Archivio per la categoria ‘Iran Governo’

rafsanjani-dalema

E’ morto ieri in Iran l’Ayatollah Hashemi Rafsanjani, ex Presidente, nonchè uomo ombra dell’attuale Presidente Rouhani e colui che ha permesso ad Ali Khamenei di essere nominato Guida Suprema della Repubblica Islamica alla morte di Khomeini (nonostante la mancanza totale dei titoli religiosi richiesti).

La scomparsa di personalità politiche di primo livello del regime iraniano, rappresenta sempre una liberazione. Si tratta, infatti, di figure che hanno direttamente contribuito all’oppressione di un intero popolo e alla morte di innocenti civili. Nel caso di Rafsanjani, inoltre, la sua dipartita rappresenta anche la fine della vita terrena di un vero e proprio fiancheggiatore del terrorismo internazionale. Durante la Presidenza di Rafsanjani, considerato addirittura un ‘moderato’, il regime iraniano ha dato il meglio di sè nel sostegno a terribili azioni di terrorismo internazionale (Washington Institute). Con la benedizione di Rafsanjani, infatti, furono:

  • uccisi nel 1992 a Berlino, all’interno del ristorante Mykonos, importanti rappresentanti dell’opposizione curda iraniana in esilio. I loro nomi erano Sadegh Sharafkandi, Fattah Abdoli e Homayoun Ardalan, a cui va aggiunto il traduttore Nuri Dehkordi. I quattro, vennero crivellati di colpi in una esecuzione in pieno stile mafioso. L’intelligente tedesca accertò il coinvolgimento dell’allora Ambasciatore iraniano in Germania, Hossein Musavian – oggi ricercatore universitario negli Stati Uniti – e dei massimi vertici del regime iraniano (in primis Khamenei e Rafsanjani);
  • venne fatta saltare in aria l’Ambasciata israeliana a Buenos Aires (1992). Ventinove persone innocenti perirono nell’attentato e anche in questo caso, nonostante l’esecuzione materiale da parte di Hezbollah, venne provato il coinvolgimento diretto delle autorità iraniane, nella pianificazione e nel finanziamento dell’attentato;
  • un attentato suicida fece crollare l’intero edificio dell’AMIA, associazione ebraica a Buenos Aires (1994). Nell’attentato perirono oltre 80 civili innocenti. Anche in questo caso, nonostante materialente l’attentato venne compiuto da Hezbollah, l’INTERPOL provò il coinvolgimento delle massime cariche del regime di Teheran ed emise addirittura un mandato di cattura internazionale contro lo stesso Rafsanjani. Nella speciale commissione che diede luce verde a questo attentato, era presente anche l’attuale Presidente Rouhani. Le inchieste del Procuratore argentino Alberto Nisman, dimostrano l’esistenza di un accordo tra l’ex Presidentessa argentina Cristina Kirchner e l’Iran, per mettere a tacere il coinvolgimento della Repubblica Islamica nell’attentato. Nisman ha pagato con la vita le sue inchieste, ed è stato ucciso nel gennaio del 2015, il giorno prima della sua testimonianza davanti al Parlamento argentino sul segreto accordo Buenos Aires – Teheran (No Pasdaran);
  • furono attaccate le Khobar Towers in Arabia Saudita (1996). Perirono 20 persone, per la maggior parte americani in servizio in nel Golfo. L’attentato fu rivendicato da Hezbollah Arabia Saudita e le indagini americane dimostrarono, neanche a dirlo, il ruolo centrale del regime iraniano. Recentemente, i sauditi hanno arrestato la mente di quell’attentato, tale Ahmed al-Mughassil, che per anni ha vissuto nascosto a Beirut sotto protezione di Hezbollah (New York Times).

Al curriculum terrorista di Rafsanjani, va aggiunto il suo ruolo determinate nell’ingresso dei Pasdaran nell’economia iraniana. Con la scusa della ricostruzione post guerra Iran – Iraq, Rafsanjani premise alle compagnie delle Guardie Rivoluzionarie di ottenere contratti in ogni settore del sistema economico della Repubblica Islamica, con il risultato che oggi queste compagnie controllano oltre il 50% dell’economia visibile e tutta quella sommersa (compreso il traffico di droga dalla frontiera con l’Afghanistan).

Questa in breve quanto ha realizzato Rafsanjani per l’Iran e il mondo, nella sua lunga vita di uomo cardine di un regime fondamentalista e repressivo. Per tutte queste ragioni, vanno ritenute ipocrite le lacrime di chi lo piangerà e chi ne tesserà addirittura le lodi. Chi lo farà, infatti, dovrà rendersi conto di aver indirettamente espresso ammirazione per un uomo che, sulla sua strada, ha lasciato prevalentemente sangue e dolore!

aaaaaaa

L’esecuzione dello scienziato nucleare Shahram Amiri deve portare l’Occidente – e tutti coloro che credono nel dialogo con il regime teocratico iraniano – a riflettere attentamente. Perchè qui ci sono solo due possibilità e tutte e due dimostrano chiaramente che investire nel regime dei Mullah non vale la candela (BBC).

La prima possibilità, quella sostenuta dalla diplomazia Occidentale e dagli Stati Uniti in particolare, è che l’abuso dei diritti umani in Iran sia il frutto di una lotta tra fazioni. In questo gioco, Rouhani e la sua ala cosiddetta (erroneamente) “moderata”, rappresentano i buoni. Sarebbero loro, infatti, le prime vittime della fazione “cattiva”, ovvero l’ala ultraconservatrice guidata da Ali Khamenei e i Pasdaran. Questi ultimi, abuserebbero senza tregua dei diritti umani al fine di far fallire l’accordo nucleare e rinchiudere definitivamente il regime iraniano al suo interno. Orbene, si tratta di una tesi da prima elementare, ma vogliamo comunque prenderla seriamente in considerazione. Se questa ipotesi fosse vera, non varrebbe la pena di investire nel regime iraniano. Chiunque investe in qualcosa, infatti, lo deve fare perchè vede davanti a se un future si possibilità e ritorno dell’investimento. Nel caso iraniano, però, questa lotta tra fazioni determina una costante instabilità e insicurezza e soprattutto dimostra che le vere chiavi del potere – quelle che possono decidere la vita e la morte di una persona – non stanno sicuramente nelle mani di Hassan Rouhani.

Esiste una seconda possibilità: Khamenei e Rouhani giocano con l’Occidente al famoso gioco del “poliziotto buono e del poliziotto cattivo”. In questo caso, Khamenei e i Pasdaran abuserebbero senza problemi dei diritti umani al fine di minacciare l’Occidente. Il senso della minaccia sarebbe questo: “vi conviene continuare a puntare sul rafforzamento di Rouhani, perchè se torniamo noi saranno tempi cupi per tutti”. E come si continua a puntare su Rouhani nella mentalità di un regime fondamentalista e razzista? Semplice, nel peggior stile mafioso: pagando! Se l’Occidente vuole che Rouhani continui a stare al suo posto e i tempi grigi non si trasformino in tempi cupi, deve continuare a pagare. Cosi facendo, il regime iraniano si assicura la perpetuazione della sua esistenza a spese del suo odiato nemico culturale e politico. Questa seconda lettura, sembra dimostrata da una serie di prove: in primis il passato di Rouhani, un uomo che da negoziatore nucleare ha già ingannato l’Occidente per raggiungere i fini che Teheran si proponeva. Sembra provata anche dalla recente ondata di arresto dei cittadini iraniani con doppia cittadinanza. Una campagna di terrore che ha il puro scopo di avere “carne da macello” buona per ottenere vantaggi materiali. Basta ricordare che proprio in questi giorni, si è scoperto che la stessa Casa Bianca ha pagato 400 milioni di dollari per la liberazione di cinque americani detenuti in Iran (Washington Times). Anche questa seconda lettura, mette chiaramente in evidenza come non valga assolutamente investire nella Repubblica Islamica dell’Iran. Il gioco delle parti, infatti, crea un vero e proprio regno del terrore dove tutti e tutto diventano pracari e ricattabili.

La vicenda dello scienziato nucleare Shahram Amiri, deve aprire gli occhi a chi si sta volontariamente o involontariamente, rendendo complice della sopravvivenza di un regime terrorista. Questi occhi devono essere aperti sia per non divenire “utili idioti” di macellai del potere, sia per difendere se stessi e i proprio interessi. Correre a pietire affari dove si rischia di finire in carcere in ogni momento, non significa aver compiuto un investimento, ma semplicemente aver esposto se stessi e il proprio Paese ad un rischio di ricatto mafioso.

aaaa

In questi giorni il tema dei canali satellitari e delle antenne paraboliche è stato al centro del dibattito politico in Iran. Come noto, in Iran possedere una antenna parabolica è un reato. Averla, infatti, permette al cittadino iraniano di accedere a canali satellitari in lingua farsi, ottenendo quindi una informazione diversa da quella promossa dal regime. Nonostante il divieto, il 70% degli iraniani possiede una antenna parabolica illegalmente, raggiungendo decine e decine di canali capaci di fornire una informazione contraria alla propaganda dei Mullah.

Per questa ragione, numerose volte, i Basij decidono di avviare dei veri e propri raid, sequestrando centinaia di antenne paraboliche e distruggendole in eventi aperti alla stampa. Solamente la scorsa settimana, sono state distrutte oltre 1000 antenne paraboliche a Teheran. In quella occasione, il capo dei Basij Mohammad Naqdi ha sostenuto – comicamente – che le antenne paraboliche sono la prima causa dei divorzi e della tossicodipendenza in Iran (Good Morning Iran). Non solo, Naqdi ha anche indirettamente minacciato il Ministro della Cultura Ali Jannati, accusandolo di avere una posizione non islamica in merito alle antenne paraboliche. Jannati, pochi giorni prima, si era detto non contrario a rivedere la legge contro le antenne paraboliche perchè, secondo il Ministro, non era possibile considerare quasi tutti gli iraniani dei criminali (Equality Italia).

Ancora una volta, però, nel braccio di ferro tra conservatori e pragmatici, sembrano averla avuta vinta i primi. Parlando alla stampa, infatti, il Portavoce del Ministero della Cultura Hossein Noushabadi ha ribadito l’illegalità dei canali satellitari, sottolineando che gli attori iraniani che accettano di lavorare per questi canali, mettono in atto un comportamento “proibito e controrivoluzionario” (Fars News). Si tratta di una vera e propria minaccia, soprattutto perchè nella Repubblica Islamica essere accusato di agire contro la rivoluzione khomeinista, può mandare un artista in carcere per lungo tempo o constringerlo a lasciare il Paese.

44afcbcd-d607-4542-964e-7f79f4add1e7_16x9_600x338

Il Procuratore Federale della Germania ha annunciato l’arresto di Said Mustafa, 31 anni, cittadino pakistano di fede sciita. Per lui l’accusa e’ quella di essere una spia al servizio del MOIS, il Ministero dell’Intelligence iraniano. Said Mustafa sarebbe stato arrestato presso Bremen, cittadina a nord della Germania (Al Arabiya).

Secondo le informazioni rese pubbliche, la spia aveva il compito di sorvegliare  Reinhold Robbe, Presidente della Societa’ Germania – Israele e alter persone a lui vicine. Sui loro spostamente, Said Mustafa doveva riportare ai suoi padroni in Iran (Radio Free Europe, Comunicato Ufficiale).

Va anche ricordato che, nell’aprile scorso, altre due persone sono state arrestate in Germania, con l’accusa di spiare per Teheran il gruppo di opposizione al regime dei Mullah dell’MKO. Le due spie arrestate in Aprile, tra le altre cose, erano ex membri del gruppo di opposizione MKO, passati al servizio dell’intelligence iraniana (Iran-Interlink).

1137633-file-1467957723-449-640x480

 

1234

Jafar Azimzadeh e’ un coraggioso sindacalista iraniano. Coraggioso non solo perché porta avanti una attività di difesa dei diritti del lavoratori, ma soprattutto perché lo fa in un Paese che nega, per legge, il diritto di creare sindacati liberamente. 

Jafar e’ stato arrestato la prima volta nel 2009, per aver promosso la formazione del Libero Sindacato dei Lavoratori Iraniani e quello dell’Unione Nazionale dei Disoccupati. Come detto, il suo primo arresto risale al primo maggio del 2009, dopo una pacifica protesta nel Parko Laleh di Teheran, in occasione della Giornata Internazionale dei Lavoratori (in Iran e’ proibito celebrarla).

L’ultimo arresto di Jafar Azimzadeh risale al 30 aprile del 2014, quando il sindacalista stava raccogliendo le firme per una petizione dei lavoratori iraniani, al fine di protestare davanti al parlamento e al Ministero del Lavoro, per il cambiamento delle leggi sul lavoro in Iran, per il diritto ad avere un reddito minimo, per protestare contro l’ex Procuratore di Teheran Saeed Motazavi (responsabile di abusi sui diritti umani) e per aver organizzato degli incontri con altri sindacati clandestini, quali il Sindacato dei Lavoratori di Teheran, il Sindacato dei Lavoratori di Neishakar e il sindacato degli Autisti di Bus. Dopo 46 giorni di detenzione, senza processo e accuse formali, Jafar e’ stato rilasciato su cauzione (Amnesty USA).

Nel marzo del 2015, quindi, Jafar e’ stato condannato a 6 anni di carcere, con l’accusa di aver messo a repentaglio la sicurezza nazionale. L’8 novembre del 2015, quindi, Jafar e’ stato arrestato nuovamente e portato nel carcere di Evin, per iniziare a scontare la sua pena. Il 29 aprile del 2016, in protesta contro la sua detenzione, Jafar Azimzadeh ha dichiarato lo sciopero della fame. Uno sciopero che ha portato avanti per oltre due mesi, fino a quando il suo corpo non ha retto più lo sforzo e Jafar ha perso conoscenza. Davanti alle proteste della famiglia che chiedeva il suo immediato ricovero, il Procuratore di Teheran Abbas Jafari Dowlatabadi, ha rifiutato di agire, dicendo che per lui il prigioniero poteva anche morire (Hrana).

Il ricovero e’ stato accettato solamente il 18 giugno scorso, quando ormai Jafar era praticamente allo stremo. Il sindacalista e’ stato finalmente trasferito all’ospedale Sina di Teheran, anche grazie alla richiesta dell’Organizzazione di Medicina Legale. Finalmente, il 30 giugno (ieri quindi), la magistratura iraniana ha ceduto, accettando di rilasciare su cauzione – per ragioni di salute – Jafar Azimzadeh.

Per il suo coraggio e per la sua forza di volontà, Jafar e’ anche stato ribattezzato il “Bobby Sand” iraniano, ricordano l’attivista nord-irlandese che mori nel maggio del 1981 dopo 66 giorni di sciopero della fame (Freedom Messenger). Nella lettera che Jafar ha mandato dal carcere al Presidente Rouhani, il coraggioso sindacalista ha denunciato: “nella storia dei Governi iraniani, nessuno ha abusato dei diritti umani quanto sotto il tuo Governo”

Quds-Day-Atta-Kenare-Getty

Domani in Iran si celebrerà in Iran l’annuale “Giornata per Gerusalemme”, niente altro che una manifestazione di odio contro Israele e l’Occidente, mascherata dietro la pantomima del supporto ai palestinesi.

In questa occasione, anche il Presidente iraniano Rouhani, internazionalmente considerato un moderato, ha rilasciato delle dichiarazioni di odio, che devono far riflettere la Comunità Internazionale (Good Morning Iran).

Rouhani, parlando in seduta di Governo, ha invitato gli iraniani e tutti i mussulmani a partecipare in massa alla Giornata di Gerusalemme. Il Presidente iraniano, quindi, ha accusato il “regime sionista” (mai chiamato con il nome Israele, segno evidente di non riconoscimento del suo diritto all’esistenza), di essere il solo responsabile del terrorismo che sta colpendo il Medioriente e l’Occidente. Lo scopo di questa strategia, secondo la tesi complottista di Rouhani, e’ quello di dividere il mondo mussulmano e provocare lo scontro tra Islam e Cristianesimo.

La parte più dura, pero’, arriva alla fine: per Rouhani, infatti, la partecipazione alla Giornata di Gerusalemme e il sostegno ai palestinesi, non e’ altro che una parte del “percorso della jihad” per arrivare alla liberazione di al-Aqsa (Gerusalemme).

Oltre a dimostrare la non moderazione del Presidente iraniano, e’ paradossale che queste parole di Rouhani arrivino pochi giorno dopo la decisione del Dipartimento di Stato Americano di rinominare l’Iran come primo Paese sponsor del terrorismo internazionale e quella del Financial Action Task Force, di mantenere Teheran nella blacklist degli Stati responsabili di riciclaggio di denaro, al fine di finanziare il terrorismo internazionale. 

rouhani alqods day

 

 

CixFjsoVAAQIePK

Dieci anni di carcere: questa la decisione del giudice iraniano contro Narges Mohammadi, la nota attivista per i diritti umani, da sempre in prima fila per la democrazia e per i diritti civili (Mohammad Nourizad).

Dieci anni di carcere per aver sostenuto la campagna Legam, una battaglia per l’abolizione della pena di morte nella Repubblica Islamica. Veramente, gli anni totali di carcere di Narges Mohammadi potrebbero essere 16, considerando che e’ stata condannata anche a cinque anni di detenzione per “cospirazione” e un altro anno per “propaganda contro il Governo” (RSF.org).

Ricordiamo che, dopo aver già passato anni in carcere, Narges Mohammadi e’ stata riarrestata nel Maggio del 2015. Da allora, senza alcun processo formale, la Mohammadi ha subito una detenzione durissima, privata delle necessarie cure mediche e delle visite dei due figli piccoli. Per questo, Narges e’ anche finita diverse volte in ospedale. 

Una delle ragioni che ha portato all’arresto di Mohammadi, e’ quella di aver incontrato Lady Ashton – precedente Mrs. Pesc – a Teheran nel 2014. Nonostante tutto, colei che ha preso il posto della Ashton, Federica Mogherini, non ha mai speso una parola per la liberazione della prigioniera politica (No Pasdaran).

Ci aspettiamo una dura condanna da parte dell’Occidente, rispetto a questo nuovo abuso dei diritti umani da parte del regime iraniano. In particolare, ce lo aspettiamo dall’Italia, Paese che si considera in prima fila nella promozione della Moratoria Internazionale per l’abolizione della Pena di Morte.