Posts contrassegnato dai tag ‘Apostasia’

Il regime iraniano ha dissacrato la tomba del Reverendo Hossein Soodmand, pastore evangelico, condannato a morte nel dicembre del 1990 da Teheran con l’accusa di apostasia, per aver abbandonato l’Islam e aver abbracciato il cristianesimo.

A darne notizia e’ stata l’organizzazione “Articolo 18”, che promuove la libertà di fede nella Repubblica Islamica. Secondo le informazioni ricevute, la tomba del Reverendo si trovava presso Behesht-e Reza, il cimitero di Mashhad, la seconda città dell’Iran per grandezza.

La figlia del Reverendo Soodmand, che da anni vive in esilio in Europa, ha denunciato che la famiglia ha scoperto il terribile accaduto ad inizio dicembre 2019, quando come ogni anno si e’ recata al cimitero per rendere omaggio al pastore ucciso dal regime.

Hossein Soodmand decise di convertirsi dall’Islam al cristianesimo prima della Rivoluzione khomeinista del 1979. Con l’avvento del regime clericale, Hossein venne arrestato, torturato e spedito in isolamento per oltre un mese. Pochi mesi dopo l’arresto, Hossein venne mandato al patibolo e la sua esecuzione e’ la sola riconosciuta ufficialmente persino dal regime stesso.

Risultati immagini per Hossein Soodmand

Pastor-300x150-1-1160x665-521x420

Il regime iraniano ha condannato a cinque anni di carcere Shamiram Isavi, moglie del Pastore Victor Bet Tamraz, ex leader della chiesa Assira Pentecostale iraniana.

Secondo le informazioni che arrivano da Teheran, il regime ha ufficialmente condannato la Isavi con l’accusa di “spionaggio”. La ragione e’ diversa ed e’ legata alla repressione del cristianesimo in Iran.

Shamiram Isavi, come ha dichiarato durante gli interrogatori, ha rifiutato di continuare a praticare il cristianesimo dopo la chiusura della Chiesa Assira Pentecostale. Per continuare a pregare, Shamiram ha preso parte alle messe organizzate dalle cosiddette “Chiese domestiche”, di rito evangelico. Molte di queste chiese, sono segretamente frequentate da numerosi iraniani che abbandonano l’Islam e si convertono al cristianesimo. Un crimine definito nella Repubblica Islamica come “apostasia” e – nei casi peggiori – punibile anche con la morte.

Shamiram Isavi e’ stata arrestata nella sua abitazione, insieme al marito, al figlio e ad altri 12 cristiani convertiti, il 26 dicembre del 2014. Il marito e il figlio sono stati condannati a dieci anni di carcere e oggi attendono la sentenza di appello.

La condanna contro Shamiram Isavi e’ stata emessa dal giudice Ahmadzadeh che, secondo quanto denunciato dagli attivisti per i diritti umani, dal marzo del 2017 ha condannato ben 16 cristiani convertiti a pene detentive che vanno dai cinque ai quindi anni di carcere.

Ricordiamo che, secondo l’articolo del Coventant Internazionale per i diritti civili e politici, ratificato volontariamente dall’Iran nel 1975, “ognuno deve avere la libertà di pensiero, coscienza e religione”. Purtroppo, l’Iran vede questo articolo in maniera restrittiva, non riconoscendo a numerose minoranze religiose – tra cui i cristiani convertiti e i Baha’i – il diritto di esercitare liberamente la loro fede.

Nel marzo del 2017, vergognosamente, il diplomatico iraniano Kazem Gharibabadi – assistente per gli affari internazionali della divisione diritti umani della magistratura islamica iraniana – ha dichiarato che “in Iran nessuno e’ perseguitato per la sua fede”…

Secondo il report Open Doors USA, il regime iraniano e’ tra i primi dieci nel mondo per la persecuzione dei cristiani…