Posts contrassegnato dai tag ‘Bicicletta’

safe_image

Appena qualche giorno fa, la Guida Suprema iraniana ha pubblicato una nuova fatwa – editto islamico – in cui affermava che alle donne era proibito andare in bicicletta in pubblico. Una proibizione assurda, derivata, secondo Khamenei, dal fatto che una donna che pedala nei luoghi pubblici rischia di eccitare i maschi (ragionamento evidentemente frutto di una mente sessualmente pervertita).

Nonostante la fatwa di Khamenei, le donne iraniane hanno deciso di ribellarsi a questa nuova oppressione. Una ribellione simile era successa in precedenza con il velo: sulla pagina facebook My Stealthy Freedom (La Mia Libertà Rubata), decine di uomini iraniani hanno inziato a pubblicare una foto del loro volto velato, al fianco della loro compagna, mamma, amica o sorella senza velo. Un modo per protestare contro l’imposizione obbligatoria dell’Hijab alle donne iraniane. Un velo imposto alle bimbe sin dall’età di sette anni, nonostante nell’Islam ortodosso sia considerate obbligatorio dai nove anni.

Ora, una cosa simile sta accadendo contro la fatwa di Khamenei. Sempre sfruttando la piattaforma di Facebook e la pagina My Stealthy Freedom, le ragazze iraniane si mostrano sorridenti mentre vanno in bicicletta nei luoghi pubblici. Addirittura, nel primo video che vi proponiamo, una mamma e una figlia di Kish si sono filmante mentre, andando in bicicletta, affermano di rigettare la decisione di Khamenei e ribadiscono che niente fermerà il loro diritto di pedalare. Le ragazze, neanche a dirlo, hanno deciso di bendare il loro volto, evidentemente intimorite dalle possibili conseguenze del loro gesto coraggioso. Anche su Instagram, decine di donne iraniane stanno inviando le loro foto alla giornalista iraniana Masi Alinejad, creatrice della pagina My Stealthy Freedom, mentre sorridendo, vanno in bicicletta.

Vi preghiamo di sostenere la campagna in favore del diritto delle donne iraniane di andare in bicicletta, soprattutto diffondendo gli hasthag #IranianWomenLoveCycling e #IranianWomenOnTheBike

 

14264945_10207014315578533_4053074466286718661_n

Mentre Roma accoglie a braccia aperte Javad Larijani, Segretario del Consiglio per i Diritti Umani iraniano (Mehr News), la Guida Suprema Ali Khamenei ne combina un’altra delle sue. Incalzato in merito al diritto delle donne iraniane ad andare in bicicletta in pubblico, Khamenei ha risposto picche, emettendo una fatwa di divieto assoluto (Freedom Messenger).

Rispondendo in merito alla liceità per le donne iraniane di pedalare liberamente in luoghi pubblici, Khamenei ha affermato: “le donne che pedalano nei parchi, nelle strade o in altri luoghi pubblici, solitamente attraggono l’attenzione dei maschi, esponendo la società alla corruzione. Questo è contrario alla castità delle donne e per questo motive va abbandonato” (AsrIran).

In poche parole, Ali Khamenei ha emesso una fatwa che vieta alle donne iraniane di andare in bicicletta in pubblico, al fine di non eccitare gli sguardi di maschi estranei, evidentemente incapaci di controllare le loro pulsioni sessuali. Ricordiamo che le donne iraniane non possono accedere agli stadi, durante eventi sportivi. Un divieto che, nonostante le promesse di cancellazione fatte da Rouhani, continua a restare in vigore.