qualche eurodeputato ha cercato di sollevare il vergognoso tema dei diritti umani nella Repubblica Islamica, particolarmente quello delle oltre 2200 condanne a morte eseguite dal regime dall’elezione di Hassan Rouhani. Niente da fare: nonostante una generale presa di coscienza della necessita’ di miglioramenti, Zarif ha rigettato il colpo, ma ha difeso a spada tratta le impiccagioni. Non solo: il Ministro degli Esteri iraniano ha sottolineato che, la maggior parte delle condanne a morte in Iran, sono emesse per reati legati al traffico di droga. Quindi, la naturale conseguenza di questo dato e’ che l’Europa deve aumentare i fondi all’Iran per combattere il narcotraffico. Un modo come un altro per chiedere all’Unione di rendersi complice delle violazioni delle normative internazionali di cui l’Iran e’ responsabile (Iran Human Rights).

E’ necessario ricordare infatti che, secondo le Nazioni Unite, l’uso che l’Iran fa dello strumento (medievale) della pena di morte, e’ contrario a tutte le normative sinora approvate. Non solo la maggior parte delle condanne a morte sono approvate contro piccoli spacciatori, ma molto spesso riguardano anche minori. Senza contare che la pena di morte e’ usata spesso anche contro gli oppositori politici e religiosi, spesso decisa sotto l’accusa di moharebeh (guerra contro Dio). Ricordiamo, a tal proposito, che l’ultimo report di Nessuno Tocchi Caino, definisce l’Iran il “Paese Boia del 2015”, in considerazione del rapporto tra numero di esecuzioni capitali e numero di abitanti (NTC).

D’altronde, a dispetto delle bugie dello stesso Zarif davanti agli europarlamentaricome dimenticare che il primo a difendere l’uso spasmodico della pena di morte, fu proprio lo stesso Hassan Rouhani, in una intervista rilasciata al Corriere della Sera nel novembre del 2015 (Iran Human Rights). Ovviamente, anche in quel caso, nessun giornalista e politico italiano ricordo’ a Rouhani che, a dispetto di tutti i detenuti impiccati, il traffico di droga continua a non diminuire ai confini dell’Iran. Cosi come nessuno ha chiesto lumi al Presidente iraniano, in merito al coinvolgimento dei Pasdaran nel traffico di droga e al rapporto tra Iran-Hezbollah e i cartelli della droga in America Latina (Business Insider).

Non solo: con la benedizione europea, l’Agenzia ONU contro il Narcotraffico ha aumentato i finanziamenti al regime iraniano, rendendoci tutti complici degli abusi di Teheran. Ora una domanda: ma l’Italia non era il capofila della Moratoria Internazionale Contro la Pena di Morte? Ah già, era…

Dedicheremo all’audizione di Zarif – e alle numerose e gravi bugie da lui dichiarate – altre analisi nei prossimi articoli.

La risposta di Zarif sulla pena di morte dal min. 57.23

 

potito salatto

No Pasdaran ha l’onore di intervistare l’europarlamentare del PPE Potito Salatto, gia’ vicepresidente della Regione Lazio, eletto al Parlamento Europeo nel giugno del 2009. L’Onorevole Salatto è Vice Presidente Vicario della Delegazione per i Rapporti con l’Iran e, in questa veste, si è contraddistinto per la costruzione di un rapporto politico con il Governo iraniano, basato sul rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali del popolo iraniano. In questa veste, perciò, l’Onorevole Salatto si è fermamente opposto al viaggio in Iran che alcuni europarlamentari della delegazione europea hanno organizzato, senza precondizioni, per il prossimo 13 dicembre. Abbiamo colto l’occasione di questo triste avvenimento, per chiedere all’Onorevole Salatto i motivi di questa sua opposizione e per approfondire brevemente il tema Iran in seguito all’elezione di Rohani e dell’accordo di Ginevra.

Ecco cosa l’Onorevole ci ha detto in esclusiva.

NPOnorevole Salatto ci puo’ spiegare le ragioni della sua opposizione al viaggio dei Parlamentari europei in Iran, previsto per il 13 dicembre prossimo?

PS –  La mancanza di un programma condiviso con le autorità Iraniane prima che la Delegazione Europea si recasse a Teheran ha ingenerato il sospetto che tutto potesse esaurirsi in un regalo gratuito al Governo Iraniano. Noi del PPE, siamo convinti, infatti, che questa visita sarà strumentalizzata da mass media locali per dimostrare che l’Europa ha interrotto quell ‘isolamento internazionale nel quale vive l’Iran. Per questo il PPE, unanimemente, ha rifiutato di partecipare

NP– Secondo Lei, il viaggio dei Parlamentari europei in un Paese che, solo nel 2013, ha impiccato più di 500 persone e che continua a perseguitare prigionieri politici, omosessuali e minoranze, non rappresenta una palese violanzione della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea, approvata a Strasburgo nel 2007?

PS  Abbiamo richiesto senza alcuna risposta, la possibilità di incontrare vere opposizioni, di visitare le carceri, di incontrare i titolari del Premio Sakharov i giovani universitari, le ONG che operano sul territorio, per dimostrare che l’Europa é portatrice di valori assoluti in materia di diritti umani, civili e politici. Il regime Iraniano invece continua a dimostrare assoluta insensibilità verso questi valori. Vedremo al rientro della Delegazione, peraltro ridotta e delegittimata  dall’assenza della rappresentanza PPE, primo partito nel Parlamento Europeo, quali saranno i risultati ottenuti.

01_06-ContestazioneministroesteriIran

NPCosa pensa dell’accordo di Ginevra sul nucleare? Non ritiene pericoloso il fatto che nessuna centrale nucleare iraniana verrà smantellata e che, in poche parole, il mondo ha riconosciuto il diritto di arricchimento dell’uranio da parte del regime iraniano ottenendo, praticamente, poco o nulla in cambio?

PS  Per quanto riguarda le vicende del nucleare preferisco attendere gli effettivi risultati dell’accordo di Ginevra, verso il quale nutro sospetti di ingenuità da parte degli Occidentali. Vedremo in seguito e ci esprimeremo adeguatamente.

NPL’accordo di Ginevra prevede un ammorbidimento di alcune sanzioni in settori quali petrolchimico, aviazione e automobilistico. Sebbene si sia calcolato che Teheran incasserà circa 7 miliardi di dollari da questa riduzione delle sanzioni, non le sembra che l’effetto piscologico di questa apertura rischia di portare nelle casse iraniane molti più introiti? Il settore automobilistico, in particolare, non rischia di favorire Teheran nell’importazione di componenti dual use?

PS –  Purtroppo in questi casi, gli interessi economici reciproci spesso sono prevalenti. Da parte Europea sarebbe inaccettabile immaginare una collaborazione stringente con un Paese che non conosce le piu’  elementari condizioni di democrazia.

Ringraziamo sinceramente l’Onorevole Potito Salatto per averci concesso questa preziosa intervista e per le coraggiose posizioni da lui costantemente affermate in merito all’Iran e agli abusi dei diritti umani che il regime quotidianamente commette.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=BwEE4gNlA9k%5D

imagesCAO8ZKAE

Alla vergogna, purtroppo, non c’è mai fine: dopo il regalo di Ginevra, adesso veniamo a sapere che una rappresentanza di Parlamentari europei – parte della delegazione per i rapporti con l’Iran – si recherà in visita ufficiale nella Repubblica Islamica tra il 12 e il 17 dicembre. Secondo quanto reso noto sinora, la delegazione  arriverà in Iran senza precondizioni e sarà composta probabilmente da Tarja Cronber (Finlandia), Cornelia Erns (Gernania), Marietje Schaake (Olanda) e Josef Weidenholzer (Austria). Il viaggio degli europarlamentari in Iran ha spaccato (nuovamente) la delegazione per i rapporti con l’Iran. Coraggiosamente gli europarlamentari italiani Potito Salatto, Oreste Rossi, Marco Scurria (Italia), Alexander Alvaro (Germania) e Geoffrey Van Order (Gran Bretagna) si sono opposti alla visita nella Repubblica Islamica. 

Il tema della visita della delegazione dei Parlamentari europei in Iran non è nuova. Nell’ottobre scorso, ad esempio, la parlamentare Tarja Cronber aveva già programmato una visita di sei giorni nella Repubblica Islamica. Per fortuna, in quella occasione, l’opposizione di alcuni membri della delegazione per i rapporti con l’Iran, permise di far annullare il viaggio. A guidare la fazione contraria ad un viaggio in Iran senza delle chiare pre condizioni fu il Vice Presidente della delegazione europea, l’italiano Potito Salatto. In numerose occasioni, infatti, il parlamentare europeo membro del gruppo dei Cristiano Democratici, disse chiaramente di non accettare l’idea di visitare l’Iran senza poter parlare con i membri dell’opposizione ed accedere alle carceri per visitare i prigionieri politici.

In un intervento presso la Commissione per i Diritti Umani, Salatto disse chiaramente di essere in forte disaccordo con la politica della Delegazione europea, unicamente interessata a recarsi in Iran, senza porre prima chiare linee rosse al regime. Salatto, come potrete ascoltare nel video che vi riportiamo, propose al contrario di ricevere a Bruxelles una delegazione di Parlamentari iraniani per cominciare un dibattito e concordare chiaramente le condizioni per una successiva visita dei rappresentanti europei a Teheran. 

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=u-Z0ItKV2ls%5D

D’altronde, ben pochi sanno, che già dall’elezione di Potito Salatto alla vice Presidenza della delegazione europea, era apparso chiaro che una larga fetta della delegazione stessa si stava trasformando nell’Ambasciata dell’Iran all’interno del Parlamento europeo. Nell’aprile del 2012, infatti, la parlamentare belga Isabelle Duran, con altri parlamentari, cercò di bloccare l’elezione di Salatto per mezzo di un voto segreto. I parlamentari europei contrari a Salatto, come si venne a scoprire successivamente, erano guidati indirettamente dall’allora Ambasciatore iraniano in presso l’Unione Europea Mahmoud Barimani. Barimani, incredibilmente, venne invitato ad assistere alla seduta della delegazione europea e con lui arrivò anche Reuzbeh Parsi, fratello del noto analista americano Trita Parsi. Sia Reubeh che Trita sono parte dell’associazione NIAC, organizzazione che agisce a Washington in favore del regime iraniano. Insomma, un vero papocchio che fortunatamente fallì, orientato a consegnare la delegazione europea per i rapporti con l’Iran in mano al regime iraniano!

Oggi la delegazione europea, come suddetto, si appresta a recarsi in Iran senza pre condizioni. Ciò, a dispetto di quanto accade all’interno della Repubblica Islamica e della Carta dei Diritti Fondamentali, approvata dall’Unione Europea nel 2007. Questa carta, intesa a difendere la dignità, la libertà e i diritti di giustizia che spettano ad ogni singolo essere umani, è evidentemente per questi parlamentari europei carta straccia. Dall’elezione di Rohani, vogliamo sottolinearlo, oltre 300 persone sono state impiccate in Iran, 15 delle quali solamente in questa settimana. Senza contare il drammatico stato dei prigionieri politici, tra i quali ricordiamo Mir Hossein Mousavi, Mehdi Karroubi, Hassan Ronaghi Maleki e l’Ayatollah dissidente Hossein Kazemeyni Boroujerdi. Non bisogna dimenticare, infine, che mentre i parlamentari europei stringono le mani piene di sangue dei rappresentanti iraniani, nelle carceri della Repubblica Islamica, oltre 3000 prigionieri si trovano in sciopero della fame per protestare contro gli abusi dei diritti umani che avvengono all’interno della Repubblica Islamica.

Vi chiediamo di protestare ufficialmente contro la Delegazione Europea per i rapporti con l’Iran

Email: 

D-IR@europarl.europa.eu

Fax:

+32 2 28 46831(Brussels)
+33 3 881 73602 (Strasbourg)

Delegazione:

http://bit.ly/1aUo1um