Archivio per la categoria ‘Iran Donne’

Risultato immagini per Parvaneh Salahshuri

Alla fine e’ andata come sempre va nella Repubblica Islamica, quando esci fuori dai parametri accettabili dal regime: la deputata riformista Parvaneh Salahshouri – che aveva difeso le ragioni dei manifestanti – e’ stata convocata da un Tribunale iraniano per rispondere alle accuse di “diffusione di menzogne” e “propaganda contro il sistema”.

La Salahshouri, deputata velatissima eletta a Teheran, aveva coraggiosamente preso la parola in Parlamento, non solo per difendere le ragioni per cui i manifestanti scendevano in piazza e protestavano contro il regime, ma aveva anche puntato l’indice contro i Pasdaran, accusati di interferire in ogni settore della vita politica ed economica del Paese. Secondo quanto affermato dalla stessa Salahshouri, sarebbero stati proprio i Pasdaran a denunciare la deputata.

La Salahshouri, infine, aveva anche chiesto ufficialmente la nascita di una commissione di inchiesta, per indagare i responsabili delle repressioni delle violenze contro i manifestanti (solo nelle ultime proteste per il rincaro del prezzo della benzina, sono state uccise 1500 persone e arrestate altre 12000).

Secondo quanto e’ stato reso noto dalla ISNA, la Salahsouri non si sarebbe tirata indietro davanti alle accuse, presentandosi subito in Tribunale per rispondere delle accuse rivolte.

Risultati immagini per Belquis Roshan

Mentre in Occidente si dibatte sulla qualifica di Qassem Soleimani – Generale eroe o spietato terrorista – in oriente alcuni non hanno dubbi nel propendere verso la seconda opzione.

Tra loro c’e’ la Senatrice Belquis Roshan, membro della Camera alta del Parlamento afghano e una delle poche donne elette nell’Afghanistan post-Talebani. Pochi giorni fa, commentando le parole di dispiacere dell’ex Presidente Hamid Karzai per la morte di Soleimani, la Roshan ha lasciato tutti a bocca aperta per il suo estremo coraggio.

La Senatrice afghana, infatti, ha condannato il sostegno di Karzai a Soleimani e ricordato come proprio Soleimani e’ stato il responsabile della morte di oltre 5000 afghani, pagati dall’Iran per combattere in Siria ed inserite nella Divisione Fatemiyoun (altri 1200 afghani reclutati da Teheran risultano oggi dispersi).

Ricordiamo che la Divisione Fatemiyoun e’ stata creata dalla Forza Qods iraniana per combattere in difesa di Bashar al Assad in Siria. E’ composta da afghani e pakistani sciiti, che spesso vengono spediti in Siria in cambio di uno stipendio e della promessa di ricevere un passaporto iraniano. La maggior parte di loro ritorna in Iran all’interno di una bara e viene seppellito in cimiteri lontani e anonimi.