Posts contrassegnato dai tag ‘Anniversario’

ccc

Per le ambasciate del regime iraniano – e per i loro servi nel mondo (leggi Diruz…) – il nome del grande poeta Ferdowsi è un motivo di vanto. In suo onore, infatti, vengono organizzati diversi eventi culturali e viene rimarcato il suo profondo valore nella cultura persiana. Peccato che, quando poi si torna nella Repubblica Islamica, il grande letterato autore del famoso Shahnameh (il Libro dei Re), comincia ad essere una ombra pericolosa per la cultura totalitaria dei Mullah. Ecco allora che, lo stesso simbolo da vendere all’estero, diventa un peso di cui sbarazzarsi in patria. Così ha fatto, infatti, il consiglio comunale di Salmas, capoluogo dell’omologa provincia, parte della regione iraniana dell’Azerbaijan Occidentale.

In occasione dell’anniversario dei 36 anni dalla rivoluzione del 1979, la municipalità ha deciso di rinominare la piazza principale della città: da Piazza Ferdowsi, quindi, la piazza si è trasformata in Piazza della Rivoluzione. A tal fine, perciò, il vecchio e caro Ferdowsi – che si ergeva splendente in mezzo alla Piazza – è stato mandato in pensione. Qui sotto vi mostriamo le immagini, tristissime, della rimozione della bella statua del poeta persiano e vi invitiamo. Così, la prossima volta che vedrete un evento organizzato dagli amici del regime Khomineista in Italia, potrete ricordare a questa gente quanto indecente, fondamentalista e talebano sia il regime al potere oggi in Iran.

a

1

1964936_846939078700878_8584389871141463732_n

2

1621672_10151858679137271_552266638_n

La Repubblica Islamica ha festeggiato, a modo suoi, i 35 anni dalla Rivoluzione khomeinista. La folla nelle strade ha gridato ancora morte all’America e un gruppo di supporters di Ahmadinejad ha accolto come un eroe l’ex Presidente negazionista (foto sotto). Tra gli slogan gridati durante le manifestazioni di piazza, anche canti di protesta contro i negoziati nucleari attualmente in corso. Per una parte dei manifestanti, infatti, Teheran sta concedendo troppo al nemici occidentale.

1601117_10151858794517271_572763025_n

Tanto per chiarire da che parte va il regime, quindi, a Teheran ieri sono stati organizzati anche dei “giochi” non proprio pacifici: in uno di questi, si veda il video sotto, dei ragazzi dovevano tirare una ciabatta contro le immagini del Presidente americano Obama e del Primo Ministro inglese Cameron. Nel mondo islamico, vogliamo ricordarlo, lanciare una scarpa contro una persona o una fotografia rappresenta uno dei gesti di maggior odio e disprezzo.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=f__94G6jILY%5D

Non contenti, i supproters di Ali Khamenei, hanno anche organizzato un funerale finto di Barack Obama (foto sotto). Tra l’altro, la foto di Obama è stata modificata allo scopo di aumentare l’umiliazione verso il capo di Stato americano. Non solo: come la seconda foto qui sotto dimostra, sono stati appesi dei poster che raffiguranto il leader riformista Khatami e i due ispiratori dell’Onda Verde Moussavi e Karroubi con un cappio al collo. Un messaggio che non merita ulteriore commento…

a

b

Dulcis in fundo, tanto per far capire all’Occidente che Teheran non scherza, dopo la simulazione di un attacco contro Israele e l’America, la TV iraniana ha mandato in onda un nuovo video che mostra le capacità belliche in possesso della Repubblica Islamica…Alla faccia del moderatismo e dei negoziati di Ginevra…

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=GQi87NimIgU&feature=share&list=UUpBvIBfZ-foo5ZbLH5O0N4g&index=2%5D