Archivio per la categoria ‘Iran crisi’

hariri iran

Il capo della Camera di Commercio iraniana-cinese, Majeed Reza Hariri, ha ammesso che sia la Cina che la Russia si stanno astenendo dal realizzare qualsiasi scambio bancario con Teheran, per via delle sanzioni internazionali.

Hariri, citato anche dall’agenzia di stampa iraniana ILNA, ha sottolineato che, se oggi una persona in possesso di passaporto iraniano richiede servizi bancari in Russia o in Cina, sicuramente verrà respinto. Questo perchè, citando Hariri, “nessuna banca è pronta a collaborare con noi perchè siamo accusati di riciclaggio di denaro”. Hariri, ha quindi rilevato che Teheran sia oggi sottoposta ad una doppia pressione: la prima legata alle sanzioni americane, la seconda alla mancata ratifica dell’accordo con il Financial Action Task Force (FATF/GAFI).

Ricordiamo che il Parlamento iraniano ha per ben due volte provato ad approvare une riforma del sistema bancario iraniano, dopo che Teheran aveva goduto di un periodo concesso dal FATF alla Repubblica Islamica per conformarsi alle normative internazionali sul riciclaggio di denaro. Tutte le riforme sono state però bocciate dal Consiglio dei Guardiani, che le ha considerate contro l’interesse nazionale, preferendo quindi la continuazione del finanziamento alle milizie armate sciite filo iraniane in giro per il Medioriente.

 

Risultati immagini per Amoli Larijani

Nella Repubblica Islamica dell’Iran e’ in corso un caso CSM. Ci spieghiamo meglio: anche a Teheran, da qualche mese, e’ in corso una guerra all’interno del potere giudiziario che, se approfondita, rischia di lasciare sul terreno delle vittime politiche eccellenti.

La storia comincia nel luglio scorso quando, in una conferenza stampa, il portavoce della Magistratura conferma l’arresto di Akbar Tabari, ex Vice Capo della Magistratura iraniana, durante il periodo in cui a capo del potere giudiziario c’era Sadegh Amoli Larijani.

Amoli Larijani viene da una famiglia potentissima in Iran. Basti pensare che il fratello, Ali Larijani, e’ dal 2008 Presidente del Parlamento iraniano. Amoli, quindi, e’ stato a capo della Magistratura iraniana dal 2009 alla fine del 2018, quando e’ stato sostituito da Ebrahim Raisi (oggi Amoli Larijani e’ a capo del Consiglio per il Discernimento, organo che media in Iran tra il Parlamento e il Consiglio dei Guardiani, in caso di discordia).

L’arresto di Akbar Tabari, secondo quanto reso noto, e’ legato all’accusa di aver usato il suo potere, per esercitare influenze su alcuni casi giudiziari. Con Tabari, quindi, sono finiti in cercere altre persone a lui legate. Ma l’arresto di Tabari, pero’, va visto in maniera piu’ larga ed ha come diretto obiettivo proprio Amoli Larijani, da tempo sospettato di corruzione.

La battaglia sta toccando i massimi vertici, con Amoli Larijani che minaccia di tornare a Najaf, in Iraq – dove e’ nato – nel caso in cui Khamenei non interverra’, e clerici come Mohammad Yazdi – ex capo della magistratura a sua volta – che lo accusano di voler addirittura minacciare la Guida Suprema Khamenei e gli chiedono conto della provenienza dei finanziamenti con cui ha costruito un lussuoso seminario religioso a Qom.

Questa guerra intestina nella Magistratura iraniana, deve essere seguita con estrema attenzione. Non solo perche’ riguarda uno degli organi piu’ potenti del sistema politico iraniano e coinvolge direttamente la famiglia Larijani, ma perche’ l’attuale capo della Magistratura Ebrahim Raisi, e’ uno dei primi candidati a succedere ad Ali Khamenei alla sua morte. Raisi, da parte sua, in questi mesi non ha agito per coprire il suo predecessore. Appena arrivato al potere, ha estromesso Tabari dalla sua posizione e ha lasciato che le voci del suo arresto si diffondessero indisturbate. Khamenei stesso, il 15 agosto, ha ordinato al dipartimento intelligence e sicurezza della Magistratura iraniana, di fare pulizia all’interno del sistema.

Risultati immagini per iran judicial system