Archivio per agosto 22, 2018

mohammadi

Il 13 agosto scorso, la nota attivista per i diritti umani iraniana Narges Mohammadi, e’ stata trasferita d’urgenza dal carcere di Evin, all’ospedale di Teeran. Secondo quanto ha denunciato suo marito Taghi Rahmani – che da anni vive in esilio in Francia – Narges e’ stata ricoverata per forti dolori ai reni. Ad oggi, non e’ noto se Narges debba o meno subire un intervento chirurgico.

Secondo quanto denuncia il Centro per la Difesa dei Diritti Umani, con cui la Mohammadi collabora da anni, lo scorso mese – durante un breve ricovero – i dottori hanno scoperto che la Mohammadi ha un tumore all’apparato digestivo. I medici hanno chiesto quindi immediatamente di poter svolgere tutti gli esami necessari, ma i responsabili del carcere di Evin hanno negato il permesso all’ospedalizzazione e hanno riportato l’attivista in prigione.

Ritornata in carcere, la Mohammadi ha sofferto costantemente di nausea e perdita di peso (fino a sei chilogrammi in poche settimane). Il 12 agosto, quindi, Narges ha avuto delle convulsioni e degli attacchi epilettici. Solo allora, i dirigenti di Evin hanno concesso il ricovero.

Ricordiamo che Narges Mohammadi e’ stata arrestata la prima volta nel 2009 e condannata a 11 anni di carcere per “messa a repentaglio della sicurezza nazionale”, “propaganda contro il regime” e per la sua attivita’ in favore dei prigionieri politici e contro la pena di morte. In seguito a gravi problemi di salute, la condanna e’ stata ridotta a sei anni di carcere, fino alla scarcerazione temporanea nel 2013. Purtroppo, nel 2015, Narges Mohammadi e’ stata riportata in carcere e, un anno dopo, condannata dal giudice Abolghasem Salavadi a 16 anni di carcere (confermati in appello). Narges Mohammadi e’ madre di due figli e da anni, ormai, il regime le nega persino il diritto di vedere i suoi bambini.