Archivio per la categoria ‘Iran jihad Islamica’

71f5ee6b-f14d-418c-be5f-612c53aeec26_16x9_600x338

Ahmed Galambur, già colonnello dei Pasdaran e oggi professore all’università di Teheran, ha affermato che la Guerra Iraq – Iran non fu, come racconta la stessa storiografia iraniana, una “guerra imposta”, ma fu il preciso volere dell’Imam Khomeini per espandere il potere della Repubblica Islamica fuori dall’Iran. Questo, ha continuato Galambur, perchè la “Repubblica Islamica non conosce limiti geografici” (al Arabiya).

Aggiornando il suo discorso ai fatti attuali, Ahmed Galambur ha dichiarato che gli attuali interventi militari di Teheran in diversi Paesi della Regione, inclusi Yemen e Siria, fa parte della strategia militare basata sul principio che “la migliore difesa è l’attaco”. Ergo, il regime iraniano ha consapevolvemte deciso di attaccare “il nemico” in Siria, Libano, Iraq, Yemen, Afghanistan e Pakistan. Ovviamente, su preciso ordine dell’Imam Khamenei, attuale Guida Suprema iraniana.

Infine, Galambur ha attaccato coloro che non hanno la sua stessa visione della politica estera iraniana. “Alcuni in Iran” – ha detto Galambur – non riconoscono il concetto puro della rivoluzione e insistono nell’agire solamente all’interno dei confini iraniani. Queste persone, non sono consapevoli dei veri obiettivi della rivoluzione e del suo slogan ‘guerra fino alla vittoria‘”

Purtroppo, le parole di Galambur non vanno prese come mera propaganda. Non solo perchè il regime iraniano ha sempre agito per espandere la rivoluzione khomeinista, ma anche perchè lo stesso Khomeini rifiutò nel 1982 di mettere fine alla guerra contro l’Iraq, proprio al fine di fare di Baghdad un nuovo avamposto iraniano.

Un obiettivo che, per via dell’Iran Deal, delle milizie paramilitari sciite e di puppet come al-Maliki, Teheran sta ottenendo in questo periodo. Un “successo” realizzato per mezzo di massacri di popolazione sunnita che nulla hanno da invidiare a quelli compiuti dai jihadisti del Califfato contro gli sciiti.

???? ?? ????? ????? ???? ????? ???? ???????? ????

Un vero e proprio quartier generale, da dove il regime iraniano praticamente comanda le azioni militari in difesa del dittatore siriano Bashar al Assad. Secondo quanto pubblicato in un articolo esclusivo del Daily Mail, questo quartier generale – definito “la Serra”, in farsi Maqar-e Shishe’i – si trova a Damasco, non lontano dall’aeroporto internazionale. Composto da cinque piani, il quartier generale iraniano permette anche ai Pasdaran di coordinare le loro attività militari con quelle dei russi, soprattutto per quanto concerne lo scambio di materiale di intelligence e le attività delle milizie paramilitari (si veda l’immagine sottostante). La fonte di questa informazione esclusiva, sempre secondo quanto riporta il quotidiano inglese, sarebbe direttamente un agente dei Pasdaran che, segretamente, avrebbe passato le informazioni ai membri della resistenza anti-regime legata ai Mujahedeen del Popolo (Daily Mail).

Sempre secondo i dati pubblicati dal Daily Mail, sarebbero almeno 16000 i membri delle milizie paramilitari sciite comandate direttamente da Teheran, in particolare dalla Forza Qods del Generale Qassem Soleimani, unità speciale dei Pasdaran espressamente dedita ad esportare la rivoluzione khomeinista fuori dalla Repubblica Islamica. Questo numero è quello fornito da fonti Occidentali. Le fonti interne dei dissidenti anti-Teheran, parlano però di almeno 60000 paramilitari sciiti impegnati in Siria, a cui vanno aggiunti 10000 terroristi di Hezbollah. Forze di jihadisti pro-Pasdaran, provenienti da Paesi quali l’Iraq, il Pakistan, i Terrritori palestinesi e l’Afghanistan.

La “Serra” dell’Iran a Damasco è composto da almeno 180 stanze e, proprio nelle vicinanze, ha una pista di atterraggio (ribattezzata dall’opposizione “Muhammed Ali”), che permette ai Pasdaran di ricevere rifornimenti di beni alimentari, materiali, armamenti e truppe fresche. Sempre secondo quanto riporta il Daily Mail, sinora l’Iran avrebbe speso almeno 100 miliardi di dollari per sostenere il regime di Bashar al Assad, soldi ovviamente rubati dalle case del popolo iraniano che langue nella disoccupazione. Soldi ottenuti, tra le altre cose, anche dalla fine delle sanzioni internazionali contro Teheran relative al programma nucleare clandestino.

Nel piano meno uno del palazzo, è stato creato un ufficio sotto la direzione del Pasdaran Razi Mousavi, ex comandante della Forza Qods in Siria, il cui compito è quello di pagare mensilmente i salari dei jihadisti sciiti al servizio di Assad. Il capo attuale delle operazioni militari iraniane in Siria si chiama Jafaar Assadi: Assadi ha diviso la Siria in cinque diversi fronti (Nord, Est, Sud, Comando Centrale, Costa). Per ogni fronte è stata costruita una base militare dei Pasdaran, capaci di ospitare almeno 6000 miliziani con armamenti pesanti. Per quanto concerne il numero di iraniani direttamente coinvolti nel conflitto, dallo scorso anno questo numero sarebbe cresciuto da 5000 Pasdaran a 16000.

Nonostante questo schiramento di forze, il regime iraniano non è riuscito a mantenere in piedi Assad da solo. Per questo, nel luglio dello scorso anno, il Generale Qassem Soleimani – in violazione delle sanzioni a suo carico – è volato a Mosca per chiedere il sostegno di Putin (la Russia è poi intervenuta nel conflitto). Secondo il Daily Mail, questo sostegno sarebbe costato a Teheran il pagamento di almeno 3 miliardi di dollari, sui 10 miliardi previsti per il costo dell’intervento russo in Siria.

Come dimostrato, lo schiramento di forze regolari e irregolari in Siria, può essere definita come una vera e propria forza di occupazione.

photo 1

photo 2

photo 3

ahmad-vahidi-iran

Nel suo discorso di insediamento come Capo della Suprema Università Nazionale della Difesa, il comandante pasdaran Ahmad Vahidi, ha lanciato un durissimo attacco contro gli Stati Uniti. Parlando a Teheran, l’ex Ministro della Difesa di Ahmadinejad, ha affermato che il conflitto tra Iran e Stati Uniti continuerà in ogni campo e terminerà solamente quando il “regime del male” – ovvero gli USA – non sarà sostituito con “dal regime del bene” (che per Vahidi sarebbe la Velayat-e Faqih khomenista).

Parafrasando l’ideologo della Fratellanza Mussulmana Sayyd Qutb, Ahmad Vahidi ha sottolineato che il mondo è pieno di “ingiustizia e ignoranza”. In tal senso, va evidenziato soprattutto termine “ignoranza”: si ricorderà infatti che, proprio con la scusa di combattere il “mondo della jahiliyya (ovvero dell’ignoranza), il pensatore sunnita Qutb giustificava il ricorso alla peggiore violenza jihadista. Sebbene l’Iran sia un regime sciita, non va dimenticato che Khomeini era un grande conoscitore del pensiero della Fratellanza Mussulmana e il suo successore, Ali Khamenei, è il maggiore traduzione dei testi di Sayyd Qutb in farsi (Fars News).

Non si prenda questo collegamento ideologico tra Fratellanza Mussulamana e khomeinisti come un dato meramente teorico. Il regime iraniano è il primo sponsor al mondo del terrorismo internazionale e proprio Ahmad Vahidi – in quanto  (ormai ex) comandante della Forza Qods – è stato tra gli organizzatori del terribile attentato contro il Centro Ebraico AMIA di Buenos Aires, il 18 luglio del 1994. L’attentato uccise oltre 80 civili innocenti e l’Interpol emise mandati di cattura internazionale non solo contro Vahidi, ma anche contro altri esponenti del regime iraniano quali Ali Akbar Velayati, oggi consigliere di Ali Khamenei. Ricordiamo che, proprio per scoprire la verità sull’accaduto e per denunciare il ruolo di Teheran nell’attentato, è stato ucciso a Buenos Aires il Procuratore argentino Alberto Nisman (No Pasdaran).

pranga_arrestim

Sono giorni in l’attenzione dei media Occidentali è focalizzata unicamente sul terrorismo di Isis (o, come lo chiamano nel mondo arabo, Daesh). Normale che sia cosi, considerando i drammatici accadimenti avvenuti in queste settimane in Francia e in Germania. Purtroppo, però, proprio grazie a questa attenzione unidirezionale, il regime iraniano porta avanti la sua politica eversiva anche in Europa, praticamente indisturbato.

Qualche settimana fa, lo ricordiamo, la Germania ha arrestato cittadino Pakistano, reclutato dall’intelligence iraniana al fine di controllare le attività di una associazione ebraica. Un arresto preceduto dal fermo, qualche mese addietro, di altre due spie iraniane in Germana, questa volta reclutate all’interno del gruppo di opposizione del MEK e responsabili di monitorare le attività dei Mujahedeen del Popolo (No Pasdaran).

La notizia peggiore arriva però dal Kosovo: le autorità di Pristina hanno annunciato di aver arrestato un cittadino iraniano di nome Hasan Azari Bejandi (foto sotto), accusato di finanziamento del terrorismo internazionale e riciclaggio di denaro per contro della Repubblica Islamica dell’Iran. Una attività che Hasan portava avanti per mezzo di una ONG di nome “Fondazione Corano del Kosovo”, con ramificazioni anche nella vicina Albania (Radio Free Europe). Questa ONG, a sua volta, controllava quattro organizzazioni religiose. Organizzazioni che promuovevano posizioni anti-Occidentali. Tra il 2014 e il 2015, Hasan Azar Bejandi avrebbe ricevuto da Teheran oltre un milione di euro in maniera clandestina. Insieme ai soldi, trovato anche parecchio materiale di propaganda, giunto in Kosovo dall’Iran via Dubai (Express)

Ricordiamo che dal 2014, dal Kosovo sono partiti oltre 300 foreign fighters verso la Siria.

Per approfondire sulle attività di Teheran in Albania, Kosovo, Macedonia e Bosnia, si legga: Iran propagandists in Kosovo , Iran’s soft power reach Balkans

hashan-azari_1469461408-248271

 

khamenei-bin-laden-

Il 20 luglio scorso, il Dipartimento del Tesoro americano ha approvato nuove sanzioni contro il gruppo terrorista sunnita di al-Qaeda. La novità di questa decisione, è il fatto che i terroristi colpiti dalla decisione, sono tutti rifugiati nella Repubblica Islamica dell’Iran. Una nuova prova del ruolo di Teheran nel sostegno al jihadismo salafita, nonostante le differenze religiose tra le due realtà. I tre terroristi si chiamano Faisal Jassim Mohammed Al-Amri Al-Khalidi (Al-Khalidi), Yisra Muhammad Ibrahim Bayumi (Bayumi), e Abu Bakr Muhammad Muhammad Ghumayn (Ghumayn)e sono stati colpiti dalle sanzioni grazie all’Ordine Esecutivo 13224, approvato in seguito all’attentato delle Torri Gemelle dell’11 Settembre 2001 (Treasury.gov).

Secondo le informazioni rilasciate dal Dipartimento del Tesoro americano, Al Khalidi nel 2014 ha il compito di raccogliere finanziamenti per al-Qaeda e nel 2015 era Capo della Commissione militare de “La Base”. Yisra Muhammad Ibrahim Bayumi, veterano di al-Qaeda, si è rifugiato in Iran sin dal 2014, occupando il ruolo di mediatore tra l’organizzazione terrorista sunnita e Teheran. Grazie a questo ruolo, Bayumi ha potuto usare anche la Siria di Assad, come territorio per facilitare il trasferimento di fondi ad al-Qaeda. Infine Abu Bakr Muhammad Muhammad Ghumayn: egli ha ricoperto diversi incarichi all’interno di al-Qaeda, sia nel settore logistico, che in quello finanziario, di intelligence e di comunicazione. Dal 2015, Ghumayn ha assunto il ruolo di controllore dei finanziamenti e dell’organizzazione della cellula di al-Qaeda in Iran.

La decisione del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, rappresenta l’ennesima riprova del ruolo del regime iraniano nel finanziamento del terrorismo internazionale. Un ruolo che, avendo come solo scopo quello di espandere gli interessi della Velayat-e Faqih, non si limita al sostegno dei gruppi sciiti, ma arriva fino al finanziamento del peggior terrorismo di marchio sunnita salafita. Lo stesso che in questo periodo, proprio mentre il mondo apre all’Iran, insanguina le strade della Francia, della Germania e del Belgio.

Per approfondire il rapporto tra Iran e al Qaeda si legga: Ecco come l’Iran finanzia al-Qaeda; Il ruolo del regime iraniano nell’attentato dell’11 Settembre 2001Iran and al Qaeda partners in terror

13950422125812368119824

Come noto, il regime iraniano invia i rifugiati afghani (e anche quelli pakistani) a combattere la jihad in Siria nel nome di Bashar al Assad. Altrettanto noto e’ il fatto che questi questi rifugiati, sono inquadrati in una Divisione denominata Fatemiyoun, composta unicamente da afghani di etnia Hazara, ovviamente sciiti. Inizialmente il regime iraniano ha provato a nascondere il ruolo degli afghani in Siria, ma alla fine ha dovuto ammettere la loro presenza e il loro compito. Oggi si sa che Teheran paga mensilmente tra i 500 e i 700 dollari a questi mercenari, promettendo loro (e ai famigliari) un permesso di soggiorno al ritoirno dalla Siria.

Molti di questi afghani, chiaramente, muoiono durante la loro jihad e vengono segretamente seppelliti in un cimitero vicino Qom. Secondo una informazione recente, circa 14000 afghani sarebbero stati inviati sinora dall’Iran in Siria, alcune di questi minorenni (Good Morning Iran). Si tratta di una grave violazione non solo della Convenzione Internazionale per i diritti del Bambino, ma anche di quella in difesa dei Diritti del Rifugiato (UANI).

In questi giorni l’agenzia di stampa iraniana Tasnim News, molto vicina ai Pasdaran, ha pubblicato un report in cui rivela che come Teheran abbia deciso di affidare ad Hezbollah il compito di addestrare una nuova unita’ speciale della Divisione Fatemiyoun. Tra le altre cose, proprio Hezbollah e’ responsabile dell’addestramento dei numerosi jihadisti sciiti che vengono costantemente inviati anche in Iraq. Dal 2012, lo ricordiamo, Hezbollah e’ direttamente coinvolto nel conflitto siriano, per mezzo di centianaia di suoi miliziani (Tasnim News).

Questa divisione speciale sarebbe gia’ stata schierata in varie parti della Siria, sotto lo stretto monitoraggio di cecchini di Hezbollah. A questa unita’ speciale gia’ attivata, ne verranno affiancate delle altre – sempre composte da rifugiati afghani – esperte in combattimenti avanzati, guerriglia, armamenti anti-carro e nel lancio di missili terra-aria spalleggiabili (Long War Journal).

Canzone in farsi in onore dei jihadisti afghani

 

 

Gentiloni arriva alla Farnesina accolto dalla Mogherini

Siamo ormai quasi giunti al traguardo di un anno dalla firma dell’accordo nucleare con l’Iran, noto anche come Iran Deal. Quando quell’accordo fu firmato, i principali leader internazionali ci dissero che sarebbe stato un “turning point” non solo delle relazioni tra Occidente e Iran, ma soprattutto per la pacificazione della regione Mediorientale. 

All’epoca, scrivemmo chiaramente che questo rappresentava una illusione e che le modalità in cui si stava formulando quell’accordo e soprattutto il contenuto completamente sbilanciato a favore di Teheran, avrebbero determinato l’aumento dello scontro regionale, piuttosto che una diminuzione delle tensioni (si legga: Geopolitica dell’Iran Deal).

A distanza di quasi un anno, quindi, abbiamo deciso di ritornare sull’argomento, partendo dalle dichiarazioni fatte da Federica Mogherini e Paolo Gentiloni, all’epoca della firma dell’accordo di Vienna, il 14 luglio del 2015. Confuteremo le loro stesse parole, allo scopo di dimostrare quante imprecisioni sono state affermate da coloro che avrebbero avuto la responsabilità di analizzare meglio gli effetti di ciò che andavano a ratificare.

Le dichiarazioni

Partiamo da Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza della UE. Il 28 luglio del 2015, la Mogherini affermo’ testualmente:

L’accordo con l’Iran può davvero aprire un capitolo nuovo – per l’Iran, per il Medio Oriente e per il mondo intero…E poi la questione più difficile e forse più importante: possiamo gettare le basi per una dinamica nuova nella politica mediorientale, basata non più sullo scontro ma sul confronto

Continuiamo con quanto affermato all’epoca da Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri italiano, richiamandoci a quanto pubblicato dal sito della Farnesina:

Sono convinto che da questo accordo potranno derivare effetti positivi a livello globale e nella regione, sia per l’evoluzione dei diversi teatri di crisi sia per fare fronte alla minaccia comune rappresentata dall’estremismo violento e dal terrorismo.

Cosa e’ successo in verità

Al contrario di quanto hanno previsto Mogherini e Gentiloni, dopo l’accordo nucleare con l’Iran le tensioni internazionali e regionali sono aumentate. L’Iran, nonostante i divieti previsti dalla Risoluzione ONU 2231, ha compiuto diversi test con missili balistici intrinsecamente capaci di trasportare una ogiva nucleare (CNN). Non solo: il 30 dicembre 2015, un razzo e’ stato provocatoriamente lanciato dalla marina iraniana, vicino ad una nave americana nel Golfo Persico (NBC News). A proposito di Stati Uniti: come dimenticare il lancio di un attacco cyber partito da Teheran verso gli USA e l’arresto (e l’umiliazione) dei marines americani, entrati per una avaria alla loro imbarcazione nelle acque territoriali iraniane?

Passiamo quindi al contesto regionale: invece di abbassare le tensioni, l’accordo nucleare con l’Iran ha generato un vero e proprio caos. I rapporti tra l’Iran e l’Arabia Saudita, dopo la rottura delle relazioni diplomatiche, sono praticamente sull’orlo di un conflitto. La battaglia tra Riyad e Teheran si combatte oggi sui terreni della Siria e dell’Iraq, con i Pasdaran iraniani impegnati a finanziare centinaia di milizie paramilitari sciite, allo scopo di esacerbare il conflitto settario all’interno dell’Islam. In Iraq, in particolare, le milizie sciite pagate dall’Iran, stanno portando avanti una vera e propria pulizia etnica dei sunniti dalle aree di interesse della Repubblica Islamica.

Frutto diretto di questa politica aggressiva dell’Iran, e’ stata la storica decisione del Consiglio di Cooperazione del Golfo e della Lega Araba, di inserire il gruppo libanese di Hezbollah nella lista delle organizzazioni terroriste.

Proprio a proposito di Golfo, dopo l’accordo nucleare l’Iran ha continuato ad agire allo scopo di aumentare la tensione con le vicine monarchie sunnite. Pensiamo alle continue minacce contro il Bahrain, ma anche al sostegno dei Pasdaran nei confronti delle milizie Houthi in Yemen, autori di un vero e proprio colpo di Stato a Sana’a.

Ovviamente, neanche a dirlo, l’Iran ha aumentato (e non diminuito) il sostegno ai suoi classici clienti, riallacciando le relazioni con Hamas a Gaza, imponendo un capo militare alla Jihad Islamica palestinese, aumentando il sostegno al macellaio Assad in Siria, continuando a spedire centinaia di profughi afghani a combattere la jihad a Damasco e Baghdad e incrementando il supporto politico e militare ai Talebani in Afganistan (Foreign Policy Initiative).

Tutto questo in un solo anno e con i soldi ottenuti dalla fine di parte delle sanzioni internazionali, permesso da un Occidente cieco e economicamente interessato…