Archivio per la categoria ‘Iran’

May Day Rally in Trafalgasr Square, London, UK

Migliaia di arabi iraniani sono scesi in piazza in questi giorni, in protesta contro le discriminazioni che subiscono da parte del regime islamista. Questa volta, le proteste sono cominciate dopo la messa in onda sulla TV nazionale, di un video in cui – su una mappa dell’Iran – vengono apposti diverse bambole con i costumi tradizionali delle varie etnie iraniane. Come si vede nel video, vengono totalmente ignorati i tipici costumi degli arabi dell’Ahwaz. Di seguito il video incriminato.

Chiaramente, le ragioni della protesta sono molto più profonde. La discriminazione della TV iraniana, non e’ un caso o una dimenticanza, ma una politica che da sempre viene portata avanti dalla Repubblica Islamica. Da sempre il regime nega agli arabi Ahwazi il riconoscimento della loro identità e proibisce loro persino l’insegnamento dell’arabo nelle scuole. Non solo, la regione dell’Ahwaz e’ carente di acqua e da Teheran non sono mai state realizzate le promesse di creazione di nuove condutture idriche.

Negli ultimi anni, quindi, il regime iraniano sta favorendo il trasferimento di altre etnie, fedeli al regime, proprio nell’Ahwaz, altra ragione che ha provocato la recente protesta popolare. Secondo le informazioni che arrivano dalla regione, almeno 26 persone sono state arrestate sinora.

Annunci

velo iran

Maryam Shariatmadari, una delle ragazze che si sono tolte pubblicamente il velo in protesta contro le leggi della Sharia, e’ stata condannata ad un anno di carcere dalla Corte Criminale di Teheran, Sezione 1091. Secondo la Corte, Maryam avrebbe “incoraggiato la corruzione rimuovendo il suo hijab“.

La protesta di Maryam, avvenuta il 23 febbraio del 2018 a Teheran, fu repressa in maniera particolarmente cruenta: Maryam non fu solo arrestata, ma fu fisicamente scaraventata per terra da un poliziotto e successivamente costretta ad essere operata per le conseguenze della caduta.

Maryam Shariatmadari, studentessa di informatica presso la Amir Kabir University, e’ la seconda donna che viene condannata al carcere per aver protestato contro il velo obbligatorio. Prima di lei, all’inizio di marzo, Narges Hosseini era stata condanna a due anni di detenzione per la stessa motivazione.

La cosa incredibile e’ che, mentre le ragazze iraniane vengono sbattute in prigione per aver lottato per la loro libertà e dignità, la Repubblica Islamica salva dal carcere personalità accusate di abusi sessuali. Il caso più noto e’ quello di Saeed Tousi, Tousi e’ uno dei recitatori del Corano più noti in Iran ed e’ il preferito dell’Ayatollah Khamenei. Accusato di pedofilia, Tousi e’ stato prima condannato a quattro anni di carcere e poi assolto completamente, grazie all’intervento diretto della Guida Suprema.

Le ragazze arrestate per aver protestato contro l’hjiab sono seguite anche dall’avvocatessa Nasrin Sotoudeh, nota a livello internazionale per la sua battaglia in favore dei diritti umani. Nasrin, con un collega, segue anche Shaparak Shajarizadeh, un’altra donna arrestata per le stesse ragioni.

Ricordiamo che, secondo l’articolo 638 del Codice Penale iraniano, “chiunque commetta un atto haram (impuro) in un luogo pubblico o per strada” oltre ad una condanna al carcere, rischia anche di ricevere ben 74 frustate.

Il video della protesta di Maryam Shariatmadari

 

 

 

atena daemi

Oggi e’ il compleanno di Atena Daemi, attivista per i diritti umani e contro la pena di morte, incarcerata dal regime sin dal novembre 2016. Atena e’ stata condannata a sette anni di carcere per aver criticato il regime e aver sostenuto sul suo profilo Facebook, la condanna degli artefici del massacro del 1988 contro gli oppositori politici (oltre 30,000 morti).

Da quando e’ stata rinchiusa in carcere, le condizioni di salute di Atena sono drasticamente peggiorate. Prima, in protesta contro la persecuzione dei suoi famigliari, Atena ha dichiarato lo sciopero della fame. Uno sciopero che l’ha totalmente sfiancata e ha drammaticamente deteriorato il suo stato fisico. Tanto che i medici hanno detto che Atena necessita di una operazione urgente, che ovviamente il regime le ha negato. Il 9 marzo scorso, Amnesty International ha denunciato che Atena Daemi e Golrokh Ebrahimi Iraee, altra prigioniera politica, sono state picchiate nel carcere di Shahr-e Rey, vicino Teheran.

In questi anni, purtroppo, in Occidente pochissime voci si sono levate per la liberazione di Atena Daemi. Soprattutto, assordante e’ stato il silenzio delle cosiddette “femministe”, in primis di quelle italiane. Donne che pretendono di esser riconosciute come “voci libere”, ma che in realtà in questi anni sono corse a Teheran tutte velate e non hanno proferito verbo sugli abusi dei diritti umani da parte della Repubblica Islamica.

Il ministro del Tesoro italiano, Pier Carlo Padoan

Cambia il mondo intorno all’Italia, cambia radicalmente la posizione degli Stati Uniti sull’accordo nucleare con l’Iran, cambiano soprattutto coloro che guideranno la politica estera a Washington, ma una cosa purtroppo sembra non smuoversi: la volontà del Governo italiano di garantire gli investimenti italiani nella Repubblica Islamica, con 5 miliardi di euro.

Come si ricorderà, nella legge di stabilita’ approvata dal Governo Gentiloni, fu inserito un articolo ad hoc, per gli investimenti in Iran. Stante la non disponibilità di Cassa Depositi e Prestiti ad esporsi nella garanzia di quegli investimenti – troppo rischiosi e troppo esposti a nuove sanzioni americane – il Governo italiano ha passato la palla ad Invitalia, agenzia pubblica. Secondo la Legge quindi, sara’ la newco di Invitalia, Invitalia Global, ad assicurare gli investimenti italiani in Iran con un fondo di 5 miliardi di euro – soldi pubblici – e con una garanzia addirittura di prima istanza. A copertura di queste garanzie praticamente a perdere, il Tesoro ha anche creato un fondo di garanzia di 120 milioni di euro che, incredibilmente, verranno presi da un budget che era destinato a promuovere l’imprenditoria giovanile.

Secondo quanto scrive Stefano Feltri su Il Fatto Quotidiano di oggi, Padoan intende far approvare il decreto di attuazione di quanto stabilito in Legge di Bilancio, proprio in queste ore. Il decreto richiede solamente una votazione positiva del Governo che, considerando i viaggi di Renzi e Gentiloni in Iran e considerando il numero di imprese italiane esposte, sembra praticamente scontato.

Il problema e’ che, al di la’ dell’aspetto morale di fare affari con un regime fondamentalista, e’ in questi mesi la situazione internazionale e’ radicalmente mutata. Obama ha lasciato la Casa Bianca e al suo posto e’ arrivato Trump, un presidente che ha già deciso approvare la “decertification” del JCPOA. A questa mossa, Trump ha aggiunto la nomina di Pompeo a Segretario di Stato e dell’Ambasciatore John Bolton a Consigliere per la Sicurezza nazionale.

Il punto su cui verte la strategia economica italiana con l’Iran, ma non solo dell’Italia, e’ di non esporre gli istituti finanziari nazionali a possibili sanzioni americane, come accaduto con Banca Intesa. Per questo, l’assicurazione agli investimenti a Teheran, sara’ pubblica e in euro. Ma tutto il castello, si regge su una montagna di sabbia: come dimostrato dal recente caso Skrypal, davanti ad una crisi internazionale che vede protagoniste alcune potenze Nato – prime alleate anche dell’Italia – lo stesso Governo italiano ha dovuto prendere delle misure di ritorsione. Tanto più che, proprio in Europa, Macron sta spingendo per l’approvazione di nuove sanzioni europee contro la Repubblica Islamica.

Concludiamo ricordando che, oltre meta’ dell’economia iraniana, e’ controllata dai Pasdaran, le cui compagnie sono già’ per la maggior parte inserite nella lista delle sanzioni internazionali. Peggio, il regime iraniano e’ primo al mondo per riciclaggio di denaro, per mancanza di trasparenza e per corruzione interna. Non sembra certo un Paese con i parametri adatti per ricevere una garanzia di prima istanza agli investimenti esteri…

 

 

galizia

Malta ha ordinato la rimozione dal suo incarico di  Ali Sadr Hashemi Nejad, Direttore della Banca iraniana Pilatus. La decisione de La Valetta, arriva dopo la notizia dell’arresto di Hashemi Nejad negli Stati Uniti, il 21 marzo scorso, con l’accusa di aver violato le sanzioni americane contro il regime iraniano.

In particolare, Hashemi Nejad avrebbe inviato una cifra che va dai 115 milioni di dollari ai 500 milioni di dollari in Venezuela a delle front companies, ufficialmente per contratti relativi al settore costruzioni, che pero’ sono successivamente stati girati da Caracas a Teheran.

Se Ali Sadr Hashemi Nejad e’ stato arrestato e se i crimini da lui commessi sono venuti a galla, e’ grazie alle inchieste portate avanti negli anni dalla giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, uccisa nell’ottobre del 2017 in un terribile attentato. Sono stati i suoi articoli e le sue denunce, infatti, a far luce sulla corruzione nell’isola di Malta e sul losco lavoro della Banca iraniana Pilatus (banca accusata di aver direttamente corrotto il Primo Ministro maltese).

Come dichiarato dai figli di Daphne Caruana Galizia – Matthew, Andrew e Paul – l’arresto di Ali Sadr Hashemi Nejad, rappresenta finalmente una giusta vendetta contro quanto accaduto alla loro madre. Daphne, infatti, prima di morire, era stata denunciata dalla Banca Pilatus, che l’aveva accusata di averli diffamati.

 

 

 

ahmadinejad soleimani

Da anni e’ ormai in corso una vera e propria guerra tra l’ex Presidente iraniano Ahmadinejad e la fazione vicina alla Guida Suprema Ali Khamenei (con cui, in questo momento, si schierano anche i Pasdaran).

Le ragioni di questo scontro sono sia economiche che politiche. Politicamente parlando, durante l’ultima parte del suo secondo mandato, Ahmadinejad promosse una visione millenarista del potere, allo scopo di depotenziare il ruolo della Guida Suprema ed elevare la carica di Presidente ai massimi vertici. In questa ottica, Ahmadinejad cerco’ anche di rendere praticamente ereditaria la carica presidenziale, promuovendo il suo vice – Rahim Mashaei – a suo successore. Il piano del Presidente negazionista falli’, per l’opposizione prima dei clerici e poi delle Guardie Rivoluzionarie, che scelsero di sostenere la Guida Suprema.

Economicamente parlando, come noto, Ahmadinejad arrivo’ al potere grazie ai Pasdaran e ripago’ le Guardie Rivoluzionarie inondandoli di soldi, firmando con le loro società numerosi contratti. Grazie al sostegno di imprenditori come Babak Zanjani – oggi in carcere in Iran e condannato a morte – Ahmadinejad e i Pasdaran riuscirono ad evadere le sanzioni internazionali sul greggio, incamerando miliardi di dollari.

Dopo l’arresto di Zanjani, negli ultimi mesi sono finiti in manette anche Hamid Baqaei, ex Responsabile dell’Ufficio di Presidenza – poi condannato  a 15 anni di carcere – e lo stesso Rahim Mashaei. Ufficialmente, le ragioni dell’arresto di Zanjani, Baqaei e Mashaei e’ la corruzione. Indubbiamente si tratta di una accusa sicuramente reale, ma dietro questi arresti c’e’ qualcosa di più profondo.

L’obiettivo dei Pasdaran iraniani, infatti, e’ chiudere la bocca a coloro che sono ben consapevoli del livello di corruzione all’interno delle Guardie Rivoluzionarie. A riprova di quanto affermato, ci sono le stesse rivelazioni fatte in questi giorni da Mahmoud Ahmadinejad: parlando alla stampa, Ahmadinejad ha rivelato che l’arresto di Hamid Baqaei e’ legato alle operazioni della Forza Qods in Africa nel 2013.

Nel 2013, secondo Ahmadinejad, la Forza Quds – comandata da Qassem Soleimani – ha dato a Baqaei 3,7 milioni di euro (in contanti) a Baqaei, per corrompere dei leader africani che avevano partecipato alla Conferenza dei Paesi non Allineati, organizzata a Teheran nell’agosto del 2012. Hossein Taeb, Responsabile dell’Unita’ Intelligence dei Pasdaran, ha quindi accusato Baqaei davanti ad una Corte iraniana, di essersi appropriato di quella somma. A sua volta, Baqaei ha reagito, dicendo di non aver mai ricevuto quella somma e di non aver avuto mai fiducia nei Pasdaran.

Reagendo alla condanna di Baqaei, Ahmadinejad ha scritto una lettera aperta al Generale Qassem Soleimani e due lettere alla Guida Suprema Khamenei. Nella lettera a Soleimani, Ahmadinejad ha chiesto da dove provenissero quei 3,7 milioni di dollari dati a Baqaei e con quale scopo fossero stati concessi. Ahmadinejad ha anche minacciato Soleimani di rivelare loro corrispondenza privata, avvenuta nel corso degli anni. Nelle lettere a Khamenei, Ahmadinejad ha attaccato le pessime performance del Governo Rouhani, denunciando la discriminazione all’interno del sistema giudiziario del regime.

Ricordiamo che, negli anni ’80, proprio la lotta al vertice iraniano fra il Grande Ayatollah Montazeri e il triumvirato Khomeini-Rafsanjani-Khamenei, fece emergere lo scandalo “Irangate“. Di converso, proprio quella lotta intestina, determino’ la caduta di Montazeri e l’ascesa al potere di Khamenei a successore di Khomeini.

 

 

mogherini

Non e’ facile comprendere quanto sta accadendo nell’Unione Europea, per quanto concerne i rapporti con l’Iran. Dopo la “decertification” decisa dal Presidente USA Donald Trump, infatti, il Presidente Macron ha preso fortemente l’iniziativa, rompendo alcuni tabù relativi alla inviolabilita’ dell’accordo sul nucleare.

Macron, in particolare, ha affermato che e’ necessario rivedere il JCPOA e avviare un negoziato con la Repubblica Islamica per quanto concerne il ruolo regionale dell’Iran – particolarmente in Yemen e Siria – e il programma missilistico del regime.

Ovviamente, dall’Iran sono arrivate risposte negative: il regime ha chiaramente fatto capire di non essere disposto a negoziare ne sulla presenza nella regione (Khamenei e’ stato chiaro in merito), ne tanto meno sullo sviluppo del programma missilistico.

A fronte del diniego iraniano, proprio in questi giorni, Francia, Gran Bretagna e Germania, hanno aperto all’ipotesi di nuove sanzioni dell’Unione Europea contro Teheran. In un documento riservato, i tre Paesi hanno particolarmente condannato il trasferimento di missili verso lo Yemen e la collaborazione tra la milizia Houthi e Hezbollah. Via Twitter, il Ministro degli Esteri iraniano Zarif, ha accusato l’Occidente di “ipocrisia” (poco dopo e’ stato ricoverato in ospedale, probabilmente dallo stress).

In mezzo a tutti questi fermenti, la Mogherini sembra vivere in un mondo tutto suo. Nonostante il suo ruolo di Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza dell’UE, la Mogherini persegue imperterrita la linea di opposizione, sia ad ogni negoziato sull’accordo nucleare. Non solo: proprio mentre i diplomatici dei principali Paesi dell’Unione – perche’ Londra e’ formalmente ancora dentro – aprivano a nuove sanzioni, la Mogherini dichiarava alle televisioni che “non sono in progetto nuove sanzioni dell’UE verso l’Iran”.

Peccato che, nelle stesse ore in cui Mogherini negava, il Ministro degli Esteri del Belgio Didier Reynders, affermava alla stampa che “stiamo esplorando tutte le possibili misure per avere lo stesso tipo di pressioni, che abbiamo esercitato sul dossier nucleare”. In altre parole: nuove sanzione UE contro Teheran, sono sul tavolo…