Archivio per la categoria ‘Iran Disinformazione’

Coronavirus in Iran, l'inchiesta della «Bbc»: i morti sono il ...

Il Dipartimento di Supervisione della Stampa del Ministero della Cultura e della Guida Islamica, ha deciso di revocare la licenza operativa al quotidiano economico Jahane Sanat, per aver pubblicato una intervista di un rappresentante della Task Force iraniana sul Coronavirus, in cui veniva denunciato che le autorità khomeiniste stavano ponendo la censura sui reali dati delle infezioni e dei decessi da Covid-19 nella Repubblica Islamica.

Nella intervista intitolata “non fidatevi delle statistiche Governative”, l’epidemiologo Mohammadreza Mahboufar affermava che i dati sul virus “sono stati sicuramente manipolati dall’inizio dell’epidemia”, denunciando che il Governo aveva censurato i primi casi di Covid-19, per ragioni politiche e di sicurezza.

L’editore del quotidiano iraniano Mohammadreza Saadi, ha dichiarato all’agenzia di stampa IRNA che, in seguito alla pubblicazione dell’intervista a Mahboufar, il quotidiano e’ stato temporaneamente sospeso e ancora non e’ noto quando potranno riprendere le pubblicazioni.

Ricordiamo che solamente la scorsa settimana la BBC Persian aveva pubblicato un pezzo, in cui veniva riportato che i morti per Coronavirus in Iran sarebbero almeno il triplo rispetto a quelli pubblicati dal regime (quindi oltre 40.000). Non solo, lo stesso Presidente iraniano Rouhani ha pubblicamente dichiarato che i contagiati per Covid-19 in Iran potrebbero aver addirittura superato già le 25 milioni di persone!

censura iran

Risultato immagini per iran coronavirus

Il Parlamentare iraniano Abdul Karim Hosseinzadeh – membro della fazione vicina a Rouhani – ha denunciato sul suo account Twitter che la situazione dell’emergenza Coronavirus nelle citta’ di Qom e Rasht, e’ diventata ormai incontrollabile.

Per questo, Abdul Karim Hosseinzadeh ha chiesto che il Governo provveda immediatamente ad imporre una quarantena intorno a queste due città, al fine di evitare che il COVID-19 si propaghi senza controllo. Il rischio, per la Repubblica Islamica, e’ di diventare la prima nel mondo per vittime da virus, in rapporto alla popolazione.

Ricordiamo che Qom – città santa sciita – e’ il focolaio da dove e’ partita tutta l’epidemia di Coronavirus in Iran. I Pasdaran hanno impedito la messa in quarantena di Qom, proprio per il suo valore religioso. Nella citta’, nonostante le misure sanitarie prese, i clerici stanno invocando la preghiera come sola soluzione al contagio e si vedono fedeli leccare i luoghi sacri, per dimostrare di non temere la malattia.

Ad oggi, secondo i dati ufficiali del Governo, i contagiati da Coronavirus sono 3513 in Iran e i morti sono 107. Purtroppo, pero’, si tratta di dati non affidabili, considerata la censura imposta dai Pasdaran. Nella sola capitale, gli esperti hanno denunciato che almeno il 40% della popolazione rischia il contagio, con effetti drammatici sul sistema sanitario nazionale.