Archivio per la categoria ‘Iran antisemitismo’

Imam Khamenei & Ziad al-Nakhala

In meno di due settimane, i principali leader iraniani, hanno ricevuto a Teheran una delegazione dei gruppi terroristi palestinesi di Hamas e una della Jihad Islamica. In entrambi i casi, i leader iraniani hanno ribadito il loro totale sostegno alla “causa palestinese”, attaccando i Paesi arabi che dialogano con Israele e invitandoli a rientrare “nella casa dell’Islam”

Il termine “casa dell’Islam, perpetua il dualismo del noi contro loro, ovvero del Dar al-Islam – la casa dell’Islam – contro il Dar al Harb – la Dimora della Guerra, ovvero dove sono situati tutti quelli che non sono mussulmani che, se si azzardano ad essere alleati di attori considerati nemici, possono essere considerati apostati anche loro e attaccati direttamente.

Nel suo incontro con i terroristi della Jihad Islamica, Khamenei ha ribadito il suo mantra della prossima distruzione di Israele, cosa che portera’ i palestinesi ad occupare non solo Gerusalemme (al-Qods), ma anche a formare “un governo a Tel Aviv”. Ovviamente, da buoni leccapiedi, i terroristi palestinesi hanno promesso a Khamenei che “attaccheranno Israele da nord e da sud”.

La nuova passeralla dei dirigenti delle organizzazioni terroristiche palestinesi a Teheran, e’ l’ennesima riprova della pochezza strategica “delle dirigenze” palestinesi. Alla Repubblica Islamica dell’Iran, della cosiddetta “causa palestinese”, interessa fondamentalmente poco o nulla. Come la storia ha dimostrato, gli iraniani si sono liberati dei palestinesi, tutte le volte che questi ultimi non hanno seguito alla lettera il loro volere (il caso siriano e’ stato emblematico).

Nuovamente, i palestinesi si lasceranno usare da Teheran e il solo risultato che avranno come ritorno, sara’ quello di nuove violenze, nuove sofferenze e nuovi morti, in primis tra i palestinesi stessi! L’ennesimo fallimento di ogni prospettiva di veder nascere nel prossimo futuro uno Stato palestinese indipendente e prosperoso.

وزیر الخارجیة الإیرانی یلتقی وفدا من اعضاء المجلس التشریعی الفلسطینی

وزیر الخارجیة الإیرانی یلتقی وفدا من اعضاء المجلس التشریعی الفلسطینی

iran spy

Due iraniani – Mohammadi D. e Majid G. – sono stati arrestati negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio a favore del regime iraniano. I due, arrestati il 9 agosto scorso, sono stati fermati e accusati di aver sorvegliato due centri ebraici di Chicago e aver provato ad infiltrarsi nel gruppo di opposizione MeK (Mujahedin del Popolo).

Secondo le poche informazioni rilasciate alla stampa, uno dei due arrestati – Mohammadi D. – ha anche la cittadinanza americana ed e’ arrivato a Chicago nel luglio del 2017. Dal suo arrivo, ha iniziato a fotografare alcuni centri ebraici locali, in particolare il Centro Hillel e il centro Chabad Rohr House (entrambi vicini all’universita’ di Chicago). In seguito, Mohammadi D. si e’ recato in California, dove ha incontrato Majid G., cittadino iraniano residente negli Stati Uniti.

Majid D., per parte sua, ha preso parte all’evento organizzato dal MeK a New York nel settembre del 2017, dove ha scattato delle fotografie dei partecipanti. Fotografie passate in seguito proprio a Mohammadi D., in cambio di almeno 2000 dollari. Alcune delle foto sono state quindi ritrovate proprio nei bagagli di Majid G. Le fotografie avevano anche degli appunti scritti in basso.

Secondo l’accusa, Majid G. si sarebbe recato in Iran a marzo e aprile del 2018 e avrebbe informato alcuni rappresentanti del Governo iraniano su quanto aveva scoperto in merito alle attivita’ del MeK. Infine, dopo questi viaggi, Majid G. ha anche preso parte al meeting di Washington della Iran Freedom Convention for Human Right e – anche in questo caso – scattato foto dei partecipanti. Nuovamente, quindi, Majid G. ha passato le informazioni raccolte a Mohammadi D., discutendo con lui su come trasferirle in Iran.