Posts contrassegnato dai tag ‘Bashar al-Assad’

13950422125812368119824

Come noto, il regime iraniano invia i rifugiati afghani (e anche quelli pakistani) a combattere la jihad in Siria nel nome di Bashar al Assad. Altrettanto noto e’ il fatto che questi questi rifugiati, sono inquadrati in una Divisione denominata Fatemiyoun, composta unicamente da afghani di etnia Hazara, ovviamente sciiti. Inizialmente il regime iraniano ha provato a nascondere il ruolo degli afghani in Siria, ma alla fine ha dovuto ammettere la loro presenza e il loro compito. Oggi si sa che Teheran paga mensilmente tra i 500 e i 700 dollari a questi mercenari, promettendo loro (e ai famigliari) un permesso di soggiorno al ritoirno dalla Siria.

Molti di questi afghani, chiaramente, muoiono durante la loro jihad e vengono segretamente seppelliti in un cimitero vicino Qom. Secondo una informazione recente, circa 14000 afghani sarebbero stati inviati sinora dall’Iran in Siria, alcune di questi minorenni (Good Morning Iran). Si tratta di una grave violazione non solo della Convenzione Internazionale per i diritti del Bambino, ma anche di quella in difesa dei Diritti del Rifugiato (UANI).

In questi giorni l’agenzia di stampa iraniana Tasnim News, molto vicina ai Pasdaran, ha pubblicato un report in cui rivela che come Teheran abbia deciso di affidare ad Hezbollah il compito di addestrare una nuova unita’ speciale della Divisione Fatemiyoun. Tra le altre cose, proprio Hezbollah e’ responsabile dell’addestramento dei numerosi jihadisti sciiti che vengono costantemente inviati anche in Iraq. Dal 2012, lo ricordiamo, Hezbollah e’ direttamente coinvolto nel conflitto siriano, per mezzo di centianaia di suoi miliziani (Tasnim News).

Questa divisione speciale sarebbe gia’ stata schierata in varie parti della Siria, sotto lo stretto monitoraggio di cecchini di Hezbollah. A questa unita’ speciale gia’ attivata, ne verranno affiancate delle altre – sempre composte da rifugiati afghani – esperte in combattimenti avanzati, guerriglia, armamenti anti-carro e nel lancio di missili terra-aria spalleggiabili (Long War Journal).

Canzone in farsi in onore dei jihadisti afghani

 

 

Il Gran Mufti di Siria, Ahmad Badr al-Hasson, ha approvato una fatwa (editto islamico) davvero pericolosa. Nella fatwa, il massimo clerico del regime di Assad ha invitato l’esercito lealista e lo stesso Assad  a “mostrare la sua rabbia nello sterminare questi criminali” (video).

Si tratta di una fatwa che invita indirettamente a “sterminare” tutti i siriani che vivono nelle aree di Aleppo controllate dall’opposizione al regime di Damasco, considerati tutti come nemici (Orient News).

Il Gran Mufti Siriano non e’ nuovo ad uscite estremiste. Nel 2015, aveva minacciato di riempire l’America e l’Europa di kamikaze, nel caso in cui Bashar al Assad fosse stato rimosso dal potere

.

Nel frattempo, il regime iraniano continua ad intensificare il suo sostegno al regime criminale di Assad. Non soltanto Ali Akbar Velayati, consigliere di Ali Khamenei, ha espressamente detto che Assad non si tocca per i prossimi cinque anni – ovvero fino alla fine del suo mandato Presidenziale – ma i media di Stato hanno anche mandato in onda un video che invita i minori ad arruolarsi per la jihad in Siria. Tutto ciò nel pieno silenzio Occidentale…