Archivio per la categoria ‘Iran Polizia’

1

Immaginate di essere giovani. Immaginate di voler solamente vivere la vita: uscire con gli amici, ridere, partecipare ad una festa, ballare e magari conoscere l’amore della vostra vita. Bene: siamo sicuri che immaginare tutto questo in Occidente non è poi così difficile, anzi. Purtroppo non è cosi nella Repubblica Islamica. Qui, come il famoso video Happy in Teheran ha già dimostrato, divertirsi insieme per un ragazzo e una ragazza può voler dire ritrovarsi i miliziani Basij davanti ed essere caricato su una camionetta in stato di arresto.

Un esempio tristissimo è quanto successo la scorsa settimana a 84 ragazzi iraniani (49 uomini e 35 donne) di Mashhad. Questi poveri ragazzi, hanno avuto la sola colpa di volersi divertire insieme, partecipando ad una festa “mista”, ovvero con ragazzi e ragazze insieme. Purtroppo, questa ricerca di spensieratezza gli è costata cara: secondo quanto riportato dalla stampa iranianale forze di sicurezza, asservite all’ideologia khomeinista, hanno compiuto un raid e hanno arrestato tutti i ragazzi con l’accusa di “immoralità”.  Così, mentre la Guida Suprema Ali Khamenei si diverte a scrivere ai ragazzi Occidentali invitandoli a leggere il Corano, nella Repubblica Islamica lo stesso “cordiale” invito diventa una brutale imposizione. La religione, purtroppo, resta lo strumento principale del regime per opprimere l’immaginazione dei giovani, togliendo loro il diritto di vivere la Vita liberamente.

A proposito di diritto alla libertà, riportiamo anche la notizia dell’ennesimo raid delle forze di sicurezza contro coloro che posseggono parabole satellitari (almeno il 60% della popolazione). Considerate un simbolo della corruzione Occidentale, le parabole vengono continuamente sequestrate e distrutte (non prima di averci scritto sopra slogan pro regime). Il 21 gennaio scorso, quindi, un raid anti-parabole è avvenuto a Shiraz. Seimila parabole sono state sequestrate e distrutte in un pubblico evento organizzato appositamente. Ancora una volta, il regime ha colpito brutalmente il coraggioso tentativo della popolazione di trovare fonti di informazione alternative rispetto a quelle inquinate dei  media iraniani.

3

2

1

untitled

Come vi abbiamo già detto, il regime iraniano ha teoricamente condannato l’attentato di Parigi. Scriviamo teoricamente perchè, come denunciato dal sito Good Morning Iran, il testo della condanna del Ministero degli Esteri iraniano mette sullo stesso piano l’ideologia barbara dei terroristi con la libertà di espressione delle vittime (giudicata da Teheran eccessiva). Una presa di posizione vergognosa che, indubbiamente, non può rappresentare una vera condanna del terribile attentato di Parigi.

Purtroppo, però, il regime dei Mullah è riuscito a fare di peggio. L’Associazione dei Giornalisti Iraniani, infatti, aveva organizzato un evento di solidarietà per i colleghi del Charlei Hebdo. L’evento di solidarietà si sarebbe dovuto tenere proprio nella sede l’Associazione dei Giornalisti, chiusa dal regime iraniano nell’Agosto del 2009. Quando i coraggiosi reporter iraniani si recati con una candela e dei fuori presso il luogo dell’appuntamento, le forze di sicurezza sono immeditamente intervenute, bloccando ogni iniziativa. A nulla sono serviti i tentativi di convincere i Pasdaran a lasciar passare i giornalisti. Vogliamo ricordare che, nel giugno del 2013, durante la campagna elettorale, il Presidente Rouhani aveva promesso di intervenire personalmente contro la messa al bando dell’Associzione dei Giornalisti. Sinora nulla è accaduto e la magistratura iraniana ha da poco riconfermato la chiusura dell’Associzione e le misure restrittive contro i 4000 iscritti.

Proprio a proposito della magistratura iraniana, dobbiamo riportare la decisione di emettere un ordine di blocco verso tre social networks: Line, WhatsApp e Tango. Tutte applicazione, come noto, create per connettere le persone. Un chiaro simbolo di debolezza del regime e di paura di possibili proteste organizzate da parte della popolazione. Cosi, mentre il mondo si mobilità per la libertà di espressione, al popolo iraniano è sempre piu’ negata ogni possibilità di interagire e di decidere liberamente.

Vi riportiamo, qui sotto, l’intervista della BBC al vignettista iraniano Kianoush Ramezani, costretto a lasciare la Repubblica Islamica dopo le repressioni del 2009. Ramezani dichiara di aver avvisato del pericolo i colleghi del Charlei Hebdo, ricordando loro la minaccia del fondamentalismo islamico e la necessità di stare allerta.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=0ShKOyXQJvk%5D

B4yU5fZCcAAkCiD

Il Natale 2014, sicuramente, non renderà piu’ buoni i Pasdaran e i Mullah. Dalla Repubblica Islamica, infatti, arriva la notizia di  nuove e gravi persecuzioni religiose: due cristiani sono stati arrestati dalle forze di sicurezza nel parco Khalij-e Fars, nella città di Fooladshahr (provincia di Isfahan). La loro colpa? Aver suonato musica religiosa in pubblico. Secondo le informazioni ricevute, gli arrestati si chiamano Shahram Donia Roui e Mohammad Reza Vahedi . Dal momento del loro fermo, all’inizio di dicembre, le famiglie non hanno avuto piu’ alcuna notizia dei loro cari.

Nessuna notizia anche di Ebrahim Hosseinzadeh, impiegato presso la Chiesa di Shiraz. Gli agenti in borghese sono arrivati improvvisamente e lo hanno portato via. Da quel momento, come per il caso di Fooladshahr, nessuna informazione sulla sorte del fedele cristiano. La campagna in atto, si inserisce in un duro clima di repressione messo in atto dalle autorità iraniane in questo periodo pre-natalizio. Solo nelle ultime settimane, oltre 50 prigionieri sono stati impiccati nelle carceri iraniane.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=UrDgV5_TJTA%5D

imagesCAN8HGH5

Quello che potete vedere qui sotto è una testimonianza eccezionale dell’abuso continuo delle forze di sicurezza iraniane contro i cittadini. Tramite la sua pagina Facebook, l’International Campaign for Human Rights in Iran, ha diffuso un video in cui è possibile vedere l’arrivo dei poliziotti del regime davanti ad una abitazione privata. I poliziotti pretendono di entrare nella casa per distruggere la parabola satellitare in possesso della famiglia. La donna, come è possibile vedere nel filmato, cerca di opporre resistenza davanti alla prepotenza degli agenti. Ad aiutarla arriva anche un uomo (forse il marito). Nonostante l’opposizione dei ragazzi, niente riesce a smuovere il cuore dei rappresentanti dei Mullah. Il filmato, infatti, si interrompe proprio mentre – con la forza – gli agenti armati fanno irruzione nell’abitazione. Questo video, non soltanto dimostra cosa significa vivere nella Repubblica Islamica, ma anche il prezzo che si paga quotidianamente nella ricerca di sprazzi di libertà. Le parabole satellitari, va ricordato, rappresentano l’unica via attraverso la quale gli iraniani possono sentire una informazione diversa da quella propagandata dai Pasdaran. Infine, questo filmato è ancora una volta la migliore risposta a chi parla di un Iran diverso, promuove pubblicamente Rouhani come un moderato o, peggio, firma appelli in favore dei Mullah.

aaaa

10420188_10152309063907271_3468075985606995004_n

Quello che vi mostriamo è un video esclusivo e mostra quanto accaduto presso Isfahan ieri. Come ricorderete, purtroppo, Isfahan è stata protagonista di almeno 14 attacchi contro donne iraniane, bruciate con l’acido dai miliziani di Ansar Hezbollah, per non portato il velo nella giusta maniera. In solidarietà con le donne iraniane, quindi, decine e decine di manifestanti – uomini e donne – sono scesi in piazza per gridare la loro rabbia contro il regime, oppressore delle libertà della popolazione e primo promotore della violenza contro le donne e tutti coloro che non si uniformano alle volontà dei Mullah. Quanto accaduto durante la manifestazione di ieri, dimostrato nel video sottostante, è la riprova che il Governo iraniano – pur avendo condannato ufficialmente l’attacco contro le donne di Esfahan – in realtà protegge e tutela i miliziani aggressori. Nelle immagini, infatti, vedrete gli agenti della polizia scagliarsi contro i manifestanti disarmati e picchiare selvaggiamente e senza pietà le donne. Vedrete giovani ragazze in fuga, rifugiarsi nei vicoli della città alla ricerca di un luogo sicuro, e scoppiare in un pianto disperato per lo spavento. Questo è l’Iran creato da Khomeini, questa è la Repubblica Islamica di Ali Khamenei e Hassan Rouhani…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=o1_DNCYjC8o%5D

Untitled

Le Nazioni Unite hanno aperto la loro porta all’ennesimo criminale travestito da moderato. Hassan Rouhani si presenta all’Assemblea delle Nazioni Unite dopo un anno da Presidente dell’Iran e con un record di violazioni dei diritti umani praticamente senza precedenti. Basti pensare che, in soli 12 mesi, oltre 900 persone sono finite al patibolo, senza contare il numero di prigionieri politici presenti nel Paese. In questi giorni, quindi, una nuova rivelazione fatta da un rappresentante del regime iraniano, svela molto chiaramente il vero volto di Hassan Rouhani e la sua complicità nel terrorismo e nelle repressioni interne dei miliziani dei Mullah. Qualche tempo fa, vi avevamo già detto che Hassan Rouhani ha fatto parte della Commissione Speciale che ha dato il via libera all’attentato terrorista contro il centro ebraico AMIA a Buenos Aires (1994). In quell’occasione, gli agenti iraniani fecero oltre 80 morti.

Ora, veniamo a sapere che fu Rouhani in persona a volere l’intervento dei Pasdaran per reprimere la protesta degli studenti di Teheran nel 1999. La rivelazione è stata fatta direttamente dal Generale Yahya Rahim Savafi – Consigliere militare dell’Ayatollah Khamenei – in una intervista a Tasnim News, agenzia di stampa iraniana vicino ai Pasdaran. Prima una premessa storica: come ricorderete, nel luglio del 1999, gli studenti dell’Università di Teheran si sollevarono contro il regime, in protesta contro la chiusura del giornale riformista Salaam. Il giornale Salaam, voluto dal figlio stesso dell’Imam Khomeini – Ahmad Khomeini – diventò la voce della richiesta di cambiamento all’interno della società iraniana. Grazie agli articoli di questo giornale, l’Ayatollah Khatami arrivò al potere, dando al Paese una speranza di cambiamento (speranza, purtroppo, molto presto disillusa). La chiusura del quotidiano Salam, non soltanto rappresentò il primo passo verso la fine dell’esperienza riformista iraniana, ma determinò anche la prima vera sollevazione dei giovani studenti, contro un regime sempre piu’ perverso e bigotto.

aaaa

Gli studenti iraniani cominciarono a protestare contro il regime all’inizio di luglio. Secondo quanto dichiarato dal Generale Rahim Savafi, l’allora Presidente riformista Khatami rifiutò per una settimana la richiesta di intervento dei Pasdaran per reprimere le manifestazioni. Nonostante il rifiuto del Presidente (e dell’allora Ministro dell’Interno), ha rivelato Safavi, il Dottor Hassan Rouhani – allora capo del potente Supremo Consiglio per la Sicurezza Nazionale – decise di superare il Presidente e di conferire egli stesso la responsabilità alle Guardie Rivoluzionarie. Il risultato, purtroppo, è bene noto agli storici: i Pasdaran e i Basij entrarono nel dormitorio dell’Università di Teheran l’8 luglio del 1999, causando oltre 200 feriti e almeno 3 morti. Vogliamo ricordare infine che, proprio qualche mese fa, l’attuale Sindaco di Teheran Ghalibaf – all’epoca comandante dei Pasdaran – rivelò di aver ricevuto il permesso delle autorità iraniane per entrare nel dormitorio universitario e colpire gli studenti durante la notte.

Fu così che il 18 Tir (in data persiana) si trasformò in quella che venne definita la “Tiananmen Iraniana“.  Dieci anni dopo, nel 2009, gli studenti iraniani hanno marciato ancora per le strade di Teheran, ricordando le repressioni del 18 Tir e chiedendo democrazia e libertà. Purtroppo, ancora una volta, quello che hanno ricevuto in cambio è stato sangue e morti.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=tv2XTWyibmU%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=FpwKaOBjr1A%5D

imagesCAOYAM5Q

Il Grande Fratello iraniano non ha confini ed è capace di leggere tutto quello che i giovani iraniani scrivono, anche semplicemente per ridere tra loro in chat. L’agenzia HRANA, infatti, ha reso noto l’arresto di 11 attivisti dei social network. La loro colpa? Sempliceme: aver parlato in maniera “poco dignitosa” dell’Ayatollah Khomeini. In poche parole, aver riso sull”inventore del sistema repressivo della velayat-e Faqih, falsamente riconducibile alla tradizione sciita. Secondo quanto riportato dalla ISNA, tutti gli arrestati sono accusati di aver diffuso materiale diffamatorio sull’Imam, per mezzo di social networks quali Viber, Tango e Whatsapp. Non soltanto: per loro l’accusa di aver ridicolizzato i valori della Repubblica Islamica e delle figure religiose che la governano (particolarmente l’Ayatollah Khomeini). L’agenzia ISNA, infine, ha rimarcato come tutti i fermati hanno “confessato il loro crimine…”.

In questo periodo, va ricordato, è in atto una offensiva per la chiusura definitiva di Whatsapp. Questo programma, molto usato dai giovani iraniani per comunicare liberamente (rarità in Iran), è stato già diverse volte con l’accusa di favorire lo spionaggio Occidentale e valori contrari all’Islam.  Proprio ieri il Procuratore Gholam Hossein Mohseni-Ejei, ex Ministro dell’Intelligence sotto Ahmadinejad (dal 2005 al 2009), ha comunicato al Ministro della Comunicazione Mahmoud Vaezi di avere solamente 30 giorni per bloccare definitivamente Whatsapp in tutto il Paese. Se il Governo non obbedirà alla decisione della magistratura, ha reso noto l’agenzia Fars, “i giudici prenderanno tutte le misure necessarie per attuare l’ordinanza”.

Untitled