Archivio per la categoria ‘Iran in Bahrain’

Gentiloni arriva alla Farnesina accolto dalla Mogherini

Siamo ormai quasi giunti al traguardo di un anno dalla firma dell’accordo nucleare con l’Iran, noto anche come Iran Deal. Quando quell’accordo fu firmato, i principali leader internazionali ci dissero che sarebbe stato un “turning point” non solo delle relazioni tra Occidente e Iran, ma soprattutto per la pacificazione della regione Mediorientale. 

All’epoca, scrivemmo chiaramente che questo rappresentava una illusione e che le modalità in cui si stava formulando quell’accordo e soprattutto il contenuto completamente sbilanciato a favore di Teheran, avrebbero determinato l’aumento dello scontro regionale, piuttosto che una diminuzione delle tensioni (si legga: Geopolitica dell’Iran Deal).

A distanza di quasi un anno, quindi, abbiamo deciso di ritornare sull’argomento, partendo dalle dichiarazioni fatte da Federica Mogherini e Paolo Gentiloni, all’epoca della firma dell’accordo di Vienna, il 14 luglio del 2015. Confuteremo le loro stesse parole, allo scopo di dimostrare quante imprecisioni sono state affermate da coloro che avrebbero avuto la responsabilità di analizzare meglio gli effetti di ciò che andavano a ratificare.

Le dichiarazioni

Partiamo da Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza della UE. Il 28 luglio del 2015, la Mogherini affermo’ testualmente:

L’accordo con l’Iran può davvero aprire un capitolo nuovo – per l’Iran, per il Medio Oriente e per il mondo intero…E poi la questione più difficile e forse più importante: possiamo gettare le basi per una dinamica nuova nella politica mediorientale, basata non più sullo scontro ma sul confronto

Continuiamo con quanto affermato all’epoca da Paolo Gentiloni, Ministro degli Esteri italiano, richiamandoci a quanto pubblicato dal sito della Farnesina:

Sono convinto che da questo accordo potranno derivare effetti positivi a livello globale e nella regione, sia per l’evoluzione dei diversi teatri di crisi sia per fare fronte alla minaccia comune rappresentata dall’estremismo violento e dal terrorismo.

Cosa e’ successo in verità

Al contrario di quanto hanno previsto Mogherini e Gentiloni, dopo l’accordo nucleare con l’Iran le tensioni internazionali e regionali sono aumentate. L’Iran, nonostante i divieti previsti dalla Risoluzione ONU 2231, ha compiuto diversi test con missili balistici intrinsecamente capaci di trasportare una ogiva nucleare (CNN). Non solo: il 30 dicembre 2015, un razzo e’ stato provocatoriamente lanciato dalla marina iraniana, vicino ad una nave americana nel Golfo Persico (NBC News). A proposito di Stati Uniti: come dimenticare il lancio di un attacco cyber partito da Teheran verso gli USA e l’arresto (e l’umiliazione) dei marines americani, entrati per una avaria alla loro imbarcazione nelle acque territoriali iraniane?

Passiamo quindi al contesto regionale: invece di abbassare le tensioni, l’accordo nucleare con l’Iran ha generato un vero e proprio caos. I rapporti tra l’Iran e l’Arabia Saudita, dopo la rottura delle relazioni diplomatiche, sono praticamente sull’orlo di un conflitto. La battaglia tra Riyad e Teheran si combatte oggi sui terreni della Siria e dell’Iraq, con i Pasdaran iraniani impegnati a finanziare centinaia di milizie paramilitari sciite, allo scopo di esacerbare il conflitto settario all’interno dell’Islam. In Iraq, in particolare, le milizie sciite pagate dall’Iran, stanno portando avanti una vera e propria pulizia etnica dei sunniti dalle aree di interesse della Repubblica Islamica.

Frutto diretto di questa politica aggressiva dell’Iran, e’ stata la storica decisione del Consiglio di Cooperazione del Golfo e della Lega Araba, di inserire il gruppo libanese di Hezbollah nella lista delle organizzazioni terroriste.

Proprio a proposito di Golfo, dopo l’accordo nucleare l’Iran ha continuato ad agire allo scopo di aumentare la tensione con le vicine monarchie sunnite. Pensiamo alle continue minacce contro il Bahrain, ma anche al sostegno dei Pasdaran nei confronti delle milizie Houthi in Yemen, autori di un vero e proprio colpo di Stato a Sana’a.

Ovviamente, neanche a dirlo, l’Iran ha aumentato (e non diminuito) il sostegno ai suoi classici clienti, riallacciando le relazioni con Hamas a Gaza, imponendo un capo militare alla Jihad Islamica palestinese, aumentando il sostegno al macellaio Assad in Siria, continuando a spedire centinaia di profughi afghani a combattere la jihad a Damasco e Baghdad e incrementando il supporto politico e militare ai Talebani in Afganistan (Foreign Policy Initiative).

Tutto questo in un solo anno e con i soldi ottenuti dalla fine di parte delle sanzioni internazionali, permesso da un Occidente cieco e economicamente interessato…

_90040353_mediaitem90040352

Qualche giorno fa il Bahrain ha deciso di ritirare la cittadinanza al clerico sciita Isa Qassim leader spirituale del partito sciita al Wefaq (pochi giorni prima, tra le altre cose, Manama aveva sospeso le attivita’ di al-Wefaq).

Isa Qassim e’ noto per essere politicamente ed ideologicamente vicino all’Ayatollah Khamenei, Guida Suprema dell’Iran. Secondo quanto dichiarato dal Ministero dell’Interno del Bahrain, la decisione di revocare la cittadinanza all’Ayatollah Qassim deriva dall’uso politico che egli ha fatto della religione, proprio con il preciso scopo di aizzare la minoranza sciita contro le forze di sicurezza e di fomentare lo scontro settario nel Paese. Non solo, sempre secondo Manama, l’Ayatollah sciita ha ricevuto dei fondi illeciti dall’Iran e dall’Iraq, bypassando le leggi finanziare della monarchia del Golfo (Bahrain Embassy UK).

A pochi giorni dalla decisione del Governo (sovrano) di Manama di revocare la cittadinanza all’Ayatollah Qassim, e’ arrivata la risposta del regime iraniano: Qassem Soleimani, comandante della Forza Qods, ha minacciato il Bahrain di essere pronto a provocare una “sanguinosa Intifada” al fine di “rovesciare la monarchia degli al-Khalifa” (New York Times, Tehran Times)

Soleimani, un terrorista e niente più

Qassem Soleimani e’ un terrorista. Lo diciamo chiaro, perché finisca immediatamente questa riscrittura della storia – promossa dal regime iraniano e dai suoi proxy – che vede il Comandante della Forza Qods divenire una specie di “Garibaldi” dei XXI secolo.

Qassem Soleimani e’ un terrorista nei fatti, riconosciuto come tale anche dalle sanzioni internazionali. Un Occidente cieco, purtroppo, sta permettendo che questo terrorista viaggi liberamente tra Damasco-Baghdad e Mosca, dipingendo lui e i suoi uomini come degli eroi nella lotta contro Daesh.

Peccato che a Soleimani di Daesh non importa molto. Anzi: come comandante della Forza Qods, egli ha contribuito a creare Isis, finanziando il peggior jhadismo sunnita legato ad al-Qaeda in Iraq e ordinando ad Assad di rilasciare numerosi terroristi sunniti dalle carceri siriane, con il preciso scopo di cancellare l’opposizione ad Assad non salafita.

Il solo interesse di Soleimani e’ quello di espandere il potere del regime khomeinista fuori dai confini della Repubblica Islamica, proprio secondo il mandato che egli ha ricevuto, quando ha preso il comando della Forza Qods. Una unita’ speciale dei Pasdaran, il cui preciso scopo e’ quello di espandere e perpetuare il carattere rivoluzionario dell’ideologia khomeinista.

Le divisioni tra Ministero degli Esteri e Pasdaran

Le parole minacciose di Qassem Soleimani contro il Bahrain, non sembrano essere solamente una minaccia contro Manama. Secondo alcuni osservatori, questa sarebbe la risposta dei Pasdaran alla decisione del Ministro degli Esteri Zarif di sostituire il Vice Ministro degli Esteri per gli Affari Arabi e Africani  Hossein Amirabdollahian.

Hossein Amirabdollahian e’ infatti uno degli uomini chiave che hanno promosso la strategia di profondo interventismo iraniano in Siria. Pochi giorni fa, come suddetto, Zarif ha deciso di sostituire  Amirabdollahian con il portavoce del Ministero degli Esteri Hossein Jaberi Ansari e di nominare a nuovo portavoce Bahram Qasemi (tra le altre cose anche ex Ambasciatore iraniano in Italia).

Hossein Amirabdollahian era molto gradito ai Pasdaran e ci sono voci che egli sia uno dei tanti diplomatici iraniani appartenenti alle Guardie Rivoluzionarie. Le parole di Soleimani, quindi, sarebbero anche un indiretto messaggio a Zarif, in merito alla indisponibilità dei Pasdaran a fare passi indietro rispetto al loro profondo coinvolgimento nella politica estera del Paese e nell’espansione del potere di Teheran fuori dai confini.

Il Ministero dell’Intelligence contro Zarif?

In Iran diversi media e gli stessi Basij, hanno collegato la sostituzione di Amirabdollahian all’incontro tra Zarif e Kerry avvenuto ad Oslo il 15 giugno scorso. Per loro, la decisione del Ministro degli Esteri iraniano sarebbe l’esito di una diretta richiesta del Segretario di Stato Americano, al fine di favorire una soluzione per il conflitto siriano (e probabilmente una uscita di scena di Assad).

Difficile dire se questo sia vero. Quello che e’ noto, invece, e’ che il Ministro dell’Intelligence iraniano Mahmoud Alavi ha incontrato i parlamentari iraniani in un incontro a porte chiuse. Peccato che questo incontro a porte chiuse, e’ diventato di dominio pubblico. Secondo quanto riporta il Tehran Times, Alavi avrebbe rassicurato i parlamentari iraniani sulla continuazione della strategia del regime in materia di sicurezza, evidenziando che “un cambio di persone non indica un cambio di politica” (Tehran Times).

123

1234

allahdadi-mourning-ceremony2

Lo denuncia BBC e lo dicono i fatti: mentre l’Occidente parla con Rouhani e Zarif, la politica estera dell’Iran è sempre di piu’ nelle mani dei Pasdaran. Forse non si tratta di una novità, ma è certo che le Guardie Rivoluzionarie stanno militarizzando l’intera attività esterna del regime islamico. Quanto appena affermato, è dimostrato dai recenti accadimenti nell’area del  Golan siriano. Qui, il 18 gennaio scorso, sono stati uccisi sei terroristi di Hezbollah – tra cui Jihad Mughiniyah – e un alto Generale della Forza Qods iraniana, Mohammed Ali Allahdadi. A questo punto, però, la domanda è: ma cosa ci faceva un generale iraniano nel Golan siriano? Considerando che, dal 2011 ad oggi, l’Iran controlla praticamente il regime di Assad, sicuramente la presenza dei Pasdaran in Siria non stupisce. Tuttavia, bisogna considerare che l’area del Golan siriano, per le forze sciite, è divenuta recentemente molto pericosa, soprattutto perchè controllata in buona parte dalle forze ribelli. Allora: come mai l’Iran ha deciso di rischiare un alto ufficiale in una zona altamente a rischio? Secondo alcune fonti di intelligence, il Generale Allahdadi svolgeva un compito specifico.

Il Golan come nuovo fronte strategico

Non solo Teheran ha salvato il regime di Bashar al Assad con armi e finanziamenti, ma ha anche creato un nuovo corpo pretoriano, improntato sul modello delle milizie Basij. Ordinando ad Hezbollah ad entrare nel conflitto siriano, quindi, l’Iran ha determinato lo scoppio di un vero e proprio conflitto settario all’interno dell’Islam. Una guerra ormai senza confine tra il khomeinismo e il salafismo piu’ radicale (Isis, al Nusra). La recente uccisione del terrorista libanese Jihad Mughniyah e del generale iraniano Mohammed Ali Allahdadi, ha dimostrato come – a dispetto delle parole di dialogo e pace predicate da Rouhani e Zarif nel mondo – i centri di potere in Iran stanno attivamente lavorando per ampliare la profondità strategica della Repubblica Islamica. Secondo le informazioni provenienti dalla stampa araba, infatti, l’obiettivo dell’asse sciita nel Golan era quello di aprire un nuovo fronte di guerra nel sud della Siria. Come dimostrato dai ribelli in occasione della cattura dell’area di Tel al Harrah e come confermato dai mediala missione affidata al Generale Allahdadi  era quella di costruire una base missilistica nel Golan, con lo scopo di provocare un conflitto con Israele, senza tuttavia coinvolgere il Libano. A tal fine, secondo quanto scritto dal quotidiano arabo Al Hamdan, Hezbollah e i Pasdaran avevano da tempo costruito nella zona delle basi militari. Tra queste il quotidiano nomina: la base regionale di Tel Al-Sha’er (nell’area di Ayouba), la base della Divisione 90 (nell’area di al Koum) e la base di Tel al Ammar (area di Al-Nouriyya).

a

L’Iran produce i missili direttamente in Siria 

Con lo scoppio della guerra settaria in Iraq, per l’Iran si è fatto sempre piu’ difficile rifornire di armamenti il regime siriano. Per questo, al fine di raggiungere i suoi obiettivi, il regime iraniano ha deciso di usare il territorio della Siria per costruire in loco i missili. Una conferma è stata data direttamente da un alto comandante iraniano lo scorso anno. Parlando all’agenzia Fars News, il Generale Amir Ali Hajizadeh, alto comandante Pasdaran, ha publicamente ammesso che Teheran ha costruito sul suolo siriano un’industria per la produzione dei missili. Ricordiamo che, sino a pochi mesi fa, la via preferita usata dal regime iraniano per inviare armamenti in Siria era quella aerea. In particolare, il Governo iracheno di al Maliki ha lasciato i suoi aeroporti a disposizione dei Pasdaran che, violando ogni normativa internazionale, hanno usato gli veicoli civili a questo scopo.

FeaturedImage_2014-11-11_WikiCommons_Fateh-110-new-TEL

Il fronte del Golan si unisce a quello palestinese. Hamas si inchina, Abu Mazen presto in Iran?

In questa nuova guerra, nonostante la recente “crisi diplomatica”, Hezbollah e l’Iran avrebbero ricevuto l’aiuto Hamas. Il movimento islamico palestinese, infatti, ha completamente dimenticato i profughi palestinesi in Siria, lasciati senza acqua dal regime di Bashar al Assad. In cambio dei soldi, quindi, i salafiti di Gaza hanno deciso di abbandonare la Jihad contro Assad, per mantenere il controllo nella Striscia. Una decisione derivata soprattutto dalla fine dell’esperienza Morsi in Egitto e dall’arrivo al potere di al Sisi, giurato nemico della Fratellanza Islamica.

Secondo i piani del Generale iraniano Ali Hajizadeh, l’mpianto di costruzione dei missili in Siria, sarebbe stato a disposizione dei proxy iraniani in Libano e nei Territori palestinesi. Non bisogna dimenticare che, negli ultimi mesi, la Guida Suprema Ali Khamenei ha pubblicamente affermato che Teheran intende armare non solo Gaza, ma anche tutta la Cisgiordania. In tal senso, è importante sapere che in questi giorni, Azzam al Ahmad, membro del Comitato Centrale di Fatah, ha rilsciato una intervista al quotidiano iraniano Ettelaat: dopo aver elogiato il regime dei Mullah, al Ahmad ha dichiarato che il Presidente Palestinese Abu Mazen è pronto a visitare l’Iran ed attende unicamente un invito ufficiale.

c

Conclusione: fermare la “Jihad Sciita” per evitare l’esplosione di tutto il Medioriente 

La Siria è solo la punta, probabilmente piu’ importante, di una vera e propria Jihad sciita. Una Jihad basata sulla versione Khomeinista dello sciismo, attualmente in atto in buona parte del Medioriente e del Golfo. Nell’area del Golfo, proprio allo scopo di minacciare l’Arabia Saudita, la Repubblica Islamica ha forzato la minoranza Huthi a rompere il patto con il Governo centrale di Sanaa, provocando lo scoppio di una nuova guerra civile. Purtroppo, l’Occidente ha deciso di combattere la guerra ad Isis, alleandosi indirettamente con l’Iran. Accettando passivamente il fatto che gli iraniani fossero già presenti in Siria e Iraq, l’Occidente ha scelto la via piu’ facile per avviare quella guerra ad Isis via terra che, per via delle opinioni pubbliche interne, non è possibile combattere pubblicamente. Tuttavia, questa strategia rischia di rivelarsi una mera tattica e di provocare effetti disastrosi. Proprio l’azione iraniana in Siria e Iraq ha determinato la scelta di numerse tribu’ sunnite di accettare il potere del terrorista salafita al Baghdadi. La sola via per sconfiggere Isis, quindi, passa proprio dalla fine dell’influenza iraniana nella regione mediorientale e dal ritorno alla politica di quelle forze sunnite escluse per troppi errori di miopia. Serve, infine, non dimenticare il pericolo del programma missilistico iraniano, da tempo condannato dalle Nazioni Unite, a cui la Repubblica Islamica non intende rinunciare. Firmare un accordo nucleare con Teheran, dimenticando il pericolo dei vettori balistici, costituirebbe davvero un precendente pericoloso.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=dnhSGXFkG9s&feature=youtu.be%5D

 

Sergei Shoigu, Hossein Dehghan

Il 20 gennaio scorso, il Ministro della Difesa russo Sergei Shoigu e quello iraniano, il Pasdaran Hossein Dehghan, hanno firmato un accordo “di lungo termine” per la cooperazione militare. Come sottolinea The Diplomat, è la prima volta in 15 anni che un Ministro della Difesa di Mosca visita la Repubblica Islamica, sottolineando la volontà di approfondire la cooperazione tra i due Paesi nel settore della Difesa. La ragione che avvicina la Russia all’Iran ha un nome preciso: Ucraina. La crisi ucraina e le sanzioni approvate contro Mosca, hanno unito Russia e Iran contro un comune avversario: gli Stati Uniti. Secondo l’agenzia russa Spuitnik News, infatti, il patto firmato a Teheran “ha lo scopo di unire i due Paesi nella lotta contro le interferenze esterne negli affari regionali”.

A questo punto, è necessario capire la portata geopolitica di questo accordo. In primis bisogna partire dal comune interesse di Mosca e Teheran: salvare il potere di Bashar al Assad. Come messo in luce da EAWorldView, il recente tentativo della Russia di promuovere un accordo di pace tra Assad e i ribelli è totalmente fallito e lo stesso inviato ONU, Staffan De Mistura, non è riuscito a convincere il regime di Damasco a fermare gli scontri ad Aleppo. Nel frattempo, come noto, gli Stati Uniti hanno inviato 400 istruttori per addestrare i ribelli siriani in Turchia, Qatar e Arabia Saudita. Una mossa che, però, difficilmente riuscirà a mettere in difficoltà Bashar al Assad, soprattutto considerando il fatto che il programma americano comincerà solamente a Marzo e che, comunque, permangono profonde divergenze tra il Governo di Washington e quello di Ankara.

Il vero obbiettivo di Teheran, però, è quello di riportare la lancetta indietro nel tempo al 2000, quando la Repubblica Islamica era il quarto importatore al mondo di armamenti dalla Russia. Per fare questo ci sono due ostacoli da superare: 1. nel 2007 Mosca ha firmato un accordo con Teheran per il sistema antimissile S300 (un accordo del valore di 800 milioni di dollari). L’accordo, però, non è mai stato implementato per via delle sanzioni delle Nazioni Unite contro la Repubblica Islamica. Le sanziono Onu del 2010, infatti, hanno costretto la Russia a revocare l’accordo firmato nel 2007. La Repubblica Islamica ha cosi deciso di rivolgersi alla Corte di Arbitraggio internazionale, chiedendo una compensazione di 4 miliardi di dollari. Ergo, una delle precondizioni per il ritorno ai fasti del 2000, sarà proprio il ritiro dell’arbitrato promosso dalla Repubblica Islamica contro la Russia; 2. La seconda condizione per l’avvio della cooperazione militare tra Russia e Iran è l’alleggerimento delle sanzioni internazionali contro l’Iran. Per questo, il regime iraniano ha bisogno di trovare un accordo con il Gruppo del 5+1.

Quali potrebbero essere, allora, i risolvoti pratici dell’accordo? Sembra chiaro che, l’accordo tra Russia e Teheran spinge il Governo iraniano a ricercare un bad agreement con l’Occidente sul nucleare. Forte dell’attuale atmosfera di appeasement internazionale, il regime iraniano intende salvare capre e cavoli: consapevole della volontà del Governo americano di ridurre la presenza nel Golfo e della non volontà occidentale di avviare una operazione via terra contro Isis, Teheran vuole firmare un accordo che permetta di salvare le fondamenta del suo programma nucleare militare e avviare un processo di allegerimento delle sanzioni internazionali.

Una grande intesa silenziosa che, se realizzata, lascerebbe sul terreno diverse “vittime”. Prime fra tutti le monarchie arabe sunnite del Golfo, ormai sempre più sole, costrette a fronteggiare un regime i cui proxy sono già ampiamente penetrati nella Penisola Arabica (Bahrain e Yemen). Senza contare il fatto che, se Mosca non percepirà presto un mutamento nei rapporti con la Nato, nessuno potrà escludere che decida comunque, in tempi brevi, di approfondire la cooperazione militare con l’Iran (una cooperazione che, nel 2000, valeva almeno 13 miliardi di dollari…). Se si considera che una nave spia russa è appena arrivata a Cuba, possiamo considerare questa seconda evenienza come qualcosa di più di una mera ipotesi…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=n-jHRY1pQME%5D

 

 

 

mogzarifc

Il nostro, chiaramente, è un titolo provocativo. Una provocazione che, però, intende denunciare alcune scelte di politica estera dell’Italia che, purtroppo, non sembrano avere un obiettivo strategico di lungo periodo. Nell’incontro di ieri tra il Ministro degli Esteri Mogherini e il suo omologo iraniano Zarif, infatti, le due parti hanno convenuto sulla necessità di “lavorare ad un nuovo equilibrio regionale”. In poche parole, la responsabile della Farnesina – e neo Mrs. Pesc – ha affermato di voler costruire le basi di un nuovo Medioriente in accordo con il regime iraniano. A questo punto, è possibile porsi tre domande:

1- Cosa significa moralmente costruire un nuovo Medioriente in accordo con la Repubblica Islamica?

2- Cosa significa strategicamente costruire un nuovo Medioriente in alleanza con Teheran?

3 Può bastare la minaccia di Isis per creare una partnership speciale con la Repubblica Islamica? Se si, avrà successo questa strategia per fermare gli islamisti?

Vediamo di rispondere punto per punto, in maniera breve, ma efficare. Prima domanda: Cosa significa moralmente costruire un nuovo Medioriente in accordo con la Repubblica Islamica? Beh su questo punto, considerati anche le centiana di articoli scritti in questi anni, potremmo davvero pubblicare un libro. Il regime iraniano è probabilmente il campione dell’abuso dei diritti umani. Tralasciando il periodo precedente all’avvento al potere di Rouhani, quindi considerando solo l’ultimo anno, la Repubblica Islamica si è distinta per aver messo a morte, incarcato e torturato, un numero impressionante di esseri umani. Lo vogliamo ricordare, Teheran in soli 12 mesi ha impiccato oltre 800 prigionieri. Per un Paese come l’Italia, promotore di una moratoria internazionale contro la pena di morte, appare davvero paradossale stringere una allenza speciale con chi la pena di morte la usa quotidianamente. Alle esecuzioni capitali, inoltre, vanno sommati gli arresti dei giornalisti, la promozione della segregazione di genere e il finanziamento del terrorismo a livello internazionale. Insomma, per farla breve, creare un nuovo Medioriente con l’Iran, certamente, dovrebbe porre dei problemi morali abbastanza importanti. Certo: Isis è una organizzazione senza alcun valore morale, ma la Repubblica Islamica – o almeno gli uomini oggi al potere – spesso non sono da meno…Tutto ciò senza contare gli effetti sul popolo iraniano. Proprio mentre i giovani iraniani cercano una via per trovare la loro libertà, rafforzare l’establishment al potere a Teheran, non farà che chiudere concretamente gli spazi dei giovani iraniani, soprattutto quelli delle minoranze religiose (in primis i cristiani incarcerati in Iran) e delle donne.

2736304-3984812

Seconda domanda: Cosa significa strategicamente costruire un nuovo Medioriente in alleanza con Teheran? Qui si apre un capitolo semplice da spiegare, ma difficile da accettare. Si sta facendo largo l’idea – spesso sostenuta anche Oltre Atlantico, che l’Iran possa rappresentare una soluzione per la stabilizzazione del Medioriente. Orbene, una cosa indubbiamente è certa: l’Iran è un grande Paese della regione mediorientale e, teoricamente, nessun Medioriente stabile sarebbe possibile senza il sostegno dell’Iran. Questo, come detto, purtroppo solo teoricamente. Dal 1979 in poi, sebbene come sostengono i lobbisti pro Iran Teheran non ha mai iniziato una guerra, la Repubblica Islamica si è caratterizzata per essere un soggetto di instabilità regionale. Finanziando il terrorismo internazionale, creando realtà come Hezbollah, mantenendo in vita il regime di Assad e – nel post Saddam Hussein – influenzando la politica settaria dell’ex Premier iracheno al Maliki, l’Iran ha promosso le crisi che oggi attraversano il Medioriente. Al contario del live motive che viene oggi decantato dalla diplomazia internazionale, attraverso i Pasdaran, i Mullah hanno sostenuto una politica aggressiva di esportazione della rivoluzione khomeinista che, come effetto ultimo, ha avuto lo scoppio di una vera e propria guerra intestina dentro l’Islam, tra Sunniti e Sciiti. Pensare di capire il fenomeno Isis, senza comprendere l’evoluzione della guerra civile siriana e l’intervento di Teheran per salvare Bashar al Assad, significa non aver capito nulla dell’attuale crisi mediorientale. Su questo punto, inoltre, è possibile sollevare alcune questioni non legate ad Isis, ma ad altri temi regionali in cui l’Iran è coinvolto: come è possibile pensare ad un rafforzamento dell’esercito libanese senza disarmare Hezbollah, argomento sul quale Teheran è contrario? Come conciliare i propositi di pace che l’Italia promuove tra israeliani e palestinesi, pensando di coinvolgere l’Iran negazionista e finanziatore di Hamas e della Jihad Islamica nel “nuovo Medioriente”? Ricordiamo che, proprio in questi giorni, il “moderato Rouhani” ha promesso di liberare la Moschea di al Aqsa…

2736304-3984815

Terza e ultima domanda: Può bastare la minaccia di Isis per creare una partnership speciale con la Repubblica Islamica? Se si, avrà successo questa strategia per fermare gli islamisti? Riprendendo quanto suddetto, Isis è un fenomeno impazzito di reazione del sunnismo alla minaccia iraniana. La forza di Isis è derivata principalmente da due fattori: 1- la guerra civile siriana e l’intervento iraniano; 2- la politica settaria pro Sciita dell’ex Primo Ministro iracheno al Maliki. Purtroppo per Doha, Teheran e Damasco, che di Isis hanno fatto uso in chiave anti opposizione moderata siriana, i jihadisti islamici sunniti sono sfuggiti di mano a tutti. Le scelte di al Maliki, influenzate direttamente dall’Iran, hanno quindi incoraggiato molte tribu’ sunnite irachene a sposare la causa dell’Isis, pur non condividendone la radicalità religiosa. Un gioco di potere sporco, in cui la Repubblica Islamica non ha meriti, ma responsabilità. Pensare di sconfiggere Isis con una alleanza speciale con l’Iran, purtroppo, rischia seriamente di rivelarsi una strategia perdente. Basti vedere, di recente, la reazione dell’Arabia Saudita all’influenza dell’Iran in Sudan. Riyadh ha costretto Khartum a chiudere tutti gli istituti culturali iraniani nel Paese, per il timore della diffusione dello sciismo. Chiaramente, la situazione irachena è diversa, anche per la presenza nel Paese di una forte componente sciita. Pensare di riportare nella giusta casa le tribù sunnite unitesi a Isis, promuovendo nel contempo la presenza iraniana a Baghdad, rischia di avere un effetto dirompente sulla stessa unità nazionale dell’Iraq. Una volta sconfitto Isis, infatti, nessun Paese sunnita permetterà che Teheran comandi nella capitale irachena. Senza contare, infine che, proprio dall’Iraq, sono arrivati la maggior parte dei jihadisti sciiti che stanno combattendo oggi al fianco di Bashar al Assad.

Concludendo: quella a cui assistiamo oggi, non solo in Italia, sembra essere la disperata strategia di un Occidente senza una visione complessiva dei problemi. Una confusione in cui Teheran, offrendo anche incentivi economici, intende inflarsi per ottenere il massimo profitto. Come, però, già successo dopo lo scoppio delle Primavere Arabe – quando la Repubblica Islamica tentò di farsi portavoce delle piazze sunnite – il rischio concreto è quello di assistere e promuovere un nuovo fallimento. Un rischio che, si badi bene, potrebbe avere conseguenze ben piu’ gravi e longeve della drammatica minaccia del Califfato di al Baghdadi.

2736304-3984810

123

Il “grande” Qassem Soleimani, notissimo comandante della Forza Qods, sta inziando la sua parabola discendente? L’uomo che invio’ un messaggio al Generale Petraeus dicendo senza mezzi termini “in Iraq comando io”, ha perso la fiducia della Guida Suprema Ali Khamenei? Difficile dirlo, considerando che per ora si tratta unicamente di indiscrezioni. Ma, se un indizio fa non fa una prova, lascia sicuramente aperta una discussione di assoluta importanza per l’area mediorientale. Secondo quanto riportato dal quotidiano arabo Ashraq al-Awsat, molto vicino alla casa reale saudita, la Guida Suprema iraniana non avrebbe perdonato al potentissimo generale Soleimani la fine del Governo di al Maliki in Iraq. Maliki, per la cronaca, era considerato un puppet di  primo livello per Teheran, l’uomo che aveva praticamente concesso ai Pasdaran il controllo di buona parte del Paese, in cambio di soldi e potere. Tramite l’Iraq, lo ricordiamo, sono partiti indisturbati buona parte dei jihadisti sciiti che combattono al fianco del dittatore Bashar al Assad.

Nonostante questa libertà di manovra e questo potere, al Maliki ha fatto una brutta fine: con la conquista da parte dell’Isis di Raqqah in Siria e successivamente di Musul, l’ex Primo Ministro iracheno ha visto disgregarsi buona parte del suo esercito. La sua politica settaria, inoltre, ha determinato il passaggio di molte tribu’ sunnite tra le file dei jihadisti dell’Isis, sotto il controllo del terrorista al Baghdadi. Davanti a tutto questo, la Forza Qods di Qassem Soleimani, è rimasta praticamente immbile. Alla fine, boicotattati anche dall’Ayatollah al Sistani in Iraq (come sempre), gli iraniani hanno dovuto accettare la fine del Governo Maliki, sperando che l’Isis non si trasformi in un nemico simile a Saddam Hussein.

Secondo Asharq al-Awsat, quindi, la questione iraniana sarebbe passata dalle mani di Qassem Soleimani a quelle del Hossein Hamadani, nominato nel 2005 dal Ali Jafari come Vice capo dei Pasdaran. Hamadani è noto per aver represso la ribellione dei Curdi iraniani nel 1979 e per aver contribuito alla repressione delle proteste popolari del 2009 contro l’ex Presidente negazionista Ahmadinejad. Per il suo ruolo nel finaziamento internazionale del terrorismo, Hamadani è stato inserito nella lista delle sanzioni nel 2011 e, per questo motivo, gli è interdetta la possibilità di entrare in un qualsiasi Paese europeo. Hossein Hamadani, chiaramente, è stato coinvolto in tutti questi anni anche nella questione siriana. E’ sua la famosa dichiarazione con cui il regime iraniano affermava che la Repubblica islamica “ha creato un secondo Hezbollah in Siria”, una delle piu’ importanti ammissioni del coinvolgimento del regime iraniano nel conflitto siriano.

Nel frattempo, dal Bahrain, arriva la notizia di uno scontro a fuoco tra una imbarcazione americana e una iraniana. Secondo quanto riportato dal quotidiano Gulf Daily News, infatti, una motovedetta americana ha aperto il fuoco contro una imbarcazione iraniana. Secondo le informazioni rilasciate, l’imbarcazione iraniana era armata di mitragliatrice calibro 50 e all’avvicinamento della motovedetta americana avrebbe mostrato segni di aggressività, ovvero sembrava pronta ad aprire il fuoco. A quel punto, la motovedetta americana si sarebbe allontanata e avrebbe sparato un colpo verso l’imbarcazione iraniana, mettendola in fuga. Non si ha notizia di feriti. Per la cronaca, l’incidente è avvenuto molto vicino alle cose del Bahrain (anche se in acque internazionali), un segno evidente dell’interferenza dei Pasdaran iraniani nella crisi in corso a Manama.

1