Posts contrassegnato dai tag ‘Attentato’

Saudi_Arabian_Airlines_Boeing_747_412.55c8b92a5eaad

La migliore risposta a chi sostiene che le minacce che provengono dall’Iran sono solo propaganda, e’ questa notizia che arriva direttamente dalle Filippine.

Secondo quanto denunciano le autorità aeroportuali di Manila, infatti, i Pasdaran iraniani stanno pianificando una azione contro la Saudi Airlines, compagnia aerea dell’Arabia Saudita. Il piano – già in uno stadio avanzato – prevede di dirottare o far saltare in aria un volo saudita in partenza del sud est asiatico. Ovviamente, l’azione e’ parte della “divina vendetta” promessa da Khamenei in persona in seguito all’esecuzione dello Sceicco sciita Nimr al-Nimr a Riyadh (The Telegraph).

Alcuni dettagli del progetto terrorista iraniano sono stati rivelati dal quotidiano filippino “The Manila Times” (Manila Times). L’attentato verrebbe realizzato da un gruppo di dieci persone, guidati e finanziati dai Pasdaran, sei delle quali di nazionalità yemenita (legati alla minoranza Houthi, ormai praticamente asservita al volere di Teheran). Il progetto, fortunatamente, e’ finito nelle mani dell’intelligence e l’Ambasciata saudita a Manila ha immediatamente avvisato le autorità locali (speriamo serva ad arrestare la cellula terrorista il prima possibile).

I nome dei dieci terroristi non sono ancora stati resi noti. Si sa che hanno già lasciato l’Iran per compiere la loro azione, passando attraverso la Turchia. Non e’ possibile sapere se il loro obiettivo e’ quello di compiere l’attentato nelle Filippine, o in paesi come la Malesia e l’Indonesia. Nel frattempo l’Ambasciata saudita a Manila ha chiesto alle autorità filippine di installare nuovi sistemi di sicurezza all’aeroporto, allo scopo di prevenire urgentemente il rischio di un attacco.

Ancora una volta viene dimostrato come la natura terrorista del regime iraniano, non importa quale sia il nome o la corrente politica del suo Presidente, resta immutata e drammaticamente pericolosa.

Ricordiamo che, attraverso Hezbollah e la Jihad Islamica, l’Iran ha già compiuto in passato azioni terroriste contro aerei civili, come nel caso del volo TWA 847 (17 giorni di terrore e un morto).

I responsabili dell'attacco ad AMIA. Dall'alto a sinistra: Akbar Hashemi Rafsanjani, Ali Fallahian, Ali Akbar Velayati, Moshe Rezai, Imad Fayez Moughnieh, Moshen Rabbani, Ahmad Reza Ashgari e Ahamad Vahidi

Dall’alto a sinistra: Akbar Hashemi Rafsanjani, Ali Fallahian, Ali Akbar Velayati, Moshe Rezai, Imad Fayez Moughnieh, Moshen Rabbani, Ahmad Reza Ashgari e Ahamad Vahidi

Liberi tutti, non importa quanto siano macchiate di sangue le loro mani. Potrebbe essere questo lo slogan dell’Iran Deal, almeno per quanto concerne la fine delle sanzioni verso alcuni dei maggiori esponenti dell’establishment del regime iraniano. Tra coloro che beneficeranno del sanction lifting dell’Unione Europea, ad esempio, c’e’ anche l’ex Ministro della Difesa di Teheran, il Pasdaran Ahmad Vahidi (articolo WSJ). Vahidi, pero’, non e’ stato solo uno dei principali pianificatori del programma nucleare iraniano ma – come ex capo della Forza Quds – e’ stato anche uno dei primi responsabili dell’organizzazione degli attentati finanziati dal regime iraniano all’estero.

Tra gli attentati più importanti compiuti dagli agenti di Teheran sotto ordine di Vahidi, c’e’ stato anche l’attacco al centro ebraico AMIA di Buenos Aires il 18 luglio del 1994. Un terribile scoppio che ha fatto crollare una intera palazzina e ha provocato la morte di 85 innocenti, colpiti unicamente per la loro fede. L’Interpol indico’ in Ahmad Vahidi e altre esponenti del regime iraniano i responsabili diretti dell’attentato. Purtroppo – come la triste uccisione del giudice argentino Alberto Nisman ha dimostrato – negli anni l’Iran ha lavorato in combutta con una parte del Governo argentino per insabbiare la verità. In queste settimane, quindi, il sito Business Insider, ha denunciato come Buenos Aires stia ancora aiutando Teheran ad insabbiare la verità, in cambio di accordi economici. Vogliamo anche ricordare che, l’attentato al centro AMIA, fu deciso da una commissione speciale iraniana in cui sedeva anche l’ex Presidente Rafsanjani e l’attuale consigliere di Khamenei, Velayati.

Aggiungiamo anche che, purtroppo, del sanction lifting del Dipartimento del Tesoro americano beneficerà anche la compagnia del Pasdaran, la Khatam al Anbia. Come denuncia l’esperto Ali Alfoneh, pero’, depenalizzare la Khatam al Anbia – un vero e proprio impero economico delle Guardie Rivoluzionarie – avrà come effetto un aumento del business legato al terrorismo internazionale e al sostegno ai regime anti-Occidentali. La Khatam al Anbia, infatti, ha interessi che partono dall’Iran e arrivano sino al Venezuela, passando per l’Iraq, il Libano e la Siria. La prima conseguenza di questa decisione, quindi, sara’ il rafforzamento di gruppi terroristi come Hezbollah e di ditattori assassini come Bashar al Assad.

[youtube:https://youtu.be/QKBLGDYuKt8%5D

mF7ipJqs_400x400

Eh ci risiamo. Il solito vizietto dei diplomatici iraniani nel mondo…Invece di rappresentare il Ministero degli Esteri di Teheran, questi signori vengono inviati direttamente dai Pasdaran nelle ambasciate del regime nel mondo. Peccato che, come suddetto, il loro compito non sia dialogare, ma fare i bombaroli. Una storia non nuova, se si considera ad esempio che, proprio l’attentato contro il centro ebraico Amia di Buenos Aires nel 1994 – 85 morti innocenti – fu oganizzato grazie all’allora attache culturale iraniano in Mohsen Rabbani. Vogliamo ricordare che, l’attentato all’Amia, fu messo in atto anche grazie al sostegno dell’attuale Presidente iraniano Hassan Rouhani. Ancora prima, nel 1992, l’attentato contro i membri dell’opposizione curda iraniana a Berlino (il cosiddetto Massacro del Ristorante Mykonos), avvene con la complicità diretta dell’allora Ambasciatore iraniano in Germania, Hossein Mousavian (oggi professore negli Stati Uniti e lobbista del regime per conto di Khamenei).

Oggi, come detto, la storia si ripete: secondo le informazioni ottenute in esclusiva dal quotidiano israeliano Haaretz, poche settimane fa, un diplomatico iraniano in Uruguay è stato espulso con l’accusa di aver organizzato un attacco contro la locale Ambasciata di Israele. L’attentato avvenne l’8 gennaio del 2015: un ordigno esplosivo fu piazzato nei pressi della rappresentanza diplomatica israeliana e, fortunatamente, non fece vittime solamente grazie all’intervento dei locali artificieri. L’intelligence di Montevideo, in pochi giorni, ha trovato le prove del coinvolgimento dell’Ambasciata iraniana nell’attentato e, dopo una serie di consultazioni, un diplomatico dei Mullah (probabilmente un Pasdaran infiltrato come diplomatico), ha lasciato con la coda tra le gambe il Paese.

Ancora una volta, quindi, le rappresentante diplomatiche iraniane nel mondo, rivelano la loro vera natura: covi di terroristi, pronti a colpire non appena il padrone accende la luce verde…

In memory of Alberto Nisman, R.I.P.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=f36IgH379uw%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=gKWGAWigIgs%5D

La prima pagina del Ya Lesarat al Hossein: il titolo di elogio a terroristi di Parigi

La prima pagina del Ya Lesarat al Hossein, con il titolo di elogio a terroristi di Parigi

Mentre il regime iraniano fa finta di condannare l’attacco di Parigi, nella Repubblica Islamica c’è chi elogia direttamente quanto accaduto l’8 gennaio scorso. Il settimanale Ya Lesarat al Hossein, magazine ufficiale dei miliziani dell’Ansar-e Hizbullah, ha pubblicato in prima pagina un elogio ai terroristi per aver attaccato chi “ha offeso il Profeta Maometto”. Il settimanale descrive l’attacco contro il Charlei Hebdo come “una punizione benedetta”, inviando agli autori della strage “migliaia di ringraziamenti a nome della Nazione Islamica”. L’uscita del settimanale Ya Lesarat al Hossein, si badi bene, non ha ricevuto alcuna critica da parte dei politici iraniani. Gli Ansar-e Hizbullah – con i Basij – sono i responsabili degli oltre 380 attacchi con l’acido contro le donne iraniane, colpevoli di vestire male il velo islamico.

Al contrario, sotto l’attacco dei parlamentari del regime, è finito il giornale Mardom-e Emrouz, complevole di aver pubblicato la fotografia di George Clooney in prima pagina, riportando la condanna dell’attore americano per gli attacchi contro il settimanale satirico francese e il suo elogio per la marcia di Parigi, una manifestazione che ha visto la partecipazione di Musulmani, Ebrei e Cristiani, con la sola voglia di dire “io non ho paura”. Numerosi parlamentari iraniani hanno paragonato questa prima pagina del Mardom-e Emrouz proprio al Charlei Hebdo, accusando il giornale iraniano di sostenere chi offende il Profeta (queste le parole, ad esempio, del Parlamentare Zohreh Tabibzadeh). Il sito Jahannews, quindi, ha chiesto l’intervento degli organi di censura del regime, pretendendo una condanna per blasfemia.

Ricordiamo infine che, l’8 gennaio scorso, il regime iraniano ha impedito ad un centinaio di giornalisti di prendere parte ad un evento di solidarietà per le vittime del Charlei Hebdo.

La prima pagina del Mardom-e Emrouz

La prima pagina del Mardom-e Emrouz