Archivio per la categoria ‘Iran Venezuela’

I responsabili dell'attacco ad AMIA. Dall'alto a sinistra: Akbar Hashemi Rafsanjani, Ali Fallahian, Ali Akbar Velayati, Moshe Rezai, Imad Fayez Moughnieh, Moshen Rabbani, Ahmad Reza Ashgari e Ahamad Vahidi

Dall’alto a sinistra: Akbar Hashemi Rafsanjani, Ali Fallahian, Ali Akbar Velayati, Moshe Rezai, Imad Fayez Moughnieh, Moshen Rabbani, Ahmad Reza Ashgari e Ahamad Vahidi

Liberi tutti, non importa quanto siano macchiate di sangue le loro mani. Potrebbe essere questo lo slogan dell’Iran Deal, almeno per quanto concerne la fine delle sanzioni verso alcuni dei maggiori esponenti dell’establishment del regime iraniano. Tra coloro che beneficeranno del sanction lifting dell’Unione Europea, ad esempio, c’e’ anche l’ex Ministro della Difesa di Teheran, il Pasdaran Ahmad Vahidi (articolo WSJ). Vahidi, pero’, non e’ stato solo uno dei principali pianificatori del programma nucleare iraniano ma – come ex capo della Forza Quds – e’ stato anche uno dei primi responsabili dell’organizzazione degli attentati finanziati dal regime iraniano all’estero.

Tra gli attentati più importanti compiuti dagli agenti di Teheran sotto ordine di Vahidi, c’e’ stato anche l’attacco al centro ebraico AMIA di Buenos Aires il 18 luglio del 1994. Un terribile scoppio che ha fatto crollare una intera palazzina e ha provocato la morte di 85 innocenti, colpiti unicamente per la loro fede. L’Interpol indico’ in Ahmad Vahidi e altre esponenti del regime iraniano i responsabili diretti dell’attentato. Purtroppo – come la triste uccisione del giudice argentino Alberto Nisman ha dimostrato – negli anni l’Iran ha lavorato in combutta con una parte del Governo argentino per insabbiare la verità. In queste settimane, quindi, il sito Business Insider, ha denunciato come Buenos Aires stia ancora aiutando Teheran ad insabbiare la verità, in cambio di accordi economici. Vogliamo anche ricordare che, l’attentato al centro AMIA, fu deciso da una commissione speciale iraniana in cui sedeva anche l’ex Presidente Rafsanjani e l’attuale consigliere di Khamenei, Velayati.

Aggiungiamo anche che, purtroppo, del sanction lifting del Dipartimento del Tesoro americano beneficerà anche la compagnia del Pasdaran, la Khatam al Anbia. Come denuncia l’esperto Ali Alfoneh, pero’, depenalizzare la Khatam al Anbia – un vero e proprio impero economico delle Guardie Rivoluzionarie – avrà come effetto un aumento del business legato al terrorismo internazionale e al sostegno ai regime anti-Occidentali. La Khatam al Anbia, infatti, ha interessi che partono dall’Iran e arrivano sino al Venezuela, passando per l’Iraq, il Libano e la Siria. La prima conseguenza di questa decisione, quindi, sara’ il rafforzamento di gruppi terroristi come Hezbollah e di ditattori assassini come Bashar al Assad.

[youtube:https://youtu.be/QKBLGDYuKt8%5D

Annunci
[youtube:http://youtu.be/PjjaDfeGzxY%5D

Untitled

Del nuovo Iran ormai discute da tempo tutto il mondo. Come abbiamo detto e come dimostrato, nella Repubblica Islamica non è davvero cambiato nulla anzi, al contrario, le condanne a morte e gli attacchi contro gli oppositori, si sono intensificati e brutalizzati. Nonostante la charm diplomacy che il regime sta portando avanti, anche il fine ultimo ed unico degli Ayatollah non è mai cambiato e una nuova riprova, in queste ore, è arrivata dalle parole del Pasdaran Ahmad Vahidi, ex Ministro della Difesa di Ahmadinejad ed attuale capo del Centro di Ricerca di Difesa dell’esercito.

In un discorso pronunciato alla Imam Hussein University, Ateneo di formazione degli ufficiali dei Pasdaran, Ahmad Vahidi ha rimarcato la centralità dell’esportazione della rivoluzione khomeinista nel mondo e la necessità di usare ogni mezzo per ottenere questo obiettivo. Vahidi ha testualmente affermato che “quando noi [l’Iran, N.d.A.] diciamo che ‘dobbiamo costruire il mondo’, questo significa che dobbiamo esportare la rivoluzione. Ovvero, dobbiamo costruire il mondo sulla base della dottrina e degli insegnamenti della rivoluzione islamica“. Ancora, commentando l’attuale negoziato nucleare tra Teheran e il Gruppo del 5+1, Vahidi ha evidenziato come “coloro che parlando di ‘ritorno dell’Iran all’interno della Comunità internazionale’, intendono dire che noi dobbiamo essere coerenti con la nostra identità rivoluzionaria, indipendentista e anti Occidentale, nello sforzo di esportare la rivoluzione e il pensiero Islamico“. Infine, commentando i recenti eventi, Vahidi ha attaccatto i sedizionisti del 1999 e del 2009 (ovvero i giovani studenti iraniani che hanno manifestato contro il regime) ed accusato l’America di essere debole ed incapace di influenzare il futuro.

Le parole di Ahmad Vahidi sono la miglir risposta a coloro che parlando del “nuovo Iran”. Il regime iraniano e i suoi rappresentanti più influenti, non hanno mai abiurato allo scopo eversivo ed aggressivo del regime khomeinista. Il fatto che l’esportazione della rivoluzione come main core business della Repubblica Islamica venga ribadito da un personaggio come il Generale Vahidi, è una notizia importantissima e molto significativa. Vahidi, infatti, è stato il comandante della Forza Quds dei Pasdaran, l’Unità speciale delle Guardie Rivoluzionarie responsabile da sempre dell’esportazione della velayat-e faqih nel mondo. In questo ruolo, tra le altre cose, Ahmad Vahidi è stato la mente dell’attentato terrorista al centro ebraico di Buenos Aires nel 1994, un attacco che costò la vita ad 85 inermi civili (un attentato per cui Vahidi è stato inserito nella lista dei ricercato internazionali dall’Interpol).

A tal proposito, infine, va rimarcato che – proprio in questi giorni – il Dipartimento di Stato americano ha riclassificato nuovamente l’Iran come un paese sponsor del terrorismo a livello internazionale….

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=S4_xinie8jI%5D

 

123

Genesis Carmona, la bellissima Miss Turismo 2012 venezuelana, è morta nel febbraio scorso, uccisa da un proiettile sparato dalle milizie chaviste del Presidente Maduro. La sua morte ha ricordato a molti il tragico decesso dalla studentessa iraniana, anche lei bellissima, Neda Agha-Soltan, ammazzata dai Basij il 20 giugno del 2009. Anche lei, come Genesis, prendeva parte ad una dimostrazione in nome della democrazia e dei diritti umani, calpestati dal regime degli Ayatollah. Il nesso tra le due morti non è casuale e la mano dei Basij nella repressione in atto in Venezuela è facilmente visibile. Gli scagnozzi di Maduro, noti anche come “Colectivos”, sembrano usare le stesse tattiche usate dai Basij per attaccare i dimostranti dell’Onda Verde a Teheran.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=R1hkQtuwV38%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=mbP2FObINEY%5D

Alla mera speculazione, vanno affiancati alcuni dati concreti che provano la collaborazione anti – democratica tra i due regimi: nell’aprile del 2009 il comandante dei Basij – Generale Mohammad Reza Naqdi – ha visitato il Venezuela insieme all’allora Ministro della Difesa iraniano Mostafa Moahammad-Najjar. In quell’occasione, Teheran e Caracas firmarono numerosi accordi di collaborazione militare e, secondo la denuncia del Die Welt, il regime Chavista dette via libera alla costruzione di una base missilistica iraniana presso la Penisola di Paraguanà (nord del Paese). Agli accordi pubblici, seguirono anche dei patti segreti: secondo dei documenti segreti, rivelati in questi giorni, Caracas avrebbe previsto un coordinamento con l’Avana e Teheran per garantire a Chavez la vittoria nelle elezioni dell’ottobre del 2012. In caso di sconfitta dell’ex Presidente defunto, infatti, i tre Paesi avrebbero lavorato insieme per reprimere eventuali proteste di piazza contro il Chavez. L’Iran, in tal senso, avrebbe addestrato la milizia venezuelana sulle tattiche da usare per colpire i dimostranti nelle strade urbane, in basi segrete a Cuba. Le foto qui sotto, mostrano proprio degli agenti venezuelani addestrati presso l’Avana.

milicianos_entrenamiento_cuba_1

milicianos_entrenamiento_cuba_2

milicianos_entrenamiento_cuba_3

Con questo scopo, quindi, sono state formate in Venezuela le “Redes de Movilizacion imediata”, ovvero le forze di reazione rapida. Come i Basij, anche queste forze usano un codice speciale per comunicare e mantengono un loro servizio di intellingence, inflitrato soprattutto nelle università della capitale Caracas. Il generale Naqdi, vogliamo ricordarlo, prima di essere nominato capo dei Basij, è stato il responsabile del servizio intelligence della polizia iraniana e come tale ha contribuito attivamente alla repressione contro gli studenti iraniani avvenuta a Teheran nel 1999. Naqdi è responsabile di numerose violazioni dei diritti umani. La cosa più preoccupante, è che le sue mani sporche di sangue sono arrivate sino in Bolivia, ove ha fatto scalo nel 2011 in compagnia dell’ex Ministro della Difesa iraniano Ahmad Vahdi e ove ha ricevuto una speciale onoreficenza (vedere qui la foto dell’evento). A La Paz si terrano il prossimo ottobre le elezioni Presidenziali e l’attuale capo di Stato Evo Morales è considerato un alleato chiave della Repubblica Islamica. Una eventuale sconfitta di Morales, perciò, non sarebbe in alcun modo accettata da Teheran e il rischio di una repressione delle eventuali proteste di piazza sembra essere sempre più concreto…

“Colectivos° in azione contro il popolo venezuelano

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=KW9vaKupogk%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=ZmDlWj2Npx4%5D

Basij in azione contro il popolo iraniano

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=ihOwx-2peuQ%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=FHGymCDh-HE%5D