Archivio per la categoria ‘Iran terrorismo’

bn-rs005_iranfi_j_20170119123446

Tutto l’Iran in queste ore sta vivendo un momento di estrema sofferenza e attesa, in seguito al collasso del grattacielo Plasco di Teheran. Si trattava di un palazzo di 17 piani costruito negli anni ’60 e diventato ormai un centro commerciale. Ieri, in seguito ad un incendio, il grattacielo è crollato su se stesso dopo alcune ore, seppellendo oltre 30 pompieri – ma il bilancio delle vittime è solo provvisiorio – accorsi sul posto per spegnere le fiamme.

Dietro la tragedia del Plasco, c’è la tragedia di un popolo ostaggio di un regime folle e fondamentalista. Una follia che comincia dalla stessa storia del Plasco: questo grattacielo era stato costruito prima della rivoluzione da Habib Elghanian, un businessman iraniano di religione ebraica. Dopo la rivoluzione del 1979, il regime accusò Habib di essere una “spia sionista” e lo condannò a morte. Neanche a dirlo, il processo contro l’uomo d’affari fu una farsa e servì solamente al regime per incutere terrore alla Comunità ebraica iraniana e confiscare tutte le proprietà di Habib Elghanian (tra cui il Plasco stesso).

L’incendio di ieri al Plasco, inoltre, ha ricordato quanto accaduto nel 2013, sempre a Teheran. In quella occasione, una sartoria prese fuoco e due donne – Nasrin Foroutani, 44 anni e Azar Haghnazari, 60 anni – morirono gettandosi dalla finestra per riuscere a salvarsi. Immediatamente scattarono polemiche durissime anche contro i pompieri, accorsi con ritardo sulla scena dell’incendio. La follia, però, fu raggiunta dalla Municipalità di Teheran, già allora guidata dal Pasdaran  Mohammad Bagher Ghalibaf. Il Vice Sindaco, Mojtaba Abdollahi, invece di chiedere l’apertura di una inchiesta sulla vicenda, disse che quanto accaduto era “volontà di Dio”. A due mesi da quel dramma, lo stesso Sindaco di Ghalibaf fu costretto a scusarsi con le famiglie delle vittime.

La tragedia del 2013, servì a portare alla luce le carenze del Dipartimento dei Vigili del fuoco di Teheran, mancanti di mezzi moderni e protezioni per poter affrontare adeguatamente le emergenze. Qualche tempo fa, quindi, Rahmatollah Hafezi, un membro ultraconservatore della Municipalità di Teheran, promise che i pompieri avrebbe ricevuto un aumento di budget di 140 miliardi di toman. Di questa cifra astronomica, solamente 25 miliardi di toman sono stati concretamente versati al Dipartimento dei Vigili del Fuoco (Iran Wire).

Arriviamo quindi alla tragedia di ieri. Un incendio è scoppiato all’interno del grattacielo Plasco. Un incendio scoppiato nonostante, da molto tempo, gli stessi Vigili di Teheran avevano informato il Municipio e i proprietari, dei rischi che c’erano all’interno del Plasco e della necessità di ammodernizzare l’intera struttura (Twitter). Una richiesta rimasta inascoltata. Quando l’incendio è divampato, il Sindaco di Teheran Ghalibaf non era nella capitale, ma si trovava nella città santa di Qom, per un giro di visite a diversi clerici, legato alle ambizioni elettorali dell’ex Pasdaran (al Monitor). Una assenza che ha portato gli iraniani ha chiedere sui social le dimmissioni di Ghalibaf, facendo partire un apposito hashtag (“Ghalibaf_resign”). A questo si aggiungano, come suddetto, le polemiche relative alle carenze di equipaggiamenti adeguati da parte dei pompieri della capitale iraniana e il mancato intervento di supporto aereo per favorire lo spegnimento dell’incendio (Good Morning Iran).

Nello stesso tempo in cui i civili e i vigili del fuoco muoiono a Teheran, privi del necessario sostegno da parte delle istituzioni, il regime iraniano non fa fatica a trovare miliardi di toman, per garantire gli interessi economici delle compagnie legate ai Pasdaran, totalmente prive di know-how, per finanziare il brutale regime di Assad e per mantenere in vita numerose organizzazioni terroriste (in primis Hezbollah) e milizie jihadiste sciite.

E’ davvero questo che merita il popolo iraniano?

791ea157-5887-47ad-8a1d-8bf5edf362f3

Dopo diciassette giorni di ricerche, le forze di sicurezza turche hanno arrestato Abdulkarim Masharipov, uzbeko di 33 anni, soprannominato “Abu Muhammad al-Khorasani” e noto a livello internazionale per essere il terrorista del Reina, ovvero colui che nella notte di capodanno ha ucciso 39 civili innocenti nella famosa discoteca di Istanbul.

Poco dopo l’arresto di Masharipov, il quotidiano turco Miliyet, ha pubblicato un articolo in cui – implicitamente – mette sotto accusa il regime iraniano per quanto accaduto nella capitale turca. Secondo quanto pubblicato, infatti, il terrorista del Reina è stato addestrato in Afghanistan ed è entrato qualche tempo dopo in Iran, dal Pakistan. Incredibilmente, però, Abdulkarim Masharipov è stato liberato senza spiegazione dalle carceri iraniane e lasciato entrare illegalmente in Turchia, passando per l’Azerbaijan iraniano . Entrato in Turchia, il terrorista islamico si è stabilito a Konya con la famiglia (moglie e due figli). Da Konya, quindi, Masharipov sarebbe arrivato ad Istanbul il 16 dicembre 2016 (al-Arabiya).

Il rilascio sospetto di Abdulkarim Masharipov dalle carceri iraniane, riapre purtroppo la gravissima questione delle commistioni tra il regime di Teheran, e il jihadismo sunnita. Come noto, per anni i Pasdaran iraniani, coadiuvati da Hezbollah, hanno fornito addestramento, armi e lasciapassare ai terroristi di al Qaeda (anche agli autori dell’attentato dell’11 settembre 2001). Tutti contatti testimoniati da prove concrete e che hanno portato anche alla condanna del regime iraniano da parte di diverse Corti americane.

In questi ultimi anni, quindi, è stato più volte notato come tra il regime iraniano e Isis, nonostante l’apparente stato di guerra, ci siano numerose commistioni. In particolare, è stato sottolineato come il Califfato svolga una funzione geopolitica fondamentale per l’Iran, permettendo a Teheran di occupare con le milizie sciite Paesi come la Siria e l’Iraq, usando il pretest di Isis per diffondere l’ideologia della Velayat-e Faqih. Tra coloro che accusano il regime degli Ayatollah di commistioni con i jihadisti di al-Baghdadi, ci sono anche due importanti ex diplomatici iraniani, Abolfazl Eslami e Farzad Farhangian. Entrambi hanno defezionato nel 2010, quando i Pasdaran hanno represso il Movimento dell’Onda Verde.

Farzad Farhangian, in particolare, è stato molto duro e ha accusato l’Iran di proteggere Isis e di aver permesso ai terroristi del Califatto di aprire una base operativa presso la città iraniana di Mashhad. Farhangian descrive questa base di Isis a Mashhad, come un centro legato all’intelligence iraniana e il cui scopo è quello di promuovere e favorire il caos all’interno degli Stati arabi della regione, in particolare in Arabia Saudita e in Bahrain.

Il terrorista del Reina

Per approfondire

La funzione provvidenziale unzione geopolitica di Isis per l’Iran, Link: No Pasdaran

Rapporti tra Iran e Talebani, Link: No Pasdaran

Rapporti tra Iran e al Qaeda, Link: No Pasdaran

hadas-e1414087676420

Si chiamava Chaya Zissel Braun, era nata in Israele, ma aveva anche la cittadinanza Americana (presa dai suoi genitori). Chaya è morta ad appena tre mesi, quando, nell’Ottobre del 2014, quando un terrorista palestinese di Hamas – tale Abd al-Rahman al-Shaloudi – l’ha investita con la sua macchina (ovviamente di proposito). Nell’attentato, restò ferito anche il padre della piccolo Chaya, Shmuel.

A distanza di due anni da quell’omicidio, la famiglia di Chaya ha ottenuto in parte giustizia, almeno sulla carta. Secondo quanto deciso da una Corte Americana del Distretto di Columbia, il regime iraniano e quello siriano dovranno pagare alla famiglia della piccola deceduta, la cifra di 178 milioni di dollari, per il drammatico lutto subito. Questo perchè, come noto e come riporta il testo che ha portato alla decisione della Corte, Teheran e Damasco finanziano economicamente e materialmente il gruppo terrorista di Hamas. Cosi facendo, quindi, sono direttamente responsabili degli attentati che Hamas compie e delle vittime innocenti che causano (The Tower).

Nel rispetto del ricordo della piccola Chaya, ci auguriamo che questo sia solo l’inizio di un movimento che porti, anche legalmente, l’Iran e i suoi alleati a pagare per le loro azioni. Ricordiamo che, secondo il Dipartimento di Stato USA, l’Iran è il primo Paese sponsor del terrorismo internazionale.

Il video dell’attentato dell’Ottobre 2014 a Gerusalemme

Link:

Testo del dibattimento al processo: http://israellawcenter.org/wp-content/uploads/2017/01/DE-36-Memorandum-Opinion.pdf

Decisione finale al processo, di condanna all’Iran e alla Siria: http://israellawcenter.org/wp-content/uploads/2017/01/DE-36-Memorandum-Opinion.pdfhttp://israellawcenter.org/wp-content/uploads/2017/01/DE-36-Memorandum-Opinion.pdf

rafsanjani-dalema

E’ morto ieri in Iran l’Ayatollah Hashemi Rafsanjani, ex Presidente, nonchè uomo ombra dell’attuale Presidente Rouhani e colui che ha permesso ad Ali Khamenei di essere nominato Guida Suprema della Repubblica Islamica alla morte di Khomeini (nonostante la mancanza totale dei titoli religiosi richiesti).

La scomparsa di personalità politiche di primo livello del regime iraniano, rappresenta sempre una liberazione. Si tratta, infatti, di figure che hanno direttamente contribuito all’oppressione di un intero popolo e alla morte di innocenti civili. Nel caso di Rafsanjani, inoltre, la sua dipartita rappresenta anche la fine della vita terrena di un vero e proprio fiancheggiatore del terrorismo internazionale. Durante la Presidenza di Rafsanjani, considerato addirittura un ‘moderato’, il regime iraniano ha dato il meglio di sè nel sostegno a terribili azioni di terrorismo internazionale (Washington Institute). Con la benedizione di Rafsanjani, infatti, furono:

  • uccisi nel 1992 a Berlino, all’interno del ristorante Mykonos, importanti rappresentanti dell’opposizione curda iraniana in esilio. I loro nomi erano Sadegh Sharafkandi, Fattah Abdoli e Homayoun Ardalan, a cui va aggiunto il traduttore Nuri Dehkordi. I quattro, vennero crivellati di colpi in una esecuzione in pieno stile mafioso. L’intelligente tedesca accertò il coinvolgimento dell’allora Ambasciatore iraniano in Germania, Hossein Musavian – oggi ricercatore universitario negli Stati Uniti – e dei massimi vertici del regime iraniano (in primis Khamenei e Rafsanjani);
  • venne fatta saltare in aria l’Ambasciata israeliana a Buenos Aires (1992). Ventinove persone innocenti perirono nell’attentato e anche in questo caso, nonostante l’esecuzione materiale da parte di Hezbollah, venne provato il coinvolgimento diretto delle autorità iraniane, nella pianificazione e nel finanziamento dell’attentato;
  • un attentato suicida fece crollare l’intero edificio dell’AMIA, associazione ebraica a Buenos Aires (1994). Nell’attentato perirono oltre 80 civili innocenti. Anche in questo caso, nonostante materialente l’attentato venne compiuto da Hezbollah, l’INTERPOL provò il coinvolgimento delle massime cariche del regime di Teheran ed emise addirittura un mandato di cattura internazionale contro lo stesso Rafsanjani. Nella speciale commissione che diede luce verde a questo attentato, era presente anche l’attuale Presidente Rouhani. Le inchieste del Procuratore argentino Alberto Nisman, dimostrano l’esistenza di un accordo tra l’ex Presidentessa argentina Cristina Kirchner e l’Iran, per mettere a tacere il coinvolgimento della Repubblica Islamica nell’attentato. Nisman ha pagato con la vita le sue inchieste, ed è stato ucciso nel gennaio del 2015, il giorno prima della sua testimonianza davanti al Parlamento argentino sul segreto accordo Buenos Aires – Teheran (No Pasdaran);
  • furono attaccate le Khobar Towers in Arabia Saudita (1996). Perirono 20 persone, per la maggior parte americani in servizio in nel Golfo. L’attentato fu rivendicato da Hezbollah Arabia Saudita e le indagini americane dimostrarono, neanche a dirlo, il ruolo centrale del regime iraniano. Recentemente, i sauditi hanno arrestato la mente di quell’attentato, tale Ahmed al-Mughassil, che per anni ha vissuto nascosto a Beirut sotto protezione di Hezbollah (New York Times).

Al curriculum terrorista di Rafsanjani, va aggiunto il suo ruolo determinate nell’ingresso dei Pasdaran nell’economia iraniana. Con la scusa della ricostruzione post guerra Iran – Iraq, Rafsanjani premise alle compagnie delle Guardie Rivoluzionarie di ottenere contratti in ogni settore del sistema economico della Repubblica Islamica, con il risultato che oggi queste compagnie controllano oltre il 50% dell’economia visibile e tutta quella sommersa (compreso il traffico di droga dalla frontiera con l’Afghanistan).

Questa in breve quanto ha realizzato Rafsanjani per l’Iran e il mondo, nella sua lunga vita di uomo cardine di un regime fondamentalista e repressivo. Per tutte queste ragioni, vanno ritenute ipocrite le lacrime di chi lo piangerà e chi ne tesserà addirittura le lodi. Chi lo farà, infatti, dovrà rendersi conto di aver indirettamente espresso ammirazione per un uomo che, sulla sua strada, ha lasciato prevalentemente sangue e dolore!

ap_kenya_iranian_plot_wy_120702_wmain

L’Iran non riesce a nascondere il suo vero volto di regime terrorista, anche quando promette esattamente il contrario ai Paesi con cui collabora. Solamente qualche mese fa, infatti, lo Speaker del Parlamento iraniano Ali Larijani, ha visitato il Kenya e promesso una collaborazione con Nairobi nel contrasto al terrorismo.

La promessa non era da poco, visto che nel giugno 2013 una Corte del Kenya aveva condannato al carcere a vita due terroristi iraniani, reo confessi di essere membri della Forza Qods, accusati di pianificare attentati contro target Occidentali nel Paese africano. I due, Ahmad Abolfathi Mohammad e Sayed Mansour Mousavi, erano stati arrestati nel 2012, beccati sul fatto con oltre 15 chilogrammi di esplosivo pronto all’uso.

Nel 2015, quindi, due kenioti – Abubakar Sadiq Louw e Yassin Sambai Juma – avevano ammesso di aver dato assistenza all’intelligence iraniana, sempre al fine di compiere attacchi contro obiettivi Occidentali in Kenya. Anche loro, per la cronaca, ammisero di essere dei membri effettivi della Forza Qods, l’unità speciale dei Pasdaran adibita all’ “esportazione della rivoluzione khomeinista” fuori dai confini della Repubblica Islamica.

Purtroppo, come suddetto, il regime iraniano non riesce a mantenere promesse che non appartengono alla sua reale natura: la propensione a finanziare il terrorismo internazionale. Ecco allora che, in queste ore, giunge la notizia del nuovo arresto in Kenya di due terroristi iraniani, accusati di voler compiere un attentato contro l’Ambasciata di Israele a Nairobi. La parte più drammatica di questa storia è che, come accaduto in passato, il centro dell’organizzazione e della pianificazione di questi attentati, è stato ancora la rappresentanza diplomatica di Teheran. I due terroristi arrestati a Nairobi – Sayed Nasrollah Ebrahim e Abdolhosein Gholi Safaee –  sono stati arrestati mentre andavano in giro con una macchina con targa diplomatica, appartenente alla locale Ambasciata iraniana. Sempre per la cronaca, i due fermati avevano visitato qualche giorno prima i terroristi iraniani condannati al carcere a vita attualmente detenuti nella prigione di Kamiti. Sui loro telefonini sono state trovate fotografie e video dell’Ambasciata di Israele a Nairobi.

Ricordiamo che nel 1994 – come dimostrato dall’Interpol – l’attentato contro il centro AMIA di Buenos Aires, fu organizzato all’interno dell’Ambasciata iraniana in Argentina. In quell’attacco, purtroppo, perirono oltre 80 civili innocenti.

doc20140916215558-2.jpg

Secondo quanto riporta la stampa internazionale, l’Italia avrebbe arrestato tre iraniani che andavano in giro con tre passaporti israeliani. I tre passaporti israeliani, ovviamente, non erano di loro proprietà, ma erano stati dimenticati dai loro legittimi proprietari.

Secondo le informazioni, dopo aver avvertito le autorità israeliane, l’Italia avrebbe espulso i tre verso la Turchia, via Serbia (totpi.com).

Le forze di sicurezza stanno investigando in merito alla possibilità che i tre volessero compire un attentato proprio contro obiettivi israeliani o ebraici in Italia.

Lo scorso gennaio, lo ricordiamo, due iraniani – una coppia che voleva raggiungere gli Stati Uniti – erano stati fermati in India, mentre tentavano di salire su un aereo di linea, proprio usando dei falsi passaporti israeliani. Nel 2014, invece, altri due iraniani erano stati arrestati a Nairobi, in Kenya, dopo aver tentato di entrare nel Paese africano con dei falsi passaporti israeliani. Sembre nel 2014, un iraniano era stato arrestato nel Laos, dopo aver usato un passaporto falso italiano (Changrai Times).

Che sia per terrorismo o immigrazione, questi casi ben dimostrano come, con i suoi traffici, il regime iraniano è un sogetto eversivo e pericoloso per la sicurezza dell’intera Comunità Internazionale!

 

untitled

Due giorni fa il mondo ha ricordato l’11 Settembre, il terribile attentato compiuto da al-Qaeda nel 2001 contro le Twin Towers di New York. Secondo le stime, in quel drammatico giorno perirono, in pochissimo tempo, quasi 3000 innocenti persone.  Ogni anniversario dell’11 Settembre, si ricorda la storia di al-Qaeda e la nefasta figura di Osama Bin Laden.

Eppure, nonostante le numerose prove, si ignora quasi totalmente il ruolo che il regime iraniano ha avuto nel sostegno al terrorismo jihadista sunnita, in particolare proprio ad al-Qaeda. di prove sulle delle relazioni tra l’Iran e al-Qaeda, ne esistono in abbondanza. Solamente nel luglio 2016, il Dipartimento di Stato Americano ha annunciato di aver posto sotto sanzioni tre operative di al-Qaeda che, tranquillamente, vivono rifugiati in Iran. Si tratta di Faisal Jassim Mohammed al-Amir Al-Khalidi (Al-Khalidi), Yisra Muhammad Ibrahim Bayumi (Bayumi) e Abu Bakr Muhammad Ghumayn (Ghumayn).

Di prove simili, però, ne erano state fornite anche immediatamente dopo l’11 Settembre. In una apposita commissione creata per investigare sull’11 Settembre, era stata chiaramente dimostrata la connessione tra Teheran, Hezbollah, e numersi operativi di al-Qaeda. La commissione sul 9/11, nel suo report finale, aveva denunciato come gli agenti iraniani non solo avessero per anni addestrato terroristi di al-Qaeda e facilitato il loro ingresso (e uscita) in Afghanistan, ma anche come alcuni di questi terroristi fossero in seguito diventati i dirotattori dell’attentato contro le Torri Gemelle.

Proprio per queste ragioni, nel 2011, un giudice di Manhattan condanno’ il regime iraniano e Hezbollah al pagamento di risarcimenti ai famigliari delle vittime dell’11 Settembre, per il sostegno fornito ad al Qaeda. In particolare, il giudice Daniels, menziono’ la Guida Suprema Khamenei, l’ex Presidente Rafsanjani, i Pasdaran, il Ministero dell’Intelligence di Teheran (MOIS) ed Hezbollah, come “materialmente e direttamente” responsabili degli eventi dell’11 Settembre 2001. Nell’inchiesta, durata sette anni, l’ex Pasdaran Mesbahi rivelo’ anche che il regime iraniano, attraverso “front companies“, ottenne illegalmente dei simulatori di volo per Boing 757-767-777, gli stessi aerei dirottati dai terroristi di al Qaeda.

Tra coloro che trovarono rifugio in Iran, c’era anche Sa’ad Bin Laden, figlio di Osama, ucciso da un drone americano nel 2009 in Pakistan. Un altro terrorista sunnita, Mustafa Hamid, era addirittura descritto come l’Emiro di “al-Qaeda in Iran”. Secondo il Dipartimento del Tesoro Americano, Hamid era l’uomo che teneva le comunicazioni indirette tra Bin Laden e il Governo dell’Iran. Il rapporto era cosi stretto, che la stessa CIA creò un apposito programma, nome in codice RIGOR, per monitorare le attività dei terroristi di Bin Laden in Iran.

Ricordiamo infine che, poco dopo la rottura tra al-Qaeda e Isis, il Portavoce del Califfato Abu Muhammad al-Adnani (ucciso di recente), rese noto un messaggio del leader di al-Qaeda Ayman al-Zawahiri, in cui egli chiedeva alla sua organizzazione di non compire attentati in Iran, al fine di “salvaguardare gli interessi dell’organizzazione e le linee di rifornimento proveninti dall’Iran”

Per approfondire:

https://nopasdaran2.wordpress.com/2015/09/11/attentato-11-settembre-2001-twin-towers-america-iran-alqaeda-terrorismo/

https://nopasdaran2.wordpress.com/2016/07/25/usa-dipartimento-tesoro-sanzioni-terrorismo-alqaeda-iran/

http://www.washingtontimes.com/news/2016/sep/8/al-qaedas-iran-connection/

http://www.meforum.org/670/irans-link-to-al-qaeda-the-9-11-commissions

http://iran911case.com/